Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Apollonio martire

Date rapide

Oggi: 10 aprile

Ieri: 9 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Gambardella Pasticceria e Liquorificio artigianale, a Minori in Costiera Amalfitana i dolci della tradizioneEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriConnectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureMielePiù la scelta infinita, arredo bagno, Clima, Riscaldamento, azienda leader in Campania per la vendita e distribuzione di soluzioni tecniche per la climatizzazioneVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieGiuseppe Moscati, quella visita del medico santo a Ravello

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiMielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Storia e Storie

Giuseppe Moscati, quella visita del medico santo a Ravello

Scritto da Ulisse Di Palma (redazione), sabato 28 aprile 2012 18:34:28

Ultimo aggiornamento lunedì 16 novembre 2020 10:38:07

Correva l'anno 1925, Luigi Caruso, figlio di Pantaleone Caruso, era affetto da tifo addominale. Il ragazzo stava molto male ed il medico del paese temeva l'irrreparabile. Pantalone Caruso, conoscendo la fama che aveva il dott. prof. Giuseppe Moscati, si recò a Napoli dove, da qualche settimana aveva ricoverato sua moglie per una tromboflebite.

Interpellato il Moscati questi fu a Ravello due giorni dopo, visitò l'ammalato, prescrisse delle terapie mediche ma, aggiunse che la vera terapia medica per il ragazzo era quella di riavere al più presto la madre accanto.

I familiari si guardarono l'un l'altro, sbalorditi da tale affermazione del medico e seguirono la sua prescrizione, riportando a casa la madre del giovane malato. Passarono i giorni e Gino Caruso riprese le forse e la febbre pian piano scomparve. Interpellato il Moscati qualche tempo dopo, egli rispose: "Avete avuto fiducia; più che le medicine che curano il corpo bisogna amare l'anima come noi stessi...".

Altra testimonianza sul medico santo l'ho raccolta dalla viva voce di Suor Maria Angela Manzi, clarissa del monastero Santa Chiara di Ravello.

Era il 20 aprile 1926: grevi dispiaceri, la morte della mamma e della nonna e, soprattutto, la contrarietà dei familiari nell'accettare la decisione di divenire figlia di Santa Chiara d'Assisi, furono la causa del deperimento organico d'Angela Manzi con febbre continua a 38-39°.

Il medico curante, dott. Cavallaro, vista l'inutilità delle cure prescritte, decise di condurre la giovine a Napoli, dal prof. Moscati per una visita. Angela Manzi vi andò accompagnata dal medico, dal nonno e dalla zia. Il prof. Moscati chiese subito se la giovane avesse fatto il precetto pasquale. Ella rispose di si.

Dopo un'accurata visita, il Moscati disse: "Questa ragazza è sana come un pesce.

Ha forse qualche pensiero che la turba?" Il nonno rivelò il desiderio di Angela di diventare religiosa claustrale ed anche il diniego dei familiari. Il professore, allora, rispose: "Le ragazze a questa età, (poco più di venti anni) perdono la testa o per un uomo o per Gesù Cristo. Questa l'ha perduta per Gesù Cristo... e 'datancella'!".

Il povero nonno e la zia chinarono il capo ed il Professore disse ad Angela: "Fatevi monaca!Fatevi monaca!" e le prescisse la seguente cura: cibo sostanzioso e vino vecchio, perché troppo deperita ed anemica. La giovine rispose che essendo di bassa statura avrebbe dovuto ingrassare altrimenti non avrebbe potuto salire le molte scale del monastero. Ed il Professore a lei: "Le salirete le scale fino a tarda età!".

Ciò si è avverato.

Infatti, Suor Maria Angela Manzi a 93 anni, sale e scende le scale del Monastero (è venuta a mancare poco dopo il 2000, anno di pubblicazione di questo testo ndr) come se avesse vent'anni.

Nel salutarli, il prof. Moscati esortò il nonno a non contrastare la volontà di Angela. Per la visita non volle alcun compenso.

Testo tratto dal volume"Ricordi di Ravello"di Salvatore Ulisse Di Palma, ed. Gutenberg, dic. 2000

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Ravello, la storia del bambino rapito e ucciso a Villa Rufolo nel 1841

Nell'aprile 1841 un tremendo crimine venne commesso a Ravello. Un bambino di tre anni venne rapito e sacrificato a Palazzo Rufolo. Una storia raccontata negli atti processuali ma anche in un manoscritto di sir Francis Nevile Reid che dopo nove anni acquistò la villa. La leggenda narrava di un "tesoro...

Un piatto da Dio

di Antonio Schiavo Cosa muove il meraviglioso meccanismo neurologico dei ricordi? Un'immagine, un suono, una sensazione, un profumo? In questo caso...un sapore. Sì, un sapore: quello di uno stupefacente piatto di spaghetti a vongole; una sapiente miscela di pasta al dente, aglio e prezzemolo, olio quanto...

Il ricordo di Angela Della Pietra

di Rita Di Lieto Piccola, graziosa, ti accoglieva con un dolce sorriso, gli occhi vivaci e la gentilezza signorile d'altri tempi, un mondo tutto casa e chiesa. La scuola, asilo dalle Suore Domenicane ed elementari pubbliche, ha avuto su di lei un'influenza durata l'intera sua vita ultracentenaria. Amava...

La troccola del Venerdì Santo: ricordi di Ravello

Nel giorno del Venerdì Santo, in cui si fa memoria della passione e morte di Cristo sulla croce, anche le campane interrompono la loro attività. Il silenzio che un tempo avvolgeva le nostre comunità, nella fede e nella pietà popolare, veniva rotto soltanto dal suono di un particolare strumento. In sostituzione...

Il Venerdì Santo dei nostri nonni: la pia pratica delle tre ore di agonia

di Donato Sarno Un tempo la Quaresima era un periodo di penitenza e mortificazione particolarmente sentito, in cui venivano generalmente e scrupolosamente osservate le norme della Chiesa che imponevano il digiuno e l'astinenza dalle carni in preparazione alla Pasqua. Il Venerdì Santo, giorno di commemorazione...