Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Matteo apostolo

Date rapide

Oggi: 21 settembre

Ieri: 20 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Ristorante Pizzeria Al Valico di Tramonti - Ristorante Al Valico di Chiunzi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Hotel Panorama Maiori - Roof Terrace - Ristorante vista mare - Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi Ceramiche Casola Positano - Fratelli Casola nuova Factory a Ravello e Scala - Casola Ravello - Casola Scala Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieIl grand tour di André Gide a Ravello

Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

A Villa Rufolo una mostra fotografica dello scrittore francese innamorato dell'Italia

Il grand tour di André Gide a Ravello

Scritto da Emilia Surmonte (Redazione), venerdì 13 agosto 2010 15:47:35

Ultimo aggiornamento venerdì 13 agosto 2010 15:54:39

«In ogni tempo, ho molto amato l'Italia; ne fanno fede i numerosi viaggi e soggiorni che vi ho fatto. A tal punto l'ho amata che, quando passo la frontiera, non mi sento per niente, fra di voi, uno straniero; vorrei perciò soffermarmi sulla parola riconoscenza: voglio dimostrarvi come io mi riconosca tra di voi». È il 1950. André Gide è a Napoli, in quello che sarà l'ultimo dei suoi tanti soggiorni italiani, ma anche l'ultimo viaggio prima di morire. Invitato dal direttore dell'Istituto Francese, il «Grenoble», comincia così una conferenza che avrà poi un titolo emblematico: À Naples. Reconnaissance à l'Italie. L'indicazione del luogo fisico (A Napoli) coincide, nella forma, con la dedica alla città e al territorio che maggiormente lo hanno colpito nel suo primo viaggio in Italia, nel 1894. Ne è stato affascinato, ma li ha ammirati allora solo fugacemente. «Questo cielo del Sud mi tormenta come una cornice di felicità impossibile», aveva scritto al suo amico Drouin, prima di partire. Quando vi arriva è malato e viene dall'Algeria. Ha solo attraversato la Sicilia, un altro luogo che lo attirerà irresistibilmente.

Nei paesaggi e nella vita campana, Gide avverte subito qualcosa di «meraviglioso», ma anche di troppo impegnativo per le sue forze, come scrive alla madre, e preferisce trasferirsi a Roma, una città che non lo appassiona e che imparerà ad amare solo più tardi negli anni e dove ambienterà uno dei suoi romanzi più «graffianti», I sotterranei del Vaticano. In Campania ritorna dopo due anni, in viaggio di nozze, inseguendoforse proprio una ricerca di felicità ancora indefinita. Questa volta vi arriva dalla Svizzera dopo essere passato per Firenze, che lo incanta, e per Roma, che continua ad annoiarlo. È inverno. Napoli, Capri, ma soprattutto Amalfi gli sembrano luoghi sospesi, in cui aleggia una promessa di vita e di libertà. «Amalfi (di notte). Attese notturne di un amore che ancora non si conosce. Piccola camera sul mare. Un bambino mi ha seguito in questo giardino cinto da mura, appendendosi al ramo che arrivava quasi alla scala», scrive, a proposito di questo viaggio, ne I nutrimenti terrestri. Le tappe campane dell'epoca sono annotate con cura nei suoi Fogli di viaggio. Cava de' Tirreni, Positano, Paestum e poi giù di nuovo in Sicilia e in Tunisia. Per tornarvi l'anno dopo, partendo da Marsiglia in treno. Genova, Roma e ancora Napoli. E la Costiera Sorrentina e l'Amalfitana dove sarà a più riprese. E Ravello, dove si ferma tre settimane. È primavera e Gide, che soggiorna all'hotel Palumbo, allora ubicato nella storica Villa Episcopio, sente il bisogno di condividere nelle lettere che invia agli amici la bellezza del luogo e le emozioni che gli procura.

Scrive all'amico Francis Jammes: «Mi meraviglio come un bambino. Il mare brulica di bagliori solari; scorgo due barche... O terrazza alta, da cui non vedo distintamente che cielo e mare, e, in fondo, come una striscia di nuvole, la catena infinita dell'Abruzzo!». A Ravello Gide scopre che esiste «l'infinito», che l'uomo continua qui a vivere in un tempo archetipico, circolare, realizzando un poetico e vagheggiato rapporto simbiotico e fusionale con la natura. Osserva, respira gli umori, si imbeve dei paesaggi, prende appunti, pensa. Ma è costretto a interrompere presto il soggiorno per via della malattia della moglie. Però Napoli, con i suoi dintorni, e Ravello restano in lui come una nostalgia da cui non riesce a liberarsi. Da Nizza scrive: «E noi pensiamo anche alla vista che si godeva da altri alberghi. Dal Bristol a Napoli, e soprattutto dalla meravigliosa terrazza di Ravello». Il ricordo si fa motore della scrittura e Gide, mentre è a Roma, vicino e lontano, al tempo stesso, da questi luoghi dell'anima, comincia a lavorare alla stesura di un romanzo, L'immoralista, in cui Ravello occupa una posizione fortemente simbolica nell'evolu

zione esistenziale del protagonista, Michel, che così racconta il suo arrivo e le prime impressioni: «Vicino a Salerno, lasciando la costa, avevamo raggiunto Ravello. Là, l'aria più pungente, la seduzione delle rocce piene di anfratti e sorprese, la profondità misteriosa dei precipizi, accrescendo le mie forze e la mia gioia, favorirono nuovi slanci. Più vicina al cielo di quanto non sia lontana dalla riva, Ravello sorge su una balza scoscesa di fronte alla riva piatta e lontana di Paestum».

Ravello è il luogo della rinascita, di un «battesimo pagano», come l'ha definito Pierre Masson, uno dei massimi esperti dell'opera gidiana. Un battesimo del corpo che si celebra nella fusione poetica della materia uomo con gli elementi primi, l'acqua, la terra, l'aria e il fuoco: «In un anfratto delle rocce di cui ho detto sgorgava una sorgente chiara. Scorrendo formava una cascatella, non copiosa, è vero, ma sufficiente per scavare, sotto di sé, una buca più profonda, nella quale l'acqua purissima si fermava. Vi arrivai già deciso e mi spinsi fino all'acqua chiara come mai e, senza riflettere oltre, mi ci tuffai di slancio. Subito rabbrividii, lasciai l'acqua, mi stesi sull'erba, al sole. Tutt'intorno crescevano pianticelle di menta, odorose; ne colsi, strizzai le foglie nelle mani, le strusciai contro tutto il corpo umido, ma bruciante. Mi contemplai a lungo, senza più nessuna vergogna, con gioia. Mi vidi, non ancora robusto, ma in grado di diventarlo, armonioso, sensuale, quasi bello». E come il protagonista de L'immoralista, anche Gide, una volta in Italia, dichiara, sulla scia di Goethe: «Sono nato, alfine». Non è un caso che Ravello sia, delle molte località italiane conosciute e attraversate, quella cui Gide ha dedicato più spazio nella sua opera e l'unica che abbia descritto con grande dovizia di particolari.

Ravello riassume l'essenza di ciò che l'Italia è per lui, il luogo di una fusione «miracolosa» tra cultura e natura, di un equilibrio funambolico tra felicità e infelicità. «Ciò che soprattutto mi insegna la vostra cultura è la gioia, il valore che attribuite all'uomo, l'attaccamento alla vita», dice ancora in À Naples. Terra di contrasti, l'Italia è Leopardi, con la sua maschera mortuaria appesa nello studio di Gide, «sconvolgente e dolorosa», nei cui tratti «si legge tutta l'infelicità umana», che riesce però, per vie misteriose, ad alimentare l'ottimismo «ingenuo e risoluto» dello scrittore; ma è anche Virgilio, che Gide sceglie come compagno in questo viaggio a Napoli. Il Virgilio «napoletano» dell'Eneide e delle Georgiche, come egli stesso sottolinea, della rinascita nel ricordo della tradizione, della costruzione di un'armonia perfetta tra il naturale e l'umano.

Emilia Surmonte (Curatrice del progetto Grand Tour Ravello-Gide)

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Ucciso durante Seconda Guerra Mondiale, ritornano a Minori le spoglie del marinaio Salvatore Amatruda [FOTO]

È un giorno particolare, questo, per Minori. Dopo oltre settant'anni i resti mortali di Salvatore Alfonso Amatruda, marinaio cannoniere della Regia Marina impegnato sul fronte balcanico nel 1943 torneranno nel suo paese natale. Stamani il sindaco Andrea Reale a rappresentanza della città di Minori, col...

Nuove scoperte a Villa Rufolo, precisazioni e curiosità

di Alessio Amato* Negli ultimi anni abbiamo assistito a importanti cambiamenti storico-artistici su Palazzo Rufolo, una dimora dai forti tratti orientali, islamici, non per influenze commerciali bensì da motivazioni politiche. Un articolo che è oggetto di analisi da parte del Centro di Storia e Cultura...

Il culto dell'Addolorata a Torello

di Salvatore Amato Nel variegato panorama delle devozioni ravellesi, quella tributata all'Addolorata conobbe una crescente diffusione nel corso del XVIII secolo, come dimostrano le dedicazioni di cappelle e altari in diverse chiese del territorio. Alla metà del Settecento, un cappella dedicata alla Mater...

Scala 'esalta' il suo Crocifisso, tra fede e leggenda

di Alfonsina Amato La festività dell'Esaltazione della Croce che la Chiesa oggi celebra, ricorda il ritrovamento della Croce di Gesù da parte di Sant'Elena e avvenuto il 14 settembre del 320 d.C. La comunità scalese venera da molti secoli nella Cripta del Duomo di San Lorenzo il "Crocifisso", al quale...

Ferruccio, nel momento peggiore ha contrapposto l’arma della gioia alla sofferenza

di Angelo Sammarco Dire che la scomparsa di Ferruccio è stata un colpo al cuore per un intero paese è poco, ancora ieri era davanti al bancone del negozio e oggi non c'è più. E' sconvolgente!!! Io, come tutti d'altronde, in questi mesi, intimamente abbiamo tifato e pregato per lui affinchè potesse sconfiggere...