Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 minuti fa S. Lamberto martire

Date rapide

Oggi: 16 aprile

Ieri: 15 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Gambardella Pasticceria e Liquorificio artigianale, a Minori in Costiera Amalfitana i dolci della tradizioneEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriConnectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureMielePiù la scelta infinita, arredo bagno, Clima, Riscaldamento, azienda leader in Campania per la vendita e distribuzione di soluzioni tecniche per la climatizzazioneVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLa Melanzana col cioccolato

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiMielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Storia e Storie

La Melanzana col cioccolato

Scritto da (Redazione), lunedì 13 agosto 2018 16:24:27

Ultimo aggiornamento mercoledì 12 agosto 2020 09:28:53

di Sigismondo Nastri*

La melanzana col cioccolato è una specialità di Maiori, in Costiera amalfitana, e viene preparata, solitamente, il 15 agosto, nella ricorrenza della festa dell'Assunta, venerata qui col nome di Santa Maria a Mare. Anche se non è una "invenzione" maiorese, essa è profondamente radicata nella tradizione e nella cultura gastronomica locale. Si sa che a Napoli, sotto la dinastia dei Borbone, veniva offerta ai reali, a metà agosto, in occasione della "festa della ‘nzegna", celebrata al quartiere Santa Lucia, una "mulignana c' ‘o ddoce", probabilmente introdottavi da un cuoco proveniente da questo paese della Costiera, dove sicuramente ha origini più lontane. Sembrerebbe anche, come vuole la storia, che le massaie maioresi, verso la metà dell'Ottocento, abbiano attinto le notizie e le modalità della ricetta da un frate cuciniere del monastero di Tramonti e l'abbiano ulteriormente impreziosita di spezie e aromi.

Si racconta anche che, sul finire del XIX secolo, i maioresi emigrati per motivi di lavoro in America Latina (molti, e, tra questi, il pittore Antonio Ferrigno, autore di alcuni grandi dipinti sulle piantagioni di caffè) si preoccupavano, in vista del ferragosto, di far pervenire alle famiglie rimaste in patria del cacao speciale per la salsa delle "mulignane". Che questa bacca carnosa, della famiglia delle solanacee, originaria dell'India, si coltivasse in Costiera, e venisse preparata in molti modi (alla parmigiana, fritta, arrostita, a funghetti, a barchetta, ecc.), è cosa assodata. Già nel Seicento, Jean-Jacques Bouchard, un avventuriero francese, giunto a Minori, ebbe modo di gustare "molignane" farcite di carne, formaggio, pasta, spezie: un frutto a forma di giovani zucche - così lo descrisse -, ma di colore rosso brunito... poco stimato et a Roma solo li Giudei lo mangiano".

A un noto imprenditore tessile di Como, originario della provincia di Salerno, che mi chiese ragguagli sulle modalità di preparazione della "melanzana col cioccolato", mandai la ricetta che segue.

Ingredienti: Melanzane, diritte, affusolate, non troppo grosse di diametro, di una qualità (le cosiddette "napoletane") che non abbiano all'interno molti semi. Olio extravergine d'oliva (o, preferibilmente, almeno in questo caso, olio di arachide, che non lascia traccia all'olfatto e al gusto). Uova, farina, un pizzico di sale (da aggiungere all'uovo battuto). Cacao amaro, zucchero, cioccolato fondente, liquore Strega (meglio ancora, il "Concerto", molto aromatico, originario di Tramonti, di fattura per lo più domestica, ora prodotto e messo in commercio da liquorifici locali), qualche chiodo di garofano, vaniglia, canditi di arancia e cedro, pinoli, mandorle, confettini (cosiddetti "diavolilli"), amaretti.

Sbucciare le melanzane, dopo averle lavate, e tagliarle a fette larghe, non troppo sottili, ma neppure troppo spesse (come si usa per la parmigiana). Friggerle una prima volta senza troppo arrosolarle. Adagiarle, quindi, su carta assorbente, avendo cura poi di capovolgerle, sostituendo il foglio di carta, in modo da eliminare da ambo i lati l'olio in eccesso.

Quando si sono raffreddate, passarle nella farina (rimuovendo quella in eccesso), nell'uovo sbattuto (al quale va aggiunto un pizzico di sale) e rifriggerle. Ripetere

L'operazione di asciugatura con l'uso di carta assorbente e lasciar raffreddare. A parte, preparare una salsa di cioccolato con cacao amaro, zucchero, cioccolato fondente, un po' d'acqua (q.b.), una spruzzata di liquore. Proporzionare i vari elementi secondo i propri gusti.

Le fette di melanzane (ripeto: ben private dell'olio di frittura in eccesso) vengono prima immerse ad una ad una nella salsa di cioccolato (che dev'essere abbondante, di una certa consistenza, né troppo liquida né troppo densa), quindi disposte a strati in un piatto da portata.

Sopra ogni strato si cospargono canditi, tagliati a dadini minuscoli, pinoli, mandorle triturate (dopo averle spellate e asciugate in forno), confettini (diavolilli), amaretti sminuzzati e scaglie sottili di cioccolato fondente. Oltre a un pizzico di vaniglia e qualche chiodo di garofano, se si ama un gusto più forte e penetrante. Far rapprendere in frigo e servire.

Qualche tempo fa l'amico Enzo Mammato, appassionato di storia, arte, cultura e tradizioni maioresi, ha pubblicato su Facebook la ricetta così come l'aveva raccolta dalla viva voce di Valente Tramontano, personaggio indimenticabile, che anch'io ho avuto modo di conoscere. E' scritta in napoletano. La riporto qui tale e quale, sottolineando che corrisponde esattamente a quella delle melanzane con la cioccolata che ogni anno, a ferragosto, mi regala la signora Rina Apicella Dell'Isola. La particolarità è nel fatto che qui le fette di melanzane sono messe a due a due, sovrapposte, adeguatamente farcite, come vuole la tradizione più antica. La preparazione, in questo caso, risulta più laboriosa ma il gusto ne guadagna. Ingredienti: melanzane lunghe paesane; olio e.v.o. oppure di arachide per la frittura; farina; uovo (e un pizzico di sale, da aggiungere all'uovo sbattuto); cacao amaro, cioccolato fondente, zucchero; liquore Concerto o amaretto di Saronno; canditi di arancia e cedro; cannella, chiodi di garofano, vaniglia.

«Pe' fà ‘stu doce, pecché ‘e nu doce se tratta! - insegnava Valente - servono 'e mulignane paisane che nun so' amare... Se tagliano ‘e luongo doppo ca so' state munnate e se frjeno fella pe' fella. Po' se 'nfarinano, se passano dint' a ll'uovo e se ‘mbuttiscono cu cedro e scorze, po' se frijeno a doje a doje, mettenno na fella a cupertura ‘e chell'ata. ‘O juorno appriesso se pulizzano, levanno ll'uovo ‘e cchiù, ca è rimasto attuorno, se fernisce ‘e ll'asciuttà cu ‘a carta assurbente e se acconciano dint' a na sperlonga co ‘a ciucculata fundente, squagliata ‘ncopp' ‘o fuoco. Tra nu strato e n'ato se mette cannella, capogarofalo e vaniglia e ato cedro e scurzette, ‘nzieme a na scurretura ‘e amaretto ‘e Saronno, ma chi ‘o tène ce mette ‘o cuncierto, ca è meglio. Me raccumanno ‘a ciucculata: adda essere assaje abbundante, pecché si no so' ascutte!». Conclusione. La melanzana col cioccolato - diffidare dalle imitazioni! - è una specialità di Maiori, in Costiera amalfitana, profondamente radicata nella tradizione e nella cultura gastronomica di questo paese. Solo qui la sanno fare "come comanda Iddio". E, al di là di quello che qualche scettico potrà pensare, è una pietanza, anzi un dessert, attraente, invitante, di grande prelibatezza. Provare per credere!

(Nella foto la ricetta di nonna Nunziatina del ristorante Il Giardiniello di Minori)

Articolo tratto dalla raccolta"'A cannarizia" (Area Blu edizioni)

Per saperne di più:

"‘A cannarizia", la grande tradizione gastronomica della Costa d'Amalfi raccontata da Sigismondo Nastri

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Ravello, la storia del bambino rapito e ucciso a Villa Rufolo nel 1841

Nell'aprile 1841 un tremendo crimine venne commesso a Ravello. Un bambino di tre anni venne rapito e sacrificato a Palazzo Rufolo. Una storia raccontata negli atti processuali ma anche in un manoscritto di sir Francis Nevile Reid che dopo nove anni acquistò la villa. La leggenda narrava di un "tesoro...

Un piatto da Dio

di Antonio Schiavo Cosa muove il meraviglioso meccanismo neurologico dei ricordi? Un'immagine, un suono, una sensazione, un profumo? In questo caso...un sapore. Sì, un sapore: quello di uno stupefacente piatto di spaghetti a vongole; una sapiente miscela di pasta al dente, aglio e prezzemolo, olio quanto...

Il ricordo di Angela Della Pietra

di Rita Di Lieto Piccola, graziosa, ti accoglieva con un dolce sorriso, gli occhi vivaci e la gentilezza signorile d'altri tempi, un mondo tutto casa e chiesa. La scuola, asilo dalle Suore Domenicane ed elementari pubbliche, ha avuto su di lei un'influenza durata l'intera sua vita ultracentenaria. Amava...

La troccola del Venerdì Santo: ricordi di Ravello

Nel giorno del Venerdì Santo, in cui si fa memoria della passione e morte di Cristo sulla croce, anche le campane interrompono la loro attività. Il silenzio che un tempo avvolgeva le nostre comunità, nella fede e nella pietà popolare, veniva rotto soltanto dal suono di un particolare strumento. In sostituzione...

Il Venerdì Santo dei nostri nonni: la pia pratica delle tre ore di agonia

di Donato Sarno Un tempo la Quaresima era un periodo di penitenza e mortificazione particolarmente sentito, in cui venivano generalmente e scrupolosamente osservate le norme della Chiesa che imponevano il digiuno e l'astinenza dalle carni in preparazione alla Pasqua. Il Venerdì Santo, giorno di commemorazione...