Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Antonio abate

Date rapide

Oggi: 17 gennaio

Ieri: 16 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLa famiglia Rufolo simbolo dell'opulenza medievale di Ravello

Sgominata baby gang: distruggevano auto tra Salerno e Cava

Vento forte e mare agitato nella notte, l'allerta meteo

Enel, 18 gennaio interruzione fornitura elettrica a Praiano

«Le vere capitali non concorrono», Vittorio Sgarbi commenta l'esclusione di Ravello-Costa d'Amalfi

Scuola, iscrizioni online da oggi al 6 febbraio 2018 per anno scolastico 2018/2019

Ad Amalfi 11 nuove telecamere di videosorveglianza che già sventano tentativo di truffa

Ravello, ristorante 'Locanda Moresca' cerca personale

Direttore nel lusso della semplicità: per Flavio Colantuoni  del Monastero un premio alla carriera dal “suo” Veneto

A Nusco la Notte dei falò: 19-21 gennaio la tradizione del fuoco con musica, folclore e tipicità

Campania terza regione "riciclona" d’Italia. Record raccolta plastica

Nuove opportunità per i "Distretti del cibo"

Chiesa Costa d'Amalfi, sacerdoti verso trasferimento: Don Nello Russo va a Positano, a Ravello Don Angelo Mansi

Salerno, dal Fantady le prime novità Fantaexpo 2018: youtuber Marco Merrino direttore artistico

Addio a Dolores O'Riordan, è morta la cantante dei Cranberries

Buona la prima per i “Dolci al cioccolato” di Sal De Riso

Incredibile sulla Napoli-Salerno: cavallo a galoppo in autostrada [VIDEO]

Sorrento: aggressione a due ragazzi di Positano, condanna e solidarietà da sindaco Cuomo

Il teatro a Minori e in Costiera: una ricchezza per tutti  

Musica: 26-28 gennaio a Minori le lezioni del Maestro Guido Corti

«Debito elevato e fatture non pagate entro scadenze», Ausino spiega perchè ha chiuso i rubinetti a Villa Cimbrone

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Storia e Storie

La famiglia Rufolo, simbolo dell'opulenza medievale di Ravello

Scritto da (Redazione), mercoledì 28 marzo 2012 10:50:06

Ultimo aggiornamento venerdì 30 marzo 2012 13:57:43

di Alessio Amato* - Secondo la tradizione i Rufolo, che durante la seconda metà del XIII secolo divennero una delle famiglie più importanti del Mezzogiorno, discendevano da Rutilio Rufo, politico del II secolo a. C. e primo a volere i Tributi militari creati nell'esercito Pretorio.

Le prime notizie concernenti i Rufolo a Ravello risalgono all'XI secolo. È un casato che aveva possedimenti nella parte settentrionale di Ravello e apparteneva a un medio status sociale, considerando che, nel 1150, Giovanni Rufolo salì sulla cattedra vescovile della città e ricoprì tale carica fino alla morte avvenuta nel 1209.
Probabilmente, durante questo mezzo secolo, ci fu un innalzamento della condizione sociale che portò, pochi anni dopo, al matrimonio tra Nicola Rufolo e una delle donne più potenti del Meridione, Sigilgaida della Marra. Questa era la sorella di Angelo I, tesoriere e Maestro Razionale del Regno di Federico II.

Durante la prima metà del XIII secolo, Nicola Rufolo diede vita a una grande attività architettonica, sia a Ravello, con la riedificazione in stile islamico-normanno di Palazzo Rufolo, sia a Giovinazzo (BA), con la realizzazione di una grande masseria fortificata, risalente appunto agli anni sessanta di quel secolo. In questa masseria, si produceva soprattutto olio, proveniente dagli estesi uliveti di Molfetta, Bitonto e della stessa Giovinazzo. Erano, quelli, anni di grande instabilità politica, in cui Manfredi, ultimo re svevo del Mezzogiorno, perdeva sempre più potere. Erano anni in cui Nicola Rufolo tralasciò in parte il commercio, per specializzare se stesso e soprattutto i propri figli nella gestione economica del Regno. Per realizzare questa attività, Nicola approfittò della posizione di primo piano occupata da Giozzolino della Marra, nipote di Sigilgaida e Maestro Razionale.

Con l'arrivo degli Angioini, dopo la Battaglia di Benevento del 1266, i Rufolo, per occupare una posizione di rilievo nell'economia del Regno, giurarono fedeltà ai nuovi conquistatori. Cambiarono l'araldo della casata, sia nei colori, in cui il blu sostituì il rosso, sia nella struttura, con l'adozione, nella parte superiore, dei tre gigli, simbolo del casato angioino. Matteo, figlio di Nicola, e il suo primogenito, Lorenzo, ricoprirono cariche importanti nel regno, affiancando i propri cugini della famiglia Della Marra. Durante questo periodo, vi fu una vera e propria attività di finanziamento della corona da parte di Nicola Rufolo e del figlio Matteo. Erano diventati banchieri della corona.

Dopo la guerra del Vespro (1282), il potere angioino versava in una considerevole crisi economica. Fu questa, con molta probabilità, la causa del processo organizzato contro le casate ravellesi dei Rufolo e dei Della Marra, con l'intento di impadronirsi di tutti i loro beni. E il piano riuscì. Il 17 giugno del 1283 segnò il primo passo del processo: alcuni membri delle famiglie Rufolo e Della Marra furono catturati in gran segreto, con i propri figli, e le loro terre furono confiscate. Cinque giorni dopo, il 22 giugno, il principe Carlo II espose le motivazioni che avevano portato a tale decisione: l'accusa fu di concussione, tradimento, delle più nere perversioni, esportazione di grano a danno della Corona, espressioni di favore per la guerra del Vespro. Matteo Rufolo fu accusato di avere una corrispondenza con la regina Costanza, figlia di Manfredi e moglie di Pietro III d'Aragona.

l documento sancì: la condanna a morte di Angelo e Galgano, entrambi figli di Giozzolino, nonché di Lorenzo Rufolo, primogenito di Matteo. Inoltre furono sanciti la tortura delle donne e dei bambini e l'esproprio dei beni mobili e immobili, tra cui navi, cavalli e armi. L'accusa più credibile sembra fosse, secondo Sthamer, l'aumento dell'onere fiscale che aveva ridotto in ginocchio la popolazione. Veniva condannata la politica finanziaria di Gizzolino, morto circa cinque anni prima. Non sono da escludersi il grande deficit della corona d'Angiò e le ingenti spese belliche da sostenere. Matteo Rufolo dovette pagare 16000 once d'oro (circa 500 grammi, corrispondenti al costo di ottanta navi armate) per uscire di prigione;

Flamand de Comises, abate di San Vittore di Marsiglia, fu incaricato della confisca di tutti i beni in Campania, specialmente a Ravello. Dei personaggi che furono condannati a morte, il più importante pare fosse Lorenzo Rufolo. Nell'ottobre del 1282 questi è menzionato come Secreto e Maestro Portolano di Puglia e, successivamente, come Secreto di Sicilia. Fu ghigliottinato nel 1283. È da lui che, probabilmente, prende spunto il Boccaccio per la novella di Landolfo Rufolo, procacciatore di mercanzie che, per raddoppiare il proprio patrimonio, investì tutti i suoi averi andando in rovina e diventando pirata. Qui, dopo un susseguirsi di vicende, il racconto si concluderà a lieto fine. Ma trattasi solo di una novella, che simboleggia la fortuna, quella che mancò al povero Lorenzo.

Dopo le condanne, i Rufolo non riuscirono più a riprendersi, così come Ravello. La loro decadenza fu voluta in primis dal principe Carlo di Salerno (futuro Carlo II d'Angiò), dal Papa, che appoggiava il potere angioino, e da alcune famiglie ravellesi, tra le quali i Frezza, che non vedevano di buon occhio il potere raggiunto dai Rufolo. Alcuni membri della famiglia Rufolo decisero, quindi, di trasferirsi a Napoli. Nel XV secolo la famiglia aveva perso tutto il suo potere e Peregrino Rufolo, quattordicesimo vescovo di Ravello, parlò di se stesso come ultimo della sua stirpe.

*dottore magistrale in Conservazione dei Beni Culturali

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

La Costituzione compie 70 anni, in vigore dal 1° gennaio 1948

La nostra Carta Costituzionale compie settant'anni. Firmata il 27 dicembre del 1947, dopo 18 mesi di lavoro dell'Assemblea Costituente, dall'allora Capo Provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, in una sala di Palazzo Giustiniani è entrata in vigore il primo gennaio del 1948 con i suoi 139 articoli...

Il Natale di tutti

di Antonio Schiavo Come al solito, come ogni anno: la mattina del 23 dicembre ci si accorgeva che mancavano ‘e pagliente (il muschio). Tutto era già a posto: papà , novello Luca Cupiello, aveva passato tutta la sera precedente ad aggiustare una serie di lampadine a pisellini che, ormai già piazzata in...

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...