Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Adelaide vergine

Date rapide

Oggi: 16 dicembre

Ieri: 15 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La SICME Energy e Gas augura a tutti i lettori de Il Vescovado de Il Portico e di Ravello Notizie un Natale all'insegna della luce e del calore. Auguri da SICME!La pasticceria Pansa augura a tutti i nostri lettori felice Natale, visita il portale dedicato allo shopping on lineLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOSMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineI super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizieCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficiale, augura a tutti i lettori un Sereno NataleTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a Minori

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLe nozze di Cecilia Rufolo

Regali di Natale, con MielePiù approfitta delle promozioni anche on lineFrai Form Ravello ed il dott. Lanzieri augurano a tutti i lettori de Il Vescovado un sereno NataleLa dolcezza del Natale a portata di Click con i Panettoni e le specialità natalizie di Sal De RisoPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoPellet a euro 5,00 fino al 30 novembre 2019D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i capolavori di dolcezza e genuinità artigianale del Maestro Pasticciere Sal De Riso

Storia e Storie

Le nozze di Cecilia Rufolo

Scritto da Emiliano Amato (redazione), giovedì 11 giugno 2009 07:30:41

Ultimo aggiornamento giovedì 11 giugno 2009 07:30:41

Ravello, giugno 1283. La nonna mi aveva convocato qualche tempo prima del mio matrimonio e aveva voluto che indossassi solo per lei l'abito da sposa. Quando con l'aiuto delle serve ero stata pronta, come se dovessi entrare in quel momento in chiesa, Sigilgaita mi aveva indicato il piccolo forziere che da sempre avevo visto posto sullo stipo a lato del letto. "Portalo a me" mi aveva ordinato.

Poi la nonna lo aveva aperto e ne aveva tratto gli ori. "Il giorno delle nozze sul capo porterai il diadema dei Rufolo. Guarda che maestria d'orafo c'è in quest'intreccio di rami. Lo sai che il numero delle gemme indica la potenza della famiglia e che per ogni nuovo feudo viene aggiunta una pietra preziosa. Questo rubino è stato fatto incastonare da tuo padre pochi anni or sono, per le terre di Cesarano. Poi indosserai i pendenti dei della Marra, erano di mia nonna e sono molto antichi.

Di lavorazione bizantina, ogni catenella d'oro è diversa dall'altra per lavorazione e identica solo per lunghezza. Al collo infine avrai il collare della meraviglia, come lo chiama tuo nonno Nicola, perché il suo valore è tale che se un giorno dovesse finire la ricchezza dei Rufolo, occorrerebbe la sua sola vendita a riformarla. Indossali e ricorda essi sono il collante che unisce i Rufolo ai della Marra."
"Sono davvero splendidi" avevo mormorato, sfiorandoli appena con le dita.

"Io li misi tanti anni fa, poi è toccato a tua madre e li abbiamo portati con dignità, cerca di fare lo stesso. Sii sposa amorevole senza mai dimenticare l'onore del casato da cui provieni e quello in cui entrerai fra breve" disse la nonna.

"Cercherò di non deludere le attese vostre e di mio padre e di non tradire mai il nome dei Rufolo" risposi. Poi la nonna aveva voluto che li indossassi, per ammirarne l'effetto. Avrei cercato con tutte le mie forze di esserne all'altezza. A non tradire la nonna riuscendo a portare come lei, con la sua stessa nobiltà, il mio nome.
I

l giorno dopo diedi le raccomandazioni ai servi di casa e, accompagnata dalla sola Tana, salii sul carro che mi avrebbe condotta a Napoli. Ero stata poche volte in quella grande città, sempre in occasioni di feste o di matrimoni e sempre scortata da mio padre o in seguito da mio marito. Ora mi accingevo da sola ad entrare in quella corte di cui ignoravo gli usi, forte solo della mia ostinazione e della mia convinzione di non dover lasciare nulla di intentato.

Ravello sparì alla mia vista e il mare d'Amalfi, inutile distesa azzurra, mi si aprì innanzi e parve che mi volesse inghiottire. Man mano che mi lasciavo alle spalle le montagne e la campagna dalla terra nera, il vulcano mi veniva incontro. Mi allontanavo dalla costa che mi era nota e mi addentravo in un paesaggio che mi era estraneo.

Sentii che la mia determinazione cominciare a vacillare e tremai di fronte alla mia fragilità di donna. In tutta la mia vita non avevo mai compiuto alcun atto che non fosse consono alla esistenza di una donna giovane e ricca. La massima cura nel fare una scelta l'avevo avuta per le tinte dei filati da ricamo o per i pizzi delle vesti o per i giochi dei miei figli. Adesso che Napoli si faceva a ogni giro di ruota più vicina, la poca esperienza che avevo del mondo mi fu davanti.

Mi ero imposta di non piangere mai più, se non per la gioia di quando avrei riabbracciato salvo Ruggero e solo per questo giuramento fatto a me stessa non mi scioglievo in lacrime disperate.
Non avevo assolutamente idea di quanto andavo a fare, né di come lo avrei fatto. Solo il pensiero di entrare in città, muovermi in quelle strade affollate da volti ignoti, procurarmi i permessi per le udienze a corte, cercare di avere notizie di mio padre e di Lorenzo, mi apparivano difficoltà che difficilmente avrei potuto sormontare.

Pregai la Madonna del Granato, cercando coraggio e consolazione nella fede, ma le mani mi tremavano e nonostante fosse oramai luglio le punte del naso, dei piedi e delle mani erano gelate. Cercai di farmi forza, dovevo dimenticare di essere una donna, dovevo scordare i privilegi che facevano di me una persona protetta tra le rassicuranti mura di casa. Dovevo ricordare solo di essere una Rufolo, la moglie di Ruggero della Marra, dovevo ricordare il volto di Giovannino e la mia piccola Iacobella. Avevo promesso loro che sarei andata a riprenderli con il loro padre e dovevo mantenere la mia parola. Parola di una Rufolo, come diceva la nonna.

Giunsi a Napoli dalla strada che costeggiava la marina. Il Campo Moricino con il suo posto di dogana e i colorati banchi di frutta e di pesce furono la prima impressione che ne ebbi. Al centro del Campo, cupo si ergeva un patibolo, con le sue forche vuote dalle corde dondolanti. Mi tornò alla mente l'esecuzione del giovane Corradino e mi segnai con la croce recitando la preghiera dei defunti. Mi parvero segno di sventura quel ceppo e quelle corde e invocai nuovamente la Madonna del Granato. "Signora, siamo in città, dove devo dirigere?" chiese l'uomo alla guida del carro, frenando i cavalli giunti che eravamo al Malpertugio. Rabbrividii.

Il sole andava calando, anche se il cielo era ancora abbastanza chiaro da illuminare lo squallido luogo in cui ci trovavamo. Il muro che correva parallelo alla via aveva un grosso varco che dava sul porto e sia lungo il muro che intorno al pertugio donne quasi nude s'intrattenevano con uomini volgari che inframmezzavano il loro sboccato linguaggio con sguaiate risate e forti rutti. Doveva essere una zona di gente equivoca. Tremai e ordinai al cocchiere: "A palazzo della Marra e velocemente, mi raccomando." Nel dedalo stretto di case che affollavano gli antichi decumani, sorgeva quasi celata una costruzione possente di soli tre piani, il palazzo di città dei della Marra. Io che vi era stata solo una volta, quando giovane sposa ero stata presentata a corte da Ruggero, ne ricordavo a stento l'ubicazione e non conoscevo nessuno dei servi di casa.

Scesi dal carro e, aiutata da Tana, picchiai con forza il battente proprio mentre una donna dall'aspetto curato e un uomo elegantemente vestito uscivano dal portone.
"Cercate qualcuno?" mi chiesero. "Sono Cecilia Rufolo, moglie di Ruggero della Marra, mio signore, e volevo parlare con qualcuno di casa." "Permettete di darvi il benvenuto, cugina. Sono Guglielmo della Marra, il figlio di Risone vostro zio e la signora al mio fianco è mia moglie Francesca. Non sapevamo del vostro arrivo altrimenti avreste trovato accoglienza migliore."
Respirai di sollievo e mormorai: "Lo zio Risone è qui?". Quasi tremavo nel dirlo tanto ne ero rincuorata. "È di sopra. Venite, vi accompagno da lui e da mia madre, sarà una grande gioia per loro rivedervi."

(Tratto dal romanzo storico di Tina Cacciaglia e Marcella Cardassi "La Signora della Marra", Storia di un processo in epoca angioina, segnalato per merito dal Premio Calvino 2009).

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l’informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Matteo Lembo, un modello per i giovani con la passione per lo sport

Venerdì scorso sono stati celebrati, nella Basilica di Santa Trofimena di Minori, i funerali di Matteo Lembo, ex calciatore nel decennio 1960 - 1970, bandiera della Battipagliese, tedoforo nelle Olimpiadi del 1960, esponente di punta del ramo organizzativo delle attività ginnico-sportive in costiera....

Sant'Aniello, il protettore delle donne gravide. Ma non di tutte...

Oggi la chiesa fa memoria di Sant'Aniello, riconosciuto come protettore delle partorienti, ma non di tutte. Si era convinti che, venendogli meno di rispetto, la donna gravida avrebbe potuto mettere al mondo un figlio con grave handicap fisico. Anche i mariti dovevano astenersi dallo svolgere attività...

La Transumanza è patrimonio culturale dell'Unesco

La transumanza patrimonio culturale dell'Unesco, anche se immateriale. La tradizionale pratica di migrazione stagionale del bestiame, è stata iscritta, all'unanimità, nella Lista Rappresentativa del Patrimonio culturale immateriale dell'Unesco. Da oggi, inoltre, l'Italia acquisisce il primato di iscrizioni...

Il duro lavoro delle "Formichelle" della Costa d'Amalfi

di Sigismondo Nastri Abitavo all'inizio della scalinata per Pontone, ogni giorno passavano di lì donne che trasportavano limoni, fascine, vino, carbone. Spesso si fermavano qualche minuto per prendere fiato, si rivolgevano a mia madre per un bicchiere d'acqua. Sono scene che mi sono rimaste bene impresse...

La Ravello di cent'anni fa: aspetti storici e sociali ai tempi della visita di San Massimiliano Kolbe nel 1919

Salvatore Amato Agli inizi del 1919, nel giorno dell'Epifania, l'Arcivescovo di Amalfi, Ercolano Marini, pubblicava la sua sesta lettera pastorale, dal titolo "Dopo la Vittoria", in cui, ripensando all'appena trascorso conflitto mondiale, auspicava un risveglio di fede, "perché - scriveva - nel multiforme...