Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 10 minuti fa S. Giovanni da Cap.

Date rapide

Oggi: 23 ottobre

Ieri: 22 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieCetara in festa per Santo Patrono e ritorno del figliol prodigo

Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

Cetara in festa per Santo Patrono e ritorno del figliol prodigo

Scritto da (Redazione), lunedì 29 giugno 2015 10:32:39

Ultimo aggiornamento lunedì 29 giugno 2015 11:22:39

di Emiliano Amato (per "Le Cronache" in edicola oggi)

«Tu sei Pietro e su questa pietra edificherai la mia chiesa». Mai più importante missione, nella storia, fu portata a termine con successo. Dopo due millenni, lo straordinario messaggio diffuso da quei pescatori di Galilea è più vivo che mai, specie nei piccoli villaggi del Sud, con il folklore delle tradizioni legate alla fede, fatte di Santi in processione, marce sinfoniche, artifizi pirotecnici.

Cetara è pronta a festeggiare San Pietro, il patrono di quest'angolo di paradiso in terra di cui comunque custodisce le chiavi.

Numerosi i turisti, provenienti da ogni dove, che lo scorso fine settimana non hanno rinunciato a un bagno rilassante e ai piatti della tradizione locale rivisitati dai raffinati ristoranti gourmet del centro. Le tonnare della flotta di Cetara, tra le migliori d'Italia nella pesca del tonno rosso, sono rientrate da pochi giorni dopo un mese di duro lavoro nelle acque tra la Sicilia e Malta. Ottimo il pescato, si lavora alla trasformazione in loco. Si ringrazia San Pietro e si invoca, all'Europa, l'aumento della quota di pesca del tonno per le imbarcazioni che utilizzano il sistema a "circuizione".

Cetara, come il resto dei paesi della Costa Amalfitana, affascina col suo variopinto abitato, dominato dalla torre vicereale, sentinella d'identità locale, che circonda la chiesa madre, da cui i rintocchi orari delle campane ancora scandiscono i meriggi di questo inizio d'estate. Ma qui, rispetto al glamour di Ravello, Amalfi e Positano, non ci si è mai cullati sugli allori. La vera forza di questo paese sono stati i suoi abitanti: gente coriacea, in prevalenza pescatori di antichissima tradizione, capaci di far riscoprire al mondo il prezioso garum romano. I figli di quei pescatori oggi sono ottimi trasformatori del pescato e ristoratori, i primi ambasciatori della tradizione marinara cetarese a tavola, coloro i quali, attraverso l'intraprendenza ereditata dai padri, negli ultimi due decenni hanno reso celebre la colatura d'alici e il tonno di Cetara tanto invidiato persino dai maestri giapponesi. I ristoranti d'eccellenza (Acquapazza, Al Convento, San Pietro, La Cianciola su tutti) sono presenti sulle migliori guide di settore e con le attività di esportazione del pescato producono economie importanti per numerose famiglie. Popolo orgoglioso quello cetarese che, come già detto, preferisce rimanere lontano dai riflettori a cui la Divina Costiera è oramai abituata. Gli unici bagliori sono di questi giorni, dati dalle artistiche luminarie per le vie del centro in occasione dei solenni festeggiamenti patronali che quest'anno salutano anche un ritorno illustre. Vincenzo Torrente torna nel suo paese, che lasciò trent'anni fa, a soli 19 anni, per quella chiamata all'ombra della lanterna, sponda rossoblù. Del Genoa degli anni '90 è stato poi bandiera, condottiero, mostrando in campo le doti del cetarese autentico. E' tornato a casa il figliol prodigo, da allenatore della squadra della città capoluogo, quella Salernitana tornata in serie B dopo anni d'inferno, per portare il suo bagaglio d'esperienze, il suo carattere, la sua stoffa. Qui i più giovani lo hanno conosciuto dalle figurine dell'album Panini dalla cui scheda sono stati orgogliosi di leggere "nato a Cetara". Come per Francesco Giordano, il titolare dell'edicola "La rosa dei venti" che dopo aver venduto tutti i giornali, in questi giorni, attende, con la sua bambina, di stringere la mano al mister.

«Vincenzo? E' come la roccia della Costiera», parola di suo fratello maggiore Pasquale. "Scherza coi fanti ma lascia stare i santi" recita un vecchio adagio, ma ci piace immaginare che Lotito abbia scelto Torrente proprio per edificare la sua nuova Salernitana. Sulla roccia, quella della Costa d'Amalfi, scavata nelle ere geologiche soltanto dagli inesauribili torrenti che sfociano in quel mare, tra i più belli al mondo.

Ma chi meglio di suo fratello maggiore può parlarci di lui, del suo carattere, della sua storia? Siamo andati a trovarlo presso il ristorante "Al Convento", nel cuore di Cetara, che gestisce con successo. Poco distante i tifosi hanno esposto uno striscione: "Di Torrente contenti ma dai granata dipendenti". «Tutto è partito da qui - racconta Pasquale - mia madre portava avanti il punto di aggregazione sportiva e mio padre era il presidente della Cetarese. Io giocavo in attacco e Vincenzo naturalmente in difesa, in prima categoria. Andai alle giovanili della Cavese e lui alla Nocerina. Prese parte a un raduno di Under 21 e fu visionato dal mitico Ferruccio Valcareggi (allenatore dell'Italia Campione del mondo del 1970 nda) che lo segnalò al dirigente del Genoa Spartaco Landini».

Dal 1985, a soli vent'anni, Torrente fu il primo calciatore della Costiera Amalfitana a vestire la maglia di un club di serie A e del quale è stato bandiera per quindici anni consecutivi con 412 presenze nella massima serie. Pasquale ci mostra con orgoglio le foto e ritagli di giornale che espone all'interno del suo locale che parlano soltanto di Vincenzo. Sono numerosi, ma quello a cui tiene di più è senza dubbio lo scatto del campionato 1989-90 con Vincenzo che in Genoa-Napoli (1-1) al Ferraris tiene a bada Diego Armando Maradona. Era l'anno del secondo scudetto.

«Vincenzo è un gran lavoratore, uno testardo, poche chiacchiere e tanti fatti, somiglia a mio padre e a mio figlio Gaetano» dice con orgoglio Pasquale, che si definisce più estroverso e che oggi è consulente della linea dei fritti per Eataly, la catena di punti vendita di prodotti italiani di alta qualità di Oscar Farinetti. Allora la curiosità si trasferisce, solo per un attimo, su questa attività. «Per tutti i prodotti fritti dei punti vendita Eataly - ci spiega - da Roma a Dubai, a Istanbul, ho brevettato un nuovo olio per frittura, a base di semi di girasole con totale assenza di olio di palma, sostituito da olio essenziale di rosmarino, tipico della nostra macchia mediterranea e la resa è superiore». Famiglia ingegnosa quella dei Torrente, sempre legata al territorio. E quando porgiamo a Pasquale la più scontata delle domande, cioè emotivamente come suo fratello affronterà l'impegno alla guida della squadra del capoluogo della sua provincia, risponde senza mezzi termini: «Alla conferenza stampa di presentazione era davvero emozionato. Poche volte l'ho visto così, proprio lui, uno tosto, che non si piega di fronte a nulla. Questo è per lui un momento di svolta, fare bene a Salerno è importante per il prosieguo della sua carriera. Scordatevi (rivolto ai giornalisti nda) conferenze stampa o interviste prolisse. Lui è uno a cui piace parlare sul campo, è uno che pensa solo a lavorare perchè ci mette la faccia».

E a tavola? «Vincenzo ama molto le seppie con le patate, una ricetta che nel resto della Costiera si fa col totano. Il pesce di Cetara è oramai famoso ovunque e stiamo valorizzando il tonno alletterato che un tempo veniva scartato dai pescatori perché ritenuto non pregiato. Oggi è richiestissimo. Ah dimenticavo, Vincenzo gradisce molto anche il calamaro ripieno che faceva sempre mamma».

Giovedì scorso, appena giunto a Salerno, è tornato a Cetara per salutare i genitori. Toccata e fuga. «E' venuto a casa per salutare mamma e papà, emozionatissimi ed orgogliosi di lui. Gli hanno augurato i migliori successi, come sempre». Sì, il presidente di quella squadra di dilettanti del piccolo borgo della costa salernitana di inizi anni '80 che di domenica portava suo figlio al Vestuti a vedere i granata, nel riabbracciare il suo campione che già da giocatore aveva dimostrato tutto il suo talento, è stato ancor più fiero di saperlo alla guida della Salernitana che tutti, a partire da Cetara, vorrebbero potesse riportare in serie A. Anche questa è una missione di fede e ora bisognerà pescare gli uomini giusti. Perché mai come stavolta il Paradiso non può aspettare. Nemo propheta in patria si potrebbe dire: ma Vincenzo ha il duplicato delle chiavi, questo San Pietro lo sa.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

La Saggezza di un Popolo (37)

di Antonio Schiavo Eh sì, stavolta ci ho messo tanto (forse troppo) per recuperare altre perle di saggezza della nostra tradizione popolare. Si è anche molto rarefatto il contributo che finora ho avuto dai nostri concittadini. Ero quasi tentato di dire al Direttore che probabilmente non era il caso di...

20 anni fa il terremoto di Assisi. Il terrore nella Basilica raccontato da Padre Enzo Fortunato [VIDEO]

di Padre Enzo Fortunato (per il Corriere della Sera) Quel giorno - il 26 settembre 1997, alle 11.42 - ero nella Basilica superiore di San Francesco, ad Assisi, quando le volte improvvisamente si staccarono dall'alto e la navata si riempì di una polvere così spessa da formare un muro. Non c'era via d'uscita....

Testimonianze letterarie tardoantiche e altomedievali sul culto dei santi Cosma e Damiano

di Salvatore Amato Pochi giorni fa, improvvisamente, lasciava la vita terrena Gennaro Luongo, già ordinario di Agiografia presso l'Università Federico II di Napoli e poi direttore dell'Archivio Storico Diocesano del capoluogo partenopeo, che alla Città di Ravello ha lasciato autorevoli testimonianze...

Ucciso durante Seconda Guerra Mondiale, ritornano a Minori le spoglie del marinaio Salvatore Amatruda [FOTO]

È un giorno particolare, questo, per Minori. Dopo oltre settant'anni i resti mortali di Salvatore Alfonso Amatruda, marinaio cannoniere della Regia Marina impegnato sul fronte balcanico nel 1943 torneranno nel suo paese natale. Stamani il sindaco Andrea Reale a rappresentanza della città di Minori, col...

Nuove scoperte a Villa Rufolo, precisazioni e curiosità

di Alessio Amato* Negli ultimi anni abbiamo assistito a importanti cambiamenti storico-artistici su Palazzo Rufolo, una dimora dai forti tratti orientali, islamici, non per influenze commerciali bensì da motivazioni politiche. Un articolo che è oggetto di analisi da parte del Centro di Storia e Cultura...