Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa B. Vergine del Carmelo

Date rapide

Oggi: 16 luglio

Ieri: 15 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieMemorie di un ottuagenario: io, Ibsen, Ugo Fruscione e tutti gli altri

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Storia e Storie

Memorie di un ottuagenario: io, Ibsen, Ugo Fruscione e tutti gli altri

Quando Amalfi perse un’importante occasione di promozione turistica e culturale…

Scritto da (admin), martedì 24 ottobre 2017 15:21:17

Ultimo aggiornamento sabato 20 gennaio 2018 09:43:52

Di Sigismondo Nastri

Il 23 maggio 1956 ricorreva il cinquantenario della morte del grande drammaturgo norvegese Henrik Ibsen, del quale una lettera conservata all'Hotel Luna di Amalfi (Hotel ad Amalfi) testimonia il soggiorno nella città della costa. Un anno prima mi feci promotore di una proposta: perché non onorarne la memoria nelle tre località della Campania legate ad altrettante sue opere? Suggerivo di organizzare la rappresentazione del Peer Gynt a Casamicciola, de Gli Spettri a Sorrento e di Casa di Bambola ad Amalfi, legando l'avvenimento a una "rivisitazione" critica dell'intera produzione ibseniana e ad altre manifestazioni collaterali: convegno di studio, apposizione di lapidi nei luoghi del soggiorno, francobollo commemorativo, eccetera. La mia iniziativa richiamò l'attenzione di tutta la stampa nazionale.

L'ambasciatore di Norvegia in Italia, Ralph Anderson, mi fece pervenire la sua adesione e quella delle autorità di Oslo. In una lettera, che fu ampiamente ripresa dai mezzi d'informazione, scriveva: «Vorrei ringraziarla per avere promosso l'idea di organizzare le cerimonie commemorative in rapporto con il cinquantenario della morte di Henrik Ibsen. Sono convintissimo che una tale commemorazione in memoria del grande Poeta e Drammaturgo vorrà maggiormente approfondire e riaffermare quell'amicizia che esiste tra la Norvegia e l'Italia. Henrik Ibsen era unito all'Italia da molti e forti legami ed ha attinto in questo bel paese forza ed ispirazione. Attraverso la sua vita e la sua poesia l'Italia divenne cara agli animi dei norvegesi».

Roberto Minervini, giornalista, scrittore di cose napoletane, redattore del Corriere di Napoli, mi offrì il suo incondizionato appoggio. Furono avviati contatti con un impresario teatrale, Franco Sirolesi, che venne ad Amalfi, mi consegnò un progetto, con allegato il preventivo di spesa. Protagonisti di Casa di Bambola sarebbero stati Valentina Fortunato e Arnoldo Foà. Regia di Luciano Lucignani. Vi fu una fitta serie di incontri che coinvolsero la Provincia, il Comune e l'Azienda di soggiorno di Amalfi, l'Ente provinciale per il turismo. A uno di essi, indetto dal sindaco Francesco Amodio, partecipò l'onorevole Maria Jervolino, sottosegretario al ministero della Pubblica Istruzione, che assicurò di occuparsene in sede governativa. A livello parlamentare, si mosse l'onorevole Giuseppe Calabrò, autorevole componente della Consulta parlamentare per lo spettacolo. Poi, quando sembrava che si fosse in dirittura di arrivo, mi vidi crollare, all'improvviso, il mondo addosso. L'avvocato Girolamo Bottiglieri, presidente della Provincia (e dell'Ente provinciale per il turismo), mi chiamò e mi disse che non si poteva fare nulla per mancanza di fondi. Forse era vero, forse no. Certo è che la messa in scena di Casa di bambola fu dirottata a Casamicciola. Amalfi perse un'importante occasione di promozione turistica e culturale.

Eppure l'iniziativa aveva avuto l'avallo di tutta la stampa nazionale. Mi ero trovato, senza volerlo, agli onori della cronaca: definito, sul Mattino, «egregio cittadino amalfitano» da quel gentiluomo e maestro di giornalismo che era Ugo Fruscione e «timido e smilzo studente», sulla rivista Orizzonti, da un (allora) ben noto critico cinematografico, Antonio Piumelli, del quale non rimpiangerò mai abbastanza la scomparsa prematura. Io, all'epoca, non conoscevo ancora Ugo Fruscione. Ebbi modo di incontrarlo nella libreria Savo di Amalfi qualche giorno dopo che lui s'era interessato alla mia proposta. Appena vi misi piede per acquistare il giornale, come facevo ogni giorno, il libraio, Antonio Savo, si rivolse al distinto signore che stava lì seduto e disse: «Commendatore, questo è Sigismondo Nastri». Lui mi guardò in un lampo dalla testa ai piedi - ero un ragazzo -, si mise una mano sulla fronte ed esclamò: «Ma come? Io ho scritto: un egregio cittadino amalfitano!». A sessant'anni di distanza il mio auspicio è che lo sia diventato.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

"‘O buono o fai fesso, ma ‘o fesso nun o fai maje capace": la saggezza di un popolo (43)

di Antonio Schiavo Se l'Accademia della Crusca, la più alta e prestigiosa istituzione nazionale a tutela dell'italiano, comprese tutte le sue evoluzioni susseguitesi negli anni, ritiene di dover pubblicare il "Vocabolario del Dialetto Napoletano" di Emanuele Rocco (4 volumi), vuol dire che questo dialetto...

Raffaella La Crociera, la bambina malata che prima di morire aiutò gli alluvionati con le sue poesie

di Patrizia Reso Quando si parla di storia, ci sono infiniti risvolti che non conosciamo; è solo per un caso fortuito a volte o per una ricerca accurata se ne veniamo a conoscenza. Questo vale anche per la storia della nostra città. Tutti sappiamo della disastrosa alluvione che colpì il salernitano nel...

Da Erchie ad Agerola in una notte d’estate, l’ultima transumanza in Costiera Amalfitana [FOTO]

di Emiliano Amato Una pratica ancestrale che ancora resiste all'economia turistica e si ripete in Costiera Amalfitana. Un evento unico sulla strada principale della Divina, con 300 tra capre e pecore che riscendono la collina sopra il villaggio di Erchie per iniziare la loro migrazione verso Agerola....

L'estate amalfitana all'inizio del Novecento

di Sigismondo Nastri La stagione balneare in Costiera amalfitana, all'inizio del Novecento, scorreva tra"chiasso, rumore, flirts", più o meno come avviene oggi. Nonostante ciò, rilevava Cesare Afeltra sul Piccolo del 19 agosto 1921,"Amalfi resta il luogo che accorda tutti i riposi e tutti i conforti"....

Maiori, 27 giugno 1988: l'assurda esplosione che spezzò sei vite innocenti [VIDEO]

Era il 27 giugno 1988 quando un boato terrificante svegliò Maiori. Un palazzo sul corso Reginna era crollato, spaccandosi letteralmente in due, provocando sei vittime. Sono passati esattamente trent'anni da quella tragedia, ma il ricordo è ancora vivo in chi vi assistette. Erano le 3 del mattino circa...