Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 22 minuti fa S. Chiara da Montefalco

Date rapide

Oggi: 17 agosto

Ieri: 16 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieGli archetti intrecciati: un motivo 'nuovo' dalle radici antiche

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Storia e Storie

Gli archetti intrecciati: un motivo 'nuovo' dalle radici antiche

Scritto da Luigi Buonocore (redazione), mercoledì 8 aprile 2009 08:06:03

Ultimo aggiornamento mercoledì 8 aprile 2009 08:06:03

Uno dei motivi più celebri dell’architettura amalfitana è, senza dubbio, la decorazione ad archetti intrecciati che, realizzata in pietrame o in tufo, arricchisce di valori cromatici e chiaroscurali la semplice e maestosa solennità di chiese, campanili e palazzi gentilizi medievali. Basta osservare le fabbriche più significative della Costa per capire come un modo ben preciso di fare architettura, sensibile alle suggestioni provenienti dall’Oriente arabo e bizantino, attecchisse profondamente nell’humus culturale delle botteghe amalfitane. Non dunque sola citazione, ma una cosciente acquisizione di valori "mediterranei" fusi nella elaborazione di uno stile che non poteva non tener conto, però, dell’ambiente culturale indigeno.

"Quanto alla componente islamica, anche a volersi limitare alle fabbriche della Costa d’Amalfi, essa si individua negli archi acuti, in una certa stereometria e, soprattutto, nella decorazione geometrica a ritagli a giorno, ad incrostazioni laviche, associata alla componente bizantina. Talora le analisi di tali componenti si fa estremamente difficile in virtù della straordinaria capacità sincretistica dei maestri medievali" (A.Venditti).

L’origine degli archetti intrecciati e dei percorsi di diffusione (essendo presenti anche in altre località della Campania - a Salerno e a Caserta Vecchia per fare un esempio - e in Sicilia - celebre la decorazione absidale del duomo di Monreale -) ha dato origine ad una "vexata quaestio" tra gli studiosi. Emilé Bertaux affermava che i motivi decorativi costituiti dai mosaici e dai rivestimenti policromi erano prodotti dall’influenza dell’arte siciliana, mentre ritenne di derivazione musulmana, passata attraverso la Sicilia, l’uso degli archi intrecciati. Lo storico dell'arte giungeva ad escludere persino la funzione-guida di Montecassino nella scultura e nell’architettura: "dans l’histoire de l’architecture et de la sculture, les monastéres grecs ou latins de l’Italie méridionale n’ont ué qu’un role secondaire".

La tesi fu accettata anche dal Toesca che sottolineò, però, la funzione esplicata da Montecassino nella diffusione e reinterpretazione della cultura e la derivazione "di svariati elementi, dai rapporti delle città marittime con la Sicilia e con l’arte musulmana". Egli tralasciò anche il termine di "normanna" per l’architettura romanica dell’Italia meridionale e della Sicilia dove "l’arte si costituì invece su quella varietà di caratteri, di scambi di idee e di forme artistiche, che apparteneva alla vita intellettuale italiana, non ai sopravvenuti dominatori". Fermo restando il riconoscimento delle origini arabe, il problema riguardava le possibili mediazioni nella sua diffusione, visto che la sua comparsa appare coeva nelle varie regioni meridionali.

In vari suoi scritti il Giovannoni avanzò la proposta di porre sotto la definizione di "stile tirreno" tutta una vasta zona dell’architettura del Medioevo italiano, gravitante intorno al basso Tirreno. In tale stile rientrerebbe non solo la grande arte normanna della Sicilia, ma anche la sua seconda fioritura attuatasi tra il XII e il XIII sec. nella costiera amalfitana, includendo anche le esperienze artistiche di Gaeta e del territorio salernitano. Uno stile che presenterebbe il carattere comune di tutta "l’arte siculo-tirrena e cosmatesca che riannodasi al ceppo arabo e bizantino, cui i cosmati innestarono la rinascenza delle arti, ma che è corrente estranea al romanico".

Michele De Angelis avanzò le prime riserve sulla unidirezionalità del movimento artistico nel senso Sicilia-Campania, pur ammettendo, a proposito del cosiddetto palazzo Arechi di Salerno, che l’arco acuto delle finestre "ha funzione decorativa: e questo fatto, unitamente al motivo degli intrecci ci dimostra all’evidenza che quest’opera deve discendere indubbiamente ed assolutamente dall’influsso arabo-siculo". Nel passato si è addirittura ipotizzata una provenienza nordica di tali motivi, supposizione che, dopo l’enunciazione da parte del Serradifalco, fu caldeggiata da numerosi storici stranieri, le cui tesi erano viziate da un evidente spirito nazionalistico.

Sin dal 1952, nel bollettino di storia dell’arte dell’ Istituto Universitario di Magistero di Salerno, Roberto Pane, affermando il grande interesse dei rinvenimenti salernitani, ne auspicava "una diffusa illustrazione, quasi una monografia" che raccogliesse " le sparse e coerenti forme di un gusto che sembra costituire il suggello di tutta la produzione regionale". In un saggio molto interessante Stefano Bottari nel 1955 attribuì ai normanni il ruolo principale di mediatori e notò come gli esempi campani trovassero i loro riscontri più puntuali nella Spagna araba, ipotizzando un’origine ispanica del motivo, giunto in Campania proprio attraverso Amalfi.

Lo stesso Bottari affrontava il problema della policromia dei paramenti murari, presente nelle chiese basiliane calabro-sicule, sviluppando una tipicità dell’architettura bizantina. Caratteristica, questa, anche campana e più propriamente amalfitana. Lo studioso, notando come questo elemento distintivo in Sicilia si trovasse solo eccezionalmente e in un momento avanzato, riconobbe, quindi, la precedenza della Campania dove la policromia mostrava, invece, uno sviluppo senza soluzione di continuità.

FINE I PARTE www.ravelloculturale.blogspot.com

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Maiori in festa per Santa Maria a Mare: partecipazione ed emozione alla processione dell'incoronazione [FOTO]

di Donato Sarno Il 13 agosto 1769 l'Arcivescovo di Amalfi Monsignor Antonio Puoti, in qualità di delegato del Capitolo Vaticano di San Pietro in Roma, incoronò nell'Insigne Collegiata di Maiori l'antica e miracolosa statua lignea di Santa Maria a Mare venuta dal Levante con due corone d'oro (una più...

13 agosto 1769: 250 anni fa a Maiori la solenne incoronazione a Santa Maria a Mare

di Donato Sarno* Già il 14 agosto 1768, quando erano giunte da Roma le due corone d'oro concesse dal Capitolo Vaticano per l'antica e miracolosa statua lignea di Santa Maria a Mare, i Maioresi avevano stabilito di rinviare la cerimonia dell'incoronazione all'anno seguente, cioè al 1769, onde avere il...

A Pompei riemergono monili e portafortuna dalla Casa del Giardino della Regio V [FOTO]

Non solo specchi, vaghi di collana, unguentari vitrei, gemme ed elementi decorativi in faïence, bronzo, osso e ambra sono riemersi dagli scavi della Casa del Giardino della Regio V a Pompei, ma anche amuleti e simboli fallici dal valore apotropaico, a testimonianza del legame atavico e profondo con tutto...

Quell'indimenticabile serata a Villa Episcopio in onore di Jaqueline Kennedy

Nell'anniversario della venuta di Jacqueline Kennedy a Ravello, l'avvocato Salvatore Sammarco, ravellese trapiantato a Londra per oltre mezzo secolo, punto di riferimento per tanti concittadini nella capitale britannica, ricorda quei giorni speciali dell'agosto 1962, quando il paese, in festa, accolse...

Sessant'anni fa Ravello nel viaggio di Pasolini

di Salvatore Amato Pur rimanendo fedeli all'ammonimento virgiliano "non omnia possumus omnes", non poteva passare sotto silenzio una bellissima testimonianza su Ravello di Pier Paolo Pasolini. Molti ricorderanno la sua presenza nella Città della Musica nel 1970 per girare alcune scene del "Decameron",...