Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Dionigi vescovo

Date rapide

Oggi: 8 aprile

Ieri: 7 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, pitture e porte per interni, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOS, BOEROLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieI luoghi di culto della Longobardìa Minor dedicati all’Arcangelo Michele

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Insieme a Voi - la Colomba di Sal De Riso è buona e sa di buono. Aiuta gli ospedali della Campania acquistando le colombe pasquali di Sal De Riso

Storia e Storie

I luoghi di culto della Longobardìa Minor dedicati all’Arcangelo Michele

I luoghi di culto dedicati all'Arcangelo Michele erano per la maggior parte presenti presso o dentro castelli e fortificazioni, presso o dentro grotte, antri o anfratti naturali

Scritto da Giuseppe Gargano (Redazione), lunedì 29 settembre 2014 06:36:34

Ultimo aggiornamento domenica 29 settembre 2019 10:32:33

di Giuseppe Gargano

La Longobardìa Minor era, nell'Alto Medioevo, una vasta area dell'Italia meridionale, composta dai territori occupati dai longobardi sin dal VI-VII secolo: si trattava di buona parte della Campania, di alcune terre della Calabria e della Puglia. Esisteva, poi, anche il Thema di Longobardìa, che corrispondeva sostanzialmente ai territori rimasti sotto il controllo diretto o indiretto di Bisanzio.
In quelle regioni si diffuse ben presto il culto per l'Arcangelo Michele, senz'altro introdotto dai bizantini ma accettato anche dai longobardi. Possiamo dire che bizantini e longobardi, molto spesso nemici e feroci antagonisti per il dominio del Meridione, trovarono un punto di convergenza nel comune culto per San Michele.

La presente relazione si pone quale obiettivo l'analisi e la ricostruzione dei luoghi di culto dedicati all'Arcangelo, intitolati a Lui sia nella forma canonica di Michele Arcangelo sia in quella ridotta di S. Angelo, nella Langobardìa Minor e nel Thema di Longobardìa, tra longobardi e bizantini, tra i secoli IX e XII.

La nostra ricerca alquanto acribica e dettagliata prende le mosse da Montecassino e in particolare dalla basilica desideriana, cioè la chiesa fatta costruire tra 1066 e 1071 dall'abate Desiderio (futuro papa Vittore III). Per quella costruzione furono impegnate maestranze amalfitane e longobarde, come ricorda il cronista Leone Ostiense. La cappella di S. Michele, collocata nell'atrio della basilica, mostrava volte a crociera archiacuta (fornices spiculi) derivate dal mondo arabo nordafricano e spagnolo e introdotte in Occidente proprio dagli amalfitani, che le avevano già utilizzate nella fabbrica della loro cattedrale di S. Andrea Apostolo e nell'arsenale (1059). La notizia cronachistica costituisce un'ulteriore prova a riguardo del sostegno all'idea da me avanzata circa l'impiego di tali volte incroci di botti acute da parte degli amalfitani molto prima dell'epoca che la tradizione della storia dell'architettura attribuisce a tale diffusione (XII-XIII secolo).

I luoghi di culto dedicati all'Arcangelo Michele erano per la maggior parte presenti presso o dentro castelli e fortificazioni, presso o dentro grotte, antri o anfratti naturali. Così ci accingiamo a presentare i siti cultuali individuati mediante le ricerche attraverso le fonti archivistiche o con l'ausilio dei ritrovamenti di tipo archeologico. Questi siti erano contrassegnati da monasteri, chiese, cappelle, insediamenti eremitici.
Ora riferiamoci dapprima ai ducati romanico-bizantini della Campania altomedievale e poi al principato longobardo di Salerno, la cui estensione territoriale si spingeva fin verso la Puglia. Ci accorgeremo subito che il numero dei luoghi di culto micaelici era di gran lunga superiore tra i longobardi che tra i bizantini meridionali.

Così nella città di Napoli vi era una chiesa di S. Michele Arcangelo nel 924 collocata al di sotto del muro pubblico a Porta Novense.
Quindi nella città di Gaeta esisteva sin dall'899 il monastero di S. Michele in Planciano; inoltre a Sperlonga si trovava un altro omonimo cenobio nel 976 e a Traetto la chiesa di S. Angelo de Traguazzano nel 1084.

La città longobarda di Salerno presentava il monastero dei Ss. Michele e Stefano nel 1039, ubicato nel rione Orto Magno, nei pressi della cattedrale, la chiesa di S. Michele nella platea che conduceva a Porta Elina, fondata nel 991, un'altra nel vico della chiesa di S. Trofimena, quindi nel quartiere degli atranesi, la chiesa dei Ss. Sofia e Angelo divenuta monastero nel 1040.
Nella località costiera di Fonti, confinante col territorio del ducato amalfitano, alcuni atranesi erano proprietari della chiesa di S. Arcangelo nel 980. Gli atranesi possedevano pure la chiesa di S. Angelo a Tirisino, presso Agropoli, nel 1074, mentre una chiesa dedicata all'arcangelo era ubicata nella località lucana Duo Flumina, a loro venduta nel 977 dal vescovo di Paestum per 1500 libbre d'argento.
Nell'ambito del territorio del principato salernitano vi erano altri luoghi di culto micaelici.
Sul Monte Cilento nel 1031 esisteva il monastero maschile di S. Arcangelo. Sul Monte Coraci, presso Ancilla Dei e a confine con la Lucania, nel 1038 era attivo il monastero di S. Michele. Ancora in Lucania, sulla via che portava al castello Mitilla, vi era una chiesa dedicata a S. Arcangelo nel 994. Presso il castello di Capaccio è documentata una chiesa di S. Angelo nel 1050.
Nell'Agro Nocerino si trovavano inoltre altri luoghi di culto.
A Lanzara, presso il castello, sorgeva la chiesa di S. Angelo nel 982.

Nel territorio di Cava de' Tirreni si trovavano il monastero maschile dei Ss. Michele e Martino (1063), collocato sul monte di Passiano e a Mitigliano, in località Balnearia e presso un fossato, nel 1034 la chiesa di S. Arcangelo, che dava il nome pure al monticello sul quale si ergeva.
Notevole rilevanza assume la chiesa in grotta di S. Arcangelo, attestata sin dal 1035 sul Monte Aureo di Olevano sul Tusciano: il suo ciclo di affreschi dell'XI secolo di stampo bizantino è un indiscusso prototipo per lo studio della pittura altomedievale mediterranea. In quel sito trascorse i suoi ultimi giorni Ildebrando da Soana, già papa Gregorio VII, che ivi giunse esiliato nel 1085 sotto la "protezione" di Roberto il Guiscardo, il quale lo salvò dalle insidie di Enrico IV; il corpo del pontefice riformatore della Chiesa romana è seppellito nella cattedrale di Salerno
La Puglia era la terra di contesa estrema tra longobardi e bizantini: nelle sue località spesso esistevano luoghi di culto micaelici.
A Bitetto nel 959 era attiva una chiesa intitolata all'Arcangelo. Quindi la chiesa di S. Michele in Tillizzo era presente presso un castello sito nel territorio di Giovinazzo (1073). La cattedrale di Terlizzi nel 1150 era dedicata a S. Michele; essa aveva allora un meraviglioso chiostro. Altre chiese micaeliche pugliesi erano: S. Michele a Barletta (1102); S. Angelo sul Monte Ioannacio e presso la via che conduceva a Ioa e al suo castello nel tenimento di Bari (1087); Ss. Maria, Michele e Tutti i Santi di Castellano (Brindisi); S. Michele di Biccaro (1144); S. Angelo de Costa a Troia (1182); S. Michele in loco Moleniano ad Oria (1092).

I monasteri pugliesi dedicati all'Arcangelo erano quello di Medugno (1071), S. Angelo de Ursaria di Troia (1125), nonché S. Angelo sul Gargano. Quest'ultimo estese la propria denominazione alla città che si sviluppò presso di esso. La porta di bronzo che tuttora si può ammirare ivi, fusa a Costantinpoli e incisa da artisti bizantini, fu donata dal ricco e nobile mercante amalfitano Pantaleone de Comite Maurone nel 1076. Il monastero divenne un santuario visitato ogni anno, tra l'8 e il 9 maggio, da innumerevoli fedeli; il cardinale amalfitano Pietro Capuano, al fine di dirottare queste frotte di cristiani ad Amalfi, decise di compiere l'ultima fase della traslazione di S. Andrea Apostolo da Costantinopoli nella cripta della cattedrale della città marinara proprio l'8 maggio del 1208. Da Monte S. Angelo salpavano le navi dirette in Terra Santa.

Abbiamo lasciato per ultimo il ducato di Amalfi per ovvii motivi di particolare analisi relativi alla storia locale.
Il culto micaelico qui fu alquanto diffuso; tale dato conferma dal punto di vista religioso le relazioni strette di carattere politico esistenti tra amalfitani romanico-bizantini e longobardi salernitani.
Ad Atrani vi era la chiesa di S. Michele ai confini settentrionali del tessuto urbano, detta de Porta e documentata sin dal 1105; nata come eremo altomedievale, ha funzionato nei secoli moderni come cimitero. Poi nel 1062 Giovanni, discendente del comes Giovanni, capostipite dei Napolitano, dei Cappasanta e dei Platamone, fondò il monastero femminile benedettino di S. Michele ad Mare sulla spiaggia di Atrani; esso fu chiuso nel 1269 e le ultime monache rimaste passarono al cenobio di S. Maria Dominarum collocato sulla sovrastante collina.
A Scala esisteva la chiesa di S. Angelo de Petralena nel 1191.

Il centro amalfitano che ospitava il maggior numero di luoghi di culto micaelici era sicuramente Ravello. Lì, infatti, si contavano le chiese di S. Angelo del Toro (1231), S. Michele Arcangelo a Peperone (1096), S. Michele in Tirrinio (1033), S. Angelo de Ponticeto (1039). Ma le più rilevanti furono di certo la parrocchiale di Torello, che presenta tuttora un meraviglioso impianto del XII secolo con tre navate divise da colonne e capitelli di spoglio, e S. Angelo dell'Ospedale, accanto alla quale fu costruito il primo nosocomio del territorio amalfitano nel 1170.
Dopo Ravello segue Maiori con le chiese di S. Michele de Alliola (1060), presente in un villaggio scomparso sopra Cetara, S. Michele de Ponte Primaro (1343), S. Angelo de lu Tisitu (1252), S. Angelo de Pinello (1484). Vi era poi il monastero di S. Angelo di Vecite (1272).
Sui monti del ducato erano distribuiti altri luoghi di culto.

Agerola presentava la chiesa di S. Angelo de Iubo nel 1306; Tramonti era interessata dalle chiese di S. Angelo de la Plancolella (1138), S. Michele di Paterno Maggiore (1423), S. Angelo di Paterno Minore (1326). Particolare importanza riveste la chiesa rupestre di S. Angelo de Gradu di Gete, attestata fin dal 1181, la quale conserva una pregevole architettura segnata da archi acuti e volte a crociera. Inoltre sui monti confinanti col territorio cavese esisteva il monastero dei Ss. Maria e Michele in Duliaria (972).

Il centro urbano di Amalfi presentava le chiese di S. Michele a Capo di Croce (XI secolo) e S. Angelo de Intus Muro (1238), una delle nove parrocchiali cittadine, distrutta dalle tempeste del mare.

Nei casali occidentali della città di Amalfi si trovavano altre testimonianze cultuali: a Conca dei Marini era ubicata la chiesa di S. Angelo de Penna (1424); a Praiano una chiesa di S. Angelo (1132); a Vettica Maggiore una di S. Arcangelo (1416); a Pogerola la chiesa di S. Michele ad Ortello, fondata tra 1179 e 1181 dal mercante Orso Castallomata e impostata su di una pianta centrale di tipo armeno.
Concludiamo con la chiesa che ha ospitato una giornata di studio nel 2012: la parrocchiale di Vettica Minore. Essa sarebbe stata documentata per la prima volta, secondo lo storiografo amalfitano Matteo Camera, nel 1208, quando il suo patronato sarebbe appartenuto alla nobile stirpe dei de Comite Orso. Compare nelle fonti documentarie soltanto nel 1321 sotto l'intitolazione all'Arcangelo Michele; allora conteneva una cappella di proprietà di Marino Casanova. Una fonte cronachistica seicentesca sostiene che la chiesa fu fondata dalla famiglia Sarcaja di Conca, una stirpe di mercanti-navigatori che nel corso del XIV secolo fece ragguardevoli fortune economiche.

La presenza del culto micaelico a Vettica Minore e le corrispondenti testimonianze a Vettica Maggiore e a Vecite di Maiori possono essere spiegate dal fatto che queste tre realtà territoriali amalfitane erano luoghi di confine, cioè di accesso a configurazioni urbane meglio definite. Infatti, il toponimo Vettica potrebbe derivare dal latino vectigal, una tassa pagata per l'ingresso in città classiche e medievali.
L'interno di S. Michele di Vettica Minore è ad una sola navata, orientata regolarmente con l'altare principale verso est come moltissime chiese medievali, con quattro cappelle per lato e un'abside rettangolare voltata a botte lunettata. Essa ha subìto rinnovamenti e trasformazioni nel corso dei secoli. Si riconoscono elementi architettonici cinquecenteschi e una trasformazione tardo-settecentesca. E' affiancata da un campanile formato da quattro ordini quadrati, sormontati da una calotta emisferica rivestita di embrici maiolicati. I colori di questi smalti ottocenteschi richiamano il verde dei terrazzamenti coltivati e delle selve scoscese, dei limoni penzolanti nel vuoto, del mare e del cielo di Vettica; colori pronti a delineare un luogo d'incanto e di paradiso glorificato dalla retorica domanda: Quis ut Deus?

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Il “muccaturo”, il copricapo delle nostre antenate

di Sigismondo Nastri Un amico mi ha chiesto di scrivere qualcosa sul muccaturo: non certo il fazzoletto che portiamo in tasca - oggi sostituito da quelli più pratici di carta - per pulirci il naso, ma il muccaturo col quale si coprivano il capo le nostre antenate (le nonne, per quelli della mia generazione)....

“Quattro aprilante giorni quaranta”: il vecchio adagio prevede maltempo

"Quattro aprilante giorni quaranta". È un vecchio proverbio napoletano (con la variante ‘quattro brillanti giorni quaranta') che fa riferimento alle condizioni climatiche e prevede le stesse condizioni del 4 aprile per i seguenti 40 giorni. Se dovesse piovere il 4 aprile, quindi, ci sarebbero altri 40...

Le grandi epidemie della storia: una disadorna riflessione sul Covid-19

di Francesco Criscuolo* Il confinamento coatto nelle proprie abitazioni, rientrante nelle misure restrittive della libertà personale messe in campo dal governo Conte per erigere solidi argini al dilagare dell'epidemia di Covid - 19, non è un fatto nuovo nella storia delle calamità collettive. I dati...

L'alluvione del 26 marzo 1924 che provocò distruzione e morte a Vettica di Amalfi

Il 26 marzo del 1924 un violento nubifragio si abbatté sulla Costiera Amalfitana. Ad Amalfi, conseguentemente a un drammatico evento franoso, 61 abitanti della frazione di Vettica Minore persero la vita. Il più anziano delle vittime aveva 82 anni, mentre il più giovane era venuto alla luce da appena...

17 marzo. Oggi l'anniversario dell'Unità d'Italia

Ricorre oggi l'anniversario dell'Unità d'Italia. Il 17 marzo 1861 veniva proclamato a Torino il Regno d'Italia. In seguito alla Seconda guerra di indipendenza e alla spedizione dei Mille, guidata da Giuseppe Garibaldi, nel biennio 1859-60, l'obiettivo dell'unità d'Italia era stato in gran parte raggiunto,...