Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 minuti fa S. Messalina vergine

Date rapide

Oggi: 23 gennaio

Ieri: 22 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieMinori un'antica tradizione gastronomica

Carlo Montarsolo. Ritorno a Napoli

“Le Notti del Libro…a Vietri sul Mare”, 25 gennaio l’umorismo del maestro napoletano Michele Serio e “Giù le mani dal Vesuvio”

Sanità, nomina Coscioni a primario. Cirielli pronto a denuncia: «Favori per amici De Luca»

Ospedale Salerno, Coscioni e Iesu direttori Unità Operative di Cardiochirurgia

Amalfi: è nata Mia, gioia in casa Galoppi

Turismo e gioco d’azzardo

Salerno: 23 gennaio corso di aggiornamento professionale e Festa dei Giornalisti Salernitani

Tramonti: 450mila euro per restyling stadio comunale. Intitolazione a Franco Amato

Colto da infarto, 62enne in eliambulanza all'ospedale di Salerno

A “Mordi e fuggi” di Rainews l'oro giallo della Costiera Amalfitana

Da Ravello un contributo alla Fondazione Veronesi per lotta a tumore ovarico nel ricordo di Teresa

Amalfi, un concorso nelle scuole per il Giorno della Memoria: Primo Levi punto di partenza per componimenti ed opere artistiche

Fiocco rosa a Maiori: è nata Miryam Aurioso

Automobilismo, Giordano campione Formula Challenge 2017 ritira la coppa all'Autodromo di Monza [FOTO]

Maiori: scoperta costruzione abusiva tra i limoni, intervento di Vigili e Carabinieri [FOTO]

Tragedia a Cava de' Tirreni: uccide moglie dopo una lite

17enne trovato morto in casa, tragedia a Nocera Inferiore

San Francesco di Sales, Assostampa Cava-Costa d’Amalfi celebra il patrono dei giornalisti. Diretta TV su RTC Quarta Rete

Incendi in Costa d'Amalfi: sarà un'altra estate d'inferno?

Salernitana, anno nuovo e primi tre punti: affondato il Venezia

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Storia e Storie

Minori, un'antica tradizione gastronomica

Scritto da Annamaria Parlato (Redazione), sabato 23 marzo 2013 17:23:39

Ultimo aggiornamento sabato 23 marzo 2013 18:30:10

di Annamaria Parlato* - Minori, splendido borgo marinaro della Costiera Amalfitana, vanta tradizioni gastronomiche molto antiche. La ricchezza dei piatti e delle pietanze è la testimonianza diretta dei fasti del passato, ravvisabili nella storia locale e nell'arte, ricca di reperti e beni archeologici, quali la Villa Romana del I sec. d.C. Minori è la più accreditata nella tradizione culinaria tra i paesi della Costiera, poiché vanta una pietanza di remote origini: gli "Ndunderi". Questo piatto risale probabilmente all'epoca romana, infatti fu proprio un pastore dell'antica Roma a realizzare una polentina di farina di farro con latte cagliato e lattice di fico selvatico, ridotta a sua volta in minuscole palline, cotte in acqua bollente (polenta caseata di farro).

Il termine "Ndundero" deriva appunto da questa composizione molliccia e oggi le massaie, con gesti che si perdono nella notte dei tempi, li riproducono uno per uno, pronti per essere degustati sulle mense dei Minoresi durante la festa della tanto venerata patrona Santa Trofimena. Gli "gnocconi" sono un impasto di farina e ricotta, nella versione moderna, che si ricavano da un lungo cordone, tagliato a tocchetti di media grandezza e resi concavi grazie alla pressione di uno o due dita e fatti scivolare sui denti di una forchetta o di una tavola di legno rigata. Questa particolare forma è predisposta per accogliere gran quantità di sugo di pomodoro molto denso, il condimento ideale per questo primo. I Romani probabilmente, condivano gli gnocchi con il famoso "moretum", un antenato del pesto, composto da formaggio di pecora, aglio, gherigli di noci, vino e olio.

Formati di pasta come i ricci o le lagane sono di produzione Minorese, quando tra XVIII e XIX secolo se ne avviò la produzione nei cosiddetti pastifici. Goethe nel suo diario Viaggi in Italia del 1787, racconta della "pasta delicata, fatta con fine semolino, lavorata duramente, bollita e lavorata in varie forme", essendo stato testimone oculare di scene di genere in varie località Campane, tra cui Napoli e Amalfi. Nella prima metà del XVIII secolo a Minori si diffusero delle macchine ad energia umana (ingegni o ngiegni), che accrebbero i quantitativi di pasta sia lunga che corta. Il primo pastificio industriale fu inaugurato nel 1833 da Ferdinando II di Borbone e la produzione della pasta diventò importante a Portici, Torre del Greco, Torre Annunziata, Gragnano, Amalfi e Minori, zone dove il clima favoriva l'essiccazione naturale della pasta. Il riccio ottenuto da farina, acqua, sale e da mani esperte, andava fatto rullare su di un ferro sottile e dallo strofinamento si aveva questo particolare formato di pasta, che oggi può essere paragonato al fusillo.

Le lagane erano tanto apprezzate dai Romani, infatti il poeta Orazio era ghiotto di "porris et ciceris laganique catinum", ossia un piatto a base di porri, lagane e ceci, e il gastronomo Apicio nel suo trattato del I secolo a.C. De re coquinaria, parlava di un timballo di lagane.

Ma al secondo posto tra i prodotti più rinomati della gastronomia Minorese, c'è il limone o sfusato amalfitano per la sua forma allungata, il principe degli agrumi per le sue proprietà organolettiche così preziose. Il giallo oro dei limoni, il verde della vegetazione e il blu del mare sono anche i colori tipici della Costiera e della ceramica vietrese, che si ritrovano nei piatti detti caponcielli o realcaponi del XIX secolo, di circa 44-45 cm di diametro, deputati a piatto di portata unico per l'abitudine ad attingere il cibo comunitariamente nei ceti più poveri.

Ancora il drammaturgo tedesco Goethe diceva: "è questo il paese dove fioriscono i limoni", riferendosi all'intera costa. Di Minori è difficile dimenticare le donne che in passato trasportavano i limoni a spalla, in ceste pesanti oltre sessanta chili, con enormi fazzoletti avvolti a mo di turbante sulla testa. Nel 2001 lo sfusato ha ottenuto il riconoscimento IGP; si caratterizza per la polpa succosa e semidolce, ricca di vitamina C, con pochissimi semi. Il limone è l'attrattore gastronomico per eccellenza, con il quale oltre a preparare il liquore limoncello, mettendo le bucce in infusione nell'alcool, si usa mangiarlo all'insalata, condito con sale, menta, olio e aglio, nei risotti, con le tagliatelle o gli spaghetti.

Nella variante dolce invece si ricavano bibite, gelati, sorbetti, creme, torte e deliziosi biscotti, di cui una storica pasticceria collocata al centro del paese, famosa in tutto il mondo, grazie all'abilità pasticciera di Sal De Riso, è dal 1908 che attraverso scoperte e giuste combinazioni dà piacere e soddisfa il senso del gusto con le sue creazioni. Minori poi è sinonimo di prelibati piatti di mare, di conserve e specialità sotto sale e sott'olio e ancor oggi la ristorazione ripropone ricette vecchie di secoli, mescolando i sapori di una volta con bocconi di cucina creativa.

Minori con i suoi prodotti dorati dal sole è per davvero "il paese della cuccagna" di boccaccesca memoria, il luogo ideale raffigurato nell'olio su tavola che si vede in alto, di Bruegel il Vecchio datato 1567, dove i protagonisti (un contadino, un chierico ed un soldato) raffigurati dall'artista fiammingo, usando perfino dei particolari surreali ma veritieri riecheggiati da Bosch, assonnati ed ebbri a causa dei bagordi, restano per sempre giovani grazie alla fontana della giovinezza godendo di una vita rilassata, spensierata e piacevole all'insegna della buona tavola e del buon cibo.

*Storico dell'arte, Libero professionista del settore culturale, titolare di PAMART - Consulenza e Progettazione culturale

www.pamart.it

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

La Costituzione compie 70 anni, in vigore dal 1° gennaio 1948

La nostra Carta Costituzionale compie settant'anni. Firmata il 27 dicembre del 1947, dopo 18 mesi di lavoro dell'Assemblea Costituente, dall'allora Capo Provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, in una sala di Palazzo Giustiniani è entrata in vigore il primo gennaio del 1948 con i suoi 139 articoli...

Il Natale di tutti

di Antonio Schiavo Come al solito, come ogni anno: la mattina del 23 dicembre ci si accorgeva che mancavano ‘e pagliente (il muschio). Tutto era già a posto: papà , novello Luca Cupiello, aveva passato tutta la sera precedente ad aggiustare una serie di lampadine a pisellini che, ormai già piazzata in...

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...