Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Ireneo martire

Date rapide

Oggi: 15 dicembre

Ieri: 14 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Il Sottocosto di Natale da Euronics a Maiori e Positano alla Bottega di Capone I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieI vini della Costa d'Amalfi e la tutela della loro storica identità

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

I vini della Costa d'Amalfi e la tutela della loro storica identità

Scritto da Raffaele Ferraioli (Redazione), domenica 1 febbraio 2015 18:44:33

Ultimo aggiornamento domenica 1 febbraio 2015 19:59:06

di Raffaele Ferraioli*

Parlare di vino non è facile. Si corrono troppi rischi: non dire abbastanza per soddisfare le esigenze degli addetti ai lavori, non fornire adeguate spiegazioni ai profani, scivolare nell'aneddotica e nell'agiografia, urtare la suscettibilità dei bastian contrari. Ma non si può tacere, deludendo, così, l'intenditore vero, entusiasta, saggio, sempre a caccia di scoperte. Ecco perché bisogna evitare i luoghi comuni, la banalizzazione. Dire pane al pane e, manco a farlo a posta, vino al vino!

Partendo da questa premessa, veniamo al dunque. In questi ultimi anni la Costa d'Amalfi è tornata ad essere una terra vinosa di antico lignaggio quale storicamente è sempre stata. La sua enostoria, come ogni favola bella, viene da lontano, ha radici antiche, intrecciata in una trama infinita. E' difficile svelarne i misteri, comprendere fino in fondo i contorni di questa leggenda. Secondo alcuni studiosi la coltivazione della vite sulle balze collinari nostre e di tutto il meridione d'Italia è iniziata molto prima dei Greci. Viene, infatti, attribuito ad Enotrio il merito di aver trasferito qui da noi i primi vitigni provenienti dall'Egeo. L'arte nobilissima di scegliere il vitigno in relazione al tipo di terreno in cui impiantarlo sarebbe stata affinata più tardi da Columella. Da qui il segreto dei grandi vini nostri, figli dell'uvaggio, ossia della miscela di uve diverse provenienti da vigneti diversi. Queste splendide combinazioni riportano ancora oggi nel bicchiere un po' di passato.

"Assemblare un uvaggio è come comporre una sinfonia", afferma Arturo Ziliani, famoso enologo veneto. Produrre vino da un insieme di uve mescolate sapientemente significa accedere ai vantaggi offerti dalle diverse varietà, provenienti dai diversi ambienti e dai differenti vitigni. Questa pratica consente di evitare monologhi e innescare dialoghi, dando sfogo alla creatività e alla fantasia. In questa maniera è possibile dare al vino la "voce" giusta, evitare gli "assoli" deboli, ascoltare solo "cori" potenti e melodiosi. Questi connubi per certi aspetti misteriosi, danno vita a grandi vini: morbidi o ruvidi, corposi o leggeri, armoniosi o scorbutici, tondi o spigolosi, "di sangue caldo", "complici di lussurie". Ecco perché il suono perfetto di un vino può e deve scaturire da un concerto di voci che da sole non avrebbero la stessa melodiosa sonorità. Da simili incroci può essere generato finanche quel vino "femmina, da godere fino a perderci la testa", tanto amato dal grande Veronelli.

Vinificare mescolanze di uve provenienti da vitigni stratificatisi nel corso dei secoli, setacciati dall'uomo, che ne sa ascoltare i discorsi più segreti, significa creare vini che esprimono il meglio, realizzare prodotti che la natura da sola non riuscirebbe a dare. Altro che vinificazione in purezza!

"Contro natura invan l'arte si adopra", viene a questo punto da esclamare di fronte a certe pratiche cosiddette innovative. Abbiamo impiegato parecchi anni per convincere prima noi stessi e poi gli altri della bontà dei nostri vini. Siamo ripartiti nel 1995, dopo aver ottenuto il riconoscimento della D.O.C. e abbiamo rispolverato la nostra nobiltà enologica, riscoprendo il valore del nostro prezioso patrimonio ampelografico. Siamo stati protagonisti di una vera e propria rinascita, riuscendo a spazzare via empirismi e improvvisazioni, mediocrità e facilonerie per riaffermare i valori di un'antica cultura, autentica, esclusiva, identitaria. Abbiamo saputo offrire agli appassionati intenditori l'anima sconosciuta dei nostri vini, nobili, eleganti, rappresentativi della nostra arte di vivere. Siamo riusciti a puntare sulla qualità e sull'eccellenza, comprendendo e facendo comprendere agli altri che il vino non è una semplice bevanda, ma un'emozione, un piacere ricercato. Oggi siamo chiamati a fare ulteriori sforzi per non vanificare i traguardi fin qui conquistati. Dobbiamo avere la forza di dire no alle finte innovazioni; rinunciare agli egoismi quantitativi; salvaguardare la nostra secolare selezione ampelografa, ricevuta in ereditata dai nostri avi; mantenere i vitigni giusti nei vigneti giusti. Un impegno forte dobbiamo spenderlo, in particolare, nel difendere la sacralità dell'uvaggio e nel rinunciare all'allargamento della gamma dei vini prodotti e con esso all'invenzione di tipi assolutamente estranei alla nostra tradizione più autentica.

Alla luce di queste considerazioni, mi permetto di ritenere a dir poco improvvide le modifiche recentemente apportate al Disciplinare di Produzione della D.O.C., peraltro assunte unilateralmente dai produttori, in assenza del parere delle Amministrazioni Comunali territorialmente interessate. Vinificazione in purezza, bollicine e altri scimmiottamenti non hanno nulla a che fare, secondo il mio modesto avviso, con la nostra tradizione storicamente consolidata e, per questo, vanno messi al bando.

Liberi di non condividere queste mie idee, coloro che la pensano diversamente sono pregati di... battere un colpo. Prosit!

*sindaco di Furore, esperto di enogastronomia e cultore delle tradizioni locali

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...

Luce e realismo nella pittura napoletana dell’Ottocento

di Paolo Spirito Ci sono due appunti nel taccuino di Giuseppe De Nittis, pubblicato nel 1894 a Parigi col titolo di "Notes e Souvenirs" e poi in Italia nel 1964 come "Taccuino 1870/1884", che meglio di qualunque altra espressione riassumono, attraverso la viva voce del pittore, la consapevolezza acquisita...

"Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa”, gli antichi detti amalfitani legati alla festa patronale

di Sigismondo Nastri La festa patronale del 30 novembre ad Amalfi apre la porta al cambio di stagione. Infatti, un vecchio proverbio insegna: "Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa". Cioè (come lo interpreto io): "Sant'Andrea, la neve in grembo". Sarà vero? Questa espressione, 'mporéa, è tipicamente amalfitana....

In ricordo di Alfonso Baccaro, servo della Patria

di Rita Di Lieto Alfonso Baccaro, agricoltore, nato a Maiori il 9 ottobre 1916, ha lasciato di sé un ricordo di persona sensibile, cordiale, disponibile. Già centenario, ha messo per iscritto i ricordi della sua vita militare e della sua penosa e movimentata vita da prigioniero, prima dei Tedeschi e...