Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 17 minuti fa S. Giovanni da Cap.

Date rapide

Oggi: 23 ottobre

Ieri: 22 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieFra Ludovico Di Nardo «Marì Marì» il questuante d'ogni stagione

Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

Fra Ludovico Di Nardo «Marì Marì», il questuante d'ogni stagione

Scritto da Mario Schiavo (Redazione), mercoledì 8 gennaio 2014 17:15:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 8 gennaio 2014 17:17:08

di Mario Schiavo - Quando il venti marzo del 1942 questo frate laico del Convento di Ravello passò ad altra vita, tutto il popolo della Costiera Amalfitana lo pianse come se avesse perduto una persona amica, un "santo" come egli era stato sempre considerato durante i lunghissimi anni di permanenza fra noi. Chi era Fra Ludovico, l'umile confratello dell'Ordine francescano, quel semplice e sorridente questuante che spese la sua esistenza scendendo, per ben 55 anni, a piedi a Minori o ad Atrani, portandosi poi, coi mezzi d'allora, a Scafati o a Pompei, a Salerno o a Positano per raccogliere le offerte che la gente spontaneamente e generosamente gli dava?

Nei suoi pensieri non erano soltanto le necessità della Comunità a cui apparteneva (il Collegio Serafico che ospitava, per gli studi e la formazione religiosa, decine di fratini, molti Padri sacerdoti e insegnanti) ma lo accoravano i bisogni di tanti poveri mendicanti (storpi o infelici) che a quei tempi sostavano nei nostri luoghi, per cui pensava di assistere riversando quanto poteva del danaro avuto in elemosina lungo il suo peregrinare in provincia!

Fra Ludovico di Nardo era nato a S. Eufemia Maiella in provincia di Chieti il 24/9/1858. Entrò nell'Ordine il 2 febbraio 1887 nel Convento di Portici. Cominciò il novoziato ed emise la Professione semplice il 2 febbraio dell'anno seguente e subito fu destinato al Convento di Ravello, ove rimase fino alla morte.
Queste notizie le abbiamo trovate scritte in una breve ma edificante "Memoria" lasciata da Padre Giuseppe Maria Palatucci prima Superiore del Nostro e poi Vescovo di Campagna, un inedito firmato a Ravello il 26 giugno 1960.

In questo documento sono ricordate le doti e le virtù più esemplari, in senso religioso ed umano, di colui che ancor oggi è nel ricordo di molti.
Un grosso ritratto di Fra' Ludovico, dono del fotografo Savastano di Maiori (datato 24 agosto 1928) è conservato nella sagrestia della Chiesa di S. Francesco in Ravello: è l'effige più eloquente del carattere composto e modesto del frate: due occhi sereni ci guardano ancora, ci esprimono la dolcezza del suo animo; il corpo - coperto dal lungo saio - ci rivela la buona e forte razza originaria abruzzese.

Fin qui quanto abbiamo potuto e saputo scrivere in termini precisi (e quasi storici) del fraticello che conoscemmo. Ci sia ora consentito di riportare una diversa, ma pure devota ricordanza, che gli dedicammo anni addietro e che "qualcuno" ha voluto così, garbatamente commentare: "essere la nostalgia per una età che fu quella della sua giovinezza, anche l'affetto per un personaggio che ne incarnò i segreti aneliti di purezza e di solidarietà". Gentili amici de "Il Duca" rileggiamole insieme: "Giungevano quassù, a notte avanzata, i ritmi degli scalmi battuti contro le fiancate delle barche e le voci dei pescatori che ripetevano un nome quasi propiziatorio: "Sant'Anto'... Sant'Antò". Quelle voci e quell'invocazione provenivano da quei "vuzzi" o "paranze" che prima di sera, per una notte illune, avevano preso il mare dalle spiagge di Atrani, Minori o Maiori ed erano rivolte ad un frate laico del Convento di Ravello, fra' Ludovico di Nardo, la cui presenza sulle imbarcazioni era tanto desiderata e contesa, quasi potesse prodigiosamente (come era avvenuto già altre volte) far aumentare la pesca notturna, facendo riempire a dismisura le reti.
"Fra Ludovico era solito scendere, quasi giornalmente, in uno di questi paesi costieri e, nel tempo della pesca delle alici col le "lampare", vi ritornava anche due volte lasciando il Convento all'imbrunire.

La sua popolarità, accompagnata anche da una certa venerazione (che lui, però, schivava) aveva del singolare: la gente, già prima che lui iniziasse la "questua" lo chiamava, gli andava incontro per porgergli le offerte e per chiedergli preghiere e benedizioni. Dalle finestre, dai balconi le mamme protendevano i loro bimbi perchè egli li sfiorasse con una carezza o rivolgesse loro un augurio ("crisci santo e viecchio") agitando il cingolo che aveva stretto al saio.
"Mentre tintinnavano sul selciato le monete che cadevano ai suoi piedi da ogni dove, frotte di ragazzi lo attorniavano e allora fra' Ludovico, ponendo le mani nelle ampie saccocce della sua tonaca, cavava fuori quei gustosi carrubi (`e sciuscelle) da lui scherzosamente distribuiti come...
"Cioccolata"!

"Marì... Marì..., con questa affettuosa frase egli usava, in nome della Madonna, avvicinare le persone e invogliarle a mettere le mani nelle tasche, e le offerte non mancavano mai! Offerte che, in altre occasioni, consistevano anche in vari benefici e provvidenze di diversa natura per il suo Convento.
Ogni famiglia di queste nostre contrade sapeva (e spontaneamente) si preparava) che fra' Ludovico a gennaio sarebbe passato per lasciare gli orciuoli di terracotta ('e pigniatielli) da riempire di sugna (tempo delle uccisioni dei maiali in campagna); a maggio per ritirare i vasetti di "alici salate" e che in autunno si sarebbe fatto rivedere per raccogliere le conserve di pomodoro (essiccate sui "lastrici" infuocati dal sole) e, poi, olio nuovo, i barili di vino paesano.
"San Francesco ha carità e fa carità!": così ripeteva disfacendosi delle offerte quando si accorgeva degli altrui bisogni. Chi può mai dire quali opere caritatevoli compì, in varie occasioni, quell'umile fraticello?

"Intorno a quegli anni si era convinti che fra' Ludovico avesse anche delle altre "virtù" straordinarie (della cui attendibilità e credibilità ,molti non avevano dubbi). Vi furono dei casi durante i quali si ritenne gridare al miracolo: la rottura della catena del timone sulla motonave "EBE" (che allora collegava Amalfi e i paesi limitrofi con Salerno) e il guasto al trolley delle tranvie sulla linea Vietri-Pagani.

"L'insolito e misterioso avvenimento capitava sempre quando qualcuno, scettico o incredulo, costringeva frà Ludovico a lasciare il mezzo di trasporto o perchè trovato sfornito di biglietto oppure perchè non si gradiva che egli - acclamato com'era - continuasse la "questua" sui mezzi pubblici. E notorio, infine, che a chi lo redarguiva malamente, egli pazientemente si sottometteva dicendo: "Sant'Antò, piensaci tu!".
Riprendendo e concludendo i discorsi di oggi, vale ricordare che fra' Ludovico ha lasciato pure delle opere concrete nella sua Chiesa di Ravello: c'è una lapide a lui dedicata, del 1934, che fa sapere che la balaustrra dell'Altare maggiore e l'intero pavimento in marmo della navata furono il frutto del suo mendicare a pro del decoro del sacro edificio e ad onore del Beato Bonaventura da Potenza, che là si venera, avanti alla cui Urna egli - appena all'alba - si prostrava prima di iniziare la lunga giornata di bene!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

La Saggezza di un Popolo (37)

di Antonio Schiavo Eh sì, stavolta ci ho messo tanto (forse troppo) per recuperare altre perle di saggezza della nostra tradizione popolare. Si è anche molto rarefatto il contributo che finora ho avuto dai nostri concittadini. Ero quasi tentato di dire al Direttore che probabilmente non era il caso di...

20 anni fa il terremoto di Assisi. Il terrore nella Basilica raccontato da Padre Enzo Fortunato [VIDEO]

di Padre Enzo Fortunato (per il Corriere della Sera) Quel giorno - il 26 settembre 1997, alle 11.42 - ero nella Basilica superiore di San Francesco, ad Assisi, quando le volte improvvisamente si staccarono dall'alto e la navata si riempì di una polvere così spessa da formare un muro. Non c'era via d'uscita....

Testimonianze letterarie tardoantiche e altomedievali sul culto dei santi Cosma e Damiano

di Salvatore Amato Pochi giorni fa, improvvisamente, lasciava la vita terrena Gennaro Luongo, già ordinario di Agiografia presso l'Università Federico II di Napoli e poi direttore dell'Archivio Storico Diocesano del capoluogo partenopeo, che alla Città di Ravello ha lasciato autorevoli testimonianze...

Ucciso durante Seconda Guerra Mondiale, ritornano a Minori le spoglie del marinaio Salvatore Amatruda [FOTO]

È un giorno particolare, questo, per Minori. Dopo oltre settant'anni i resti mortali di Salvatore Alfonso Amatruda, marinaio cannoniere della Regia Marina impegnato sul fronte balcanico nel 1943 torneranno nel suo paese natale. Stamani il sindaco Andrea Reale a rappresentanza della città di Minori, col...

Nuove scoperte a Villa Rufolo, precisazioni e curiosità

di Alessio Amato* Negli ultimi anni abbiamo assistito a importanti cambiamenti storico-artistici su Palazzo Rufolo, una dimora dai forti tratti orientali, islamici, non per influenze commerciali bensì da motivazioni politiche. Un articolo che è oggetto di analisi da parte del Centro di Storia e Cultura...