Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Eligio vescovo

Date rapide

Oggi: 1 dicembre

Ieri: 30 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Natale Adesso! Prenota adesso il tuo panettone artigianale firmato Pansa, dal 1830 patrimonio della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeConnectivia Back To School, l'offerta dedicata alle famiglie e agli studentiMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaIl Panettone artigianale della Pasticceria Gambardella, da oggi a portata di click. Gambardella, Minori, Costiera AmalfitanaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieMinori, un'antica tradizione gastronomica

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i panettoni artigianali realizzati dal Maestro Pasticcere Sal De Riso. Da oggi a portata di Click

Storia e Storie

Minori, un'antica tradizione gastronomica

Scritto da Annamaria Parlato (Redazione), sabato 23 marzo 2013 17:23:39

Ultimo aggiornamento sabato 23 marzo 2013 18:30:10

di Annamaria Parlato* - Minori, splendido borgo marinaro della Costiera Amalfitana, vanta tradizioni gastronomiche molto antiche. La ricchezza dei piatti e delle pietanze è la testimonianza diretta dei fasti del passato, ravvisabili nella storia locale e nell'arte, ricca di reperti e beni archeologici, quali la Villa Romana del I sec. d.C. Minori è la più accreditata nella tradizione culinaria tra i paesi della Costiera, poiché vanta una pietanza di remote origini: gli "Ndunderi". Questo piatto risale probabilmente all'epoca romana, infatti fu proprio un pastore dell'antica Roma a realizzare una polentina di farina di farro con latte cagliato e lattice di fico selvatico, ridotta a sua volta in minuscole palline, cotte in acqua bollente (polenta caseata di farro).

Il termine "Ndundero" deriva appunto da questa composizione molliccia e oggi le massaie, con gesti che si perdono nella notte dei tempi, li riproducono uno per uno, pronti per essere degustati sulle mense dei Minoresi durante la festa della tanto venerata patrona Santa Trofimena. Gli "gnocconi" sono un impasto di farina e ricotta, nella versione moderna, che si ricavano da un lungo cordone, tagliato a tocchetti di media grandezza e resi concavi grazie alla pressione di uno o due dita e fatti scivolare sui denti di una forchetta o di una tavola di legno rigata. Questa particolare forma è predisposta per accogliere gran quantità di sugo di pomodoro molto denso, il condimento ideale per questo primo. I Romani probabilmente, condivano gli gnocchi con il famoso "moretum", un antenato del pesto, composto da formaggio di pecora, aglio, gherigli di noci, vino e olio.

Formati di pasta come i ricci o le lagane sono di produzione Minorese, quando tra XVIII e XIX secolo se ne avviò la produzione nei cosiddetti pastifici. Goethe nel suo diario Viaggi in Italia del 1787, racconta della "pasta delicata, fatta con fine semolino, lavorata duramente, bollita e lavorata in varie forme", essendo stato testimone oculare di scene di genere in varie località Campane, tra cui Napoli e Amalfi. Nella prima metà del XVIII secolo a Minori si diffusero delle macchine ad energia umana (ingegni o ngiegni), che accrebbero i quantitativi di pasta sia lunga che corta. Il primo pastificio industriale fu inaugurato nel 1833 da Ferdinando II di Borbone e la produzione della pasta diventò importante a Portici, Torre del Greco, Torre Annunziata, Gragnano, Amalfi e Minori, zone dove il clima favoriva l'essiccazione naturale della pasta. Il riccio ottenuto da farina, acqua, sale e da mani esperte, andava fatto rullare su di un ferro sottile e dallo strofinamento si aveva questo particolare formato di pasta, che oggi può essere paragonato al fusillo.

Le lagane erano tanto apprezzate dai Romani, infatti il poeta Orazio era ghiotto di "porris et ciceris laganique catinum", ossia un piatto a base di porri, lagane e ceci, e il gastronomo Apicio nel suo trattato del I secolo a.C. De re coquinaria, parlava di un timballo di lagane.

Ma al secondo posto tra i prodotti più rinomati della gastronomia Minorese, c'è il limone o sfusato amalfitano per la sua forma allungata, il principe degli agrumi per le sue proprietà organolettiche così preziose. Il giallo oro dei limoni, il verde della vegetazione e il blu del mare sono anche i colori tipici della Costiera e della ceramica vietrese, che si ritrovano nei piatti detti caponcielli o realcaponi del XIX secolo, di circa 44-45 cm di diametro, deputati a piatto di portata unico per l'abitudine ad attingere il cibo comunitariamente nei ceti più poveri.

Ancora il drammaturgo tedesco Goethe diceva: "è questo il paese dove fioriscono i limoni", riferendosi all'intera costa. Di Minori è difficile dimenticare le donne che in passato trasportavano i limoni a spalla, in ceste pesanti oltre sessanta chili, con enormi fazzoletti avvolti a mo di turbante sulla testa. Nel 2001 lo sfusato ha ottenuto il riconoscimento IGP; si caratterizza per la polpa succosa e semidolce, ricca di vitamina C, con pochissimi semi. Il limone è l'attrattore gastronomico per eccellenza, con il quale oltre a preparare il liquore limoncello, mettendo le bucce in infusione nell'alcool, si usa mangiarlo all'insalata, condito con sale, menta, olio e aglio, nei risotti, con le tagliatelle o gli spaghetti.

Nella variante dolce invece si ricavano bibite, gelati, sorbetti, creme, torte e deliziosi biscotti, di cui una storica pasticceria collocata al centro del paese, famosa in tutto il mondo, grazie all'abilità pasticciera di Sal De Riso, è dal 1908 che attraverso scoperte e giuste combinazioni dà piacere e soddisfa il senso del gusto con le sue creazioni. Minori poi è sinonimo di prelibati piatti di mare, di conserve e specialità sotto sale e sott'olio e ancor oggi la ristorazione ripropone ricette vecchie di secoli, mescolando i sapori di una volta con bocconi di cucina creativa.

Minori con i suoi prodotti dorati dal sole è per davvero "il paese della cuccagna" di boccaccesca memoria, il luogo ideale raffigurato nell'olio su tavola che si vede in alto, di Bruegel il Vecchio datato 1567, dove i protagonisti (un contadino, un chierico ed un soldato) raffigurati dall'artista fiammingo, usando perfino dei particolari surreali ma veritieri riecheggiati da Bosch, assonnati ed ebbri a causa dei bagordi, restano per sempre giovani grazie alla fontana della giovinezza godendo di una vita rilassata, spensierata e piacevole all'insegna della buona tavola e del buon cibo.

*Storico dell'arte, Libero professionista del settore culturale, titolare di PAMART - Consulenza e Progettazione culturale

www.pamart.it

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Re Maradona colorò d'azzurro il cielo d'Italia: poesia del calcio

di Giuseppe Gargano Era la tarda primavera del 1987: il Napoli vinceva il suo primo scudetto con una giornata di anticipo. Si stava preparando la festa al San Paolo per l'ultima partita da giocare con la Fiorentina. L'indimenticabile Alfonso Iovane mi convocava nella sua tipografia di Atrani, mi faceva...

Santa Trofimena del 27 novembre, tra fede, leggenda e tradizione

di Gabriele Cavaliere Sin dalle origini Santa Trofimena è stata una santa estremamente "girovaga". Nata a Patti, in Sicilia, nel III secolo, all'età di dodici anni fu promessa in sposa ad un uomo pagano, contro il proposito della fanciulla di vocarsi a Dio. Fuggita di casa ed inseguita dal padre, si...

Quando ci hai fatto battere il corazón

di Antonio Schiavo Partimmo in tanti da Ravello, forse dieci macchine, in una calda serata di agosto. Beh serata per modo di dire: la partita cominciava alle otto e mezza ma noi eravamo sulla tangenziale già alle quattro. Era la sua prima partita ufficiale con la maglia azzurra, quella divisa che ci...

«Io che ho avuto l’onore di marcare Maradona, il più grande di tutti»

Da un'ora la notizia della morte di Diego Armando Maradona sta facendo il giro del mondo. Immediatamente si riavvolge il nastro dei ricordi e il pensiero va alla seconda metà degli anni Ottanta, quelli del grande Napoli. Vincenzo Torrente, storico difensore e capitano del Genoa dal 1985 al 2000, nativo...

Lettera all’Angelo che mi stava aspettando

Esattamente quarant'anni fa la terra tremò in Irpinia, spazzando via, in novanta interminabili secondi, le vite di 2735 persone, tra cui la tua. Diciotto anni, tante speranze, e una vita davanti che già volevi guardare dritta negli occhi. Eri bella, proprio come tua sorella, mia madre. Hai pagato il...