Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 23 minuti fa S. Apollinare

Date rapide

Oggi: 23 luglio

Ieri: 22 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Ravello Festival 2018 #Ravello18 laltrolato, l'altro lato, barcatering, events, cocktail bar, wine selection, champagne, spirits corner, bottle hunting, bar in villa, eventi esclusivi, catering cocktail Auditorium Oscar Niemeyer a Ravello tutto il piacere dei grandi eventi in Costa d'Amalfi Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieIl fortilizio di Fratta a Ravello: un esempio di intervento strategico-difensivo del Regno normanno

Alexander Lonquich torna al Ravello Festival. Dirigerà i giovani talenti dell’Onci

Ubriaco a cavallo denunciato per guida in stato di ebbrezza: scatta la sospensione della patente

UNESCO mette in rete 5 regioni del Sud: 26-30 luglio eventi ad Amalfi, Benevento e Caserta

Maiori, stasera concerto di Hong Xu e Thomas Lymenstull

Tramonti punta sugli eventi esperenziali: Carosello napoletano e Concerti sotto le stelle assaggiando prodotti di qualità

Scala, fondo stradale viscido: quattro donne in moto scivolano in sequenza [FOTO]

Ravello: semaforo in tilt, traffico e disagi a Civita [FOTO]

Ravello, suv si ribalta sulla strada della vergogna. Illesi occupanti [FOTO]

Vacanza al largo della Costiera per Matteo Flamigni, telemetrista di Valentino Rossi

Salerno: bomba carta alla sala mortuaria del ‘Ruggi’. S’indaga

Musica da camera, stasera repertorio di Schumann e Beethoven all'Annunziata di Ravello

Il rapporto Reagan-Gorbaciov durante Guerra Fredda nella tesi di laurea di Angela Citarella, originaria di Minori

200 anni fa la soppressione del Vescovado di Ravello: 31 luglio giornata di studi [PROGRAMMA]

Ravello, 23-25 luglio limitazioni notturne a traffico per tinteggiatura tunnel grande

Adrienne Bailon se la gode a Positano: sole e relax per l'ex Cheetah Girl

Torna la pioggia, lunedì 23 luglio allerta Gialla in Campania

Rami Malek e Lucy Boynton: vacanza in Costiera per gli attori del biopic sui Queen

Nove giorni dopo la maturità trova il posto fisso: Alfonso di Ravello assunto in Enel

Ernest Hemingway e Amalfi, partendo da “Addio alle Armi”

Il medico e l’empatia con il paziente, convegno a Ravello nel nome di San Pantaleone

Ravello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera Amalfitana Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Divin Baguette Maiori Costiera Amalfitana Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Storia e Storie

Il fortilizio di Fratta a Ravello: un esempio di intervento strategico-difensivo del Regno normanno

Scritto da Giuseppe Gargano (Redazione), giovedì 24 novembre 2011 16:00:26

Ultimo aggiornamento venerdì 25 novembre 2011 17:58:01

di Giuseppe Gargano - Il Monte Brusara è una collina di forma rotondeggiante situata alle spalle dell'abitato della città di Ravello. Essa è lambita sul lato occidentale dal corso del Dragone, che, attraversata la città di Atrani, trova sbocco nel mare; sul versante orientale le sue pendici degradano con andatura a volte ripida a volte dolce verso il fiume Reginna Minor.

La superficie tonda di quel colle fu scelta dagli strateghi di Ruggero II di Sicilia per la realizzazione di un sistema fortificato all'indomani della sua conquista del ducato di Amalfi, che avvenne con la presa di Ravello, dopo aver espugnato la roccaforte detta Turris Magna (oggi Belvedere) il 17 febbraio del 1131. La nuova fortificazione assumeva l'attributo di Fratta, associato sempre a luogo disboscato prospiciente le strutture di difesa. Il fortilizio entrava in diretto collegamento, mediante una lunga muraglia che passava sul fiume Dragone e saliva attraverso lo Scalandrone, allora detto Infratta, con il castello di Scala Maggiore.

Questo nuovo sistema difensivo andava ad aggiungersi, per la protezione delle città di Ravello e Scala, ai più antichi castelli di Montalto, nel territorio di Tramonti confinante con quello ravellese, di Sopramonte e di Scalella nel versante meridionale.

La costruzione del fortilizio di Fratta sul Monte Brusara tra il 1131 e il 1135 è testimoniata dalla coeva fonte di Alessandro abate di Telese. Questi, insieme al cronista pisano Berardo Maragone, descrive anche la prodigiosa resistenza del sistema Scala Maggiore - Fratta, che permise il sopraggiungere dei 7000 uomini del re Ruggero da Aversa e la conseguente sonora sconfitta dei militi pisani, i quali furono schiacciati tra la barriera muraria delle fortificazioni e le truppe normanne.

La fortezza di Fratta fu restaurata ai tempi di Federico II; in quell'epoca essa era comandata da un apposito castellano.

La città di Ravello fu poi sottoposta ad un totale rifacimento per quanto riguarda le sue strutture difensive nel periodo della Guerra del Vespro (1282-1302).

Così nel 1286 furono rinforzate le mura occidentali, che proteggevano la piazza principale (Platea S. Adiutorii, oggi Piazza Fontana); queste mura passavano al di sotto di S. Angelo dell'Ospedale e si chiudevano presso il palazzo de Marra. Sei anni dopo furono costruite o riparate alcune torri della cinta muraria, tra cui la vecchia Turris Magna.

Il progetto angioino di ristrutturazione del sistema difensivo di Ravello prevedeva pure la costruzione di un barbacane (contrafforte a volte di lamie inarcate dentro le muraglie) presso la Turris Nova supra Fractas, la quale faceva parte della fortificazione realizzata da Ruggero II e restaurata dagli svevi. Questo barbacane avrebbe congiunto altre due torri, i cui resti dimostrano tuttora la loro edificazione di età sveva; in mezzo ad esse si apriva la porta settentrionale della struttura difensiva, che, pertanto, chiudendo il passaggio verso la città, doveva essere considerata come un'ulteriore porta urbica, l'estrema sul lato nord.

Dall'analisi delle fonti documentarie di epoca angioina dell'ultimo quarto del XIII secolo risulta che la fortificazione di Fratta era formata da tre torri collegate da muraglie: due antiche ed una nuova. Inoltre, nel suo ambito vi era anche un baglio, cioè un baluardo terrazzato. Le pareti esterne di una di tali torri furono riparate, al fine di impedire l'infiltrazione di acqua, la quale faceva marcire i biscotti di grano germano, vettovaglia per i soldati di stanza ivi conservata.

Dalla fortificazione di Fratta sarebbe partito, secondo il progetto di potenziamento e di restuaro militare angioino, un lungo muro di cinta alto 3 metri che, rinforzato qua e là con guardiole e passando sulla sommità del pianoro rialzato sul quale sorge Ravello, sarebbe giunto fino alla porta di San Martino, collocata accanto alla chiesa parrocchiale omonima, inglobando in tal modo il nuovo rione di San Martino, configuratosi in quel tempo come sviluppo extramoenia del primitivo quartiere del Lacco.

Dalla parte meridionale si sarebbe, quindi, realizzato un altro muro di cinta che, partendo dalla torre dell'ex-castello di Sopramonte (oggi torre di Civita), si sarebbe spinto fin sotto l'altura di Cimbrone, dove sarebbero state fabbricate altre due torri.

Così, alla fine del Duecento, avveniva la massima espansione urbana di Ravello, le cui mura collegavano, con qualche soluzione di continuità dovuta all'asperità delle rocce, le due fortificazioni diametralmente opposte della città: Fratta - Sopramonte.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Ernest Hemingway e Amalfi, partendo da “Addio alle Armi”

di Sigismondo Nastri Nelle pagine iniziali di "Addio alle armi" (A Farewell to Arms, 1929), il romanzo di Ernest Hemingway, di cui ieri ricorreva l'anniversario della nascita (Oak Park, 21 luglio 1899 - Ketchum, 2 luglio 1961) ambientato sul fronte delle operazioni del primo conflitto mondiale, c'è un...

Le bombe su Amalfi e quelle 11 vittime nella notte del 18 luglio 1943

"Nella notte del 18 luglio 1943, verso mezzanotte, la campana del Duomo cominciò a battere i lenti e sinistri rintocchi dell'allarme. Durante il bombardamento di Salerno, un aereo americano sganciò su Amalfi (piazza Flavio Gioia e in Via Mansone, fin quasi alla scala del Duomo) cinque bombe che provocarono...

La Saggezza di un Popolo (39): "Addò e fatto ‘state fai pure vierno"

di Antonio Schiavo Sorry my yankee Director. Adesso con il nostro Direttore, che si divide tra l'Annunziata e Central Park, bisogna conoscere l'inglese per scrivergli e per scusarsi del ritardo con cui, nonostante la buona volontà, facciamo passi in avanti nel cammino a ritroso nella memoria collettiva...

Addio a Ottavio Amato, pioniere dello scautismo ad Amalfi

di Sigismondo Nastri Nella tranquillità della sua casa, in una calda giornata di sole, circondato dagli affetti familiari, ha concluso il suo cammino terreno Ottavio Amato. Amico dai tempi lontani dell'infanzia, come lo erano i suoi fratelli, in particolare Angelo, che fece un po' da chioccia a me e...

Cronaca da quelle macerie nel cuore di Maiori [VIDEO]

di Sigismondo Nastri Il Vescovado ha ricordato una terribile vicenda di trent'anni fa: il crollo di un'ala del palazzo D'Amato, al corso Reginna di Maiori, che provocò sei vittime innocenti tra gli abitanti dello storico edificio, uno dei più belli della cittadina. Vi rimasero uccisi anche i due malfattori...