Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 minuti fa S. Costanzo martire

Date rapide

Oggi: 12 dicembre

Ieri: 11 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieIl poeta Galante in Costiera Amalfitana

Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

Il poeta Galante in Costiera Amalfitana

Scritto da (Redazione), mercoledì 24 dicembre 2014 20:38:50

Ultimo aggiornamento mercoledì 24 dicembre 2014 20:38:50

di Antonio Porpora Anastasio

Il primo volume dell'antologia di poesia napoletana di Giovanni Sarno Un secolo d'oro (Napoli 1968) si chiude con sei poesie di Pasquale Galante. Il secolo di riferimento è 1860-1960, vale a dire dall'anno di nascita di Salvatore di Giacomo alle due raccolte di poesie napoletane del Galante: 'A luce d' 'e ccose... (Napoli 1955) e 'o Specchio antico (Napoli 1961).

Nato il 13 dicembre 1891 a Margherita di Savoia, Pasquale Galante, di professione gioielliere, giunge alla poesia in età matura dopo una crisi psichica seguita alla perdita dell'amatissima moglie. Questo dolore gli schiude le porte della visione artistica, di qui la necessità di esprimere in termini più alti ciò che vede e ciò che sente.

Dal 1953 partecipa a concorsi di poesia, con premi e riconoscimenti in tutta Italia, e le sue poesie sono presenti in quotidiani, periodici e in antologie letterarie italiane ed estere.

Il successo della sua poesia è dovuto a precise qualità, ben definite da Francesco Bruno fra le pagine de Il Roma: "La lirica di Galante è quella di un Poeta nuovo e antico nello stesso tempo. Essa diviene interessante di volta in volta, perché indica agli uomini la scia dei sentimenti eterni della vita e del mondo". Insomma, si tratta di un messaggio positivo che trasmette fiducia in una vita migliore su questa terra e indica una via d'uscita dalle angosce del quotidiano. Non c'è altro da aggiungere, sia pure cercando fra le dotte recensioni di quanti si sono nel tempo interessati al Galante e alle sue cose (Lamanna, Rea, Prisco, Girace, Marotta, Di Vito, Talarico, Doria ecc.).

Dopo i citati volumi di poesia napoletana, il Galante cambia strada e scrive quasi esclusivamente in italiano. Il linguaggio si alleggerisce delle implicazioni coloristiche del dialetto e l'intensità espressiva acquista in profondità e immediatezza. Seguono l'opuscolo-strenna Pasquale Galante (Nocera Inferiore 1961) e le raccolte Prestiti di luce (Roma 1964) e La disputa delle solitudini (Napoli 1970).

Fin qui, tutte le copertine dei suoi volumi sono illustrate con schizzi e disegni del celebre fratello Francesco ― il volume Prestiti di luce è dedicato a lui: "a mio fratello Francesco / che traendo dal pennello / armoniose immagini di poesia / ha sempre dato al mio spirito / lieviti d'infinito".

Francesco Galante (1884-1972) è stato uno degli ultimi pittori della tradizione ottocentesca napoletana. Ha lasciato un'enorme produzione pittorica e grafica, con opere presenti in molti musei e pinacoteche d'Europa e illustrazioni per edizioni di canzoni napoletane, per quotidiani e periodici, per romanzi della Treves, per libri di B. Croce, R. Bracco, F. Russo e, degna di menzione, per la prima edizione italiana della Salomé di O. Wilde (Napoli 1906). Sue decorazioni sono ancora oggi visibili a Napoli nei locali del Caffè Gambrinus, nel Teatro di Corte del Palazzo Reale, nel Teatro Mercadante, nella sala della Presidenza del Banco di Napoli, sulla facciata del padiglione del lavoro italiano in Africa alla Mostra d'Oltremare.

Le pubblicazioni poetiche del Nostro riprendono con l'antologia "mista" Di guglia in guglia (Salerno 1979) ― senza illustrazione in copertina ― e la raccolta Angela (Pompei 1980), dedicata alla moglie ― "Ad Angela / che l'antica fiaba / adombra" ― così come già la seconda raccolta in napoletano ― "è tutto di Angela questo respiro / e le sue iridescenze". L'ultima sua pubblicazione è Racconti (Pompei 1981), una raccolta di otto delicatissime prose scritte in precedenza. Le copertine degli ultimi due volumetti sono illustrate con riproduzioni di opere pittoriche dell'autore stesso.

Non vi è traccia dell'annunciata Opera omnia, rimasta probabilmente allo stadio di progetto a causa della morte del poeta, avvenuta a Vietri sul Mare il 27 novembre 1983.

Questo triste evento non è l'unico legame del poeta con la Costiera amalfitana.

Era di origini pugliesi, ma già dal 1903 si trasferisce a Napoli per motivi di studio e, successivamente, passa a Nocera Inferiore. Ebbene, a partire dalla metà degli anni '60 lo incontriamo frequentemente in Costiera amalfitana, in particolare a Lone di Amalfi. Ciò è testimoniato da alcuni volumi con dedica e dai biglietti augurali indirizzati al proprietario dell'Hotel Caleidoscopio, luogo allora incantevole ed assai esclusivo dove il poeta amava trascorrere lunghi periodi durante la "bella stagione".

Alla costiera dedica la poesia Ravello, inclusa nella raccolta 'o Specchio antico, un lirica piena di visioni positive, che si discosta sensibilmente dalla produzione poetica mielosa ed autoreferenziale solitamente dedicata alla "Divina". Passato, presente, esortazione, bellezza e sentimento sono tutt'uno e l'esito supera di molto i limiti storici ed espressivi imposti dal dialetto:

E simm'arrivate ccà ncoppa / se po' ddì sotto 'o Cielo / ch'abbasta nu suspiro / pe sciuscià sti nnuvele.

Ma che suonne / se sònnano chist'uocchie, / e che festa int'a chest'aria! / Stu mare, / ngignato, lucente / parla c' 'o cielo, c' 'o sole / parla cu 'a ggente.

E 'o vverde d' 'a muntagna, / ciniero, ciniero, / s'attira core e penziero, / e mbrugliannele / cu 'e nnuvele e cu 'e stelle, / 'e ffà girà ncantate / 'e ffà girà cu 'e scelle...

E 'a sera, / quanta luce-luce / mbiett'a sta muntagna, / e 'e llampare a mmare...! / Int'a stu munno all'antica, / 'e stelle contano sempe / 'o cunto d' 'a nonna: / «E nce steva na vota, / a stu paese, / nu paraviso piccerillo / ch'era cunvento antico...».

E mmò... / ...mmò è 'a casa / 'e chi vò sunnà / 'e chi, / a tu-pe-tu c' 'o core, / 'o nciuce accussì: / ― Và, campa sanu sano, / comme tu te siente / e spierdete mmiez' 'o bbene / pe puté cuntà tu pure / nzieme a 'e stelle: / «E nce steva na vota...».

fonte: www.napoliontheroad.com

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...

Luce e realismo nella pittura napoletana dell’Ottocento

di Paolo Spirito Ci sono due appunti nel taccuino di Giuseppe De Nittis, pubblicato nel 1894 a Parigi col titolo di "Notes e Souvenirs" e poi in Italia nel 1964 come "Taccuino 1870/1884", che meglio di qualunque altra espressione riassumono, attraverso la viva voce del pittore, la consapevolezza acquisita...

"Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa”, gli antichi detti amalfitani legati alla festa patronale

di Sigismondo Nastri La festa patronale del 30 novembre ad Amalfi apre la porta al cambio di stagione. Infatti, un vecchio proverbio insegna: "Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa". Cioè (come lo interpreto io): "Sant'Andrea, la neve in grembo". Sarà vero? Questa espressione, 'mporéa, è tipicamente amalfitana....

In ricordo di Alfonso Baccaro, servo della Patria

di Rita Di Lieto Alfonso Baccaro, agricoltore, nato a Maiori il 9 ottobre 1916, ha lasciato di sé un ricordo di persona sensibile, cordiale, disponibile. Già centenario, ha messo per iscritto i ricordi della sua vita militare e della sua penosa e movimentata vita da prigioniero, prima dei Tedeschi e...

100 anni fa la fine della Grande Guerra, Pro Loco Minori cerca fotografie e cimeli per una rievocazione storica

«La guerra contro l'Austria-Ungheria che, sotto l'alta guida di S.M. il Re, duce supremo, l'Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima per 41 mesi, è vinta». Con queste parole Armando Diaz,...