Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 21 minuti fa S. Lorenzo da Brindisi

Date rapide

Oggi: 21 luglio

Ieri: 20 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Ravello Festival 2018 #Ravello18 laltrolato, l'altro lato, barcatering, events, cocktail bar, wine selection, champagne, spirits corner, bottle hunting, bar in villa, eventi esclusivi, catering cocktail Auditorium Oscar Niemeyer a Ravello tutto il piacere dei grandi eventi in Costa d'Amalfi Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieL’Abbazia di Sant’Eutizio a Valcastoriana (Preci) in Umbria gioiello monastico benedettino: quale futuro?

Ravello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera Amalfitana Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Divin Baguette Maiori Costiera Amalfitana Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Storia e Storie

L’Abbazia di Sant’Eutizio a Valcastoriana (Preci) in Umbria, gioiello monastico benedettino: quale futuro?

Scritto da Alberto Quintiliani (admin), martedì 10 maggio 2016 15:00:34

Ultimo aggiornamento martedì 10 maggio 2016 15:04:35

Riceviamo e con piacere pubblichiamo una valida considerazione di Alberto Quintiliani, già collaboratore de Il Vescovado, sulle sorti dell'Abbazia di Sant'Eutizio, gioiello medievale nonché uno tra i più antichi complessi monastici in Italia. Come l'Umbria, anche il territorio della Costa d'Amalfi vanta una lunga tradizione monastica benedettina: risale, infatti, al lontano 1011 la fondazione dell'Abbazia della Santissima Trinità di Cava de' Tirreni ad opera di Sant'Alferio Pappacarbone; alcuni anni più tardi, nel 1086, quando papa Vittore III eresse Ravello sede vescovile, il primo vescovo della nuova diocesi fu il monaco benedettino Orso Papice così come, sempre a Ravello, era fedele alla regola benedettina l'antico monastero di San Trifone.

Finalmente, dopo averne sentito parlare in maniera "accorata" - e più sotto spiego i motivi per cui utilizzo questo aggettivo - dal mio amico carissimo Sergio Recchi di Norcia, grazie a lui ho avuto l'opportunità di visitare l'abbazia di Sant'Eutizio, che è un importante monastero, situato in Umbria nella Valcastoriana (comune di Preci), vicinissimo a Norcia. Prima di trattare alcune importanti criticità e problematiche in corso che riguardano il complesso monumentale, e che vengono descritte qui di seguito - per una migliore comprensione è indispensabile inserire qualche "pillola" di storia dell'Abbazia: questo antico complesso è ritenuto uno dei luoghi più importanti per il monachesimo occidentale. Qui a Piedivalle, in una zona isolata ma di grande valore paesaggistico, su di un dirupo che domina tutta la Valle Castoriana, si erge l'Abbazia di Sant'Eutizio, che è appunto uno dei complessi monastici più antichi d'Italia, un vero gioiello di arte, storia e cultura. La sua storia ebbe inizio nel V secolo quando nella Valcastoriana giunse un gruppo di monaci ed eremiti siriani, chiamati anche "Padri del Deserto", dando vita ad un primo insediamento monastico pre-benedettino. Questi padri, fra cui Spes ed Eutizio, si stabilirono nella valle prendendo dimora in alcune grotte artificiali, scavate in uno sperone di roccia, luogo ideale per vivere in perfetta solitudine e meditazione. Questo stile di vita suscitò ben presto ammirazione ed interesse tra gli abitanti, i quali si vollero unire alla loro comunità fondata sull'umiltà e sulla spiritualità, per assaporare un'esperienza unica. Nel 470 Santo Spes (latino di speranza) eresse, vicino ad una copiosa sorgente dalla quale ancora oggi sgorga l'acqua, un primitivo oratorio dedicato alla Vergine Maria. Soprattutto Eutizio, date le sue grandi virtù e la sua devozione, fu una figura molto importante per la comunità - che lo ricambiava con palpabile affetto - tanto che venne chiamato "l'evangelizzatore della valle". Gli abitanti - in segno di riconoscenza per la sua preziosa ed umile opera pastorale - eressero la chiesa in suo onore, dove il 23 maggio del 540, giorno della sua morte, vi furono deposte le sue spoglie. Ben presto il Monastero divenne meta di pellegrini e nel primitivo ingresso è ancora possibile notare la soglia consumata dalle ginocchia dei fedeli, che qui si fermavano in preghiera. Diverse personalità spirituali, come San Benedetto da Norcia e San Francesco da Assisi, sono state legate a questo luogo. E' da sottolineare inoltre come in questo monastero prese origine una importante scuola medico-chirurgica empirica, conosciuta sia in Italia e sia in Europa, specializzata negli interventi oculistici ed urologici, oltre alla pratica della medicina con l'utilizzo delle erbe officinali e di acque curative. Qui nel 1588 Cesare Scacchi, un chirurgo di Preci, operò alla cataratta la regina d'Inghilterra "Elisabetta I" e fu ricompensato con mille scudi d'oro. Fino a poco tempo fa l'Abbazia ospitava una piccolissima, ma attiva, comunità di monaci benedettini - che vivevano secondo la regola di San Benedetto "ora et labora" - impegnata a perseguire l'armonia del lavoro e della preghiera, di vicinanza ai fedeli ed all'attività pastorale della propria parrocchia, compresa la guida alla conoscenza e promozione del Monastero e del museo, in cui sono custodite le spoglie dei Santi Eutizio e Spes. Fino a poco tempo fa perché, per dirla con le parole di Sergio Recchi, questi "superstiti" monaci benedettini sono stati recentemente ed inspiegabilmente "cacciati" dal Monastero - ad opera del Vescovo di Spoleto - tra lo sconcerto ed il turbamento degli abitanti della valle e di tutta la vasta Comunità della zona e sostituiti con una sola, riduttiva ed "impalpabile" presenza part-time di un sacerdote, circostanza, questa, che ha connotato la vicenda con il sapore di una "messa in liquidazione" della struttura. Il Monastero, in "spregio" al suo nobile passato, alla sua bellezza, alla sua particolarità e misticità è stato pertanto "retrocesso" e relegato ad un ruolo non pertinente - e che non merita - come si fosse trattato soltanto di un vecchio, insignificante ed anonimo fabbricato senza gloria e senza storia. Naturalmente questo scritto rappresenta soltanto il "cappello" introduttivo, cui farà seguito l'analisi competente di Sergio Recchi, che ha vissuto con sofferenza sulla sua "pelle" tutte le vicende connesse a questo inopinato, inaspettato e non condivisibile "declassamento". Trattandosi di una "solitaria-discutibile" decisione del Vescovo di Spoleto, la parola di Sergio porterà notizie che cercheranno di chiarire il "mistero" che circonda questa decisione: esigenze di "spending review" o altro? Una cosa è peraltro - a giudizio di chi scrive - estremamente chiara: il decisionismo autoritario e solitario - senza una benché minima negoziazione-informativa - messo in campo dal Vescovo di Spoleto ha fatto "esplodere" un conflitto con la popolazione della valle e destinato a durare nel tempo, perché gli "Umbri" (e qui parlo direttamente in quanto umbro anch'io, anche se maiorese d'adozione) sono molto attaccati alla loro terra, ai loro tesori artistici, alla loro storia e tradizioni, valori questi difficilmente negoziabili senza un fine ritenuto giusto e condiviso.

Ma ecco quanto scrive Sergio Recchi di Norcia sull'argomento.
ll post del mio amico Alberto Quintiliani non necessita di alcun commento tanto esso è poetico e malinconico - ma soprattutto profondamente deluso - per quanto ha "realizzato in negativo" il Vescovo di Spoleto. Alberto mi chiede di chiarire il mistero che circonda la solitaria, inopinabile, misteriosa e non condivisibile decisione del Vescovo Boccardo di "cacciare" nel settembre 2015, la piccolissima comunità monastica dall'Abbazia di S. Eutizio, che in poco tempo aveva riprodotto il clima di pace, serenità ed operosità, che sono state nei secoli caratteristiche peculiari dell'ordine dei monaci benedettini. I monaci di S.Eutizio erano infatti circondati dall'affetto, dall'apprezzamento, stima e riconoscenza da parte di tutta la popolazione di Preci - nel cui comune ricade l'Abbazia - e di tutta la vallata. Dall'agosto 2015 - quando, tra l'incredulità generale, si apprese la notizia di questa drastica decisione della "cacciata" dei Benedettini - nella popolazione si diffuse un sentimento che, dall'iniziale sbigottimento e malessere, sfociò in un moto di rabbia repressa. La "stampa" locale, cui fece seguito anche quella nazionale, pubblicò la notizia commentandola in modo negativo, facendosi portavoce e cassa di risonanza delle proteste della comunità locale. Fu allora che mi appassionai alla dolorosa e irragionevole vicenda, "spalleggiato" anche dall'intera comunità, che mi incitava ad andare avanti per non sottostare a quello che era stato comunemente percepito come un vero e proprio autoritario ed arrogante sopruso, non correlato ad alcuna nota esigenza "tecnica", e nemmeno da motivazioni che avrebbero potuto chiarire da parte della curia vescovile la "materia del contendere". Per cercare di mettere luce su quanto accaduto ho iniziato allora ad intrattenere un fitta serie di messaggi certamente non benevoli - anche tramite facebook - con il Vescovo Boccardo, senza ricevere risposta alcuna. Analoga sorte hanno purtroppo ottenuto numerose missive indirizzate ad altre Autorità religiose e laiche (fra cui il notissimo critico d'arte Vittorio Sgarbi), al Cardinale Arcivescovo di Perugia e perfino al Santo Padre Bergoglio, fiancheggiato, in questa "crociata", dal consenso unanime dei miei conterranei, dalla comunità di "facebook" e dall'appoggio della stampa locale. Nel "silenzio assordante" del Vescovo, improvvisamente veniva pubblicato in un giornale un articolo (chiaramente suggerito) nel quale si affermava che i Benedettini con propria decisione avevano deciso di lasciare l'Abbazia ?!?. Il sito della Curia, nel minacciare azioni giudiziarie a tutela (mai verificatesi), ritenne di far pubblicare una corrispondenza fra il Vescovo e l'Abate Presidente della Congregazione Sublacense Cassinese (luogo di destinazione dei Monaci), nella quale quest'ultimo comunicava al Vescovo: "Prendendo atto del suo desiderio di dare una nuova configurazione alla realtà di S. Eutizio....." Questa affermazione rappresentava la prova lampante della non veridicità (come del resto avevano affermato gli stessi Monaci) di quanto sostenuto dal Vescovo circa l'autonoma volontà dei Monaci Benedettini di lasciare l'Abbazia. Era stato quindi il Vescovo ad "imporre" l'allontanamento dei Monaci, senza fornire al riguardo una qualche plausibile motivazione. Il finale di questa corrispondenza assumeva poi contorni grotteschi, laddove, con copiose "lacrime di coccodrillo" Il Vescovo si rammaricava ed esprimeva un dispiacere ipocrita per la partenza dei Monaci. Il dispiacere e la rabbia degli abitanti della vallata invece si manifestò concretamente nell'ultima Domenica di settembre, durante la S.Messa celebrata nell'Abbazia di S.Eutizio, quando il Sindaco di Preci, anche a nome degli abitanti del comprensorio, ritenne di esternare ai Monaci sentimenti di gratitudine e di profondo dispiacere, per la loro partenza, augurandosi che quella cerimonia avesse il sapore di un arrivederci e non certo di un addio. Nell'occasione apparve in tutta la vallata, compresa Norcia (città natale di S.Benedetto) perfino un manifesto funebre di rammarico e dolore dei Parrocchiani per la partenza degli amati Monaci Benedetti. Termino qui - e avrei moltissime altre "perle negative" da narrare su questo ed altri argomenti - ma il mio obiettivo, come portavoce della Comunità interessata, è soltanto uno: il ritorno "in Patria" degli apprezzati Monaci Benedettini (importante valore aggiunto dell'Abbazia) ed in subordine il ridimensionamento dell'autoritario Vescovo di Spoleto, sicuramente molto meno apprezzato dalla Comunità locale. Il Vescovo Boccardo - che tra l'altro è l'"assistente spirituale" del Presidente del Consiglio Renzi - oltre che per l'importante vicenda di cui trattiamo - sembra essere in perenne "cortocircuito", con il territorio affidatogli e lontano "anni luce" dalla cultura, tradizioni e caratteristiche umane di quelle che dovrebbero essere le sue "pecorelle". Chi può ci dia una mano!
Sergio Recchi

*************
Mie personali riflessioni finali:
(di Alberto Quintiliani) Su un piano strettamente personale posso affermare - visitando il Monastero - che ne sono restato affascinato: quel luogo solitario, silenzioso e suggestivo - dove sembra che il tempo si sia fermato - è permeato di mistero e nostalgia; si provano sensazioni contrastanti e si respira un'aria particolare, intrisa di storia, religione, misticismo, arte, pace e serenità, che invita alla raccolta meditazione. Chiudendo gli occhi ti senti catapultato nel passato, fuori dal fracasso e dalle incongruenze della vita "moderna" e, fantasticando, ti sembra di sentire, tra il frusciare leggero del vento, i passi felpati dei monaci, cori celestiali, insieme ai suoni della natura e sospiri appartenenti ad epoche che si perdono nella notte dei tempi, respirando una benefica e nostalgica "polvere di memoria"!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Le bombe su Amalfi e quelle 11 vittime nella notte del 18 luglio 1943

"Nella notte del 18 luglio 1943, verso mezzanotte, la campana del Duomo cominciò a battere i lenti e sinistri rintocchi dell'allarme. Durante il bombardamento di Salerno, un aereo americano sganciò su Amalfi (piazza Flavio Gioia e in Via Mansone, fin quasi alla scala del Duomo) cinque bombe che provocarono...

La Saggezza di un Popolo (39): "Addò e fatto ‘state fai pure vierno"

di Antonio Schiavo Sorry my yankee Director. Adesso con il nostro Direttore, che si divide tra l'Annunziata e Central Park, bisogna conoscere l'inglese per scrivergli e per scusarsi del ritardo con cui, nonostante la buona volontà, facciamo passi in avanti nel cammino a ritroso nella memoria collettiva...

Addio a Ottavio Amato, pioniere dello scautismo ad Amalfi

di Sigismondo Nastri Nella tranquillità della sua casa, in una calda giornata di sole, circondato dagli affetti familiari, ha concluso il suo cammino terreno Ottavio Amato. Amico dai tempi lontani dell'infanzia, come lo erano i suoi fratelli, in particolare Angelo, che fece un po' da chioccia a me e...

Cronaca da quelle macerie nel cuore di Maiori [VIDEO]

di Sigismondo Nastri Il Vescovado ha ricordato una terribile vicenda di trent'anni fa: il crollo di un'ala del palazzo D'Amato, al corso Reginna di Maiori, che provocò sei vittime innocenti tra gli abitanti dello storico edificio, uno dei più belli della cittadina. Vi rimasero uccisi anche i due malfattori...

Maiori, trent'anni fa il crollo del palazzo che spezzò sei vite innocenti [VIDEO]

Era il 27 giugno 1988 quando un boato terrificante svegliò Maiori. Un palazzo sul corso Reginna era crollato, spaccandosi letteralmente in due, provocando sei vittime. Sono passati esattamente trent'anni da quella tragedia, ma il ricordo è ancora vivo in chi vi assistette. Erano le 3 del mattino circa...