Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 minuti fa S. Orsola martire

Date rapide

Oggi: 21 ottobre

Ieri: 20 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Festa della Castagna 2017 a Scala in Costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Tramonti - Ristorante Al Valico di Chiunzi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieGli archetti intrecciati: un motivo 'nuovo' dalle radici antiche

Il dovere di impedire il sopravvento dell'oblio

“Botanica e Terapeutica al Giardino”, 29 ottobre a Salerno un seminario di scienze naturopatiche

Editoria: il bonus pubblicità esteso anche alle testate on line

Ravello, Gianluca Mansi riconfermato segretario del circolo PD

Per Daniela Bottone di Scala laurea in Scienze della comunicazione: nella sua tesi il caso Apple

Arciconfraternita Ss.mo Sacramento di Minori: Mancieri nuovo priore

“Campania in Fiamme: Criticità & Proposte”, se ne discute a Cava de' Tirreni col presidente Legambiente Buonomo

"Top Hotels in Italy", Condè Nast Traveler premia 9 alberghi di lusso tra Capri e Costiera Amalfitana

Guida Ristoranti Espresso 2018: Rossellini's di Ravello conferma i 3 Cappelli. È miglior salernitano

Susan Sarandon al Telegraph: «Caruso di Ravello mio hotel preferito»

Riecco il Corso di lingua spagnola in Costiera: lezioni ad Amalfi e Praiano

SkizzoBike ASD Racing, la nuova realtà del mondo delle due ruote in Costiera Amalfitana

Tramonti, cade dall’albero durante raccolta olive: frattura alla colonna vertebrale per 57enne

A Maiori funzionari comunali della Costiera a lezione su decreto correttivo del codice dei contratti pubblici

Caffè e cioccolato di qualità da diverse latitudini: Pansa presenta "Terra" a Host 2017

Scala, sindaco Mansi da Tavecchio per definire inaugurazione nuovo stadio comunale [FOTO]

Tramonti: 22 ottobre il coro "Ave Stella Maris" di Maiori alla Festa organistica di Campinola

Salerno: 20-21 ottobre “Le Giornate della Scuola Medica Salernitana”

Ravello, Tribunale dà ragione ai residenti del parcheggio: schede nuovamente "aperte". Comune soccombe

Sciagura aerea Monte Carro, Scala si prepara a 70esimo anniversario. Sopralluogo di Aeronautica Italiana e Ambasciata Svedese [FOTO]

Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

Gli archetti intrecciati: un motivo 'nuovo' dalle radici antiche

Scritto da Luigi Buonocore (redazione), mercoledì 8 aprile 2009 08:06:03

Ultimo aggiornamento mercoledì 8 aprile 2009 08:06:03

Uno dei motivi più celebri dell’architettura amalfitana è, senza dubbio, la decorazione ad archetti intrecciati che, realizzata in pietrame o in tufo, arricchisce di valori cromatici e chiaroscurali la semplice e maestosa solennità di chiese, campanili e palazzi gentilizi medievali. Basta osservare le fabbriche più significative della Costa per capire come un modo ben preciso di fare architettura, sensibile alle suggestioni provenienti dall’Oriente arabo e bizantino, attecchisse profondamente nell’humus culturale delle botteghe amalfitane. Non dunque sola citazione, ma una cosciente acquisizione di valori "mediterranei" fusi nella elaborazione di uno stile che non poteva non tener conto, però, dell’ambiente culturale indigeno.

"Quanto alla componente islamica, anche a volersi limitare alle fabbriche della Costa d’Amalfi, essa si individua negli archi acuti, in una certa stereometria e, soprattutto, nella decorazione geometrica a ritagli a giorno, ad incrostazioni laviche, associata alla componente bizantina. Talora le analisi di tali componenti si fa estremamente difficile in virtù della straordinaria capacità sincretistica dei maestri medievali" (A.Venditti).

L’origine degli archetti intrecciati e dei percorsi di diffusione (essendo presenti anche in altre località della Campania - a Salerno e a Caserta Vecchia per fare un esempio - e in Sicilia - celebre la decorazione absidale del duomo di Monreale -) ha dato origine ad una "vexata quaestio" tra gli studiosi. Emilé Bertaux affermava che i motivi decorativi costituiti dai mosaici e dai rivestimenti policromi erano prodotti dall’influenza dell’arte siciliana, mentre ritenne di derivazione musulmana, passata attraverso la Sicilia, l’uso degli archi intrecciati. Lo storico dell'arte giungeva ad escludere persino la funzione-guida di Montecassino nella scultura e nell’architettura: "dans l’histoire de l’architecture et de la sculture, les monastéres grecs ou latins de l’Italie méridionale n’ont ué qu’un role secondaire".

La tesi fu accettata anche dal Toesca che sottolineò, però, la funzione esplicata da Montecassino nella diffusione e reinterpretazione della cultura e la derivazione "di svariati elementi, dai rapporti delle città marittime con la Sicilia e con l’arte musulmana". Egli tralasciò anche il termine di "normanna" per l’architettura romanica dell’Italia meridionale e della Sicilia dove "l’arte si costituì invece su quella varietà di caratteri, di scambi di idee e di forme artistiche, che apparteneva alla vita intellettuale italiana, non ai sopravvenuti dominatori". Fermo restando il riconoscimento delle origini arabe, il problema riguardava le possibili mediazioni nella sua diffusione, visto che la sua comparsa appare coeva nelle varie regioni meridionali.

In vari suoi scritti il Giovannoni avanzò la proposta di porre sotto la definizione di "stile tirreno" tutta una vasta zona dell’architettura del Medioevo italiano, gravitante intorno al basso Tirreno. In tale stile rientrerebbe non solo la grande arte normanna della Sicilia, ma anche la sua seconda fioritura attuatasi tra il XII e il XIII sec. nella costiera amalfitana, includendo anche le esperienze artistiche di Gaeta e del territorio salernitano. Uno stile che presenterebbe il carattere comune di tutta "l’arte siculo-tirrena e cosmatesca che riannodasi al ceppo arabo e bizantino, cui i cosmati innestarono la rinascenza delle arti, ma che è corrente estranea al romanico".

Michele De Angelis avanzò le prime riserve sulla unidirezionalità del movimento artistico nel senso Sicilia-Campania, pur ammettendo, a proposito del cosiddetto palazzo Arechi di Salerno, che l’arco acuto delle finestre "ha funzione decorativa: e questo fatto, unitamente al motivo degli intrecci ci dimostra all’evidenza che quest’opera deve discendere indubbiamente ed assolutamente dall’influsso arabo-siculo". Nel passato si è addirittura ipotizzata una provenienza nordica di tali motivi, supposizione che, dopo l’enunciazione da parte del Serradifalco, fu caldeggiata da numerosi storici stranieri, le cui tesi erano viziate da un evidente spirito nazionalistico.

Sin dal 1952, nel bollettino di storia dell’arte dell’ Istituto Universitario di Magistero di Salerno, Roberto Pane, affermando il grande interesse dei rinvenimenti salernitani, ne auspicava "una diffusa illustrazione, quasi una monografia" che raccogliesse " le sparse e coerenti forme di un gusto che sembra costituire il suggello di tutta la produzione regionale". In un saggio molto interessante Stefano Bottari nel 1955 attribuì ai normanni il ruolo principale di mediatori e notò come gli esempi campani trovassero i loro riscontri più puntuali nella Spagna araba, ipotizzando un’origine ispanica del motivo, giunto in Campania proprio attraverso Amalfi.

Lo stesso Bottari affrontava il problema della policromia dei paramenti murari, presente nelle chiese basiliane calabro-sicule, sviluppando una tipicità dell’architettura bizantina. Caratteristica, questa, anche campana e più propriamente amalfitana. Lo studioso, notando come questo elemento distintivo in Sicilia si trovasse solo eccezionalmente e in un momento avanzato, riconobbe, quindi, la precedenza della Campania dove la policromia mostrava, invece, uno sviluppo senza soluzione di continuità.

FINE I PARTE www.ravelloculturale.blogspot.com

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

La Saggezza di un Popolo (37)

di Antonio Schiavo Eh sì, stavolta ci ho messo tanto (forse troppo) per recuperare altre perle di saggezza della nostra tradizione popolare. Si è anche molto rarefatto il contributo che finora ho avuto dai nostri concittadini. Ero quasi tentato di dire al Direttore che probabilmente non era il caso di...

20 anni fa il terremoto di Assisi. Il terrore nella Basilica raccontato da Padre Enzo Fortunato [VIDEO]

di Padre Enzo Fortunato (per il Corriere della Sera) Quel giorno - il 26 settembre 1997, alle 11.42 - ero nella Basilica superiore di San Francesco, ad Assisi, quando le volte improvvisamente si staccarono dall'alto e la navata si riempì di una polvere così spessa da formare un muro. Non c'era via d'uscita....

Testimonianze letterarie tardoantiche e altomedievali sul culto dei santi Cosma e Damiano

di Salvatore Amato Pochi giorni fa, improvvisamente, lasciava la vita terrena Gennaro Luongo, già ordinario di Agiografia presso l'Università Federico II di Napoli e poi direttore dell'Archivio Storico Diocesano del capoluogo partenopeo, che alla Città di Ravello ha lasciato autorevoli testimonianze...

Ucciso durante Seconda Guerra Mondiale, ritornano a Minori le spoglie del marinaio Salvatore Amatruda [FOTO]

È un giorno particolare, questo, per Minori. Dopo oltre settant'anni i resti mortali di Salvatore Alfonso Amatruda, marinaio cannoniere della Regia Marina impegnato sul fronte balcanico nel 1943 torneranno nel suo paese natale. Stamani il sindaco Andrea Reale a rappresentanza della città di Minori, col...

Nuove scoperte a Villa Rufolo, precisazioni e curiosità

di Alessio Amato* Negli ultimi anni abbiamo assistito a importanti cambiamenti storico-artistici su Palazzo Rufolo, una dimora dai forti tratti orientali, islamici, non per influenze commerciali bensì da motivazioni politiche. Un articolo che è oggetto di analisi da parte del Centro di Storia e Cultura...