Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 48 minuti fa S. Matteo apostolo

Date rapide

Oggi: 21 settembre

Ieri: 20 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Santarosa Pastry Cup 2019

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieAmalfi, storia di una potenza marinara

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Storia e Storie

Amalfi, storia di una potenza marinara

Scritto da Giuseppe Gargano (Redazione), mercoledì 29 agosto 2012 16:19:23

Ultimo aggiornamento sabato 1 settembre 2018 10:21:50

di Giuseppe Gargano

Amalfi nasce, dal punto di vista urbano, come castrum bizantino tra il 568 e il 591 lungo i confini meridionali del giovane ducato di Napoli e in funzione anti-longobarda. Forse sin dal V secolo esisteva un villaggio chiamato Amalfia, il cui toponimo derivava dalla gens romana imperiale Amarfia, residente a Benevento, la quale avrebbe edificato una villa nel sito dove poi sarebbe sorta la città marinara. Intorno a questo villaggio, abitato da romanici, alcuni dei quali erano i discendenti degli abitanti delle ville patrizie dei secoli precedenti, mentre altri erano profughi dalle città classiche campane in fuga dalle invasioni germaniche, i bizantini organizzarono una sorta di villaggio fortificato, il κάστρων Άμάλφης, la cui esistenza viene accertata da Giorgio di Cipro intorno al 591; una lettera di Gregorio Magno del 596 attesta che quel castrum era diventato una civitas per la presenza del vescovo.

Una seconda ondata di militari bizantini, forse avvenuta allo scorrere di quel secolo, avrebbe determinato la fondazione di Atranum, il cui toponimo derivava dalla sua conformazione orografica, simile ad un antro racchiuso sul mare. Così anche Atrani assumeva una configurazione simile ad Amalfi, con una roccaforte sul promontorio sud-orientale che si prolunga nel mare, un arsenale seguito dal rione Arsina, a sua volta collegato al rione Campo e con un'arteria principale porticata e fiancheggiante il fiume sul versante di levante, la Via de li Pili. Anche Atrani fu civitas; ai soli abitanti di Amalfi e di Atrani era riservata l'elezione dei capi della repubblica autonoma sin dal I settembre 839, coincidente con l'inizio dell'anno fiscale e giuridico nei territorio dell'impero d'Oriente e nelle sue autonomie periferiche. L'usanza bizantina fu ripresa con l'avvento degli angioini (1266) e applicata nell'elezione dei sindaci e delle amministrazioni delle Università, perdurando sino all'età borbonica.

Nell'Alto Medioevo,mentre tutti gli abitanti della repubblica marinara, la cui giurisdizione andava dal fiume di Cetara al territorio stabiano e all'isola di Capri, delimitata dalla catena dei Lattari, erano detti Amalfitani, quelli di Atrani si definivano Atranienses. Questa sorta di distinzione faceva capire che si trattava di una diversa etnìa, giunta sul posto con prerogative di emergenza sociale e politica. Così sin dalle origini Amalfi e Atrani furono le due uniche civitates del ducato amalfitano, almeno sino alla seconda metà dell'XI secolo, quando emersero pure Scala e Ravello quali città-episcopali.

L'afflusso di gente proveniente da Bisanzio verso Amalfi e Atrani continuò ancora per il X e l'XI secolo: le fonti documentarie attestano la presenza di personaggi ragguardevoli che si firmavano in lettere e lingua greca oppure in caratteri greci ma in lingua latina. Uno di questi, Niceta protospatario, fu il padrino di nozze del duca Giovanni I soprannominato "Petrella" e della nobile longobarda salernitana Regale nel 981.

Un altro, Στεφάν Κριτής, era giudice della corte ducale di Amalfi. La stirpe dei Cammardella (oggi Gambardella) era di sicura origine bizantina; essa viveva a Scala e ad Amalfi sin dal X secolo. Persino gli autoctoni che navigavano per motivi mercantili verso le città dell'impero di Costantinopoli battezzarono i propri figli mediante onomastici orientali: Pantaleone, Stefano, Teodoro, Bisanzio, Bisanzia, Antiochia, Mira. Il nome di battesimo più diffuso nel territorio amalfitano e a Bisanzio era Giovanni.

Nel 984 monaci greci gestivano la chiesa di S. Trofimena di Minori, destinata a diventare tre anni dopo cattedrale suffraganea di Amalfi. Nel contempo eremiti greci dell'Italia meridionale si rifugiavano nel territorio amalfitano, dove andavano a vivere in grotte. Uno di questi, S. Saba da Collesano, riscattò nel 990 il rampollo del duca di Amalfi Mansone I tenuto in ostaggio dall'imperatore germanico, dopo che il dinasta amalfitano aveva occupato Salerno. Nel 987 alcuni di questi monaci orientali fondarono il monastero di S. Maria de Olearia nel territorio di Maiori.
Una colonia bizantina esisteva ad Amalfi nel rione Vallenula, il cui toponimo è di chiara origine greca, designando un luogo fortificato dal quale si potevano lanciare dardi e pietre (βαλλω=scagliare), in questo caso a difesa dell'area portuale di Amalfi. La parte bassa era protetta da un promacus (προμαχέον=propugnacolo). Nel rione Vallenula esisteva la chiesa di S. Nicola de Grecis, donata a Montecassino dai nobili di Amalfi nel 1039, e lì viveva la stirpe dei Galatolo, il cui cognome richiamava una tipica nave bizantina, la galatia.
Qualche nobile di origine bizantina amava anteporre al proprio nome il termine aristocratico greco κΰριος in vece del latino dominus.
Il territorio amalfitano è decisamente una facies latina; comunque in esso sono altresì evidenti toponimi di origine greco-bizantina. Oltre al già nominato Vallenula, occorre segnalare Platamone di Atrani, il quale designava una spiaggia rocciosa (πλαταμων), oppure Pelagianum (da πέλαγος=mare aperto), che per rotazione consonantica è diventato Plagianum, Prahianum, Praiano.
I rapporti di Amalfi con Bisanzio furono sin dalle origini della città marinara sempre stretti e proficui. Agli inizi del X secolo il prefetto di Amalfi si diede molto da fare per il riscatto dei cristiani prigionieri degli arabi, per cui il patriarca di Costantinopoli lo gratificò con grandi quantità d'argento e l'imperatore lo designò del titolo aulico di patrizio imperiale. Tra X e XI secolo persino vari esponenti della nobiltà comitale amalfitano-atranese furono insigniti di titolo onorifici dalla corte bizantina per i servigi di carattere politico offerti; addirittura il mediocre di Tramonti Giovanni Greco detto "Rabella" nel 1099 si fregiava dell'onorificenza di patrizio, a lui concessa per la missione politica svolta in Puglia in funzione filo-bizantina e anti-normanna.

Il duca Mansone I (957-1004) alla fine del X secolo era il capo di Stato italico che possedeva i più elevati titoli aulici bizantini, superiore al duca di Napoli e al doge di Venezia, tanto era tenuta in conto Amalfi a quel tempo da Bisanzio.

Nella capitale dell'impero d'Oriente sin dagli anni '90 del X secolo era attiva una fiorente "colonia viruale" amalfitana, che si amministrava con proprie leggi e aveva propri giudici e consoli. Essa occupava un'area del Corno d'Oro, dove poi sorse la moschea Voljdekani, di fronte a Galata. In essa erano presenti due monasteri, intitolati al S. Salvatore e a S. Maria Latina, nonché la chiesa di S. Irene; inoltre vi era un molo per il carico e lo scarico delle merci.

In quella colonia visse un ramo della potente stirpe amalfitana dei de Comite Maurone, che vi si insediarono a partire dagli inizi dell'XI secolo con Lupino. Quindi il suo discendente Mauro, che possedeva un giro d'affari commerciali a dimensione mediterranea, nonché enormi capitali, divenne ypathos, cioè console dell'impero, mentre suo figlio Pantaleone ottenne la magistratura di disypathos (bisconsul) e diresse le operazioni militari che nel 1087, in una specie di prova generale per la crociata, favorì l'espugnazione di al-Madhia, un percoloso covo di pirati lungo le coste della Tunisia. Mauro de Comite Maurone fu a capo di un'organizzazione mercantile e marinara assai potente ed ebbe una tale influenza nella politica del ducato marinaro da sostenerlo insieme al figlio dall'esterno, procurando alleanze militari al fine di liberarlo dalle mire di conquista dei normanni.

Dai mercati della Romania, così era allora chiamato l'impero d'Oriente, molti mercanti-navigatori amalfitani importavano stoffe pregiate, oggetti di oreficeria, sete finissime che rivendevano in tutta Italia, spingendosi persino a Ravenna e da lì, navigando il Po, fino a Pavia. Dalle officine di Bisanzio Mauro e suo figlio Pantaleone fecero realizzare le porte bronzee per la cattedrale di Amalfi (1057), la basilica di Montecassino (1066), S. Paolo fuori le mura di Roma (1070), S. Michele Arcangelo sul Gargano (1076), nonché la cassetta-reliquiario eburnea destinata al monastero cassinese ed ora a Farfa nell'alta Sabina. Intanto il mercante atranese Pantaleone Viaretta nel 1087 donava ad una chiesa della sua città, dedicata a S. Sebastiano, altre valve bronzee, esposte da secoli all'ingresso del S. Salvatore de Birecto, la cappella palatina del ducato.
Dai mercati di Costantinopoli giungevano le "cortine di palazzo", le facciole gricisce, candelabri e croci processionali d'argento e d'oro.

Il sistema legislativo della repubblica marinara era fondato sul Corpus Iuris Civilis di Giustiniano, in particolare sul Digesto o Pandette, di cui esisteva ad Amalfi una copia autentica in scrittura onciale del VI secolo, poi trafugata dai pisani nel 1135 ed ora esposta alla Biblioteca Laurenziana di Firenze.

Ma, mentre un occhio degli amalfitani era rivolto ad Oriente verso Bisanzio, l'altro puntava a meridione e ad occidente verso il mondo arabo. Gli amalfitani dell'Alto Medioevo seppero ben coniugare il filellenismo all'arabofilia, due contrastanti tendenze mediterranee che, intrecciandosi e non autoescludendosi, costituirono la fortuna della città marinara, facendo diventare i suoi figli i più abili mediatori del Mediterraneo. Mentre una loro flotta aiutava i bizantini nella riconquista della Siria (968-969), un'altra sosteneva i Fatimidi nella conquista del califfato d'Egitto (971), ottenendo in cambio l'esenzione in tutti i porti egiziani e l'autorizzazione a coniare i tarì d'oro.

Così Amalfi, almeno sin dal 1057, cominciava a coniare propri tarì che, oltre all'originale iscrizione cufica, avevano capite et cruce, cioè da una parte la testa del duca e dall'altra la croce ottagona, simbolo delle Beatitudini di S. Matteo e della Rosa dei venti e poi dell'Ordine di S. Giovanni di Gerusalemme, il primo ordine monastico-cavalleresco della storia, fondato nell'omonimo ospedale gerosolimitano dal priore fra' Gerardo Sasso di Scala.
Così il duca Mansone I usava un sigillo plumbeo per la ceralacca pendente dai suoi diplomi pubblici con l'iscrizione greca: "Signore, proteggi il tuo servo" (ora simbolo del Centro di Cultura e Storia Amalfitana).
Case a volte estradossate, disseminate lungo la costa, volte a crociera ed archi acuti, presenti nell'arsenale e nei palazzi amalfitani, archi intrecciati e raffigurazioni musive, in evidenza nei chiostri dei cenobi e sulla facciata della cattedrale, costituiscono oggi la prova dell'influenza araba; mentre numerosi affreschi, conservati in chiese e monasteri, insediamenti rupestri eremitici, chiese a pianta centrale, sculture e incisioni di bronzo, marmo e avorio, sono gli elementi bizantini ancora esistenti in Amalfi.

La Chiesa di Amalfi offrì notevoli contributi diplomatici per la pace tra i cristiani d'Occidente e quelli d'Oriente. In occasione dello Scisma d'Oriente Amalfi dimostrò la sua equidistanza tra Costantinopoli e Roma, raffigurando sulla porta della sua cattedrale S. Pietro protettore della Chiesa Latina e S. Andrea protettore di Amalfi e della Chiesa d'Oriente. In quella circostanza il monastero benedettino amalfitano del Monte Athos in Grecia, racchiuso in un'enclave di cenobi orientali, svolse una rilevante opera di mediazione, riuscendo a salvare molte vite umane. Laycus, il maestro dei chierici della cattedrale di Amalfi, definiva in quel tempo (1071) la Chiesa Romana come "lo specchio di tutte le altre chiese", ma nel contempo riteneva i monaci orientali "padri molto religiosi, molto saggi e molto eruditi".

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Per Andrea Rossi di Amalfi prima trasferta in Istraele. Anche Regione Lombardia sosterrà terapie antitumorali

È rientrato ieri sera da Tel Aviv Andrea Rossi, il 26enne originario di Amalfi ma residente a Luino, in provincia di Varese, che combatte la sua dura battaglia contro il cancro. Per lui si è concluso infatti, il primo viaggio per l'approccio al ciclo di cure che dovrà sostenere. L’innovativa - e costosissima...

Racconti "di-vini": quando il segreto del successo è passione e amore per il territorio

di Antonio Schiavo Mi chiamava Piariello, per via del mio naso schiacciato, tanto simile al suo. Lui era Pio Caruso, anzi Signor Pio come i nostri genitori ci avevano insegnato ad appellarlo. Eh sì, perché quel signore burbero ed elegante era uno degli enologi più importanti d'Italia, erede degnissimo...

Il culto dell'Addolorata a Torello

di Salvatore Amato Nel variegato panorama delle devozioni ravellesi, quella tributata all'Addolorata conobbe una crescente diffusione nel corso del XVIII secolo, come dimostrano le dedicazioni di cappelle e altari in diverse chiese del territorio. Alla metà del Settecento, un cappella dedicata alla Mater...

L'”oste nuovo”, l'erede della cultura enogastronomica della Costa d’Amalfi

di Raffaele Ferraioli* Quella delle osterie di paese è una lunga storia. Bettole affumicate, vissute, dal tono dimesso, alcune di esse fornivano anche alloggio. Hanno in passato rappresentato e tuttora rappresentano un punto di riferimento per la tutela della cultura enogastronomica e, più in generale,...

Maiori, Sigismondo Nastri ricorda Franco Pisacane: «Viene a mancare un altro pezzo di storia maiorese»

«Settembre inizia con una notizia veramente triste: la perdita di un amico. Tale era per me (e io per lui) Franco Pisacane». Il decano dei giornalisti della Costa d'Amalfi, Sigismondo Nastri, ricorda il geometra Francesco Pisacane, scomparso a 75 anni la scorsa notte a causa di un malore fulminante....