Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. Marco solitario

Date rapide

Oggi: 24 ottobre

Ieri: 23 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieIl culto di San Marco evangelista in Costiera Amalfitana

Pellet a euro 4,50 fino al 31 ottobre 2019Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Storia e Storie

Il culto di San Marco evangelista in Costiera Amalfitana

Scritto da Luigi Reale (Redazione), sabato 25 aprile 2015 10:03:54

Ultimo aggiornamento sabato 25 aprile 2015 22:25:20

San Marco sarebbe nato a Cirene, capitale della Cirenaica (l'attuale Libia), probabilmente all'inizio dell'era volgare, sotto l'impero di Ottaviano Augusto. Marco si presenta con doppio nome: Giovanni, di tradizione ebraica, e Marco, di antichissima tradizione romana riportabile a Marte, il dio della guerra. La discreta agiatezza economica dei genitori, Paolo e Maria, gli permette lo studio dell'ebraico, greco e latino, approfondendo la conoscenza della Sacra Scrittura ed in particolare i testi dei profeti. Prima della morte dell'imperatore, la Cirenaica viene invasa da tribù barbare, costringendolo alla fuga con i genitori a Gerusalemme. Non fu certamente un discepolo di Gesù Cristo e, con molta probabilità, non lo conobbe neppure. La sua famiglia metteva a disposizione del Maestro e degli apostoli la sua casa a Gerusalemme: nella grande sala della loro casa, il cenacolo, fu consumata l'Ultima Cena e fu il principale luogo dove i discepoli si radunarono dalla Resurrezione alla Pentecoste.

Marco condivise un tratto della sua vita con l'apostolo Paolo, che incontrò nel 44, quando Paolo e Barnaba portarono a Gerusalemme la colletta della comunità cristiana di Antiochia. Più tardi, i passi di Marco si fermeranno a Roma al fianco di Pietro, il principe degli apostoli che lo battezzerà personalmente.

Il Vangelo scritto da Marco costituisce il secondo dei quattro Vangeli: è antecedente al vangelo di Matteo e precedente al vangelo di Luca. La stesura del libro va posta cronologicamente nell'arco di tempo che va dal 62 al 67\70 d.C. e il contenuto, analizzato minuziosamente, è risultato da molti storici un testo dettato dalle memorie di Pietro sul Messia. Tema dell'annunzio evangelico di Marco è la proclamazione di Gesù come Figlio di Dio, il Messia rivelato dal Padre ai suoi figli.

Allo scoppio della persecuzione cristiana indetta dall'imperatore Nerone nel 64, Pietro invia Marco ad evangelizzare l'Italia settentrionale (in modo particolare, la regione della Venezia Giulia) e Alessandria d'Egitto: qui fondò la Chiesa cristiana locale diventandone il primo vescovo.

Vicino ad Alessandria, subì il martirio sotto l'imperatore Traiano (53-117); fu torturato, legato con funi e trascinato per le vie del villaggio di Bucoli. Dopo aver trascorso una notte in carcere confortato da un angelo, il giorno seguente subì nuovamente la stessa tortura, finché morì il 25 aprile verso l'anno 68\72 all'età di 57 anni.

Alcuni cristiani, recuperarono il corpo scampato alle grinfie dei pagani, deponendolo in una grotta sita nelle vicinanze. Nel V secolo, il corpo fu traslato nella chiesa del Canopo. Secondo una leggenda, nell'828 due mercanti veneziani trafugarono le reliquie del Santo che, dopo vari prodigi verificatisi a Venezia, divenne il protettore della città lagunare.

La Costiera Amalfitana vanta anch'essa del culto verso San Marco, sviluppatosi e manifestatosi col sorgere di numerose cappelle omonime edificate, in modo particolare, nelle città di Ravello, Amalfi e Minori.

Sin dal 1402, a Ravello era attiva la rettoria di San Marco a Piazzolla. Essa era situata nella zona orientale della località Cimbrone: era un semplice beneficio e il beneficiario era il chierico Francesco Frezza; secondo i verbali delle Visite Pastorali del 1607-1612, versava in pessime condizioni, ovvero «penitus diruta et collaspa»; la Santa Messa in onore di San Marco veniva celebrata in Duomo a causa della situazione disastrosa dell'edificio: a questo proposito, il vescovo Francesco Benni nel 1612 ordina al cappellano, sotto pena di interdizione, di fare in modo che la celebrazione possa tenersi nella chiesa stessa. Con il passare degli anni, non si riscontra più traccia di essa.

Secondo lo storico Matteo Camera, ad Amalfi, tra il XIII-XIV secolo erano presenti due chiese dedicate all'Evangelista: una situata «foris portam» ed un'altra posta detta San Marco de intromuro o de lo Scario lungo la «maritima» . La prima doveva essere stata edificata, con molta probabilità, nella Valle dei Mulini, località che viene spesso intesa nelle carte amalfitane come abbiamo detto precedentemente: «foris portam». La seconda, attestata sin dal 1308, dovette giocare un ruolo rilevante per quanto riguarda la toponomastica cittadina: secondo quanto ci informa lo storico Francesco Pansa con un documento del 1365, possiamo evincere che una località ed un vicolo erano sotto il titolo di San Marco: «...ubi dicitur ad S. Marcum...»; un documento del 1404 dell'Archivio Vescovile di Amalfi ci rende partecipi dell'elevazione a chiesa parrocchiale, estendendo la propria denominazione ad una intera contrada cittadina: «...Amalphiae in Parochia S. Marci...». Oggi, di San Marco de lo Scario se ne è persa ogni traccia.

A Minori, nella seconda metà del Cinquecento, era attiva la chiesetta di San Marco o Santa Maria a Lama. Essa distava circa un chilometro dalla chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo a Torre nel luogo detto popolarmente ‘la Torretta', dominando il vallone prospiciente la comunità conventuale dei Frati Francescani maioresi: era lunga 10,20 e larga 9 metri; nella parte anteriore, possedeva un atrio coperto; l'altare era sormontato da una bellissima pittura raffigurante la Beata Vergine Maria tra i santi Antimo e Marco; alla fine del XIV secolo era in pessime condizioni e, nonostante vari interventi di restauro, all'alba del Seicento venne sottratta al culto liturgico. Oggi, gli unici elementi legati al culto del santo nel villaggio minorese di Torre sono presenti nella Chiesa Parrocchiale della località: il trittico di Matteo Casella del 1910 raffigurante i patroni del borgo (San Michele Arcangelo, San Vito Martire e San Marco Evangelista), un tondo affrescato sul soffitto cassettonato della fine dell'Ottocento e un Leone Alato che sovrasta un libro al di sopra dell'ingresso attribuibile allo stesso periodo.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Il messaggio di impegno e di libertà di Antonio Borgese

Mercoledì scorso si sono stati celebrati, nel Duomo di Ravello, i funerali di Antonio Borgese, una delle figure di spicco della comunità ravellese, titolare, fin dagli anni Cinquanta del secolo scorso, dell'allora ufficio di collocamento in vari centri della Costiera amalfitana, impegnato in campo politico...

La frase giusta

Di Christian De Iuliis* Una piastrella all'ingresso della casa del signor Borgese recita: "Se vuoi costruire una fabbrica di grande altezza, pensa prima alle fondamenta dell'umiltà". E' una frase di Sant'Agostino. La si incontra lungo una via centrale di Ravello, insieme ad altre, che il signor Borgese...

Antonio Borgese e il suo impegno per Ravello

di Salvatore Sorrentino* Caro Direttore, Ti ringrazio per il ricordo che, in maniera esauriente, hai fatto dell'attività amministrativa svolta da Antonio Borgese, nella sua funzione di consigliere e assessore, in due delle mie tre amministrazioni. Mi preme dire, nel ricordo di Antonio (che, per altro,...

Il cinema a Ravello

di Antonio Schiavo Questa è la storia (sembro tanto Maria De Filippi) di... un film di cui i ragazzi ravellesi di tanti anni fa - oggi sulla sessantina - non ricordavano e non ricordano né la trama né il titolo. Ma... procediamo con ordine. Tra le tante benemerenze da ascrivere al compianto Don Giuseppe...

Assisi: sulla tonaca di San Francesco la scoperta delle toppe del mantello di Santa Chiara

Nel numero di ottobre della rivista San Francesco uno speciale dedicato alla tonaca del Santo d'Assisi. Secondo la ricerca della studiosa tedesca di tessuti antichi che ha anche guidato il gruppo di restauro della Sacra Sindone nel 2002, Mechthild Flury-Lemberg, fu santa Chiara a rattoppare la veste...