Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 10 ore fa S. Sebastiano martire

Date rapide

Oggi: 20 gennaio

Ieri: 19 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e Storie"Marì Marì". Fra Ludovico Di Nardo il frate che 'fermava' le auto e i piroscafi

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Storia e Storie

"Marì Marì". Fra Ludovico Di Nardo, il frate che 'fermava' le auto e i piroscafi

Scritto da Sigismondo Nastri (Redazione), mercoledì 8 gennaio 2014 17:10:55

Ultimo aggiornamento mercoledì 8 gennaio 2014 17:16:40

di Sigismondo Nastri - Nei ricordi dell'infanzia amalfitana c'è la figura di un frate, piccolo e anziano: un monaco ‘e cerca, cioè questuante. Ero tenuto per mano da mia madre che, nonostante le ristrettezze in cui ci trovavamo, anche per causa della guerra, gli infilò un soldino nella saccoccia. Egli mi accarezzò e disse: "Vuo' nu poco ‘e ciucculato?". Tirò fuori un pezzetto di carruba e me lo diede, facendo seguire al gesto l'augurio che ripeteva abitualmente, al cospetto di bambini: "Crisce santo e viecchio!". Quella carruba essiccata in forno sembrava il "non plus ultra" della bontà. La scoperta della vera cioccolata avvenne più tardi, nell'autunno del 1943, quando sulla costa sbarcarono gli americani.

Fra' Ludovico Di Nardo, nato a S. Eufemia Maiella (Chieti) il 24 settembre 1858, morì il 20 marzo del 1942, circondato dall'alone di santità che ne aveva accompagnato l'esistenza terrena, vissuta per buona parte nel Convento dei Frati Conventuali di Ravello. Vi era stato assegnato appena compiuto il noviziato, il 2 febbraio 1888. Ultraottantenne, ancora andava in giro a raccogliere l'obolo per le necessità della sua comunità e, soprattutto, per i fratini del Collegio Serafico annesso al convento. Per tutti egli era Marì-Marì: un'espressione, evocante la Madonna, che adoperava in modo gioioso per richiamare l'attenzione della gente, in particolare delle donne. Gli bastava farsi sentire e da finestre, balconi e terrazze piovevano monetine.

"Ogni famiglia di queste nostre contrade - raccontò Mario Schiavo in un articolo su "Il Duca" del 1°-15 novembre 1992 - sapeva (e spontaneamente si preparava) che fra' Ludovico a gennaio sarebbe passato per lasciare gli orciuoli di terracotta (‘e pignatielli) da riempire di sugna (tempo delle uccisioni dei maiali in campagna); a maggio per ritirare i vasetti di ‘alici salate' e che in autunno si sarebbe fatto rivedere per raccogliere le conserve di pomodoro (essiccate sui ‘lastrici' infuocati dal sole) e, poi, olio nuovo, i barili di vino paesano. ‘San Francesco ha carità e fa carità': così ripeteva disfacendosi delle offerte quando si accorgeva degli altrui bisogni. Chi può mai dire quali opere caritatevoli compì, in varie occasioni, quell'umile fraticello?".

La fama di santità se l'era guadagnata a furor di popolo per una serie di avvenimenti strabilianti. Di uno fu testimone diretta la signora Carmela Abbagnara De Luca: "Mio padre era a letto, infermo. Mia madre si allontanò per pochi minuti, giusto il tempo di fare la spesa. Sulla via del ritorno, s'imbatté in fra' Ludovico e gli chiese di pregare per il marito malato. Tornata a casa, papà, che intanto stava meglio, le disse: ‘Ho visto fra' Ludovico, è venuto qua', il che, concatenando i due momenti, risultava impossibile". L'ipotesi che si sia trattato di bilocazione non è da scartare. Tutte le mattine, dopo un breve raccoglimento innanzi alla tomba del Beato Bonaventura da Potenza, nella chiesa del convento, dedicata a san Francesco, fra' Ludovico scendeva a piedi da Ravello ad Atrani o a Minori, attraverso una serie interminabile di scalini, e di lì raggiungeva gli altri paesi della Costiera. Si spostava anche a Salerno, nell'Agro Nocerino, a Pompei, utilizzando mezzi di fortuna.

Chi lo conosceva si fermava e volentieri lo traeva a bordo, si trattasse di un'autovettura o di una carretta non importava. Chi non lo conosceva a volte replicava in maniera sfottente alla richiesta di un "passaggio": "Zi' monaco, fattela a père!". "Sant'Antò', pènzace tu!" era il suo commento. Risultato: una diecina di metri più avanti l'auto rimaneva in panne oppure alla carretta o al calesse si sfilava una ruota.

O, magari, il cavallo s'impuntava e non c'era verso di costringerlo a camminare. "Vi furono dei casi - raccontò Mario Schiavo - durante i quali si ritenne gridare al miracolo: la rottura della catena del timone sulla motonave ‘Ebe' (che allora collegava Amalfi e i paesi limitrofi con Salerno) e il guasto al ‘trolley' delle tranvie sulla linea Vietri-Pagani". Capitava quando gli proibivano la questua sui mezzi di trasporto o gli contestavano di non aver pagato il biglietto (e come avrebbe potuto, dato che, quasi ad ogni fermata, raccolte le offerte, si spostava da un filobus all'altro?). I pescatori lo chiamavano Sant'Antò', lo invitavano a salire sulle loro barche, a benedire il loro lavoro. Bastava questo per farli rientrare a riva, la mattina, con le reti stracolme di pesci.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

La Costituzione compie 70 anni, in vigore dal 1° gennaio 1948

La nostra Carta Costituzionale compie settant'anni. Firmata il 27 dicembre del 1947, dopo 18 mesi di lavoro dell'Assemblea Costituente, dall'allora Capo Provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, in una sala di Palazzo Giustiniani è entrata in vigore il primo gennaio del 1948 con i suoi 139 articoli...

Il Natale di tutti

di Antonio Schiavo Come al solito, come ogni anno: la mattina del 23 dicembre ci si accorgeva che mancavano ‘e pagliente (il muschio). Tutto era già a posto: papà , novello Luca Cupiello, aveva passato tutta la sera precedente ad aggiustare una serie di lampadine a pisellini che, ormai già piazzata in...

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...