Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 ore fa S. Quinto martire

Date rapide

Oggi: 18 dicembre

Ieri: 17 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Il Sottocosto di Natale da Euronics a Maiori e Positano alla Bottega di Capone I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLa cappella dei Santi Cosma e Damiano nella chiesa di San Matteo del Pendolo a Ravello

Ravello, al monastero di Santa Chiara riecco il flauto di Pantaleone Sammarco

Automobilismo, Pietro Giordano di Tramonti campione italiano Formula Challenge 2017

Pietà per i morti, rispetto per i vivi

Il Natale di tutti

Rinascita Ravellese: Di Martino illustra azione amministrativa di primi 18 mesi, Vuilleumier abbandona auditorium

Le salme di Vittorio Emanuele III e della Regina Elena portate in gran segreto in Italia

Da Original Marines Maiori per Natale in omaggio i giochi educativi Clementoni

Tramonti modello d'innovazione per smaltimento rifiuti, premio SMAU all'eccellenza nella Pubblica Amministrazione

Il Costa d'Amalfi torna alla vittoria: battuto il Sant'Agnello

«Stemma comunale usato per attacco politico» Vuilleumier ammonisce sindaco Di Martino e difende sua amministrazione

Maiori, beautycenter Bellessere si rifà il look: domenica 17 la riapertura

Da Facchinetti a Fogli, svelati i big di Sanremo 2018

Vento forte: a Pontone colonnina si stacca da campanile della chiesa, paura tra i residenti [FOTO]

Mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

Gli rubarono il Doblò: anche dalla Costiera colletta per restituire il sorriso ad Erasmo Amato

“Il sogno di Walt Disney” al Maiori Music Festival Christmas

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

Premio letterario Ravello Tales 2017 alla scrittrice inglese Lara Phillips

Ritirava e poi rivendeva i biglietti non obliterati, nei guai autista della Sita

Amalfi, Grand Hotel Convento seleziona 13 figure professionali per stagione 2018

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

La cappella dei Santi Cosma e Damiano nella chiesa di San Matteo del Pendolo a Ravello

Scritto da Salvatore Amato (Redazione), mercoledì 28 settembre 2011 13:03:15

Ultimo aggiornamento venerdì 30 settembre 2011 10:21:44

di Salvatore Amato - Oltre alla chiesa-santuario loro dedicata, i SS. Cosma e Damiano erano anticamente venerati a Ravello nella cappella della famiglia Del Forno della chiesa di San Matteo del Pendolo, che nel corso del Settecento mutò l'antico titolo in quello attuale di Santa Maria delle Grazie.

I Del Forno si affermano a Ravello nel corso del XIII secolo esercitando la professione di giudici, notai e, soprattutto, di medici. Quest'ultima attività, praticata a Ravello fino al Seicento, è sicuramente l'indizio principale della devozione verso i SS. Cosma e Damiano. Uno dei primi ad esercitare l'arte medica fu Marino de Furno, figlio del magister Bartolomeus, che nel 1249 era componente della corte baiulare di Ravello, retta in quell'anno da Ruggero de Ugulotta. Al dire di Matteo Camera, che gli dedicò alcune righe soffuse di lirismo, Marino professava l'arte di phisicus dal 1242, mentre, nel 1270, occupava la carica civile di giudice annuale di Ravello.

Morì nel 1277 e fu sepolto nell'atrio della Cattedrale di Ravello, probabilmente nella cappella di famiglia, dedicata a Santa Maria Maddalena, il cui epitaffio ricordava, appunto, che Marino diuturno tempore dum vixit, medicina dogmata dixit.

In quella cappella venne sepolto, dopo vent'anni, un altro medico della famiglia, Giacomo di Giovanni de Furno, arciprete della Cattedrale di Ravello e nipote di Marino. Dal suo testamento, scritto nel 1297, sappiamo che questo ramo della famiglia viveva nei pressi della chiesa di Santa Maria de Factirosis, situata un tempo dove oggi sorge il parcheggio di Piazza Duomo. Erede del medico Marino fu, invece, il figlio Angelo, che agli inizi del Trecento si stabilì nei pressi della chiesa di San Matteo del Pendolo.

La proprietà familiare venne ampliata nel 1369 dal figlio di questi, Gregorio, che acquistò da Masella Bove, vedova di Zottolo Acconciagioco, un grosso terreno con vigne, oliveto, case e cisterna, sempre nei pressi della chiesa di San Matteo.

Proprio in quella chiesa, nel corso del XIV secolo, come testimoniano gli affreschi ancora esistenti, la famiglia Del Forno edificò una cappella dedicata ai SS. Cosma e Damiano, patroni dell'arte medica, quella che i De Furno, da almeno un secolo, professavano nella città di Ravello e nei territori circostanti.

Alla fine del Trecento, infatti, medico era il magister Robertus, presente alla donazione di alcune proprietà al monastero di S. Chiara, situate proprio a San Matteo del Pendolo, mentre, nel 1429, Novello de Furno era medico - cerusico (chirurgo) di Ravello. Per l'anima di Novello veniva celebrata, alla fine del Cinquecento, una messa settimanale nella cappella dei Santi Cosma e Damiano, che, purtroppo, come risulta dai verbali della Visita Pastorale di Mons. Paolo Fusco del 1577, risultava desolatam et ruinatam, cioè in pessime condizioni.

Lo stato della cappella rifletteva quello dell'intera chiesa di San Matteo, che necessitava di urgenti restauri. Le condizioni di estrema povertà obbligarono il Vescovo di Ravello Antonio De Franchis, nel 1602, a chiedere ai parrocchiani di restaurare la chiesa e di provvedere alle suppellettili.

Intanto, come era già stato deciso nel 1588, al tempo della Visita Pastorale del Vescovo Emilio Scattaretica, la cappella dei SS. Cosma e Damiano perdeva il patronato e finiva nel dominio della parrocchia di San Matteo, vietando a chiunque, sotto la pena di una scomunica latae sententie, di rivendicarne il possesso.

La minaccia vescovile dovette risvegliare lo zelo dei patroni della cappella, che alla fine del Cinquecento fecero realizzare un dipinto raffigurante i SS. Cosma e Damiano.
Provvedimenti particolari vennero presi dal Vescovo Benni nel 1604, allorché ordinò di riporvi un dipinto, raffigurante i santi, collocato nell'altare maggiore.

L'ordine vescovile si riferiva al dipinto fatto realizzare da Giovanni Andrea del Forno, dottore in entrambe le leggi, e dai suoi fratelli medici Geronimo e Francesco, come appare dal suo testamento del 1602. Tra le ultime volontà di Giovanni Andrea, che designava come suoi eredi i nipoti Giacomo Antonio e Giuseppe, dei quali era tutore dal 1591, vi era quella di pagare tre ducati in tre anni al cappellano della "sua cappella", costruita nella chiesa di San Matteo del Pendolo. In essa bisognava fare il solaio, l' "astraco", aggiustare la fossa per le sepolture e, come già detto, collocarvi il dipinto sull'altare.

Tuttavia, essendo quella cappella angusta et antiqua, Mons. Benni ordina agli esponenti della famiglia Del Forno di realizzare un nuovo altare in una parte più comoda per la celebrazione delle messe. Il nuovo altare non era stato ancora edificato nel 1607, per cui il Vescovo Benni ne sollecita la costruzione entro tre mesi, sotto la pena della privazione del patronato della cappella e il conseguente trasferimento del nuovo dipinto nell'altare maggiore. Ma ancora volta l'altare non venne costruito e il 26 gennaio 1609 viene dato un ulteriore termine di sei mesi per la sua realizzazione.

A questo punto, dopo un'ennesima proroga, nel 1610 le celebrazioni che si tenevano nell'antica cappella vengono trasferite nell'altare maggiore.
Si profilava, così, la fine per quell'altare, la cui demolizione venne ordinata il 7 luglio 1612 dallo
dallo stesso Vescovo Benni.
Ma non venne eseguita, perché l'altare risultava ancora esistente nel 1617. Anche questa notizia è annotata in una Visita Pastorale, quella eseguita dal Vescovo Michele Bonsi. Il presule romano, dell'ordine dei Frati Minori Osservanti, nell'occasione aveva deciso di unire San Matteo del Pendolo a Sant'Andrea e a Santa Maria del Lago, mantenendo le celebrazioni festive e delle solennità in entrambe le chiese, da celebrarsi, però, stante eas vicinitate, una settimana in una chiesa e una settimana nell'altra.
Nel corso della visita gli amministratori della cappella di San Cosma supplicarono il Vescovo Bonsi di concedere l'edificazione di una nuova cappella, la cui realizzazione era stata già ordinata tredici anni prima, ma non era mai stata compiuta. Finalmente, dopo alcuni anni, il nuovo altare dedicato ai SS. Cosma e Damiano venne costruito a sinistra dell'altare maggiore da Ludovico Del Forno.

Anch'egli medico, era stato nominato amministratore dell'antica cappella di famiglia, insieme al fratello Giovan Pietro, fin dal 1602 dallo zio Giovan Andrea.
L'altare, però, non aveva rendite, se non le offerte elargite dai fedeli per devozione.
Tuttavia, agli inizi del Settecento, esso cominciava a dare segni di cedimento, per cui, nel 1727, veniva ordinato di fermare il marmo dell'altare e di coprirlo con l'incerata.
In questi stessi anni, per la presenza di un altare ad Ella dedicato, la chiesa di Santa Matteo del Pendolo assumerà il titolo di Santa Maria delle Grazie.
Da quel momento l'altare dei SS. Cosma e Damiano non risulta più menzionato, evidentemente in seguito ad una sua chiusura al culto, motivata dall'esiguità delle rendite e poi dal ridimensionamento del numero delle parrocchie di Ravello.

Nel 1812, infatti, la chiesa di Santa Maria delle Grazie verrà unita alla Parrocchia della Cattedrale, mentre, nel 1874, dalla relazione sulla visita dell'Arcivescovo Amalfitano Francesco Majorsini, si apprende che apparteneva alla "Beneficenza" pubblica, cioè amministrata dalla Congregazione di Carità.

Questa venne istituita con legge del 3 agosto 1862 in tutti i Comuni italiani, con lo scopo di unificare e razionalizzare gli interventi caritativi e di beneficenza delle Opere pie minori già operanti nel Comune.

Oggi, le ultime tracce di un affresco trecentesco raffigurante l'Agnus Dei che sormonta le immagini della Madonna e di San Cosma - la parte interessata dall'immagine di San Damiano è cancellata - sono l'unica testimonianza di quell'antico culto familiare.
Generazioni di medici, scriveva Matteo Camera, che hanno vissuto utilmente al bene dell'umanità, esercitando con zelo e carità l'arte "salutare".

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Il Natale di tutti

di Antonio Schiavo Come al solito, come ogni anno: la mattina del 23 dicembre ci si accorgeva che mancavano ‘e pagliente (il muschio). Tutto era già a posto: papà , novello Luca Cupiello, aveva passato tutta la sera precedente ad aggiustare una serie di lampadine a pisellini che, ormai già piazzata in...

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...

Luce e realismo nella pittura napoletana dell’Ottocento

di Paolo Spirito Ci sono due appunti nel taccuino di Giuseppe De Nittis, pubblicato nel 1894 a Parigi col titolo di "Notes e Souvenirs" e poi in Italia nel 1964 come "Taccuino 1870/1884", che meglio di qualunque altra espressione riassumono, attraverso la viva voce del pittore, la consapevolezza acquisita...