Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 46 minuti fa S. Federico vescovo

Date rapide

Oggi: 18 luglio

Ieri: 17 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLa carta a mano: un prodotto mediterraneo del Medioevo

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Storia e Storie

La carta a mano: un prodotto mediterraneo del Medioevo

Scritto da (Redazione), sabato 15 aprile 2017 18:49:39

Ultimo aggiornamento sabato 15 aprile 2017 18:49:39

di Giuseppe Gargano

Le invenzioni degli uomini o le innovazioni da essi introdotte sono quasi sempre avvolte da aloni di leggenda per quanto riguarda le loro origini che, in alcuni casi significativi, hanno dato luogo a tradizioni di certo più prossime alla realtà. In tale ambito, strettamente legato alla fenomenologia dell'antropologia culturale, va a collocarsi pure la carta, intorno alla cui origine una certa tradizione storiografica, nata in ambienti preromantici sempre pronti alla ricerca dell'esotico e alla fuga verso spazi e tempi lontani, ha disegnato un percorso geo-storico che dall'estremo Oriente viaggia verso l'Occidente mediterraneo. La tradizione relativa all'invenzione della carta a mano rientra nel quadro più ampio dell'attribuzione alla misteriosa Cina, appunto lontana nello spazio e nel tempo, che sarebbe stata la fucina di importanti e interessanti innovazioni: la bussola, la polvere da sparo, gli spaghetti, la stampa. Ricerche serie e approfondite degli ultimi tempi hanno fatto chiarezza in proposito, spolverando la spessa patina di assurde attribuzioni, connesse a falsa documentazione, e individuando differenti matrici circa le invenzioni di cui s'è appena detto.

La carta a mano ha avuto due centri di ideazione delle tecniche produttive e di irradiazione geografica: la Cina e il mondo arabo mediterraneo. Pertanto, non sarebbero stati i cinesi a inventare la carta a mano né a trasmetterla agli arabi tramite la rete commerciale che aveva quale punto di riferimento Samarcanda. Al contrario, in Cina si sarebbe prodotta, mediante tecniche più rudimentali, una qualità di carta utilizzando materiali vegetali in età non meglio precisata. Queste tecniche sarebbero giunte in Giappone, dove a Mino, più di mille anni fa, sarebbe nata la produzione di sottili fogli ricavati dalla lavorazione della corteccia di vari alberi e piante, tramite l'impiego di un "mortaio ad acqua".

La carta nel mondo arabo trova le sue origini tra la Siria e la Persia. I fogli prodotti erano di due specie: quelli sottili e quelli del tipo talhi. Questi ultimi derivavano il loro appellativo da Talha b. Tahir, governatore della regione persiana del Khorasan; egli fu uno dei primi proprietari di una cartiera nella prima parte del IX secolo. Gli opifici arabi funzionavano tramite l'energia idraulica e avevano già i congegni di lavorazione che sono giunti sino a noi, vale a dire ruote lignee, alberi di trasmissione, magli, vasche in pietra. Quindi gli stabilimenti produttivi si diffusero particolarmente in Siria.

Così nell'XI secolo da Damasco grandi quantità di carta venivano esportate in Egitto via Tiro: allora 28 cammelli carichi di carta erano venduti all'elevato prezzo di 250 dinar (= 1000 tarì). Gli arabi di Spagna, politicamente collegati con i loro connazionali siriani, introdussero le tecniche di lavorazione nella penisola iberica almeno sin dal IX secolo. La carta prodotta in Spagna era la migliore in assoluto. Essa era confezionata mediante il cotone, molto diffuso in quella penisola. Così nacque la charta bambagina (da bambax, termine bizantino per indicare il cotone), perticolarmente utile per la scrittura e, quindi, per realizzare libri. Fu proprio questo tipo di carta ad essere largamente usato e prodotto in situ dagli amalfitani del Medioevo. Infatti essi frequentavano, almeno sin dal 942, i centri spagnoli di Cordova e Siviglia, che raggiungevano navigando il Guadalqivir; importavano ivi stoffe pregiate bizantine e pepe di Kairouan, acquistando pallii e cinture femminili d'argento: non è da escludere che già allora essi cominciassero a trasportare in patria la charta bambagina, o quantomeno dal secolo successivo.

Un testamento del 1268 redatto ad Amalfi e dettato dal mercante amalfitano Margarito Marcagella, che operava specialmente in Sicilia, prova indirettamente la produzione della charta bambagina nella città marinara: infatti in esso si legge che in un locale il mercante teneva conservate insieme alcune quantità di cotone e di risme di carta, quindi la materia prima e il prodotto finito. Dal resto si rileva, inoltre, che, come nel predetto caso siriano, la carta costava molto. Ma circa vent'anni dopo il prezzo nel contesto amalfitano era calato del 90%; pertanto, si può arguire che, se nel 1268 operava una sola cartiera in zona, nel 1289 ne erano attive circa dieci. Un atto del 1384 testimonia la contemporanea attività di ben dodici opifici, di cui uno realizzato sei anni prima mediante la conversione di una gualchiera, che serviva per sodare i panni di lana e che aveva la medesima tecnologia. In quell'anno si verificò un primo esempio di causa ecologica. Carlo del Giudice, nobile amalfitano, denunciava suo cugino Carluccio del Giudice, proprietario di cartiera, perchè l'aqua lurda et fetida di scarico inquinava i suoi orti; il giudizio fu salomonico: Carluccio avrebbe scaricato nel fiume l'acqua della cartiera, facendola passare attraverso tubazioni sotterranee e favorendo il suo deflusso nel fiume. Il proprietario di una delle predette cartiere era il prete Loisio de Amatruda, progenitore di una stirpe di cartari tuttora operante in Amalfi.

Il Centro di Cultura e Storia Amalfitana possiede un foglio di carta a mano vergato nel 1289 in caratteri originali e in lingua latina volgare e redatto a Barletta: proviene da una raccolta cartacea dello storiografo erudito amalfitano Matteo Camera (1807+1891). L'attore è il mercante scalese Sergio de Bonito, il quale, alla presenza del giudice regio Tancredi de domino Sansone e del pubblico notaio Giovanni de Cantore, dichiara di aver ricevuto dai nobili sire Angelo de Pando di Trani e sire Giacomo Bove di Bitonto (il primo originario di Scala, il secondo di Ravello), secreti, maestri portolani e procuratori di Puglia, nonché maestri portolani d'Abruzzo, la somma che egli aveva anticipato come mutuo per il riscatto dei figli del nobile Guglielmo Sclavello, consigliere e familiare del conte Roberto, baiulo del regno di Sicilia, catturati dagli aragonesi. Un documento dello stesso anno, redatto a Ravello, riporta l'ordine di acquisto di charta bambagina da parte del regio capitano del ducato di Amalfi riferito al mercante ravellese Nicola Favario. Considerato che nel coevo atto di Barletta sono menzionati tre personaggi scalesi e ravellesi operanti in Puglia, allora è possibile ipotizzare la realizzazione del foglio in oggetto in una cartiera collocata lungo il fiume che scorre tra i territori di Ravello e di Scala (Dragone).

Il foglio di proprietà del Centro di Cultura e Storia Amalfitana è stato messo a confronto con la celebre lettera della contessa Adelaisa di Sicilia (madre di Ruggero II) del 1109, ora conservata presso l'Archivio di Stato di Palermo, scritta su carta fabbricata con cellulosa di lino di sicura fattura araba. I due fogli presentano colorazione molto simile e quasi identico spessore (grammatura).

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

"‘O buono o fai fesso, ma ‘o fesso nun o fai maje capace": la saggezza di un popolo (43)

di Antonio Schiavo Se l'Accademia della Crusca, la più alta e prestigiosa istituzione nazionale a tutela dell'italiano, comprese tutte le sue evoluzioni susseguitesi negli anni, ritiene di dover pubblicare il "Vocabolario del Dialetto Napoletano" di Emanuele Rocco (4 volumi), vuol dire che questo dialetto...

Raffaella La Crociera, la bambina malata che prima di morire aiutò gli alluvionati con le sue poesie

di Patrizia Reso Quando si parla di storia, ci sono infiniti risvolti che non conosciamo; è solo per un caso fortuito a volte o per una ricerca accurata se ne veniamo a conoscenza. Questo vale anche per la storia della nostra città. Tutti sappiamo della disastrosa alluvione che colpì il salernitano nel...

Da Erchie ad Agerola in una notte d’estate, l’ultima transumanza in Costiera Amalfitana [FOTO]

di Emiliano Amato Una pratica ancestrale che ancora resiste all'economia turistica e si ripete in Costiera Amalfitana. Un evento unico sulla strada principale della Divina, con 300 tra capre e pecore che riscendono la collina sopra il villaggio di Erchie per iniziare la loro migrazione verso Agerola....

L'estate amalfitana all'inizio del Novecento

di Sigismondo Nastri La stagione balneare in Costiera amalfitana, all'inizio del Novecento, scorreva tra"chiasso, rumore, flirts", più o meno come avviene oggi. Nonostante ciò, rilevava Cesare Afeltra sul Piccolo del 19 agosto 1921,"Amalfi resta il luogo che accorda tutti i riposi e tutti i conforti"....

Maiori, 27 giugno 1988: l'assurda esplosione che spezzò sei vite innocenti [VIDEO]

Era il 27 giugno 1988 quando un boato terrificante svegliò Maiori. Un palazzo sul corso Reginna era crollato, spaccandosi letteralmente in due, provocando sei vittime. Sono passati esattamente trent'anni da quella tragedia, ma il ricordo è ancora vivo in chi vi assistette. Erano le 3 del mattino circa...