Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 35 minuti fa S. Felice da Cantalice

Date rapide

Oggi: 18 maggio

Ieri: 17 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia, l'internet provider in fibra della Costiera AmalfitanaPasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storiche

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLa carta a mano: un prodotto mediterraneo del Medioevo

Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto
MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air Bee

Storia e Storie

La carta a mano: un prodotto mediterraneo del Medioevo

Scritto da (redazionelda), sabato 15 aprile 2017 18:49:39

Ultimo aggiornamento sabato 15 aprile 2017 18:49:39

di Giuseppe Gargano

Le invenzioni degli uomini o le innovazioni da essi introdotte sono quasi sempre avvolte da aloni di leggenda per quanto riguarda le loro origini che, in alcuni casi significativi, hanno dato luogo a tradizioni di certo più prossime alla realtà. In tale ambito, strettamente legato alla fenomenologia dell'antropologia culturale, va a collocarsi pure la carta, intorno alla cui origine una certa tradizione storiografica, nata in ambienti preromantici sempre pronti alla ricerca dell'esotico e alla fuga verso spazi e tempi lontani, ha disegnato un percorso geo-storico che dall'estremo Oriente viaggia verso l'Occidente mediterraneo. La tradizione relativa all'invenzione della carta a mano rientra nel quadro più ampio dell'attribuzione alla misteriosa Cina, appunto lontana nello spazio e nel tempo, che sarebbe stata la fucina di importanti e interessanti innovazioni: la bussola, la polvere da sparo, gli spaghetti, la stampa. Ricerche serie e approfondite degli ultimi tempi hanno fatto chiarezza in proposito, spolverando la spessa patina di assurde attribuzioni, connesse a falsa documentazione, e individuando differenti matrici circa le invenzioni di cui s'è appena detto.

La carta a mano ha avuto due centri di ideazione delle tecniche produttive e di irradiazione geografica: la Cina e il mondo arabo mediterraneo. Pertanto, non sarebbero stati i cinesi a inventare la carta a mano né a trasmetterla agli arabi tramite la rete commerciale che aveva quale punto di riferimento Samarcanda. Al contrario, in Cina si sarebbe prodotta, mediante tecniche più rudimentali, una qualità di carta utilizzando materiali vegetali in età non meglio precisata. Queste tecniche sarebbero giunte in Giappone, dove a Mino, più di mille anni fa, sarebbe nata la produzione di sottili fogli ricavati dalla lavorazione della corteccia di vari alberi e piante, tramite l'impiego di un "mortaio ad acqua".

La carta nel mondo arabo trova le sue origini tra la Siria e la Persia. I fogli prodotti erano di due specie: quelli sottili e quelli del tipo talhi. Questi ultimi derivavano il loro appellativo da Talha b. Tahir, governatore della regione persiana del Khorasan; egli fu uno dei primi proprietari di una cartiera nella prima parte del IX secolo. Gli opifici arabi funzionavano tramite l'energia idraulica e avevano già i congegni di lavorazione che sono giunti sino a noi, vale a dire ruote lignee, alberi di trasmissione, magli, vasche in pietra. Quindi gli stabilimenti produttivi si diffusero particolarmente in Siria.

Così nell'XI secolo da Damasco grandi quantità di carta venivano esportate in Egitto via Tiro: allora 28 cammelli carichi di carta erano venduti all'elevato prezzo di 250 dinar (= 1000 tarì). Gli arabi di Spagna, politicamente collegati con i loro connazionali siriani, introdussero le tecniche di lavorazione nella penisola iberica almeno sin dal IX secolo. La carta prodotta in Spagna era la migliore in assoluto. Essa era confezionata mediante il cotone, molto diffuso in quella penisola. Così nacque la charta bambagina (da bambax, termine bizantino per indicare il cotone), perticolarmente utile per la scrittura e, quindi, per realizzare libri. Fu proprio questo tipo di carta ad essere largamente usato e prodotto in situ dagli amalfitani del Medioevo. Infatti essi frequentavano, almeno sin dal 942, i centri spagnoli di Cordova e Siviglia, che raggiungevano navigando il Guadalqivir; importavano ivi stoffe pregiate bizantine e pepe di Kairouan, acquistando pallii e cinture femminili d'argento: non è da escludere che già allora essi cominciassero a trasportare in patria la charta bambagina, o quantomeno dal secolo successivo.

Un testamento del 1268 redatto ad Amalfi e dettato dal mercante amalfitano Margarito Marcagella, che operava specialmente in Sicilia, prova indirettamente la produzione della charta bambagina nella città marinara: infatti in esso si legge che in un locale il mercante teneva conservate insieme alcune quantità di cotone e di risme di carta, quindi la materia prima e il prodotto finito. Dal resto si rileva, inoltre, che, come nel predetto caso siriano, la carta costava molto. Ma circa vent'anni dopo il prezzo nel contesto amalfitano era calato del 90%; pertanto, si può arguire che, se nel 1268 operava una sola cartiera in zona, nel 1289 ne erano attive circa dieci. Un atto del 1384 testimonia la contemporanea attività di ben dodici opifici, di cui uno realizzato sei anni prima mediante la conversione di una gualchiera, che serviva per sodare i panni di lana e che aveva la medesima tecnologia. In quell'anno si verificò un primo esempio di causa ecologica. Carlo del Giudice, nobile amalfitano, denunciava suo cugino Carluccio del Giudice, proprietario di cartiera, perchè l'aqua lurda et fetida di scarico inquinava i suoi orti; il giudizio fu salomonico: Carluccio avrebbe scaricato nel fiume l'acqua della cartiera, facendola passare attraverso tubazioni sotterranee e favorendo il suo deflusso nel fiume. Il proprietario di una delle predette cartiere era il prete Loisio de Amatruda, progenitore di una stirpe di cartari tuttora operante in Amalfi.

Il Centro di Cultura e Storia Amalfitana possiede un foglio di carta a mano vergato nel 1289 in caratteri originali e in lingua latina volgare e redatto a Barletta: proviene da una raccolta cartacea dello storiografo erudito amalfitano Matteo Camera (1807+1891). L'attore è il mercante scalese Sergio de Bonito, il quale, alla presenza del giudice regio Tancredi de domino Sansone e del pubblico notaio Giovanni de Cantore, dichiara di aver ricevuto dai nobili sire Angelo de Pando di Trani e sire Giacomo Bove di Bitonto (il primo originario di Scala, il secondo di Ravello), secreti, maestri portolani e procuratori di Puglia, nonché maestri portolani d'Abruzzo, la somma che egli aveva anticipato come mutuo per il riscatto dei figli del nobile Guglielmo Sclavello, consigliere e familiare del conte Roberto, baiulo del regno di Sicilia, catturati dagli aragonesi. Un documento dello stesso anno, redatto a Ravello, riporta l'ordine di acquisto di charta bambagina da parte del regio capitano del ducato di Amalfi riferito al mercante ravellese Nicola Favario. Considerato che nel coevo atto di Barletta sono menzionati tre personaggi scalesi e ravellesi operanti in Puglia, allora è possibile ipotizzare la realizzazione del foglio in oggetto in una cartiera collocata lungo il fiume che scorre tra i territori di Ravello e di Scala (Dragone).

Il foglio di proprietà del Centro di Cultura e Storia Amalfitana è stato messo a confronto con la celebre lettera della contessa Adelaisa di Sicilia (madre di Ruggero II) del 1109, ora conservata presso l'Archivio di Stato di Palermo, scritta su carta fabbricata con cellulosa di lino di sicura fattura araba. I due fogli presentano colorazione molto simile e quasi identico spessore (grammatura).

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 101040104

Storia e Storie

Minori, festa a sorpresa per i futuri sposi Antonio e Claudia: oggi il fatidico "sì" nella Basilica

La notte prima delle nozze non si scorda mai. C'è chi la vive con un po' di ansia e c'è chi la vive con gioia, come nel caso di Antonio Iuliano e Claudia Minerva. Alla coppia è stata organizzata ieri sera una festa a sorpresa a Minori. Ad allietare la serata il cantante Lello Marino con la classica serenata...

Da Corfù alla Costiera Amalfitana: ecco la nave da crociera inaugurata 38 anni fa da Lady Diana

E' arrivata di buon mattino in Costiera Amalfitana, proveniente dalla Corfù, la lussuosa nave Artania, appartenente alla flotta della compagnia Phoenix Reisen. La nave, alle 6, era nella rada di Amalfi, mentre intorno alle 13 si avvicinava a Maiori. La Artania, che naviga attualmente sotto bandiera delle...

Quel terribile 9 maggio 1978. L'assassinio di Aldo Moro

di Sigismondo Nastri Il cadavere di Aldo Moro, assassinato dalle Brigate Rosse, fu fatto trovare il 9 maggio 1978 nel vano bagagli di un'auto - una Renault 4 rossa - parcheggiata a Roma, in via Caetani, nei pressi delle sedi della Dc e del Pci. Aldo Moro - ha scritto la figlia Agnese - "non si stancò...

Ventiquattro anni fa a Sarno la tragica alluvione che causò 137 morti: inaugurata mostra permanente per non dimenticare

A Sarno tra il 5 e il 6 maggiodel 1998 si consumò una delle più grandi tragedie italiane. Un'alluvione che coinvolse altri comuni limitrofi come Bracigliano, Siano e poi comuni di altre province come Quindici e San Felice a Cancello. In tutto ci furono 160 morti, di cui 137 solo a Sarno, con tremila...

A Maiori una scultura in memoria del giovane Carabiniere Francesco Calabretti

Sono passati più di dieci anni ma il ricordo vive ancora nel dramma di un incidente ancora oggi per noi inspiegabile. Si stava recando al lavoro Francesco Calabretti, giovane carabiniere originario di Taranto, in forza al nucleo radiomobile della Compagnia di Amalfi, quando un terribile incidente stradale...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.