Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Adelaide vergine

Date rapide

Oggi: 16 dicembre

Ieri: 15 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La SICME Energy e Gas augura a tutti i lettori de Il Vescovado de Il Portico e di Ravello Notizie un Natale all'insegna della luce e del calore. Auguri da SICME!La pasticceria Pansa augura a tutti i nostri lettori felice Natale, visita il portale dedicato allo shopping on lineLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOSMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineI super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizieCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficiale, augura a tutti i lettori un Sereno NataleTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a Minori

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieAutunno a Scala tra sapori di funghi e castagne e panorami mozzafiato

Regali di Natale, con MielePiù approfitta delle promozioni anche on lineFrai Form Ravello ed il dott. Lanzieri augurano a tutti i lettori de Il Vescovado un sereno NataleLa dolcezza del Natale a portata di Click con i Panettoni e le specialità natalizie di Sal De RisoPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoPellet a euro 5,00 fino al 30 novembre 2019D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i capolavori di dolcezza e genuinità artigianale del Maestro Pasticciere Sal De Riso

Storia e Storie

Autunno a Scala tra sapori di funghi e castagne e panorami mozzafiato

Scritto da Giuseppe Liuccio (Redazione), venerdì 23 ottobre 2015 07:24:02

Ultimo aggiornamento mercoledì 16 ottobre 2019 11:12:15

di Giuseppe Liuccio

In questo weekend di fine ottobre Scala replica la "Festa della castagna". L'ultima l'ho vissuta alcuni anni fa, ma ne ho memoria nitida: cicaleccio allegro della gente in Piazza Municipio, simpatia contagiosa delle donne alle prese con le tipicità della gastronomia e della pasticceria, legate, ovviamente, alla castagna. Ne feci assaggi frequenti con buona pace dei problemi di dieta.

Il mio pensiero volò istintivamente allora e vola anche adesso ad una bella pagina di Giovanni Pascoli, che esaltava il paesaggio rurale della Garfagnana, in cui il castagno era ed è un albero familiare, perchè ha scandito la storia delle famiglie non solo e non tanto sul piano dell'alimentazione (è appena il caso di ricordare che le castagne costituirono per intere generazioni il pane dei poveri) ma anche nelle abitudini e stili di vita.

Con il legno di castagno gli esperti artigiani costruivano le culle per accogliere i bimbi frignanti, sbrigliavano la fantasia per inventare i giocattoli poveri, costruivano il mobilio per arredare la casa degli sposi, gli attrezzi per il lavoro ed il raccolto dei campi, la "cassa" per accogliere le spoglie mortali per l'ultimo viaggio. Ed il pensiero volava e vola anche al mio Cilento, dove la castanicoltura ha recitato ed in parte ancora recita un ruolo importante nell'economia di tanti paesi (Roccadaspide, Stio, Cuccaro, Futani, Montano Antilia, ecc.).

Eppure un prodotto che ha scandito la povera alimentazione di intere generazioni ed ha festosamente salutato le mense di tante famiglie nel periodo ottobre/novembre con lo scoppiettare delle caldarroste, la dolce pastosità delle lesse, il croccante profumo delle infornate potrebbe e dovrebbe costituire un punto di forza per rilanciare un'economia che faccia leva anche sulla genuinità e specificità dei prodotti della terra.

Ma forse lo stesso discorso vale, almeno in parte, anche per Scala, che è protagonista della festa di questo weekend.

Fu il primo centro abitato della Costa d'Amalfi. Si chiamava Cama e di qui scesero i Picentini, che la fondarono, alla conquista di spazi vitali e di sbocchi a mare e popolarono le valli del Dragone e del Canneto. E nacquero Atrani ed Amalfi. Fu patria di Fra Gerardo Sasso, che in Oriente creò fondachi ed ospedali e un ordine che, dei Gerosolimitani, prima, e di Rodi, poi, è tuttora vivo, potente ed influente. Si tratta del Sovrano Ordine dei Cavalieri di Malta.

E' lo stato più piccolo del mondo ed esercita la sua sovranità a Roma in una serie di palazzi che godono dell'extraterritorialità. Conserva le ceneri del Beato monaco, che, all'ingresso della storica cittadina, dà il benvenuto ai visitatori dal piedistallo di una statua monumentale. Bella pagina questa che, in nome di Fra' Gerardo e dei Cavalieri di Malta, fonde Oriente ed Occidente ed esalta la mediterraneità nell'incontro e nella collaborazione fra i popoli. Bella pagina, di cui Scala va legittimamente fiera e che, forse, meriterebbe una valorizzazione non episodica ma permanente, attivando l'iniziativa di una Fondazione, che, in nome del monaco crociato, promuova studi e ricerche sul Mediterraneo, crocevia e contenitore di grandi civiltà. Giro la proposta all'ottimo amico e bravo sindaco Luigi Mansi, che gode del valido sostegno di uno scalese illustre, Padre Enzo Fortunato, portavoce di Basilica e Sacro Convento di Assisi.

Ma, passeggiando a passi lenti, per chiese e conventi, palazzi e piazze di Scala, aleggiano altri grandi spiriti ad illuminare pagine di storia religiosa e non, primo fra tutti Sant'Alfonso Maria de' Liguori, che qui nell'estasi/eremitaggio della grotta, che porta il suo nome, compose versi e musica della notissima "Tu scendi dalle stelle". Personaggio straordinario di santo e poeta, sul quale conto di tornare a breve. Scala fu diocesi dal 987 al 1818 e vanta chiese bellissime e ricche di storia, a cominciare dal maestoso duomo di San Lorenzo che incanta con quell'armonico incrocio di stili. Ma Scala è anche e, forse, soprattutto, un terrazzo spalancato sull'anfiteatro sconfinato di cielo e mare, che scarica visibilio di emozioni, uniche ed irripetibili altrove.

Il punto di osservazione migliore è la frazione di Pontone, che si apre, a, scivolo sui tetti rossi delle case di Amalfi, da una parte, su Valle dei Mulini, con l'uragano d'argento della cascata delle Ferriere e del pianoro lussureggiante di vegetazione di Santa Maria ai Monti, dove zampilla cristallina e freschissima: la sorgente del Ceraso, regno degli appassionati di trekking tra tappeti di ciclamini profumati ad arabescare il fogliame ramato del sottobosco, dove s'incappellano funghi vanitosi e, dall'altro, la bellezza misteriosa della Torre Ziro che stempera nella luminosità del tramonto, a conflagrazione di cielo e mare, su orizzonte di infinito, la sua storia/leggenda di amore e morte della "duchessa di Amalfi".

liucciogiuseppe@gmail.com

Foto: Umberto Gallucci

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l’informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Matteo Lembo, un modello per i giovani con la passione per lo sport

Venerdì scorso sono stati celebrati, nella Basilica di Santa Trofimena di Minori, i funerali di Matteo Lembo, ex calciatore nel decennio 1960 - 1970, bandiera della Battipagliese, tedoforo nelle Olimpiadi del 1960, esponente di punta del ramo organizzativo delle attività ginnico-sportive in costiera....

Sant'Aniello, il protettore delle donne gravide. Ma non di tutte...

Oggi la chiesa fa memoria di Sant'Aniello, riconosciuto come protettore delle partorienti, ma non di tutte. Si era convinti che, venendogli meno di rispetto, la donna gravida avrebbe potuto mettere al mondo un figlio con grave handicap fisico. Anche i mariti dovevano astenersi dallo svolgere attività...

La Transumanza è patrimonio culturale dell'Unesco

La transumanza patrimonio culturale dell'Unesco, anche se immateriale. La tradizionale pratica di migrazione stagionale del bestiame, è stata iscritta, all'unanimità, nella Lista Rappresentativa del Patrimonio culturale immateriale dell'Unesco. Da oggi, inoltre, l'Italia acquisisce il primato di iscrizioni...

Il duro lavoro delle "Formichelle" della Costa d'Amalfi

di Sigismondo Nastri Abitavo all'inizio della scalinata per Pontone, ogni giorno passavano di lì donne che trasportavano limoni, fascine, vino, carbone. Spesso si fermavano qualche minuto per prendere fiato, si rivolgevano a mia madre per un bicchiere d'acqua. Sono scene che mi sono rimaste bene impresse...

La Ravello di cent'anni fa: aspetti storici e sociali ai tempi della visita di San Massimiliano Kolbe nel 1919

Salvatore Amato Agli inizi del 1919, nel giorno dell'Epifania, l'Arcivescovo di Amalfi, Ercolano Marini, pubblicava la sua sesta lettera pastorale, dal titolo "Dopo la Vittoria", in cui, ripensando all'appena trascorso conflitto mondiale, auspicava un risveglio di fede, "perché - scriveva - nel multiforme...