Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Priscilla martire

Date rapide

Oggi: 16 gennaio

Ieri: 15 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieAmalfi e la Russia nell'865esimo anniversario di Mosca

Sgominata baby gang: distruggevano auto tra Salerno e Cava

Vento forte e mare agitato nella notte, l'allerta meteo

Enel, 18 gennaio interruzione fornitura elettrica a Praiano

«Le vere capitali non concorrono», Vittorio Sgarbi commenta l'esclusione di Ravello-Costa d'Amalfi

Scuola, iscrizioni online da oggi al 6 febbraio 2018 per anno scolastico 2018/2019

Ad Amalfi 11 nuove telecamere di videosorveglianza che già sventano tentativo di truffa

Ravello, ristorante 'Locanda Moresca' cerca personale

Direttore nel lusso della semplicità: per Flavio Colantuoni  del Monastero un premio alla carriera dal “suo” Veneto

A Nusco la Notte dei falò: 19-21 gennaio la tradizione del fuoco con musica, folclore e tipicità

Campania terza regione "riciclona" d’Italia. Record raccolta plastica

Nuove opportunità per i "Distretti del cibo"

Chiesa Costa d'Amalfi, sacerdoti verso trasferimento: Don Nello Russo va a Positano, a Ravello Don Angelo Mansi

Salerno, dal Fantady le prime novità Fantaexpo 2018: youtuber Marco Merrino direttore artistico

Addio a Dolores O'Riordan, è morta la cantante dei Cranberries

Buona la prima per i “Dolci al cioccolato” di Sal De Riso

Incredibile sulla Napoli-Salerno: cavallo a galoppo in autostrada [VIDEO]

Sorrento: aggressione a due ragazzi di Positano, condanna e solidarietà da sindaco Cuomo

Il teatro a Minori e in Costiera: una ricchezza per tutti  

Musica: 26-28 gennaio a Minori le lezioni del Maestro Guido Corti

«Debito elevato e fatture non pagate entro scadenze», Ausino spiega perchè ha chiuso i rubinetti a Villa Cimbrone

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Storia e Storie

Amalfi e la Russia nell'865esimo anniversario di Mosca

Scritto da (Redazione), sabato 3 settembre 2016 13:17:20

Ultimo aggiornamento sabato 3 settembre 2016 13:32:37

di Giuseppe Gargano*

Un tradizionale detto popolare amalfitano afferma che "S. Andrea, 'a neva 'mborea", cioè nella ricorrenza del dies natalis del seguace del precursore Giovanni Battista e poi apostolo di Cristo ad Amalfi il freddo vento di Borea porta con la sua "aria 'a neva" tempeste di neve, capaci a volte di riempire il grembo delle vesti femminili.

Questa borèa alla greca bizantina o bòrea alla latina proviene dalle sterminate tundre e steppe della grande Russia. Ma con la neve essa trasporta verso i caldi mari del Sud frotte di personaggi d'ogni tempo desiderosi di liberarsi dall'avvinghiante manto bianco per rifugiarsi nella serenità e nella pace multicromatica della Costa d'Amalfi.

Tra costoro, nei nostri tempi, è giunto un attento studioso profondamente pervaso dalla spiritualità orientale, segnato da un tono basso della voce al contempo rasserenante e stuzzicante sotto il profilo della discussione accademica. La sua patria è la Russia, il suo nome Mikhail Talalay (per gli amici semplicemente Misha).

La sua venuta ad Amalfi e la fraterna amicizia stretta con noi del Centro di Cultura e Storia Amalfitana l'hanno ormai reso un indelebile innamorato della Divina Costa e degli amalfitani, al punto da considerarlo ormai come un nostro cittadino onorario. Grazie a lui la comunità amalfitana ha potuto stringere una serie di relazioni culturali anticipatrici di auspicabili sviluppi futuri allargati anche a scambi politico-istituzionali ed economici tra le città della Costa e quelle della grande Russia. Il filo conduttore di queste relazioni è senza dubbio il viaggio nel Sud da parte di illustri visitatori russi di varie epoche, che hanno lasciato imperiture testimonianze letterarie e artistiche.

Ritornano, in tal modo, alla mente molti di essi, puntualmente immortalati nelle pubblicazioni edite dal Centro di Cultura e Storia Amalfitana in questi anni con l'appassionata e qualificata collaborazione di Misha Talalay.

Un altro Misha, Semenov, visse negli anni '30 a Positano, in quell'enclave di pace e di tranquillità dove il tempo s'era fermato, che accolse i profughi dai totalitarismi del Novecento, provenienti soprattutto dall'Unione Sovietica e dalla Germania nazista, di cui un significativo numero apparteneva alla razza ebraica. Semenov realizzò con i pescatori di Positano organizzate società di pesca, imparando a perfezione la lezione della ripartizione degli utili così ben delineata nelle norme consuetudinarie della Tabula de Amalpha e ancor viva tra il popolo costiero degli uomini di mare. «Gettate il mio corpo in mare, affinchè quei pesci che ho divorato senza misura durante la mia vita, possano ora prendersi la rivincita, consumando le mie carni». Così disse ai suoi fedeli pescatori prima di spirare; ma questi trasportarono la sua bara per la famosa Scalinatella fino al cimitero di Positano.

In quell'oasi lontana dai bagliori della guerra vissero parte della loro esistenza personaggi di grande calibro, quali Maxim Gorki, Essad Bay, nonché gli artisti del Bolscioi Leopold Massine e, in tempi più vicini a noi, Nureyev, che scelse come dimora l'isolotto del Gallo Lungo, mitica sede delle Sirene.

Nel corso degli anni '50 trovava ad Amalfi il suo "piccolo Ermitage" il pittore del Don, Basilio Necitailov: ancora oggi nelle sue tele di argomento religioso rifulgono interpreti amalfitani, tra cui ragazze e uomini del popolo, illustri prelati e mistici sacerdoti. Abbiamo condiviso per alcuni anni con lui il piccolo Ermitage: egli ai piani superiori, noi in quelli inferiori, dove era ed è tuttora la sede del nostro Centro. Un giorno gli chiedemmo: «Maestro, perchè ha lasciato la sua amata patria, per soggiornare nella nostra Amalfi?». Egli rispose con un breve ma significativo racconto: «Vivevo in un maestoso palazzo sulle rive del Don. Stava per giungere il rigido inverno; feci alloggiare nelle mie stanze un uccello in cerca di riparo. Visse e condivise con me il caldo tepore e il buon cibo. Al sopraggiungere della primavera spalancai le finestre: l'uccello fece alcune piroette nell'aria come per ringraziarmi e poi volò dritto nell'azzurro della libertà».

Aleksej Kara-Murza, Ol'ga Zukova, Vladimir Keidan sono alcuni nomi rilevanti dell'Accademia delle Scienze di Mosca che hanno collaborato con Misha Talalay nella realizzazione di interessanti pubblicazioni artistico-letterarie e nella progettazione di mostre che hanno particolarmente colpito la sensibilità degli amalfitani e degli ospiti della nostra città. Le loro ricerche, edite sia in russo che in italiano, hanno aperto un orizzonte ampio verso l'Europa dell'Est, completando un mosaico di testimonianze internazionali su Amalfi e la sua Costa, collocate nell'immaginario collettivo dei viaggiatori nel Sud.

«Immaginate una città sparpagliata sulle rocce in indicibile disordine; edifici multicolori, inframmezzati da macchie di verzura, case che paiono bassorilievi sulla scogliera a strapiombo; un'ingegnosa architettura semiorientale, abbinata con tutto lo sfarzo del cielo azzurro, del mare pieno di poesia e dalla vegetazione quasi africana; e in secondo piano gli Appennini, che si ergono come un gigantesco anfiteatro al cielo senza nuvole». Con queste espressioni Vladimir Jakovlev (1855) descriveva ammirato il paesaggio della Costa amalfitana, sempre alla ricerca del pittore e poeta napoletano Salvator Rosa, tra l'altro raffigurato da Ajvazovskij (1845) con un gruppo di banditi sulle vestigia del molo che il cardinale amalfitano Pietro Capuano aveva fatto costruire nei primi del Duecento, al cospetto di una notte di luna amalfitana. Quel paesaggio marino di enormi giganti di roccia fu più volte dipinto da Scedrin (1826-1829).

Continuano i versi del poeta Aleksej Konstantinovic Lozina-Lozinskij (1886-1916): «Le case si susseguono a nido d'ape, come un/ groviglio luminoso: balconi, scale, volte basse,/ una serie di tetti fatti di tegole, alcuni passaggi,/ e in essi archi inversi./ E la gente vi ronza, sul sentiero del ponte,/ gesticolano, ridono, bevono.../ conservano la società medievale/ qui montagne, pigrizia, città e mercato...». Rivive, così, lo sfarzoso frastuono del passato con l'apparente silente pigrizia del presente.

Abbiamo familiarizzato con i gruppi di russi nostri ospiti: abbiamo mostrato loro le testimonianze di un "passato luminoso e miro" tra i vicoli e i monumenti amalfitani e attraverso le maestose rovine di Paestum, intervallando quelle visite pregne di civiltà e di cultura con momenti di spensierato ascolto di canti popolari e succulenti pranzi della tradizione.

Nel nome dell'Apostolo Andrea abbiamo insieme celebrato l'VIII centenario dell'arrivo ad Amalfi da Costantinopoli delle Sue gloriose spoglie: qui, sulla Sua tomba, giungono a frotte pellegrini russi a pregare e a ringraziare, in commoventi scene di pianti e di baci alla reliquia del capo.

Ricorre ora il compleanno di Mosca tra le dorate cupole del Cremlino e gli sfarzi dei palazzi degli zar; si rivivono più di otto secoli di storia di una città che seppe, dopo la caduta di Costantinopoli, rifondare la Chiesa Ortodossa con il suo patriarcato e continuare, attraverso gli zar, a sostenere l'aquila imperiale che dalle rive tiberine dell'alma Roma era traslata alla Nuova Roma sul Bosforo per fermarsi bicipite sulle sponde della Moskova.

Come il paesaggio antropico di Positano, costituito da piccole bianche case con cupole e volte estradossate, passa, nel celebre disegno di Stefan Andress, nella sua minuscola fierezza, tra i grattacieli di New York, che si piegano meravigliati per osservarlo, così ora la piccola Amalfi, con le vestigia della sua grande storia, attraversa le vie di San Pietroburgo e di Mosca, ammirata dai maestosi ori delle chiese ortodosse, nella condivisa devozione con la santa Madre Russia per l'Apostolo Primo Chiamato.

*presidente onorario del Centro di Cultura e Storia Amalfitana

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

La Costituzione compie 70 anni, in vigore dal 1° gennaio 1948

La nostra Carta Costituzionale compie settant'anni. Firmata il 27 dicembre del 1947, dopo 18 mesi di lavoro dell'Assemblea Costituente, dall'allora Capo Provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, in una sala di Palazzo Giustiniani è entrata in vigore il primo gennaio del 1948 con i suoi 139 articoli...

Il Natale di tutti

di Antonio Schiavo Come al solito, come ogni anno: la mattina del 23 dicembre ci si accorgeva che mancavano ‘e pagliente (il muschio). Tutto era già a posto: papà , novello Luca Cupiello, aveva passato tutta la sera precedente ad aggiustare una serie di lampadine a pisellini che, ormai già piazzata in...

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...