Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 minuti fa S. Mario martire

Date rapide

Oggi: 19 gennaio

Ieri: 18 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieDescrizione ottocentesca del monastero della SS. Trinità di Ravello

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Storia e Storie

Descrizione ottocentesca del monastero della SS. Trinità di Ravello

Scritto da Salvatore Amato (Redazione), lunedì 20 maggio 2013 14:10:07

Ultimo aggiornamento lunedì 20 maggio 2013 14:10:07

di Salvatore Amato - Un recente ritrovamento, tra le carte dell'Archivio Storico Comunale di Ravello (ascrav), locus memoriae in corso di valorizzazione, ci permette di ricostruire nel dettaglio il complesso monasteriale della SS. Trinità di Ravello tra il 1812 e il 1822, che rispettivamente indicano l'anno di partenza delle monache benedettine, D. Maria Luisa Fusco, D. Chiara Gaiano, D. Maria Antonia Confalone, D. Carmela D'Afflitto, Suor Arcangela Cretella, Suor Rosa Mansi, verso il monastero di San Giorgio di Salerno, e la data del contratto con cui Paziente Mansi, figlio del capomastro fabbricatore di Ravello Gaetano Mansi, venne incaricato di diroccare gli edifici cadenti e di salvare l'unica parte che restava in piedi della struttura conventuale: la chiesa e quattro piccole stanze.

Il fascicolo, privo di datazione, si compone di 4 carte, che presentano due descrizioni speculari del cenobio e una di Casa d'Acampora, un palazzo poco distante, che corrisponderebbe alla struttura attualmente esistente lungo il viale, oggi privato, che un tempo collegava il Convento di San Francesco a Via Trinità.

Il testo fu scritto presumibilmente dalla commissione prevista dal decreto del re Gioacchino Murat del 30 luglio 1812, composta da un ecclesiastico e da due tra i maggiori possidenti della Città, che aveva il compito di amministrare le rendite del soppresso monastero.

ASCRav, num. prov. 693, cc. 1v, 3rv.

"Si entra nel Monistero soppresso della SS. Trinità per una stanza che prima era il parlatorio. In questa si osservano a dritta ed a sinistra due grate di ferro e due ruote di legno, e nella stessa vi sono pure verso la parte di ponente due cancelle di ferro che sporgono verso la strada. Vi è una porta grande per dove si entra in uno atrio ed in seguito in un cortile in quest'atrio, ossia un piccolo spazio coverto [dove] vi esiste una scalinata di più grade (scalini) con una porta che si entra nel primo piano, in dove vi sono a mano destra una grande stanza per uso di refettorio, ed un'altra minore per cucine, che sporge con una porta nello cortile anzidetto, quali stanze e spiazzo sono situate verso Mezzogiorno, e per un'altra porta esistente nel refettorio che si va nel piccolo chiostro, a sinistra, e quasi dirimpetto al refettorio vi è una scalinata che conduce al secondo piano, nella metà di essa esistono tre stanze, due a sinistra, ed un'altra a destra. Nel chiostro vi sono due cisterne con lavatoio; verso levante vi sono due stanze sottane per uso di riponer robba, non abitabili. Verso settentrione vi esiste una scalinata che conduce nel secondo piano, ed un'altra scalinata a fianco della prima, a sinistra, che si va in un basso sotterraneo non da usarsi. Tra queste due gradinate vi esiste in mezzo un piccol corridoio che si vuol comunichino, e esso corridoio corrisponde ad un altro che conduce alla sagristia e ad un altro comunichino, in mezzo del quale vi è una stanza. Salendosi per la descritta scalinata di fabrica si entra in un corridoio verso settentrione, in dove vi sono due stanze. Vi esiste pure l'ingresso al coro, sopra la porta della chiesa, con esservi pure una gradinata per salire sull'astraco. Verso Ponente vi è un altro corridoio molto grande anticamente per uso di dormitorio. Per una porta si va al secondo coro, che esiste sopra la porta della Chiesa, da un'altra parte vi è una stanza, che per entrarvi vi sono molte grade (scalini). Nella parte di mezzogiorno vi è un altro corridoio grande simile a quello poc'anzi detto, il quale tiene una stanza a sinistra ed un'altra a fronte; nel medesimo vi esiste anche una gradinata che cala al primo piano. Il corridoio finalmente nella parte di settentrione contiene sette stanze, divise egualmente in due quartini di due stanze per ciascuno, con loggetta di fabrica avanti e tre altre distinte una dall'altra; nel medesimo corridoio vi è una gradinata che conduce in un altro quartino di tre altre stanze con loggetta piccola avanti, e prima di salire questa ve ne è un'altra, anche con loggetta, vale dunque a dire che i quattro su riferiti corridoi si corrispondono tra loro, quantunque in cattiva manifattura, o sia architettura ed hanno gli ingredienti lumi dalle finestre verso il chiostro e verso la strada dalla parte di ponente. Per quest'ultimo corridoio si ascende sopra al campanile e su sugli astrichi e due loggette, una di esse coverta di tetto e e propriamente quella che conduce al cennato campanile per questa stessa loggetta e per quella parte scoverta verso settentrione si va in una altra stanza. Vi è ancora alla parte di settentrione la chiesa che è composta di una navata. Tutte le serrature del detto locale sono alcune bisognevole d'accomodo ed alcune altre debonsi far da capo per essere tutte fracide e scassate. Verso levante vi è un piccolo giardino, che può dar la rendita di circa (manca la cifra) annui, per esser piantato di viti, alcune piante di cerasie e di fichi, per essere quasi un quarto di maggio".

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

La Costituzione compie 70 anni, in vigore dal 1° gennaio 1948

La nostra Carta Costituzionale compie settant'anni. Firmata il 27 dicembre del 1947, dopo 18 mesi di lavoro dell'Assemblea Costituente, dall'allora Capo Provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, in una sala di Palazzo Giustiniani è entrata in vigore il primo gennaio del 1948 con i suoi 139 articoli...

Il Natale di tutti

di Antonio Schiavo Come al solito, come ogni anno: la mattina del 23 dicembre ci si accorgeva che mancavano ‘e pagliente (il muschio). Tutto era già a posto: papà , novello Luca Cupiello, aveva passato tutta la sera precedente ad aggiustare una serie di lampadine a pisellini che, ormai già piazzata in...

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...