Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Marco solitario

Date rapide

Oggi: 24 ottobre

Ieri: 23 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieAmalfi com'era una volta e com'è adesso

Pellet a euro 4,50 fino al 31 ottobre 2019Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Storia e Storie

Amalfi com'era una volta e com'è adesso

Scritto da (Redazione), sabato 3 febbraio 2018 09:56:17

Ultimo aggiornamento sabato 3 febbraio 2018 09:56:17

di Sigismondo Nastri

Francesca Sarno, morta ad Amalfi l'altro giorno alla bella età di novantacinque anni (che avrebbe compiuto in questo mese di febbraio), passava il suo tempo, sulla sedia a rotelle, a scrivere: ricordi di vita, personali e collettivi, che diventano ora pagine di storia. Rita Di Lieto, che l'ha seguita amorevolmente in questo percorso, ed ha già pubblicato una sua testimonianza su vicende dolorose dell'ultima guerra, ha raccolto anche questo suo "atto di dolore" per come Amalfi si è trasformata nel tempo, perdendo la sua identità. Condivisibile o meno, non spetta a me dirlo perché frequento poco Amalfi. Lo pubblico integralmente, senza note aggiuntive né commenti, come atto di omaggio alla persona defunta. In ogni caso, da leggere.


AMALFI COM'ERA UNA VOLTA E COM'È ADESSO

di Francesca Sarno
Prima ad Amalfi c'erano dodici cartiere e si lavorava. La prima di Ciccio Marino, la seconda di Amorino, la terza di Taglialatela, la quarta di Nicola Milano, la quinta di Angelo Confalone, la sesta di Ferdinando Amatruda, che sta a Valle dei
Mulini e lavora ancora. È la più antica e fa la carta a mano. La settima, di Giovanni Imperato, sta sopra alla Madonna del Rosario; l'ottava di Osvaldo Amatruda; la nona di Fortunato Confalone; la decima di Nicola Alaccio; l'undicesima di Peppe Apachiano e la dodicesima di Filippo Milano: è la più lontana, sta sopra alla Ferriera, vicino alla centrale elettrica. Sono abbandonate e se ne stanno cadendo tutte, perché non c'è una strada per trasportare il materiale per fare la carta. Le persone di una volta che trasportavano i quintali sopra alle spalle non ci sono più. Oggi non hanno la forza di una volta. È finito tutto.
C'è anche la terra che è abbandonata. Verrà un giorno che anche i limoni di Amalfi finiscono.

C'era la fabbrica di sapone e se n'è caduta; c'era la fabbrica di confetti, cioccolato, caramelle e altri dolci; sta a Valle dei Mulini e se ne sta cadendo. E, là, c'è la strada... Sono morti i vecchi proprietari e i figli l'hanno venduta. Ho lavorato anch'io dentro quella fabbrica. Ci sono tutti i macchinari. Magari facessero tutte abitazioni o garage, che ad Amalfi mancano... C'era l'orfanotrofio; è finito! Quanti ragazzi c'erano! C'era il seminario; è finito. C'erano i mulini e il pastificio... C'erano tanti pescatori e sono finiti. Al porto c'era un piccolo cantiere dove costruivano le barche; è finito. C'erano i commercianti di limoni e sono finiti. C'erano i falegnami che costruivano mobili e altre cose. Il vescovo Mons. Marini aveva messo la scuola di mestieri, come meccanici, falegnami e altri mestieri; è finita. C'erano due cinema e sono finiti. C'era anche la caserma della Finanza; è finito tutto.

Prima c'erano tre tipografie. C'era il monastero delle suore che insegnavano ai ragazzi; le suore non ci sono più.
Prima c'era la clinica che funzionava bene, la clinica Naddeo, e il dottore era bravo. Anch'io sono stata operata in quella clinica. Oggi per ogni cosa si deve andare a Salerno. C'è uno stabile della ASL e non funziona. Si deve uscire fuori perché non funziona niente. Sono i dirigenti che se ne fregano. Non sanno dirigere. Quando non sono all'altezza, è meglio che se ne vanno. Così fanno più bella figura.
C'è il cimitero; si devono fare i lavori e non fanno niente. Pure i morti se ne cadono. Stavano facendo l'ascensore per salire i morti là sopra; sono anni che l'hanno fatto, ma non funziona [l'ascensore è stato attivato da poco]. Prima lavoravano tante persone e adesso non si può vivere più.
Ad Amalfi c'era la pretura, il carcere, il macello dove ammazzavano le mucche. Quella era carne! Si vedeva che animali erano. Oggi non sappiamo che cosa ci fanno mangiare. È finito tutto.

Era una volta Amalfi, quando c'erano quelli che sapevano comandare. Fate cose necessarie; vedete che ci vuole per il paese: strade, garage e case. Non dormite; fate quello che ci vuole e mantenete la pulizia. Chi non è all'altezza di farlo se ne va a buttare le pietre a mare.
Amalfi di una volta è finita. Le bellezze di Amalfi sono finite; anche il mare non è più quello di una volta.
Ho un pezzo di terra che ho dato ai miei figli. Vogliono fare un garage; per metterci la macchina dentro. Neanche in mezzo alla strada c'è posto; è uno schifo. Non lo fanno costruire. Tutti costruiscono, solo io non posso fare un garage. La legge deve essere uguale per tutti. Non mi vergogno di scrivere tutto questo, perché dico la verità. Ad Amalfi non funziona niente buono; pensano solo in piazza e poi è finito tutto. Una volta, Amalfi era Amalfi! C'era la miseria, ma stavamo bene; c'era più serietà. Oggi non c'è serietà.

Si pulisce solo in piazza, dove portano i turisti. Dentro i vicoli c'è uno schifo di cani e cristiani. Quando incomincia il calore, c'è il colera e nessuno fa una lavata. Perché non si mettono le telecamere come hanno fatto dalle altre parti? Così si vede chi è e si fa la contravvenzione? Così il comune fa soldi e c'è la pulizia. Che fate sopra al Comune? Le leggi a modo vostro fate! Fate quello che abbisogna ad Amalfi!
Io parlo perché mi ricordo com'era prima Amalfi. C'erano tante cose e oggi è finito tutto. Vi dovete vergognare per quello che fate! Amalfi è finita! Non c'è più niente. È restata solo la schifezza e ognuno fa il suo comodo.

Io scrivo perché ricordo tante cose. Ho novantatrè anni e mi sento di scrivere tutto il passato. Ho sofferto tanto e soffro ancora. Sono otto anni che sto su una sedia a rotelle. Dopo tanto lavoro, questa è la fine che ho fatto. Che brutta fine che abbiamo fatto! L'Italia è finita. L'Italia se la sono venduta; sono tutti ladri e delinquenti. La mafia sta al governo. Si vendono tutto agli stranieri. Verrà il giorno che ci cacciano fuori delle nostre case. Non siamo più Italiani.
I nostri nonni e genitori hanno lottato per l'Italia. Quante persone sono morte per l'Italia! Assassini! Devono soffrire pure loro come hanno sofferto i vecchi nostri!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Il messaggio di impegno e di libertà di Antonio Borgese

Mercoledì scorso si sono stati celebrati, nel Duomo di Ravello, i funerali di Antonio Borgese, una delle figure di spicco della comunità ravellese, titolare, fin dagli anni Cinquanta del secolo scorso, dell'allora ufficio di collocamento in vari centri della Costiera amalfitana, impegnato in campo politico...

La frase giusta

Di Christian De Iuliis* Una piastrella all'ingresso della casa del signor Borgese recita: "Se vuoi costruire una fabbrica di grande altezza, pensa prima alle fondamenta dell'umiltà". E' una frase di Sant'Agostino. La si incontra lungo una via centrale di Ravello, insieme ad altre, che il signor Borgese...

Antonio Borgese e il suo impegno per Ravello

di Salvatore Sorrentino* Caro Direttore, Ti ringrazio per il ricordo che, in maniera esauriente, hai fatto dell'attività amministrativa svolta da Antonio Borgese, nella sua funzione di consigliere e assessore, in due delle mie tre amministrazioni. Mi preme dire, nel ricordo di Antonio (che, per altro,...

Il cinema a Ravello

di Antonio Schiavo Questa è la storia (sembro tanto Maria De Filippi) di... un film di cui i ragazzi ravellesi di tanti anni fa - oggi sulla sessantina - non ricordavano e non ricordano né la trama né il titolo. Ma... procediamo con ordine. Tra le tante benemerenze da ascrivere al compianto Don Giuseppe...

Assisi: sulla tonaca di San Francesco la scoperta delle toppe del mantello di Santa Chiara

Nel numero di ottobre della rivista San Francesco uno speciale dedicato alla tonaca del Santo d'Assisi. Secondo la ricerca della studiosa tedesca di tessuti antichi che ha anche guidato il gruppo di restauro della Sacra Sindone nel 2002, Mechthild Flury-Lemberg, fu santa Chiara a rattoppare la veste...