Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Chiara d'Assisi

Date rapide

Oggi: 11 agosto

Ieri: 10 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Gambardella Minori, Costiera Amalfitana, Pasticceria, Gelateria, Lounge Bar, Liquorificio artigianaleContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureRavello Festival 2020Terra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickPansa a Casa tua, le specialità dolciarie della Pasticceria Pansa di Amalfi direttamente a casa tuaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLa Confraternita della Beata Vergine del Rosario: una straordinaria esperienza spirituale dell’antico patriziato ravellese

Supermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Pasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storiche

Storia e Storie

La Confraternita della Beata Vergine del Rosario: una straordinaria esperienza spirituale dell’antico patriziato ravellese

Scritto da Luigi Buonocore (Redazione), mercoledì 1 maggio 2013 20:55:34

Ultimo aggiornamento mercoledì 1 maggio 2013 20:55:34

di Luigi Buonocore - La Congrega della Beata Vergine del Rosario fu fondata nel 1585 e, quindi, quattordici anni dopo la vittoria di Lepanto, accolta come una grazia attribuita alle incessanti preghiere elevate dal popolo cristiano d'Europa alla Vergine Maria, attraverso la recita del Rosario. Il 7 maggio 1585 mons. Emilio Scattaretica eresse la cappella di San Lorenzo, edificata in cattedrale dalla famiglia Acconciagioco, a sede della Confraternita della Beata Vergine del Rosario, riservata esclusivamente ai nobili della città. In quegli anni a Ravello le famiglie dell'antico patriziato erano ancora attive ma spostavano gradualmente i propri interessi verso la capitale del regno. La città conservava ampi tratti delle mura medievali. Molte antiche domus esistevano ancora mentre altre erano allo stato di rovina. Terremoti, pestilenze e carestie avevano gettato la diocesi in uno stato di degrado e di arretratezza sociale, e culturale. Il notaio Mandina annotava "Addì 15 maggio 1585 hanno fatto processione generale in la città di Ravello, portando lo sangue di San Pantaleone per la Terra con vergine scapillate per la carestia repentina accascata. A dì 16 di detto meso hanno fatto simile processione portando lo braccio di San Tommaso Apostolo A dì 17 di detto mese hanno fatto simile processione con vergine scapillate e figliol medi portando la testa di Santa Barbara per causa predicta". Lo stesso prelato, impossibilitato a recarsi a Roma per le malferme condizioni di salute, nella relazione ad limina del 10 marzo 1590, delineava con poche ma eloquenti parole la situazione della sua sede pastorale: "la città episcopale ha 250 fuochi è sita in sassoso monte, sterilissimo, di malinconica aria".

Nel 1602 mons. Francesco Benni de Butrio, primo vescovo di Ravello e Scala, visitò la sede della Congrega, il cui cappellano era Nicola Confalone. I nobili confratelli erano tenuti ad offrire ogni anno, nel giorno dell'Assunzione della Beata Vergine Maria, "libra una di cera alba". Nel 1617 mons. Michele Bonsio ordinò alla Congregazione di eseguire "umbrellam ligneam bene ornatam" mentre i sacristi erano tenuti a "purgare" l'icona della Beata Vergine del Rosario, presente sull'altare della cappella, con un panno o con "caudis pelose". In quegli anni il culto della Madonna del Rosario era molto vivo: nella prima domenica del mese, dopo il vespro, aveva luogo una processione con la partecipazione della Confraternita, del Capitolo e del Clero. Nel 1636, in assenza del vescovo Onofrio Del Verme, che probabilmente già alla fine del 1632 si apprestava a lasciare Ravello, avendo numerosi capi d'accusa presso la Sede Apostolica, il vicario capitolare ordinò di "recitarsi il rosario tre volte alla settimana, esporvisi il Santissimo nei venerdì di marzo e fare la novena del Natale e la messa di san Lorenzo". Mons. Bernardino Panicola nel 1643 riferiva che i nobili confratelli recitavano il rosario il mercoledì, sabato e domenica di ogni settimana mentre il Capitolo celebrava la festa di san Lorenzo, ricevendo 12 carlini dal cappellano e cavaliere Francesco Confalone. Se le prime regole privilegiarono il culto e l'elevazione spirituale degli iscritti mediante la recita continua del rosario ed altri riti comunitari, ampio spazio dovettero trovare anche finalità assistenziali e caritative nei confronti dei ceti più poveri, anche in ragione della disponibilità economica su cui i confratelli potevano contare. Purtroppo la vita della Congregazione fu molto breve tanto che nella visita pastorale del 1665 condotta dal vicario Antonio Cau de Panicolis la cappella del Rosario veniva solo menzionata senza alcun accenno al nobile sodalizio (la grande peste del 1656 a Ravello aveva causato oltre mille morti con grave contraccolpo dal punto di vista demografico, economico, sociale, culturale). Il privilegio che aveva legato la Congrega alla nobiltà e, quindi, agli ultimi eredi dei "maiores", si era trasformato in un limite invalicabile!

Agli inizi del Settecento solo tre Confraternite cittadine (SS. Sacramento, Madonna del Carmine e Annunziata) partecipavano alle solenni celebrazioni così mons. Biagio Chiarelli nel 1745 decise di fondare la nuova confraternita del SS. Rosario: " altera fuit a me isituita sub titulo SS. Rosari Beatae Marie Virginis, cui fuerunt adscripti confratres et sorores, quorum redditus paucissimi", retta con le quote mensili dei confratelli. Un'esperienza, quindi, ben diversa da quella pia e nobile Congregazione che nei due secoli precedenti aveva animato la vita spirituale del patriziato locale, e di cui già a quel tempo non restava ormai che uno sbiadito ricordo.

http://luigibuonocore.wordpress.com

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Il grande cuore della Costiera Amalfitana: Antonio realizza il suo desiderio [FOTO]

Un piccolo gesto dal grande valore. E' una storia di umana solidarietà quella che vi raccontiamo oggi dalla Costiera Amalfitana. Antonio, ragazzo di 13 anni, si trova in vacanza con la sua famiglia a Maiori, presso un noto albergo del centro. Antonio presenta malformazioni dalla nascita dovute a una...

Il vero miracolo del 27 luglio

di Antonio Schiavo È l'ora della prima messa. La chiesa è addobbata a festa: lunghi drappeggi rossi coi bordi d'oro avvolgono la navata centrale, su su fino all'altare maggiore. Fuori due scoiattoli in pantaloni corti e cinturone si arrampicano su una scala lunga e poi sui rami dei pini perché c'è sempre...

In diretta dalla luna

di Candeloro Rebuffat* Se mi avessero chiesto se avessi voluto assistere all'inizio oppure in data odierna alla cosiddetta conquista dello spazio avrei scelto senz'altro la prima opzione. Nella scena osservata il 20 luglio del 1969 ad un immaginario cannocchiale al contrario, "La conquista della luna"...

Francis Nevile Reid: il busto del Principe Bambino nella sua collezione a Villa Rufolo

di Antonio Ferrara Il 12 luglio 1892 moriva, all'eta di 66 anni, sir Francis Nevile Reid. La morte del signore di Villa Rufolo dovette essere accolta con sincera commozione da parte della popolazione. Il necrologio pubblicato sul Times il successivo 21 luglio ne sottolineava le doti umane e sociali,...

Quando a Torella dei Lombardi Ennio Morricone ricordò Sergio Leone

di Lorenzo Bellofatto Torella dei Lombardi, Piazza Europa. L'altura che avvolge il Castello Candriano, terrazza della verde Irpinia, traversata a valle dalle acque del fiume Fredane, è il luogo dei natali a Vincenzo Leone, padre del grande regista Sergio Leone. Il promontorio, adagiato sulle ruvide colline...