Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Giovanni della Croce

Date rapide

Oggi: 14 dicembre

Ieri: 13 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieIl Monastero della S.S. Trinità testimonianza della storia religiosa di Ravello

Natale “Sottocosto”, da Euronics Maiori e Positano sconti imperdibili

Maiori, 18 dicembre Consiglio Comunale straordinario su nuovo impianto di depurazione

Panettoni d'Italia: nella top ten di Gambero Rosso al secondo posto c'è Sal De Riso

Maiori, dopo IMU errori (o incongruenze) anche su calcoli bollette acqua. Cittadini preoccupati

Enel, 19 dicembre interruzione fornitura elettrica a Ravello

Salerno indossa l'abito migliore con gli Italian Fashion Talent Awards

Sposi, moda e bellezza: dal 15 al 17 dicembre al Castello di Torraca va in scena il giorno più bello

Per Time Out il Cafe Milano miglior ristorante italiano ad Abu Dhabi

Ravello, Massimo Ranieri special guest del 2018 in musica [PROGRAMMA]

Minori, le nozze d'oro di Claudio e Carlotta Proto

A Praiano la ‘Festa della Birra’: 22 dicembre musica e divertimento con il Forum dei Giovani

Positano, riecco attivo il servizio di Pediatria

Elezioni politiche 2018, si vota il 4 marzo

La notte di Santa Lucia non è la più lunga dell'anno

Libri. Maurizio De Giovanni presenta a Sorrento "Souvenir per i bastardi di Pizzofalcone"

Di qua e di là dall'Atlantico, a Scala Incontra New York si discute di modelli popolari, mercati culturali, nuovi immaginari

Ad Amalfi arriva la lampada con la luce di Betlemme

"Natale in Riserva", la rappresentazione della Natività nel verde di Valle delle Ferriere

Il cane che fiuta i tumori prima delle analisi mediche

Non solo Dna, per vivere a lungo ci vuole carattere. La ricerca su anziani del Cilento

Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

Il Monastero della S.S. Trinità, testimonianza della storia religiosa di Ravello

Il monastero femminile dell’ordine benedettino fu fondato da Francone Rogadeo, nobile ravellese, nel 944, per accogliere le nobili fanciulle ravellesi che volevano consacrarsi a Dio. Fu sopresso a seguito del Real Decreto del 1810

Scritto da (Redazione), mercoledì 17 ottobre 2012 13:44:45

Ultimo aggiornamento sabato 20 ottobre 2012 10:12:55

L'iniziativa di quest'anno di Puliamo il Mondo nell'ambito delle attività di Legambiente riguarda una delle strutture più importanti del patrimonio monumentale di Ravello eppure meno conosciuta tra le tante testimonianze della nostra storia religiosa. Coperta in parte dalle case di edilizia popolare e in parte per lungo tempo dal campo di pallavolo, poco utilizzato per la posizione molto periferica, da alcuni anni la struttura è stata interessata da un ritrovato interesse, tanto che nei primi anni 2000 fu avviato anche uno scavo archeologico.

Il monastero femminile dell'ordine benedettino, dedicato alla SS. Trinità, fu fondato, secondo lo storico Marino Frezza, da Francone Rogadeo, nobile ravellese, nel 944, per accogliere le nobili fanciulle ravellesi che volevano consacrarsi a Dio. Il monastero ebbe, infatti, numerosissime proprietà su cui esercitava il diritto ed ancora nel 1700 i beni erano diffusi su tutto il circondario, con masseria a Scafati e rendite anche a Napoli, ad Angri, a S. Egidio del Monte Albino, a Lettere e a Gragnano.

La giurisdizione sul monastero fu affidata nel 1188 da Papa Clemente III al vescovo di Ravello e nelle numerose visite vescovili, di cui l'Archivio Vescovile ravellese conserva le relazioni finali, i vescovi sottolineavano l'importanza di osservare la clausura, tanto che nella visita fatta dal Vescovo Bennio nel 1604, il presule tiene a precisare che "sotto pena di scomunica alle portinaie, non debbano aprire la porta della clausura senza espressa licenza in scriptis a qualsiasi persona, quale licenza non mai daremo senza evidentissima necessità" . Ancora nel 1721 il Vescovo Guerriero prescrive che "nessuna monaca ardisca di salire sovra il lastrico per qualsiasi causa, anche necessaria, sotto pena di scomunica ipso facto".

Il monastero dopo quasi novecento anni di storia, nel 1811, a seguito del Real Decreto del 1810 in materia di soppressione degli istituti religiosi, subì la medesima sorte di altri monasteri e conventi con un numero di religiosi inferiore a 12.

Ma la reazione delle monache fu di vera e propria rivolta; non volevano essere aggregate al monastero di S. Giorgio a Salerno e in loro difesa si schierò anche il Vescovo Silvestro Miccù che chiedeva di attendere prima di effettuare un trasferimento forzoso. Le monache chiedevano di essere unite al vicino monastero delle clarisse ma neppure questa soluzione fu accettata dalle autorità preposte all'attuazione del decreto.

La sorte che interessò le strutture dovette risentire di questa resistenza delle monache, in quanto si decise di smantellarle quasi completamente. Una parte della copertura fu utilizzata per riparare quella del Duomo, mentre alcuni alzati furono abbattuti sì da creare un unico giardino.

La ricchezza di questo monastero, legata soprattutto all'origine nobile delle professe che qui venivano accolte, può essere simboleggiata da uno dei pezzi artistici che la decoravano: la lastra con l'Adorazione dei Magi, che salvata dalla dispersione dallo scozzese Francis Nevile Reid, è ora nell'Antiquarium di Villa Rufolo.

Il Monastero della SS. Trinità sorgeva in una posizione fortemente simbolica nell'urbanistica medievale ravellese. Era, infatti, molto vicino al convento francescano maschile e non molto distante dall'altro complesso monastico destinato a partire al 1297 alle clarisse, nonché nella zona opposta, in linea d'aria, al complesso benedettino maschile, dedicato a S. Trifone, a S. Biagio e alla Vergine, fondato nel X secolo ai piedi di Monte Brusara. Si trovava, inoltre, a cavallo delle due strade che immettevano nel centro urbano e che provenivano dalla vallata del torrente Dragone e quindi dalla zona costiera. In questo senso le fondazioni benedettine, sia quella maschile che quella femminile, rivelano la loro funzione complementare a quella di centri di irradiamento religioso e culturale. Essi erano punti di controllo per chiunque volesse accedere alla città collinare, sia se fosse provenuto da nord, dalla piana vesuviana o dalla zona stabiana (attraverso il territorio scalese), sia da sud, percorrendo la strada, che, passando a valle del complesso religioso di S. Barbara alle Grotte, arrivava in localià Ponticeto (lì dove oggi sorge Villa Cimbrone). La strada originaria sia ad est (Via S. Francesco) che ad ovest (Via Trinità) poteva avere un percorso non coincidente con l'andamento moderno; farebbe supporre ciò l'articolazione fortemente irregolare (con numerosi spostamenti di asse) che si riscontra soprattutto ad una visione dall'alto (in questo senso particolarmente irregolare appare l'andamento della strada ad ovest che sembra quasi essersi adattata ad una situazione nuova, posteriore alla soppressione del monastero stesso).

La descrizione delle strutture, nell'aspetto visibile quando accoglievano il cenobio monastico, viene fornita dallo storico e canonico locale Luigi Mansi. La descrizione è precisa: "Era un convento comodo e completo nel suo genere: nell'entrata della clausura ad Occidente stava un piccolo vestibolo con tutto l'occorrente per serbare la stessa clausura. Nel dormitorio erano molte stanze, tanto che nel 1577 conteneva 33 monache; e dalla parte orientale aveva un buon giardino, cinto da alte mura. La chiesa era ad una nave avente alcuni cancelli lungo il cornicione, poi seguiva l'orchestra contenete il coro e l'organo, che ora trovasi nella parrocchia del Lacco. Il tetto di tale Chiesa era in vario modo colorato e portava le armi dei Frezza , le quali trovavansi pure scolpito su di una croce di argento, tenuta nella stessa chiesa. Vi erano tre altari: il maggiore tutto di marmo aveva la custodia del SS. Sacramento con portellina di argento e di sopra eravi una grande icona … Nel secondo altare era un'icona di S. Tommaso Apostolo, donata dal patrizio Marino Frezza, e l'ultimo era dedicato alla SS. Trinità."

La descrizione fatta da Mansi è molto chiara e dimostrerebbe che l'ingresso è individuabile lungo l'attuale Via Trinità, lì dove uno smottamento all'inizio del 2000 mise in evidenza alcune strutture. Il giardino a cui allude lo storico sulla parte orientale dovrebbe trovarsi lì dove ancora oggi esiste un ampio spazio con alberi e che risulta ad una quota di circa 1,00 m più in alto rispetto alla strada di accesso ai resti architettonici.

L'Archivio Vescovile, conservato presso il Duomo di Ravello e attualmente in fase di riordino ad opera del Dott. Crescenzo Paolo Di Martino, contiene numerose carte che riguardano il monastero in riferimento non solo alle varie proprietà legate al monastero ma anche ai numerosi ingressi di educande che chiedevano di diventare monache.

Particolarmente interessante risulta, sicuramente, l'insieme di "Carte appartenenti per lo abbattimento del soppresso monastero della SS.ma Trinità a pro della parrocchiale di S. Angelo a Torello " (num provv. 94, 95, 96, 97, 100) e l'incartamento risalente agli anni 1811 e 1812 e che riguarda "Carteggio tra il Commissario di Polizia della Costa d'Amalfi, incaricato per la soppressione dei Monasteri, e il Provicario Capitolare della Diocesi di Ravello, per la soppressione del Monastero della SS. Trinità e il trasferimento delle religiose nel Monastero di S. Giorgio in Salerno"(num. provv. 261, 535) e ancora la visita del 1792 al monastero (num. provv. 1802), nonché l'intero blocco degli Acta monialia SS. Trinitatis.

Notizie sono, inoltre contenute nelle visite pastorali a partire da fine XVI secolo. I volumi, che sono stati anche restaurati, si prestano ad una facile lettura.

La situazione attuale del sito risente del completo abbandono seguito all'attività di scavo risalente ai primi anni del 2000.

Muri, spessi approssimativamente anche 1,50 m, testimoniano ancora la grandezza della struttura nel suo insieme.

La pulizia sarà sicuramente occasione per riscoprire quanto sopravvive di questo importante sito nella speranza che non solo i turisti ma anche i cittadini, attraverso le sopravvissute evidenze archeologiche del monastero della SS. Trinità, approfondiscano una nuova pagina importante della storia locale.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...

Luce e realismo nella pittura napoletana dell’Ottocento

di Paolo Spirito Ci sono due appunti nel taccuino di Giuseppe De Nittis, pubblicato nel 1894 a Parigi col titolo di "Notes e Souvenirs" e poi in Italia nel 1964 come "Taccuino 1870/1884", che meglio di qualunque altra espressione riassumono, attraverso la viva voce del pittore, la consapevolezza acquisita...

"Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa”, gli antichi detti amalfitani legati alla festa patronale

di Sigismondo Nastri La festa patronale del 30 novembre ad Amalfi apre la porta al cambio di stagione. Infatti, un vecchio proverbio insegna: "Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa". Cioè (come lo interpreto io): "Sant'Andrea, la neve in grembo". Sarà vero? Questa espressione, 'mporéa, è tipicamente amalfitana....

In ricordo di Alfonso Baccaro, servo della Patria

di Rita Di Lieto Alfonso Baccaro, agricoltore, nato a Maiori il 9 ottobre 1916, ha lasciato di sé un ricordo di persona sensibile, cordiale, disponibile. Già centenario, ha messo per iscritto i ricordi della sua vita militare e della sua penosa e movimentata vita da prigioniero, prima dei Tedeschi e...

100 anni fa la fine della Grande Guerra, Pro Loco Minori cerca fotografie e cimeli per una rievocazione storica

«La guerra contro l'Austria-Ungheria che, sotto l'alta guida di S.M. il Re, duce supremo, l'Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima per 41 mesi, è vinta». Con queste parole Armando Diaz,...