Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 24 minuti fa S. Antonio abate

Date rapide

Oggi: 17 gennaio

Ieri: 16 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieL'Abbazia di San Trifone nella storia di Ravello /VIDEO

Porto di Salerno, conclusa la fase di sperimentazione: si all’uscita delle navi anche di notte

OneMorePack, al via il concorso di creative packaging design

Unisa, 18 gennaio convegno di studi "Cittadinanza, cittadinanze e nuovi status"

Al Turistico di Minori si rilascia la patente europea per computer. Corsi aperti anche ad esterni

A Tramonti la festa di San Sebastiano, protettore dei Vigili Urbani

Da Comune di Ravello contributi a sostegno dell'agricoltura, 27 gennaio incontro con operatori

Ravello-Costa d’Amalfi mancata capitale della cultura: cosa non ha funzionato?

Il mondo dell'arte dice addio a Cosimo Budetta

2018 Anno europeo del patrimonio culturale, Centro Universitario di Ravello ancora protagonista

Costa d'Amalfi, cercasi autista per NCC

Amalfi, struttura extralberghiera cerca addetta alle pulizie

Minori, 28 gennaio nuova replica del Proscenio con “Natale in Casa Cupiello”

“Non è tutto merito della cioccolata” di Pietro Ravallese e “Note di Cucina Salernitana” di Alfonso Sarno allo Yachting Club di Salerno

Disservizi segnale Rai, sindaco Andrea Reale incontra dirigenti Ministero Sviluppo Economico

Marina d’Arechi, cresce sui mercati internazionali l’interesse per il nuovo porto turistico di Salerno

Salerno, un nuovo indirizzo di studio all'Istituto Nautico: “Pesca Commerciale e Produzioni ittiche”

Causò incendio in cui morì la madre, condannato 53enne di Tramonti

Ambiente. Sorrento, consegnata una videocamera subacquea alla Guardia di Finanza

“Capitale della cultura” si diventa. Senza prevaricazioni né gelosie

Baby gang, l’allarme di Lembo: «Serial Tv non formano coscienza civile» [VIDEO]

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Storia e Storie

L'Abbazia di San Trifone nella storia di Ravello /VIDEO

Scritto da Salvatore Amato (Redazione), giovedì 10 novembre 2011 00:17:49

Ultimo aggiornamento venerdì 11 novembre 2011 17:40:09

di Salvatore Amato - La comunità parrocchiale di S. Maria del Lacco celebra oggi, giovedì 10 novembre, la memoria liturgica di San Trifone e domani, 11 novembre, quella di San Martino: l'uno titolare dell'antica chiesa del cenobio dedicato alla SS. Vergine Maria e ai Santi Trifone e Biagio e l'altro della chiesa omonima, attualmente cappella cimiteriale.

E' da qualche anno che il locale comitato per i festeggiamenti ha voluto ricordare i due Santi: un appuntamento che si è dunque rinnovato e che offre l'occasione di fare memoria di una delle istituzioni monastiche più in vista della civitas ravellensis nei secoli dell'Età di Mezzo.

Ad onor del vero l'ubicazione dell'antico cenobio di S. Trifone non era nel cuore politico e religioso della città, ma a settentrione, in una zona segnata, oltre dai tipici vigneti e castagneti, anche da una via pubblica, da grotte e da terre non messe a coltura. Tuttavia, alla stregua di tanti monasteri dell'ordine benedettino che operavano nella Costa d'Amalfi, riuscì ben presto ad assumere una posizione di assoluto rilievo nell'organizzazione spirituale e socio-economica del territorio.

Ne è testimonianza significativa un documento del 1096 che ha la rara particolarità di non recare nel protocollo il nome dell'autorità regnante, forse a causa della semi indipendenza ottenuta dal ducato di Amalfi nello stesso anno, con l'insediamento del duca Marino.

In quell'occasione l'intera comunità ravellese, che aveva un parziale diritto di proprietà sul cenobio benedettino, offriva all'abate Pietro il monte con la località Peperone e l'annessa chiesa di San Michele Arcangelo. Tale località si trovava nella parte nordorientale del monte Cerreto e i suoi confini toccavano il territorio di Scala. Poiché si trattava di un'area non ancora del tutto colonizzata, i ravellesi ne affidarono l'organizzazione agricola e produttiva al monastero. Per la semina, la clausola prevedeva l'utilizzo di una forza lavoro che dovesse provenire esclusivamente dalla città di Ravello.

A questa condizione si accompagnava anche la licenza, per la comunità ravellese, di produrvi il fieno, di tagliare la legna e di raccogliere la quarta parte delle castagne da consegnare al Vescovo. Ci si augurava così, attraverso la politica agraria praticata dal cenobio, che il terreno potesse fruttare e rispondere tanto al fabbisogno del monastero quanto all'esportazione.

Ben presto l'abbazia di San Trifone consolidò anche i rapporti con i signori normanni di Capua che si concretizzarono in un'altra concessione, avvenuta nel novembre 1113, allorquando Giordano, col consenso del fratello Roberto, principe di Capua, su richiesta dell'abate di San Trifone Leone, concedeva al monastero ravellese la giurisdizione sull'abbazia di Sant'Egidio, nell'attuale territorio di Sant'Egidio del Monte Albino, e sui beni che essa possedeva.

Parimenti, il principe Capuano donava allo stesso abate tre appezzamenti di terra nel territorio di nucerie, di cui il secondo era situato nel luogo detto sancto Laurentio, confinante nella parte meridionale con la via stabiana, importante arteria stradale romana, e nella parte orientale con le proprietà del monastero di San Benedetto (di Montecassino?).

Il cenobio ravellese, infine, attraverso il preposto di Sant'Egidio, doveva garantire l'accoglienza e l'ospitalità a chiunque avesse bussato alla porta di quel chiostro.

Lo sfruttamento e la coltivazione delle terre non era la sola attività economica del monastero; oltre a questa, altre attività redditizie erano la pesca e il commercio.
La pesca era esercitata attraverso delle modeste imbarcazioni dette "vascelli", libere da qualsiasi onere tassativo e parcheggiate presso le spiagge di Minori, di Castiglione e a Bisceglie, in Puglia.

Tali imbarcazioni non erano solo adibite alla pesca ma anche al commercio dei prodotti agricoli, che gli immensi patrimoni fondiari garantivano e che erano venduti nei numerosi punti di vendita, detti planche o conservati in botteghe dette apothecae. Il monastero di San Trifone, oltre a vendere i suoi prodotti nel territorio amalfitano, era presente sui mercati di Nocera e di Bisceglie.

Un altro investimento tipico del nostro monastero e dei maggiori enti monastici amalfitani era il possesso di mulini, presenti lungo i principali corsi d'acqua del ducato. Legati nei secoli centrali del Medioevo alla trasformazione dei prodotti agricoli, i mulini comportavano un grosso investimento di capitali che solo grandi istituzioni potevano sostenere.

Così San Trifone possedeva mulini a Minori nella località Pummecara attraversata alla fine del XII secolo dal torrente Acqua Verrana, nel territorio di Castelluccio di Sauri in provincia di Foggia e a Symen (?), sempre in Puglia.

Intanto, mentre i possedimenti abbaziali nel territorio regnicolo venivano confermati da Federico II nell'agosto del 1231, non pochi erano i legati testamentari che i ravellesi, residenti e non, offrivano al cenobio di San Trifone e alle altre istituzioni monastiche dell'ordine di San Benedetto.

Se da un lato questi cenobi erano chiamati ad occuparsi dell'amministrazione dei vasti patrimoni fondiari che avevano costituito, dall'altro bisogna pur dire che esse non vennero mai meno alla funzione per cui erano state fondate e contribuirono in maniera determinante alla nascita della diocesi di Ravello.

L'elezione del monaco benedettino e forse abate di San Trifone Orso Papice a primo vescovo di Ravello, nel 1086, la dice lunga sul ruolo giocato dall'ordine di San Benedetto nella vita cristiana della città.

I rapporti tra il vescovado di Ravello e le abbazie cittadine vennero regolamentati ben presto dall'autorità pontificia che nel 1182, attraverso una bolla di papa Lucio III, sottopose i tre monasteri ravellesi di San Trifone, della SS. Trinità e di Santa Maria di Castiglione alla giurisdizione vescovile. Di qui l'obbligo per l'abate di San Trifone a comparire ogni anno, il 15 agosto, festa dell'Assunta, titolare della Cattedrale, dinanzi al Vescovo per prestare obbedienza.

I presuli ravellesi, in virtù dei poteri acquisiti, iniziarono a rappresentare abati e badesse negli atti privati riguardanti concessioni di beni. È il caso, ad esempio, del vescovo Giovanni Allegri, quale procuratore dell'abate di San Trifone, nel 1293, confermava a Nicola Leporano e ai suoi eredi, un pezzo di terra che essi detenevano dalla chiesa di Sant'Egidio, con l'obbligo di dare al rettore della chiesa ogni anno, a Natale e a Pasqua, una gallina e una spalla di maiale.

Nel caso specifico di questo documento è da ritenere che la rappresentanza legale del monastero da parte del Vescovo, debba essere ricondotta ai tumultuosi rapporti che alla fine del XIII secolo correvano tra l'abbazia di san Trifone e il vescovado.

Nel 1290, infatti, l'abate Benedetto, nonostante la sospensione commutatagli dal vescovo Giovanni Allegri, aveva celebrato ugualmente nella festa della Santa Croce, di San Angelo, dell'Ascensione e della Pentecoste.

A conferma del forte stato di tensione tra l'episcopio e il monastero interviene la bolla di Clemente V del 1310, che per riportare sulla retta via vari religiosi ribelli, ordina che qualunque prelato appartenente a qualsiasi ordine osservi gli interdetti emanati dalla Sede apostolica, secondo le regole della loro chiesa e cattedrale.

Erano tempi difficili per il monachesimo tradizionale, che dalla seconda parte del XIII secolo, aveva visto anche l'accentuarsi del fenomeno della rarefazione delle vocazioni monastiche sia maschili che femminili.

Fu questa la sorte che toccò al monastero di Santa Maria di Castiglione, che essendo rimasto privo di religiose, fu interdetto nel 1452 da papa Niccolo V e i locali, i beni e le rendite vennero assegnate al capitolo della Cattedrale il 17 dicembre 1453.

In aggiunta, le vicende e le guerre che colpirono il Regno, coinvolgendo i paesi costieri, schierati per l'una o l'altra fazione, colpirono duramente la vita monastica e molti conventi vennero saccheggiati e usurpati dalle milizie che imperversavano nel ducato amalfitano.

Vani furono i tentativi degli abati di ristrutturare le antiche fabbriche monastiche. Ci aveva provato anche Tommaso de Fuscolo, abate di San Trifone, che nel 1415 aveva tentato la vendita di un ospizio di case del monastero. La riparazione non sarebbe convenuta a nessuno perché anche se il complesso fosse stato ben riadattato, non avrebbe reso neanche un tarì, a causa della diminuzione della popolazione di Ravello. Erano gli ultimi istanti della vita dell'insigne cenobio.

Nel 1438, durante il saccheggio generale della città operato da una masnada aragonese, il cenobio fu indebitamente occupato dal generale Angelo Calvi di Penne che vi dimorò coi suoi militari. L'abate Tommaso e i monaci furono espulsi, e la vita cenobitica tra quelle sante mura finì per sempre. "Uno dei benedettini scampati alla ferocia degli armigeri, avrebbe posto in salvo una sacra reliquia conservata da tempo immemorabile nell'abbazia: un braccio di S. Trifone. Portate al sicuro nella vicina Tramonti, nella grancia di Capitignano, da qui, negli anni successivi, nel più gran segreto, le reliquie sarebbero state celate in un ripostiglio nella chiesa di S. Maria Assunta del casale vicino di Cesarano."

Fu dunque breve la vita della comunità monastica di S. Trifone, durata appena quattro secoli.

Nonostante ciò "da tutte queste voci del passato - ha scritto Gregorio Penco - giunge però un richiamo che la lunga fuga dei secoli non riesce a disperdere completamente: sono le voci di tante anime che, nella scuola del servizio divino, hanno indicato alle genti la via da percorrere e, pur in marcia verso la Città di Dio, hanno contribuito all'edificazione della Città dell'uomo su questa terra."

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

Galleria Video

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

La Costituzione compie 70 anni, in vigore dal 1° gennaio 1948

La nostra Carta Costituzionale compie settant'anni. Firmata il 27 dicembre del 1947, dopo 18 mesi di lavoro dell'Assemblea Costituente, dall'allora Capo Provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, in una sala di Palazzo Giustiniani è entrata in vigore il primo gennaio del 1948 con i suoi 139 articoli...

Il Natale di tutti

di Antonio Schiavo Come al solito, come ogni anno: la mattina del 23 dicembre ci si accorgeva che mancavano ‘e pagliente (il muschio). Tutto era già a posto: papà , novello Luca Cupiello, aveva passato tutta la sera precedente ad aggiustare una serie di lampadine a pisellini che, ormai già piazzata in...

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...