Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Lorenzo da Brindisi

Date rapide

Oggi: 21 luglio

Ieri: 20 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieIl Procuratore della Giudea

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Storia e Storie

Il Procuratore della Giudea

Scritto da Mimmo Della Monica (Redazione), venerdì 3 aprile 2015 10:03:22

Ultimo aggiornamento venerdì 3 aprile 2015 10:03:22

di Mimmo Della Monica

Il procuratore della Giudea, Ponzio Pilato, quel giorno di primavera dell'anno di Roma 786, era particolarmente adirato con gli ebrei.

Arrivato da pochi giorni a Gerusalemme, proveniente dalla sua residenza ufficiale di Cesarea, doveva presiedere ai tradizionali festeggiamenti della Pasqua giudaica. Quest'ultimo era un compito che assolveva di malavoglia da sette anni, da quando era stato mandato da Tiberio a governare quella difficile regione. Mal sopportava, Pilato, quelle manifestazioni religiose che riteneva inutili e chiassose; anche quelle che si celebravano a Roma, dove era solito dileggiare i sacerdoti. Egli credeva solo in due cose: la grandezza di Roma e la sua ambizione di carriera e di successo.

Nel corso dei suoi sette anni di governo, Pilato si era più volte scontrato con gli ebrei, manifestando antipatia e disprezzo: la questione delle insegne, dell'acquedotto, degli scudi di Cesare nel Pretorio. Ma alla fine i rimproveri di Tiberio lo avevano indotto a cedere, contribuendo a peggiorare le sue relazioni con quei sudditi i quali non perdevano occasione per fargli pesare i limiti dei suoi poteri.

Uomo difficile, Pilato non poteva ammettere che la maestà di Roma dovesse piegarsi ad ogni occasione agli stravaganti usi giudaici.

Probabilmente malediceva il giorno in cui Pompeo aveva risposto alla richiesta di aiuto di quel popolo; probabilmente malediceva il giorno in cui Tiberio lo aveva spedito in quella regione.

Pilato ha un diavolo per capello. E' appena arrivato e già i sacerdoti del Sinedrio gli hanno rifilato un caso apparentemente semplice all'inizio, ma che ben presto si è rivelato una grossa gatta da pelare. Si sente preso in trappola, come schiacciato da un problema più grande di lui.

Prova simpatia per quel giovane falegname di nome Gesù, dal portamento austero; lo ritiene innocente, il presunto delitto non riguarda la giustizia di Roma perchè il prigioniero pensa ad un regno religioso. Ma se egli libera quel giovane e gli ebrei protesteranno ancora, è certo che riceverà l'ennesimo rimprovero da Tiberio, e questa volta potrebbe essere decisivo per la fine della sua carriera. Ma non dispera, farà di tutto per salvare quel giovane falegname. E poi c'è Claudia, sua moglie: giorni prima, accompagnata dal fedele centurione Flavio, ha avuto modo di ascoltare la parola di quel giovane: in piedi, sul crinale di una collina, tra una moltitudine lì giunta da ogni parte della Giudea e oltre, c'era gente venuta anche da Sidone e Tiro, quel giovane aveva pronunciato parole mai ascoltate prima. Ne era rimasta colpita, turbata, affascinata. Da molte ore è ossessionata da un sogno fatto la notte precedente, e lo supplica continuamente di liberare quel giovane.

In attesa del prigioniero, Pilato dall'alto della Torre Antonia guarda le strette vie adiacenti intasate di gente e percorse da un brusìo ininterrotto, sovrastato dai richiami dei venditori d'acqua e dai belati delle greggi spinte verso il tempio.

E' comparso il vento: insieme ad una polvere sottile solleva gli aromi dell'incenso e dei cibi delle cucine all'aperto. Nubi nere e gravide di pioggia, a ondate, divorano i brevi squarci di sereno.

Finalmente arriva il prigioniero. Adesso il procuratore lo guarda attentamente. Ciò che più lo colpisce è il portamento di quel giovane, percosso e sanguinante. Non parla, non si lamenta, non si ribella.

Adesso si odono le urla della folla ammassata alla porta del Pretorio e aizzata dai Sinedriti: "A morte! A morte!"

Pilato fa cenno al prigioniero di seguirlo ed esce; con la mano alzata fa cenno alla folla di tacere. Un gelido silenzio scende sul Pretorio. Gli sguardi di tutti sono appuntati sul procuratore, ansiosi di conoscere il verdetto.

"Per me quest'uomo non ha nessuna colpa. E' innocente."

Dalla piazza si leva un unico, lacerante urlo: "Crocifiggilo!" E subito dopo un boato di grida ostili e implicite minacce : "Se lo liberi non sei amico di Cesare!"

Quest'ultimo grido ha su Pilato l'effetto di una scudisciata.

Gli ebrei hanno colto nel segno: il procuratore per un attimo rivede gli episodi delle insegne, dell'acquedotto, degli scudi di Cesare nel Pretorio.

Se non condanna quel giovane, Tiberio, pressato dalle proteste degli ebrei, troncherà definitivamente la sua carriera. E si arrende.

Ma non vuole rinunciare ad un'ultima sfida. Il volto tirato, Pilato ordina che gli vengano portati una brocca d'acqua, un catino e un panno di lino.

Poi, scandendo lentamente le parole: "Mi lavo le mani del sangue di questo giusto. Sono affari vostri."

Un urlo rabbioso lacera l'aria: "Il suo sangue ricada su di noi e su i nostri figli!"

E' la fine. Pallido in volto, Pilato ordina di portare via il prigioniero.

Poco dopo, dall'alto della fortezza segue il corteo che si dirige verso il Golgota.

Un misto di rabbia e impotenza scuote il suo animo. E' talmente assorto che non si avvede della presenza della moglie. La voce di Claudia è tagliente :"Hai fatto male a cedere ancora una volta. E' stata commessa un'atroce ingiustizia."

La fronte solcata da rughe, pallido, Pilato ha un breve sussulto: "Taci. Non avevo scelta. Non pensi alla mia carriera? E poi, vedrai, tra qualche giorno nessuno si ricorderà più di quel giovane falegname."

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

La festa della Maddalena ad Atrani tra cultura, musica e... sarchiapone

di Alfonso Bottone C'è aria di festa lungo le viuzze e tra le mura bianche delle case di Atrani. Gli atranesi si preparano infatti a ricordare la loro protettrice, Santa Maria Maddalena. Una ricorrenza che avrà un sapore diverso, che segnerà uno spartiacque nella storia delle celebrazioni di questa festività,...

"‘O buono o fai fesso, ma ‘o fesso nun o fai maje capace": la saggezza di un popolo (43)

di Antonio Schiavo Se l'Accademia della Crusca, la più alta e prestigiosa istituzione nazionale a tutela dell'italiano, comprese tutte le sue evoluzioni susseguitesi negli anni, ritiene di dover pubblicare il "Vocabolario del Dialetto Napoletano" di Emanuele Rocco (4 volumi), vuol dire che questo dialetto...

Raffaella La Crociera, la bambina malata che prima di morire aiutò gli alluvionati con le sue poesie

di Patrizia Reso Quando si parla di storia, ci sono infiniti risvolti che non conosciamo; è solo per un caso fortuito a volte o per una ricerca accurata se ne veniamo a conoscenza. Questo vale anche per la storia della nostra città. Tutti sappiamo della disastrosa alluvione che colpì il salernitano nel...

Da Erchie ad Agerola in una notte d’estate, l’ultima transumanza in Costiera Amalfitana [FOTO]

di Emiliano Amato Una pratica ancestrale che ancora resiste all'economia turistica e si ripete in Costiera Amalfitana. Un evento unico sulla strada principale della Divina, con 300 tra capre e pecore che riscendono la collina sopra il villaggio di Erchie per iniziare la loro migrazione verso Agerola....

L'estate amalfitana all'inizio del Novecento

di Sigismondo Nastri La stagione balneare in Costiera amalfitana, all'inizio del Novecento, scorreva tra"chiasso, rumore, flirts", più o meno come avviene oggi. Nonostante ciò, rilevava Cesare Afeltra sul Piccolo del 19 agosto 1921,"Amalfi resta il luogo che accorda tutti i riposi e tutti i conforti"....