Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Nicola di Bari

Date rapide

Oggi: 6 dicembre

Ieri: 5 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Natale Adesso! Prenota adesso il tuo panettone artigianale firmato Pansa, dal 1830 patrimonio della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeConnectivia Back To School, l'offerta dedicata alle famiglie e agli studentiMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaIl Panettone artigianale della Pasticceria Gambardella, da oggi a portata di click. Gambardella, Minori, Costiera AmalfitanaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieJackie Kennedy, quell'agosto del 1962 il mito a Ravello [FOTO-VIDEO]

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i panettoni artigianali realizzati dal Maestro Pasticcere Sal De Riso. Da oggi a portata di Click

Storia e Storie

Jackie Kennedy, quell'agosto del 1962 il mito a Ravello [FOTO-VIDEO]

Scritto da (Redazione), martedì 8 agosto 2017 09:34:58

Ultimo aggiornamento sabato 8 agosto 2020 07:16:18

di Emiliano Amato

Era l'8 agosto del 1962 quando la first lady d'America, Jacqueline Kennedy, scelse Ravello per le sue vacanze italiane. Giunse a bordo di un aereo privato all'aeroporto di Pontecagnano per poi raggiungere, in auto, la "Divina".

Con i figlioletti John John e Caroline, la sorella, il cognato e un seguito composto dalla bambinaia e dalla segretaria, era scortata dai mezzi della polizia e da due uomini del suo servizio di sicurezza. Jacqueline arrivò in una raggiante Ravello, accolta dalla banda e dalla folla festante, a soli tre giorni dalla morte sospetta di Marilyn Monroe.

Soggiornò per tre settimane, fino al 31 di agosto, a Palazzo Episcopio, antica dimora di proprietà dei Duchi di Sangro, già residenza di Vittorio Emanuele III.

A Ravello ricevette la cittadinanza onoraria dall'allora sindaco Lorenzo Mansi e le fu dedicato uno spettacolo di balli folkloristici, tenuto da piccoli e giovani figuranti ravellesi in piazza Vescovado. In quella occasione anche i graziosi John John e Caroline indossarono gli abiti tipici da "Tarantella".

Durante le tre settimane italiane la Kennedy, coccolata dalla governante di Villa Episcopio, la signora Flora Mansi e dalle figlie Margherita e Maria, durante il giorno preferiva recarsi al mare a Conca dei Marini, presso la residenza dei D'Urso, famiglia legata all'avvocato Agnelli da un'amicizia di vecchia data. Fu proprio in quella circostanza che avvenne il primo incontro tra il capitano dell'industria italiana e la First Lady d'America.

In quei giorni l'Avvocato si mise a completa disposizione di Jacqueline, accompagnandola in giro per la Costa d'Amalfi. Durante le loro uscite i due vennero spesso immortalati assieme; lui nelle sue impeccabili mise marinare, e lei con lo charme che faceva tendenza negli anni della Dolce Vita.

Aveva trentatré anni Jakie, ed era bellissima. Ogni mattina prendeva posto su una Fiat 600 decappottabile messa a sua disposizione dalla Fiat, e si recava ad Amalfi per praticare lo sci nautico, sport che prediligeva. A bordo del mitico "Veliero Blu" ormeggiato alle banchine del porto, o mentre era seduta al tavolo del bar San Domingo, in Piazza Vescovado, per un after dinner era sempre con lui: Gianni Agnelli.

La notizia di quella assidua frequentazione fece subito il giro del mondo e la stampa americana vi cucì intorno la trama di una love story, versando fiumi d'inchiostro sulle pagine di cronaca rosa. Gli ingredienti per lo scoop c'erano tutti: il fascino di entrambi i protagonisti, la bellezza dello scenario che li ospitava, il sapore mondano e spensierato dell'estate ravellese di quegli anni, gli sguardi e i sorrisi reciproci rubati dall'obbiettivo indiscreto di qualche fotografo, autorizzati a "scattare" soltanto con i tavoli dei bar sgombri da bicchieri.

L'Avvocato pernottava spesse volte a Villa Episcopio, dove avevo persino una stanza tutta per sé. E non appena la notizia giunse all'altro capo del mondo, il giornalista americano Edward Klein fu il primo a dare l'annuncio che tra Agnelli e la Kennedy era sbocciata una love story. I due finirono così nel mirino dei paparazzi che scattarono una foto dietro l'altra, mentre si scatenavano le fantasie dei cronisti.

In un tale clima, il marito di lei, il presidente degli Stati Uniti John Kennedy, non poté rimanere a lungo all'oscuro dei fatti.

E quando questa storia superò il limite della sua pazienza, ordinò alla moglie di rientrare a casa: "More Caroline, less Gianni" ("Più Caroline, meno Gianni"), recita il laconico ma eloquente messaggio inviato a Jackie. Così si concluse il primo viaggio italiano della first lady e con esso anche una tra le love story che hanno maggiormente appassionato i curiosi di tutto il mondo. Per anni questa storia rimase puro pettegolezzo, fino a quando lo scrittore americano Gore Vidal (imparentato con la Kennedy), nel 2005, in procinto di lasciare definitivamente Ravello, ci confidò che ci fu realmente qualcosa più di un flirt tra Gianni Agnelli e Jacqueline Kennedy.

Mentre la First Lady, rientrata in America, dopo poco più di un anno vide suo marito morire e non tornò mai più a Ravello, l'Avvocato ha continuato ad essere ospite fisso della Perla della Costiera per tutta la sua vita. L'ultima visita risale al 2001, quando giunse da Amalfi, tappa di una minicrociera a bordo del panfilo rimorchiatore "F-100", successore dell'altrettanto celebre "Veliero Blu", con la moglie Marella ed un giovanissimo John Elkann.

Una visita breve, in ogni caso quanto basta per godere di nuovo della bellezza e dell'unicità del posto, ma soprattutto per rivedere, in quella che a sua insaputa sarebbe stata l'ultima volta, quel luogo a lui tanto caro, magnifico scrigno di ricordi indelebili.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

Galleria Video

rank:

Storia e Storie

I giorni dell'arcobaleno: Furore raccontata per immagini

di Raffaele Ferraioli* Erano i giorni dell'arcobaleno... Correvano i primi anni ottanta e a Furore cominciavano ad essere d'autore alcuni muri fra i tanti che costituiscono il paese verticale. Giunse da Parma, ospite gradita, per partecipare a una delle prime edizioni dell'evento Muri in cerca d'Autore,...

Re Maradona colorò d'azzurro il cielo d'Italia: poesia del calcio

di Giuseppe Gargano Era la tarda primavera del 1987: il Napoli vinceva il suo primo scudetto con una giornata di anticipo. Si stava preparando la festa al San Paolo per l'ultima partita da giocare con la Fiorentina. L'indimenticabile Alfonso Iovane mi convocava nella sua tipografia di Atrani, mi faceva...

Santa Trofimena del 27 novembre, tra fede, leggenda e tradizione

di Gabriele Cavaliere Sin dalle origini Santa Trofimena è stata una santa estremamente "girovaga". Nata a Patti, in Sicilia, nel III secolo, all'età di dodici anni fu promessa in sposa ad un uomo pagano, contro il proposito della fanciulla di vocarsi a Dio. Fuggita di casa ed inseguita dal padre, si...

Quando ci hai fatto battere il corazón

di Antonio Schiavo Partimmo in tanti da Ravello, forse dieci macchine, in una calda serata di agosto. Beh serata per modo di dire: la partita cominciava alle otto e mezza ma noi eravamo sulla tangenziale già alle quattro. Era la sua prima partita ufficiale con la maglia azzurra, quella divisa che ci...

«Io che ho avuto l’onore di marcare Maradona, il più grande di tutti»

Da un'ora la notizia della morte di Diego Armando Maradona sta facendo il giro del mondo. Immediatamente si riavvolge il nastro dei ricordi e il pensiero va alla seconda metà degli anni Ottanta, quelli del grande Napoli. Vincenzo Torrente, storico difensore e capitano del Genoa dal 1985 al 2000, nativo...