Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Eligio vescovo

Date rapide

Oggi: 1 dicembre

Ieri: 30 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Natale Adesso! Prenota adesso il tuo panettone artigianale firmato Pansa, dal 1830 patrimonio della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeConnectivia Back To School, l'offerta dedicata alle famiglie e agli studentiMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaIl Panettone artigianale della Pasticceria Gambardella, da oggi a portata di click. Gambardella, Minori, Costiera AmalfitanaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLa leggenda del pasticciotto atranese

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i panettoni artigianali realizzati dal Maestro Pasticcere Sal De Riso. Da oggi a portata di Click

Storia e Storie

La leggenda del pasticciotto atranese

Scritto da (Redazione), giovedì 4 aprile 2013 09:25:10

Ultimo aggiornamento giovedì 4 aprile 2013 09:25:10

Questa che vi raccontiamo è la storia di una famiglia della Costa d'Amalfi, come tante, che ha fatto della tenacia, della passione per il proprio lavoro, la propria filosofia di vita. Una storia divenuta leggenda.

Ad Atrani, nella piazzetta del borgo, dietro l'insegna del bar Vittoria si nasconde una delle tradizioni più grandi e più antiche della pasticceria costiera.

La storia ha inizio quando, nella prima metà del secolo scorso, il gelatiere Francesco Cretella decise di aprire il "Bar Lucia" sulla statale 163 che attraversa il paesino.

Gli affari - sarà stata la posizione, la qualità o anche solo per l'ottima compagnia - andavano a gonfie vele, ma il Cretella lamentava spesso la mancanza di un "qualcosa" che accompagnasse l'ottimo caffè servito al bar: l'idea non tardò ad arrivare. Fu sua moglie, Alda De Pascale, a parlare di un dolce di crema e amarena che il fratello era solito preparare in casa: il signor Cretella non si fece raccontare la storia una seconda volta e si affidò alle mani, allora ancora inesperte, del giovane figlio Matteo. L'esperimento ebbe un ottimo risultato e, nelle mattine a seguire, il "Bar Lucia "ebbe l'onore e il privilegio di servire, accanto al caffè, il pasticciotto.

E' proprio in questo piccolo caffè della Costa d'Amalfi che il pasticciotto fece la sua prima comparsa, destinato ad un futuro di successo.

Con la costruzione della bretella rotabile che porta già in paese, nei primi anni '50 Francesco Cretella prese in affitto un altro locale al centro della piazza, più grande, un luogo dove i sogni potevano avere più spazio, insomma un nuovo grande bar: si decise così di lasciare il "Bar Lucia" e di aprire il "Bar Vittoria".

Forti del successo precedente, il lavoro al Bar Vittoria non mancava tanto da dover impiegare tutti e sei i figli del signor Francesco che continuava a pensare in grande. Erano gli anni '60, quelli della Dolce Vita e del boom economico e quando si palesò la possibilità di rilevare un locale ad Amalfi, non tentennò nemmeno un minuto, fittandolo ai piedi del Duomo. Nacque così il "Bar Duomo" .

La novità del Bar Duomo era di non essere solo un semplice bar nella nota piazza amalfitana, ma di affiancare alla caffetteria anche la pasticceria, così da permettere al figlio Matteo di perfezionarsi in quell'arte che tanto lo appassionava.

I due bar collaborarono per molto tempo, poi nel corso degli anni i fratelli si divisero: Serafino aprì una gelateria portando avanti la tradizione paterna, Wanda rimase al Bar Vittoria (del quale è tuttora proprietaria) e Matteo rimase ad Amalfi.

In quegli anni la fama del pasticciere Matteo iniziava a lievitare; nessun dolce che usciva dal suo laboratorio (premurosamente confezionato dalla sorella Maria) ha mai ricevuto una critica negativa, un appunto, se non un complimento da chi si stava deliziando il palato.

Ambizioso come il padre, Matteo non si fermò alla preparazione dei soliti dolci, ma, intorno agli anni '70, si ritrovò tra le mani una bozza incompleta di una ricetta che gli aveva lasciato il cognato italo-americano Enzo; Matteo lavorò molto, prima sulla ricetta personalizzandola e poi, dopo non pochi tentativi, riuscì nella speciale Torta al Limone che tutti gli amalfitani conoscono e ancora decantano.

Come tutte le belle favole c' è sempre un finale più o meno amaro: negli anni '80 il Bar Duomo venne chiuso e Matteo decise di dividere il grande laboratorio per ricavarne una pasticceria. Nel Natale del 1987, con l'aiuto dei figli Alda, Cinzia e Francesco, aprì la "Pasticceria Duomo".

Il locale era piccolissimo e, la domenica, la fila di clienti si prolungava anche nel cortile antistante: quasi una gara per portare a tavola quelle delizie, come per strappare un premio, dal Pasticciotto al Babà, dalla Torta al Limone alla Zeppola di San Giuseppe, dal Profitterolles al Limone alla Millefoglie e, a chi chiedeva le ricette, Matteo era solito rispondere: "Signora le ricette le dà il medico!".

A causa di uno sfratto, nel 2006 anche la pasticceria dovette chiudere, ma Matteo, con la caparbietà scritta nel suo codice genetico, non si fermò nemmeno all'età di settant' anni e a casa sua - per la felicità di parenti e amici - continuò a fare quei dolci, la sua vita, mettendo a dura prova la pazienza della moglie Lucia.

Il 6 gennaio scorso, in seguito all'aggravarsi di una brutta malattia che lo tormentava da anni, il pasticciere Matteo ci ha lasciato.

Un amalfitano andandolo a trovare nel giorno in cui la pasticceria Duomo stava chiudendo disse: "Matteo non essere triste! Tu hai scritto un pezzo di storia, sta agli altri leggerla!"

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Re Maradona colorò d'azzurro il cielo d'Italia: poesia del calcio

di Giuseppe Gargano Era la tarda primavera del 1987: il Napoli vinceva il suo primo scudetto con una giornata di anticipo. Si stava preparando la festa al San Paolo per l'ultima partita da giocare con la Fiorentina. L'indimenticabile Alfonso Iovane mi convocava nella sua tipografia di Atrani, mi faceva...

Santa Trofimena del 27 novembre, tra fede, leggenda e tradizione

di Gabriele Cavaliere Sin dalle origini Santa Trofimena è stata una santa estremamente "girovaga". Nata a Patti, in Sicilia, nel III secolo, all'età di dodici anni fu promessa in sposa ad un uomo pagano, contro il proposito della fanciulla di vocarsi a Dio. Fuggita di casa ed inseguita dal padre, si...

Quando ci hai fatto battere il corazón

di Antonio Schiavo Partimmo in tanti da Ravello, forse dieci macchine, in una calda serata di agosto. Beh serata per modo di dire: la partita cominciava alle otto e mezza ma noi eravamo sulla tangenziale già alle quattro. Era la sua prima partita ufficiale con la maglia azzurra, quella divisa che ci...

«Io che ho avuto l’onore di marcare Maradona, il più grande di tutti»

Da un'ora la notizia della morte di Diego Armando Maradona sta facendo il giro del mondo. Immediatamente si riavvolge il nastro dei ricordi e il pensiero va alla seconda metà degli anni Ottanta, quelli del grande Napoli. Vincenzo Torrente, storico difensore e capitano del Genoa dal 1985 al 2000, nativo...

Lettera all’Angelo che mi stava aspettando

Esattamente quarant'anni fa la terra tremò in Irpinia, spazzando via, in novanta interminabili secondi, le vite di 2735 persone, tra cui la tua. Diciotto anni, tante speranze, e una vita davanti che già volevi guardare dritta negli occhi. Eri bella, proprio come tua sorella, mia madre. Hai pagato il...