Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 49 minuti fa S. Federico vescovo

Date rapide

Oggi: 18 luglio

Ieri: 17 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLa forma urbis di Amalfi nel XIII secolo in un plastico ricostruttivo [FOTO]

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Storia e Storie

La forma urbis di Amalfi nel XIII secolo in un plastico ricostruttivo [FOTO]

Scritto da (Redazione), mercoledì 12 aprile 2017 09:45:57

Ultimo aggiornamento mercoledì 12 aprile 2017 12:20:10

di Giuseppe Gargano

Lo studio della forma urbana di una città medievale non può essere limitato all'analisi delle strutture edilizie e architettoniche; la ricostruzione delle aree funzionali urbane non può prescindere dalla consapevole conoscenza della società che ne aveva determinato la strutturazione, dell'economia da essa stabilita, dalle istituzioni politiche, ecclesiastiche e religiose da essa realizzate.

La civitas lapidum non può essere veramente conosciuta senza la contemporanea comprensione della civitas hominum: non si può capire e spiegare la conformazione degli edifici di pietra e la loro collocazione urbana senza tener presente le motivazioni sociali, economiche, politiche ed ecclesiastico-religiose degli uomini che hanno fatto quelle scelte urbanistiche e architettoniche.

La ricostruzione del plastico della forma urbana di Amalfi medievale si basa, pertanto, sulla duplice lettura urbanistica e sociale.

La verità assoluta circa la forma della città la conosce solo Dio, il quale, considerando il nostro libero arbitrio, ci ha consentito lo sfizio di indagare nel passato per avvicinarsi quanto più è possibile alla realtà effettiva.

Se i risultati della nostra ricerca, segnata da un forte rigore scientifico, ci hanno condotto all'80% di tale realtà, allora possiamo esser convinti di aver fatto un buon lavoro!

La ricostruzione plastica di Amalfi medievale si basa su di una metodologia della ricerca d'impronta segnatamente scientifica, fondata sull'analisi attenta e scrupolosa delle fonti documentarie e archivistiche, dell'archeologia esterna mediante la lettura stratigrafica delle superfetazioni edilizie, delle attendibili testimonianze orali connesse alla memoria degli anziani della città, delle antiche e vecchie iconografie rappresentate da dipinti, disegni, piante, stampe, foto d'epoca, degli esiti delle campagne di esplorazione archeologica subacquea, dei risultati delle investigazioni geologiche e geofisiche, delle fonti letterarie e cronachistiche.

Questa collazione di dati, opportunamente analizzati e collegati tra di loro in base ad una ferrea e rigorosa logica, ha permesso la ricostruzione "a puzzle" del tessuto urbano medievale. Da qui è derivata una pianta bidimensionale che si è potuta trasferire, tenendo presenti la terza dimensione e le curve di livello, in una grafica 3D, base fondamentale per la realizzazione del plastico.

Il plastico di Amalfi medievale è una rivisitazione della città marinara urbanistica e sociale, così come doveva apparire nel secolo XIII.

Il fine primario di tale opera è da individuare nella sua funzione didattica, offerta ai giovani della Costa d'Amalfi, alcuni dei quali hanno collaborato alla sua realizzazione. Essi potranno apprendere la civiltà dei loro avi, per ricavarne insegnamenti utili alla costruzione del futuro della loro patria, del quale essi saranno inevitabilmente protagonisti.

«Conoscendo il nostro passato, costruiremo il nostro futuro», questa è la massima che la gioventù amalfitana dovrà trarre fuori dallo studio del nostro plastico.

In aggiunta, l'opera assume un carattere di alta divulgazione per l'intera popolazione della città e della Costa, in quanto fa rivivere il nostro passato mediante interessanti spaccati di vita quotidiana di quello che fu il "buon governo" dei nostri avi, segnato dalla funzionale organizzazione urbana, nonché dalle attività socio-economiche e dalla religiosità popolare.

Un'altra rilevante funzione associata al plastico è la presentazione ai graditi ospiti della città di un significativo esempio divulgativo e didascalico al servizio del turismo culturale, un biglietto da visita della civiltà amalfitana medievale nei confronti dell'intera umanità, un messaggio di civiltà lanciato ai quattro angoli della Terra da una città marinara "di frontiera sulle sponde del Mediterraneo".

Il plastico di Amalfi medievale, collocato in un posto strategico della città, costituirà il benvenuto di accoglienza da parte di una comunità per tradizione avvezza alla cosmopolita missione umanitaria della diplomazia culturale, perchè a giusta ragione Amalfi si è autoproclamata "Città della Storia".

Così il plastico, congegnato secondo la strategia testè presentata, dovrà rappresentare una memoria imperitura del nostro passato per le generazioni future.

La produzione di un plastico urbanistico-sociale relativo alla storia di una città deve necessariamente essere fermato ad un'epoca precisa, affinchè esso abbia una validità scientifica e una lettura interpretativa chiara ed esaustiva.

Nel caso di Amalfi abbiamo deciso di fermare l'orologio della storia al secolo XIII, cioè prima che gli eventi catastrofici del 1270 e del 1343 devastassero irreversibilmente il litorale e quando il fiume Canneto scorreva ancora allo scoperto nell'ambito del centro urbano.

La ricostruzione interessa l'area del primitivo centro urbanizzato, delimitato a settentrione della Porta Hospitalis, l'accesso pubblico che almeno dal X secolo segnava la demarcazione tra la città dentro le mura e l'area delle attività produttive, che si sviluppava nella parte più interna. della valle fluviale.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

"‘O buono o fai fesso, ma ‘o fesso nun o fai maje capace": la saggezza di un popolo (43)

di Antonio Schiavo Se l'Accademia della Crusca, la più alta e prestigiosa istituzione nazionale a tutela dell'italiano, comprese tutte le sue evoluzioni susseguitesi negli anni, ritiene di dover pubblicare il "Vocabolario del Dialetto Napoletano" di Emanuele Rocco (4 volumi), vuol dire che questo dialetto...

Raffaella La Crociera, la bambina malata che prima di morire aiutò gli alluvionati con le sue poesie

di Patrizia Reso Quando si parla di storia, ci sono infiniti risvolti che non conosciamo; è solo per un caso fortuito a volte o per una ricerca accurata se ne veniamo a conoscenza. Questo vale anche per la storia della nostra città. Tutti sappiamo della disastrosa alluvione che colpì il salernitano nel...

Da Erchie ad Agerola in una notte d’estate, l’ultima transumanza in Costiera Amalfitana [FOTO]

di Emiliano Amato Una pratica ancestrale che ancora resiste all'economia turistica e si ripete in Costiera Amalfitana. Un evento unico sulla strada principale della Divina, con 300 tra capre e pecore che riscendono la collina sopra il villaggio di Erchie per iniziare la loro migrazione verso Agerola....

L'estate amalfitana all'inizio del Novecento

di Sigismondo Nastri La stagione balneare in Costiera amalfitana, all'inizio del Novecento, scorreva tra"chiasso, rumore, flirts", più o meno come avviene oggi. Nonostante ciò, rilevava Cesare Afeltra sul Piccolo del 19 agosto 1921,"Amalfi resta il luogo che accorda tutti i riposi e tutti i conforti"....

Maiori, 27 giugno 1988: l'assurda esplosione che spezzò sei vite innocenti [VIDEO]

Era il 27 giugno 1988 quando un boato terrificante svegliò Maiori. Un palazzo sul corso Reginna era crollato, spaccandosi letteralmente in due, provocando sei vittime. Sono passati esattamente trent'anni da quella tragedia, ma il ricordo è ancora vivo in chi vi assistette. Erano le 3 del mattino circa...