Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Aurelio vescovo

Date rapide

Oggi: 20 luglio

Ieri: 19 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Ravello Festival 2018 #Ravello18 laltrolato, l'altro lato, barcatering, events, cocktail bar, wine selection, champagne, spirits corner, bottle hunting, bar in villa, eventi esclusivi, catering cocktail Auditorium Oscar Niemeyer a Ravello tutto il piacere dei grandi eventi in Costa d'Amalfi Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieHolly e Benji il cartone animato più amato (e incredibile)

Tramonti, frontale tra due auto a Polvica [FOTO]

Amalfi Coast Music & Arts Festival: a Maiori concerti stasera e domani

Amalfi, si teme per sigilli ai 4 lidi prima del riesame

Climatizzazione: l'inverter che ti cambia l'estate

Scala modello per i piccoli comuni italiani. Sabato 21 a TG1 Dialogo

Società Cooperativa "La Fonte" ricerca educatori e ausiliari per la prima infanzia

Costiera Amalfitana, scoperta grossa piantagione di cannabis. Carabinieri distruggono 150 piante [FOTO]

Cetara, 22 luglio cerimonia di consegna dei Premi costadamalfilibri 2018

Scala, 23 luglio "Open Day" al Micronido

Notte del jazz Ecm: al Ravello Festival doppio set con Theo Bleckmann, Stefano Battaglia e Michele Rabbia

Pasquale Petrolo di "Lillo & Greg" in Costiera: tappa di gusto da Sal De Riso [FOTO e VIDEO]

Fulvio Mormile entra in Consiglio provinciale, Costiera torna a Palazzo Sant'Agostino

Per la tennista Maria Sharapova vacanze a Positano dopo il forfait al Wta di San Josè

Benevento, condannato per pedofilia: esce dal carcere e viene ucciso

Atterraggio d'emergenza a Londra per un aereo British Airways proveniente da Napoli

"Il popolo dei mezzogiorni uniti e l’Europa di Maastricht": 21 luglio a Scala il libro di Angelo Calemme

Per Barbara Amato laurea in Psicologia Cognitiva, nella tesi il concetto di "lavoro emotivo" all’hotel “Le Sirenuse”

Scontro tra scooter a Marmorata: 28enne americano si rompe tibia e perone [FOTO]

"Tramonto dei suoni", 20 luglio concerto dell'orchestra Maiori Music Festival

Esodo estivo, tornano gli autovelox sulle autostrade

Ravello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera Amalfitana Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Divin Baguette Maiori Costiera Amalfitana Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Storia e Storie

Trent'anni dalla prima messa in onda in Italia

Holly e Benji, il cartone animato più amato (e incredibile)

"Holly si allena tirando i rigori, Benji si allena parando i rigori": la colonna sonora della nostra fanciullezza, dei nostri sogni

Scritto da (Redazione), mercoledì 20 luglio 2016 12:52:39

Ultimo aggiornamento mercoledì 20 luglio 2016 13:17:50

Al di là delle sollecitazioni provenienti dalla cronaca quotidiana o dalla politica, ovvio e fisiologico 'tributo' che la stampa deve pagare alla necessità di rendersi visibile ed appetibile al pubblico di tutti i giorni, un portale che si rispetti deve assecondare le esigenze dei propri lettori nel modo più curioso e trasversale possibile.

Come? Occupandosi, ad esempio, del fenomeno televisivo più eclatante degli ultimi trent' anni, il cartone animato per antonomasia, il prodotto manga più celebrato, rivisto, venerato in simultanea da almeno tre generazioni: Holly e Benji. Sfido a trovare un solo individuo, diciamo a partire dalla classe anagrafica 1970, che non abbia mai visto un episodio del mitico 'Captain Tsubasa', nome originale del fumetto archetipico disegnato da Yoichi Takahashi, europeizzato poi in 'Holly e Benji' al momento di esportare il prodotto nel mondo occidentale (tutti i nomi dei personaggi, infatti, sono conosciuti qui da noi nella più accattivante e 'gestibile' forma anglòfona rispetto all'improponibile originale nipponico).

Il 19 luglio 1986 si celebrava il genio di Diego Armando Maradona che esattamente tre settimane prima, il 29 giugno 1986, aveva trascinato l'Argentina sul tetto del mondo dopo aver battuto la Germania Ovest nella finale dell'Atzeca a Città del Messico. Ebbene, in quella stessa data, in Italia nasceva un altro mito: Holly e Benji. Proprio ieri il trentesimo anniversario della prima messa in onda nella nostra penisola del cartone animato nato dall'idea di Yoichi Takahashi.

Holly (Oliver Hutton, ovvero Tsubasa Ozora) e Benji (Benjamin Price, alias Genzo Wakabayashi), personaggi principali del cartone, sono due ragazzini che coltivano il sogno di praticare il calcio ad alti livelli. Nulla di strano, a 11 anni, se non fosse che ci troviamo a Fujisawa, sperduta località della prefettura di Kanagawa dove la parola 'calcio' può essere conosciuta, casomai, sotto forma di vago sinonimo/surrogato del più significativo elemento chimico. E' solo la prima stranezza, è noto che il Giappone non ha mai avuto grosse tradizioni in questo sport, ma è altrettanto ovvio che il disegnatore - stregato dai campionati mondiali del 1978 visti in tv - non può essere crocefisso soltanto per il fatto di essere un giapponese appassionato di uno sport di tutt'altra provenienza. Anzi, magari proprio il fatto di ambientare 'autarchicamente' (e giustamente) le vicende sui campi del Sol Levante ha contribuito a diffondere rapidamente il calcio fra i popoli dagli occhi a mandorla. Attualmente, la J-League è uno dei campionati più appetiti per avanguardia tecnologica, guadagni e quel pizzico di esotismo che non guasta.
Dicevamo dei due ragazzini. Holly si trasferisce, con il suo inseparabile amico (il pallone), a Fujisawa, per le esigenze di lavoro del padre giramondo, un fantomatico esponente della marina, e già smania per trovare nuovi amici con cui condividere la patologica passione per il football; complici i frequenti viaggi del genitore, troverà in Roberto Sedinho - misterioso ex talento azzoppato del calcio brasiliano (avvezzo alla bottiglia), capace di sfondare le reti a colpi di rovesciate - una specie di padre putativo. La conoscenza con Benji, comunque, è a dir poco traumatica, dal momento che entrambi hanno una forte personalità e vogliono dimostrare a tutti (e a tutti i costi) il loro valore, salvo poi - in breve - ritrovarsi compagni di squadra in una delle compagini più forti del torneo interscolastico nazionale, la NewTeam.

Benji, autentico bulletto di quartiere, è il leader della squadra San Francis e rivendica la priorità sul locale campetto di allenamento, mandando via chiunque si avvicini - giocatori di pallavolo, rugby, baseball - parando palle di ogni forma e tiri di ogni potenza. E qui si comincia ad intuire la portata involontariamente comica del cartone: appena il lanciatore di baseball, ad esempio, scarica la fucilata (ricordo ai lettori che una pallina da baseball è un puntino minuscolo a fronte dei 7 metri di larghezza di una porta da calcio), lo spocchioso Benji blocca la piccola sfera con la mano sinistra senza scomporsi. Da leggenda. Holly non vuole essere da meno: dapprima - da una collina lontana almeno 10 chilometri - calcia un pallone firmato nel giardino della villa di Benji (un po' come centrare la Chiesa di Torello dal belvedere di Villa Rufolo) che ovviamente blocca in presa (e ti pareva), e poi, trovatosi faccia a faccia col diabolico portiere, gli spara una cannonata da un marciapiede all'altro facendo passare il pallone sotto un autobus in transito. Da ribaltarsi sulla poltrona, nel senso dell'esaltazione.

Le schermaglie culminano in una supersfida tra le rispettive squadre di appartenenza, Newppy e San Francis, che si conclude in parità al termine di 90 minuti caratterizzati da agonismo esasperato, tattiche ostruzionistiche (la 'gabbia' voluta da Benji per ostacolare Holly farebbe impallidire persino Trapattoni) e gol rocamboleschi (lo stesso Benji figura fra i marcatori). Insomma, non c'è un vincitore ma entrambi gli atleti si guadagnano la convocazione nella selezione provinciale, la neonata NewTeam, che andrà ad affrontare il campionato nazionale. E' qui che comincia (e finisce, perchè le serie successive - soprattutto quelle relative ai Mondiali - perderanno il fascino dei primi episodi) la saga vera e propria, l'alternarsi di personaggi memorabili e di circostanze al limite dell'umano. Formazione: 1)Benji Price, 2) Bruce Hurper, 3) Jill Taylor, 4) Charlie Custer, 5) Jack Morris (fallosissimo), 6) Paul Diamond, 7) Ted Carter, 8) il roccioso Bob Denver, !0) avviamente Oliver Hutton, 11) Tom Becker, 12) Alan Crocker, il secondo portiere. Dopo di che nessuna riserva in panchina.
E subito dopo ti viene da pensare alla Muppet (e poi della Tohu): con la l'omologa coppia rivale dei protagonisti: Mark Lenders (Kojiro Hiyuga), ragazzo difficile che cerca nel calcio il riscatto da una vita grama e la ricchezza con cui ripagare la madre dei tanti stenti, e Ed Warner (Ken Wakashimazu), portiere-molla che svergognerebbe anche il miglior Buffon. Lenders, abbigliato anche d'inverno con una simil-canotta agostana (gli manca solo il pacchetto di sigarette nella manica arrotolata), sbriciola con la stessa facilità muri ed avversari grazie al 'Tiro della Tigre', una legnata dalla forza devastante che sottopone a gastroscopia improvvisata i malcapitati difensori e straccerà (?) i guanti di Benji, accartocciato in presa e spostato oltre la linea di porta dall'indomito pallone (?). Warner, invece, è il classico portiere pagliaccio che irrita e irride; suo marchio di fabbrica la parata con spinta sul palo: nel cartone, il rapporto spazio-tempo è talmente anomalo che Warner ha tutto l'agio di intuire la direzione del tiro, prodursi in 6-7 smorfie del viso, correre verso il palo opposto, sfruttarlo come sponda e ri-tuffarsi indietro per abbrancare la sfera. Tiramolla non saprebbe fare di meglio.

Piazza d'onore per i funambolici gemelli Jason & James Derrick (Kazuo & Masao Tachibana) della Hot Dog; sfruttando i terreni di gioco chilometrici (autentiche autostrade a 4 corsie in leggero falsopiano, dove le porte spuntavano lontane come miraggi), attuano la terribile 'Catapulta Infernale' (video in baso), in cui uno dei due, scivolando supino con le ginocchia flesse, in un'agghiacciante posizione fetale, fa da trampolino per l'altro che riceve la spinta e si produce in una rovesciata o un colpo di testa, raccogliendo un pallone calciato 'a campanile' - fra lo sbigottimento generale - poco prima di avviare la combinazione. Variante rocambolesca della catapulta è il 'Tiro Incrociato' con arrampicamento sulla porta: prima un piede sul palo, poi 'hop' in volo verso il solito pallone vagante da appoggiare al gemello accorrente che, come al solito smarcatissimo, realizza.

Indimenticabili anche Phillip Callaghan (Hikaru Matsuyama) della Flynet e Giulian 'Core 'ngrato' Ross (Jun Misugi) della Mambo, quest'ultimo protagonista - quale capitano coraggioso - di uno 'spettacolare' malore in campo con tanto di cuore infranto in mille pezzi. I due calciatori sono molto diversi: Callaghan è la determinazione, la leadership innata che supplisce a mezzi tecnici non eccelsi; Ross è l'opposto, il classico principino che sprizza talento e predica calcio sopraffino.
E poi una valanga di comprimari, di deuteragonisti il cui unico ruolo è quello di enfatizzare la grandezza dei relativi capitani. Si, perchè in Holly e Benji - per quanto la facciano da padroni valori come l'amicizia, il rispetto dell'avversario, la lealtà sportiva - non esiste il concetto di squadra, il collettivo. Conta soltanto il leader, il classico numero 10. Quasi che il pallone scotti quando è fra i piedi degli 'altri', pronti ad asservirsi ai più celebrati compagni, lesti ad impadronirsi della sfera e dribblare tutti fino ad entrare in porta con essa. Per la serie, 'rat'm 'o pallon' ca' m'ò bbeg' je (traduciamo per i lettori da Frosinone in su: "datemi il pallone che ci penso io").

Esempio della categoria di portaborse ingobbiti sotto il peso della mediocrità è Danny Mellow (Takeshi Sawada), l'umile gregario di Lenders alla Muppet/Tohu, capace di passare il pallone al capitano anche nel caso - raro, rarissimo - si trovi al cospetto della porta sguarnita. Eppure riesce a segnare addirittura un gol nella sfida senza tempo (nel senso letterale, perchè le partire clou duravano almeno 10 puntate) contro gli acerrimi rivali della NewTeam. Ciò che Mellow è per Lenders, Tom Becker (Taro Misaki) è per Holly, anche se con notevole dignità in più. Tom si annulla puntualmente pur di assecondare il capitano, ma è molto più protagonista nelle fasi decisive del gioco. Un capitolo a parte merita Bruce Harper (Ryo Ishizaki), difensore scarsissimo della New Team il cui solo compito - peraltro prezioso in talune circostanze - è quello di immolarsi con la faccia contro le cannonate di Lenders & co, col risultato di coprirsi costantemente di ridicolo, oltre che di lividi.

Attorno a queste pazze partite si muove un sottobosco di personaggi molto folkloristici, come ad esempio Patty, tifosa distonica e spasimante fastidiosa di Holly, oppure gli immancabili osservatori con binocolo, che ci mettono 30 partite e 2 serie complete prima di individuare il talento da esportare (in Brasile, mah). Totalmente insignificanti gli allenatori - messi lì solo per passare l'acqua o qualche pezzuola bagnata - perchè non esiste tattica o strategia di gioco, come già evidenziato; si corre a vuoto e soprattutto in 15 sul pallone (sistematicamente ovale o luminescente dopo ogni tiro), lasciando drammaticamente sguarnite zone preziose di terreno. Un'ultima considerazione sulla sigla: storica quella cantata da tal Paolo (La-lla-lla-la-la-la-lla/La-la-la-lla-la-la-la-la/Due sportivi, due ragazzi, per il calcio sono pazzi... Holly si allena tirando i rigori, Benji si allena parando i rigori), la colonna sonora della nostra fanciullezza, dei nostri sogni.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

Galleria Video

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Le bombe su Amalfi e quelle 11 vittime nella notte del 18 luglio 1943

"Nella notte del 18 luglio 1943, verso mezzanotte, la campana del Duomo cominciò a battere i lenti e sinistri rintocchi dell'allarme. Durante il bombardamento di Salerno, un aereo americano sganciò su Amalfi (piazza Flavio Gioia e in Via Mansone, fin quasi alla scala del Duomo) cinque bombe che provocarono...

La Saggezza di un Popolo (39): "Addò e fatto ‘state fai pure vierno"

di Antonio Schiavo Sorry my yankee Director. Adesso con il nostro Direttore, che si divide tra l'Annunziata e Central Park, bisogna conoscere l'inglese per scrivergli e per scusarsi del ritardo con cui, nonostante la buona volontà, facciamo passi in avanti nel cammino a ritroso nella memoria collettiva...

Addio a Ottavio Amato, pioniere dello scautismo ad Amalfi

di Sigismondo Nastri Nella tranquillità della sua casa, in una calda giornata di sole, circondato dagli affetti familiari, ha concluso il suo cammino terreno Ottavio Amato. Amico dai tempi lontani dell'infanzia, come lo erano i suoi fratelli, in particolare Angelo, che fece un po' da chioccia a me e...

Cronaca da quelle macerie nel cuore di Maiori [VIDEO]

di Sigismondo Nastri Il Vescovado ha ricordato una terribile vicenda di trent'anni fa: il crollo di un'ala del palazzo D'Amato, al corso Reginna di Maiori, che provocò sei vittime innocenti tra gli abitanti dello storico edificio, uno dei più belli della cittadina. Vi rimasero uccisi anche i due malfattori...

Maiori, trent'anni fa il crollo del palazzo che spezzò sei vite innocenti [VIDEO]

Era il 27 giugno 1988 quando un boato terrificante svegliò Maiori. Un palazzo sul corso Reginna era crollato, spaccandosi letteralmente in due, provocando sei vittime. Sono passati esattamente trent'anni da quella tragedia, ma il ricordo è ancora vivo in chi vi assistette. Erano le 3 del mattino circa...