Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Adelaide vergine

Date rapide

Oggi: 16 dicembre

Ieri: 15 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Il Sottocosto di Natale da Euronics a Maiori e Positano alla Bottega di Capone I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieAmalfi sommersa sabato lectio magistralis del prof. Gargano agli Arsenali

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

Amalfi sommersa, sabato lectio magistralis del prof. Gargano agli Arsenali

Scritto da (Redazione), venerdì 16 marzo 2012 08:36:32

Ultimo aggiornamento sabato 17 marzo 2012 11:09:42

Appuntamento con la storia ad Amalfi.

Sabato 17 marzo, alle 10, presso gli antichi Arsenali della Repubblica, lectio magistralis del professor Giuseppe Gargano su "Amalfi sommersa: un mito che diventa realtà". All'imperdibile conferenza del massimo storico della civiltà amalfitana prenderanno parte alcuni studenti del Liceo Scientifico e Classico "E. Marini".

Alcune ricerche subacquee farebbero ritenere l'esistenza fino al XIV secolo di una struttura muraria.

Il mistero rimane anche se le foto qui riportate, sembrerebbero evidenziare qualcosa in più di una semplice storia tramandata di padre in figlio con il quale si narra di un violento maremoto che avrebbe distrutto parzialmente la città di Amalfi.

Nello specchio d'acqua antistante la spiaggia di Amalfi, dopo ben sei secoli di silenzio sono state scoperte strutture di porti, moli, banchine, cantieri navali all' aperto, testimonianza ancora viva di una fulgida epoca di progresso e di avanzamento tecnologico.

A partire dalla Marina Grande, s'incontra, già dai 3 metri di profondità, una vasta area circolare e piatta, costituita da una "malta idraulica" grigia ed alquanto resistente. Tale malta è composta di calce e di una terra vulcanica , volgarmente detta "torece", che abbonda in Costiera. L'area in questione doveva costituire nel Medioevo lo "Scario" della città marinara, cioè una sorta di cantiere all'aperto, dove si costruivano le navi mercantili e nel quale esse si tiravano anche a secco.

Al confine meridionale dello "Scario", sui 6 metri di profondità, avanzano, parallelamente alla linea di costa, due linee murarie, composte sempre della medesima malta, in mezzo alle quali passa un condotto sabbioso. Da esse si dipartono due prominenze in muratura, alte dal fondo marino di circa 1,5 metri e lunghe più di 20 metri, che avanzano verso meridione e perpendicolarmente alla linea di costa.

Una di queste, come pure la muraglia precedente, presenta una bitta in fabbrica, che serviva certamente per l'ancoraggio delle navi. Inoltre, la più orientale delle due prominenze mostra una struttura più elevata, dalla forma rettangolare. Alcune forme murarie "sinuose" ed alquanto basse sono state di recente individuate in quei paraggi.

L'intero complesso sembra, in conclusione, rappresentare il più antico attracco della città, con banchine realizzate parte sulla terraferma e parte in acqua, come sembrano, d'altronde, confermare i reperti ceramici ritrovati nelle malte ed attribuibili con ogni probabilità a prima del XII secolo.

In posizione centrale, al largo dei due moderni pennelli, ad una profondità di circa 7 metri, avanza a semicerchio una piattaforma artificiale per quasi 150 metri. La struttura, larga 20 metri, s'innalza dai fondali sul lato meridionale di 3 metri, mentre su quello settentrionale s'insabbia. Al centro è stato individuato un fosso rettangolare scavato dalla mano dell'uomo, accanto al quale è stata rinvenuta la parte superiore della calotta di una bitta in pietra.

All'estremità orientale tale piattaforma sembra collegarsi ad una struttura parzialmente insabbiata, costituita da un arco a sesto ribassato, lunga circa 7 metri. Quasi sulla stessa linea, verso la terraferma e ad una profondità di circa 4 metri vi era un altro arco, fatto di "malta a secco" (più ricca di calce), purtroppo inesorabilmente schiacciato dai massi del nuovo pennello.

La suddetta piattaforma doveva continuare nello specchio d'acqua racchiuso tra il pennello occidentale ed il molo foraneo, come sembrano dimostrare vari tratti che fuoriescono dal fango dei fondali. Anche nella muratura di tali strutture sono stati ritrovati frammenti ceramici o di terracotta, nonché foglie fossili di piante terrestri.

La ricostruzione archeologica di tale piattaforma ha permesso di stabilire, sulla scorta di documentazione storica, che essa corrisponderebbe al "Molo Capuano", iniziato dal cardinale Pietro Capuano nel 1209 e completato sicuramente entro il 1271 dall'Università di Amalfi.

L'opera, un'autentica rarità tecnologica in materia di strutture portuali medievali, fu realizzata completamente in acqua, mediante il getto di pietre e malta idraulica in appositi recinti palizzati, dal cui interno era stata totalmente aspirata l'acqua. Sicuramente furono applicate nella costruzione tecniche mutuate dal mondo arabo. D'altronde in quel periodo gli Amalfitani erano famosi nel Meridione per la loro capacità tecnologica portuale, come dimostra la loro diretta partecipazione alla realizzazione del nuovo molo di Napoli nel 1306.

Così le strutture portuali e cantieristiche amalfitane (esistevano in Costiera allora ben cinque arsenali e sei cantieri all'aperto) del XIII secolo andavano ad aggiungersi alla antica rada portuale di Conca dei Marini, per tentare ancora una volta di far concorrenza alla potente marineria delle rivali repubbliche tirreniche.

Ma per quale fenomeno naturale tale imponente apparato portuale sprofondò negli abissi e quando ciò dovette avvenire? Un dato è certo a riguardo: tutte le strutture sommerse dimostrano di stare perfettamente all'impiedi, evidenziando soltanto una leggera rotazione da nord verso sud. La geologia ufficiale sta oggi lavorando sull'ipotesi di un'improvvisa frana sottomarina, tra l'altro suggerita dall'esame delle cronache medievali, che sarebbe stata accentuata dalla celebre tempesta di libeccio, erroneamente confusa con un maremoto dagli storici del passato, avvenuta nella notte tra il 24 ed il 25 novembre 1343 e descritta anche dal Petrarca per Napoli. "

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...

Luce e realismo nella pittura napoletana dell’Ottocento

di Paolo Spirito Ci sono due appunti nel taccuino di Giuseppe De Nittis, pubblicato nel 1894 a Parigi col titolo di "Notes e Souvenirs" e poi in Italia nel 1964 come "Taccuino 1870/1884", che meglio di qualunque altra espressione riassumono, attraverso la viva voce del pittore, la consapevolezza acquisita...

"Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa”, gli antichi detti amalfitani legati alla festa patronale

di Sigismondo Nastri La festa patronale del 30 novembre ad Amalfi apre la porta al cambio di stagione. Infatti, un vecchio proverbio insegna: "Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa". Cioè (come lo interpreto io): "Sant'Andrea, la neve in grembo". Sarà vero? Questa espressione, 'mporéa, è tipicamente amalfitana....