Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 ore fa S. Aurelio vescovo

Date rapide

Oggi: 20 luglio

Ieri: 19 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieIl culto di San Marco evangelista in Costiera Amalfitana

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Storia e Storie

Il culto di San Marco evangelista in Costiera Amalfitana

Scritto da Luigi Reale (Redazione), sabato 25 aprile 2015 10:03:54

Ultimo aggiornamento sabato 25 aprile 2015 22:25:20

San Marco sarebbe nato a Cirene, capitale della Cirenaica (l'attuale Libia), probabilmente all'inizio dell'era volgare, sotto l'impero di Ottaviano Augusto. Marco si presenta con doppio nome: Giovanni, di tradizione ebraica, e Marco, di antichissima tradizione romana riportabile a Marte, il dio della guerra. La discreta agiatezza economica dei genitori, Paolo e Maria, gli permette lo studio dell'ebraico, greco e latino, approfondendo la conoscenza della Sacra Scrittura ed in particolare i testi dei profeti. Prima della morte dell'imperatore, la Cirenaica viene invasa da tribù barbare, costringendolo alla fuga con i genitori a Gerusalemme. Non fu certamente un discepolo di Gesù Cristo e, con molta probabilità, non lo conobbe neppure. La sua famiglia metteva a disposizione del Maestro e degli apostoli la sua casa a Gerusalemme: nella grande sala della loro casa, il cenacolo, fu consumata l'Ultima Cena e fu il principale luogo dove i discepoli si radunarono dalla Resurrezione alla Pentecoste.

Marco condivise un tratto della sua vita con l'apostolo Paolo, che incontrò nel 44, quando Paolo e Barnaba portarono a Gerusalemme la colletta della comunità cristiana di Antiochia. Più tardi, i passi di Marco si fermeranno a Roma al fianco di Pietro, il principe degli apostoli che lo battezzerà personalmente.

Il Vangelo scritto da Marco costituisce il secondo dei quattro Vangeli: è antecedente al vangelo di Matteo e precedente al vangelo di Luca. La stesura del libro va posta cronologicamente nell'arco di tempo che va dal 62 al 67\70 d.C. e il contenuto, analizzato minuziosamente, è risultato da molti storici un testo dettato dalle memorie di Pietro sul Messia. Tema dell'annunzio evangelico di Marco è la proclamazione di Gesù come Figlio di Dio, il Messia rivelato dal Padre ai suoi figli.

Allo scoppio della persecuzione cristiana indetta dall'imperatore Nerone nel 64, Pietro invia Marco ad evangelizzare l'Italia settentrionale (in modo particolare, la regione della Venezia Giulia) e Alessandria d'Egitto: qui fondò la Chiesa cristiana locale diventandone il primo vescovo.

Vicino ad Alessandria, subì il martirio sotto l'imperatore Traiano (53-117); fu torturato, legato con funi e trascinato per le vie del villaggio di Bucoli. Dopo aver trascorso una notte in carcere confortato da un angelo, il giorno seguente subì nuovamente la stessa tortura, finché morì il 25 aprile verso l'anno 68\72 all'età di 57 anni.

Alcuni cristiani, recuperarono il corpo scampato alle grinfie dei pagani, deponendolo in una grotta sita nelle vicinanze. Nel V secolo, il corpo fu traslato nella chiesa del Canopo. Secondo una leggenda, nell'828 due mercanti veneziani trafugarono le reliquie del Santo che, dopo vari prodigi verificatisi a Venezia, divenne il protettore della città lagunare.

La Costiera Amalfitana vanta anch'essa del culto verso San Marco, sviluppatosi e manifestatosi col sorgere di numerose cappelle omonime edificate, in modo particolare, nelle città di Ravello, Amalfi e Minori.

Sin dal 1402, a Ravello era attiva la rettoria di San Marco a Piazzolla. Essa era situata nella zona orientale della località Cimbrone: era un semplice beneficio e il beneficiario era il chierico Francesco Frezza; secondo i verbali delle Visite Pastorali del 1607-1612, versava in pessime condizioni, ovvero «penitus diruta et collaspa»; la Santa Messa in onore di San Marco veniva celebrata in Duomo a causa della situazione disastrosa dell'edificio: a questo proposito, il vescovo Francesco Benni nel 1612 ordina al cappellano, sotto pena di interdizione, di fare in modo che la celebrazione possa tenersi nella chiesa stessa. Con il passare degli anni, non si riscontra più traccia di essa.

Secondo lo storico Matteo Camera, ad Amalfi, tra il XIII-XIV secolo erano presenti due chiese dedicate all'Evangelista: una situata «foris portam» ed un'altra posta detta San Marco de intromuro o de lo Scario lungo la «maritima» . La prima doveva essere stata edificata, con molta probabilità, nella Valle dei Mulini, località che viene spesso intesa nelle carte amalfitane come abbiamo detto precedentemente: «foris portam». La seconda, attestata sin dal 1308, dovette giocare un ruolo rilevante per quanto riguarda la toponomastica cittadina: secondo quanto ci informa lo storico Francesco Pansa con un documento del 1365, possiamo evincere che una località ed un vicolo erano sotto il titolo di San Marco: «...ubi dicitur ad S. Marcum...»; un documento del 1404 dell'Archivio Vescovile di Amalfi ci rende partecipi dell'elevazione a chiesa parrocchiale, estendendo la propria denominazione ad una intera contrada cittadina: «...Amalphiae in Parochia S. Marci...». Oggi, di San Marco de lo Scario se ne è persa ogni traccia.

A Minori, nella seconda metà del Cinquecento, era attiva la chiesetta di San Marco o Santa Maria a Lama. Essa distava circa un chilometro dalla chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo a Torre nel luogo detto popolarmente ‘la Torretta', dominando il vallone prospiciente la comunità conventuale dei Frati Francescani maioresi: era lunga 10,20 e larga 9 metri; nella parte anteriore, possedeva un atrio coperto; l'altare era sormontato da una bellissima pittura raffigurante la Beata Vergine Maria tra i santi Antimo e Marco; alla fine del XIV secolo era in pessime condizioni e, nonostante vari interventi di restauro, all'alba del Seicento venne sottratta al culto liturgico. Oggi, gli unici elementi legati al culto del santo nel villaggio minorese di Torre sono presenti nella Chiesa Parrocchiale della località: il trittico di Matteo Casella del 1910 raffigurante i patroni del borgo (San Michele Arcangelo, San Vito Martire e San Marco Evangelista), un tondo affrescato sul soffitto cassettonato della fine dell'Ottocento e un Leone Alato che sovrasta un libro al di sopra dell'ingresso attribuibile allo stesso periodo.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

"‘O buono o fai fesso, ma ‘o fesso nun o fai maje capace": la saggezza di un popolo (43)

di Antonio Schiavo Se l'Accademia della Crusca, la più alta e prestigiosa istituzione nazionale a tutela dell'italiano, comprese tutte le sue evoluzioni susseguitesi negli anni, ritiene di dover pubblicare il "Vocabolario del Dialetto Napoletano" di Emanuele Rocco (4 volumi), vuol dire che questo dialetto...

Raffaella La Crociera, la bambina malata che prima di morire aiutò gli alluvionati con le sue poesie

di Patrizia Reso Quando si parla di storia, ci sono infiniti risvolti che non conosciamo; è solo per un caso fortuito a volte o per una ricerca accurata se ne veniamo a conoscenza. Questo vale anche per la storia della nostra città. Tutti sappiamo della disastrosa alluvione che colpì il salernitano nel...

Da Erchie ad Agerola in una notte d’estate, l’ultima transumanza in Costiera Amalfitana [FOTO]

di Emiliano Amato Una pratica ancestrale che ancora resiste all'economia turistica e si ripete in Costiera Amalfitana. Un evento unico sulla strada principale della Divina, con 300 tra capre e pecore che riscendono la collina sopra il villaggio di Erchie per iniziare la loro migrazione verso Agerola....

L'estate amalfitana all'inizio del Novecento

di Sigismondo Nastri La stagione balneare in Costiera amalfitana, all'inizio del Novecento, scorreva tra"chiasso, rumore, flirts", più o meno come avviene oggi. Nonostante ciò, rilevava Cesare Afeltra sul Piccolo del 19 agosto 1921,"Amalfi resta il luogo che accorda tutti i riposi e tutti i conforti"....

Maiori, 27 giugno 1988: l'assurda esplosione che spezzò sei vite innocenti [VIDEO]

Era il 27 giugno 1988 quando un boato terrificante svegliò Maiori. Un palazzo sul corso Reginna era crollato, spaccandosi letteralmente in due, provocando sei vittime. Sono passati esattamente trent'anni da quella tragedia, ma il ricordo è ancora vivo in chi vi assistette. Erano le 3 del mattino circa...