Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 ore fa S. Aurelio vescovo

Date rapide

Oggi: 20 luglio

Ieri: 19 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieAmalfi com'era una volta e com'è adesso

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Storia e Storie

Amalfi com'era una volta e com'è adesso

Scritto da (Redazione), sabato 3 febbraio 2018 09:56:17

Ultimo aggiornamento sabato 3 febbraio 2018 09:56:17

di Sigismondo Nastri

Francesca Sarno, morta ad Amalfi l'altro giorno alla bella età di novantacinque anni (che avrebbe compiuto in questo mese di febbraio), passava il suo tempo, sulla sedia a rotelle, a scrivere: ricordi di vita, personali e collettivi, che diventano ora pagine di storia. Rita Di Lieto, che l'ha seguita amorevolmente in questo percorso, ed ha già pubblicato una sua testimonianza su vicende dolorose dell'ultima guerra, ha raccolto anche questo suo "atto di dolore" per come Amalfi si è trasformata nel tempo, perdendo la sua identità. Condivisibile o meno, non spetta a me dirlo perché frequento poco Amalfi. Lo pubblico integralmente, senza note aggiuntive né commenti, come atto di omaggio alla persona defunta. In ogni caso, da leggere.


AMALFI COM'ERA UNA VOLTA E COM'È ADESSO

di Francesca Sarno
Prima ad Amalfi c'erano dodici cartiere e si lavorava. La prima di Ciccio Marino, la seconda di Amorino, la terza di Taglialatela, la quarta di Nicola Milano, la quinta di Angelo Confalone, la sesta di Ferdinando Amatruda, che sta a Valle dei
Mulini e lavora ancora. È la più antica e fa la carta a mano. La settima, di Giovanni Imperato, sta sopra alla Madonna del Rosario; l'ottava di Osvaldo Amatruda; la nona di Fortunato Confalone; la decima di Nicola Alaccio; l'undicesima di Peppe Apachiano e la dodicesima di Filippo Milano: è la più lontana, sta sopra alla Ferriera, vicino alla centrale elettrica. Sono abbandonate e se ne stanno cadendo tutte, perché non c'è una strada per trasportare il materiale per fare la carta. Le persone di una volta che trasportavano i quintali sopra alle spalle non ci sono più. Oggi non hanno la forza di una volta. È finito tutto.
C'è anche la terra che è abbandonata. Verrà un giorno che anche i limoni di Amalfi finiscono.

C'era la fabbrica di sapone e se n'è caduta; c'era la fabbrica di confetti, cioccolato, caramelle e altri dolci; sta a Valle dei Mulini e se ne sta cadendo. E, là, c'è la strada... Sono morti i vecchi proprietari e i figli l'hanno venduta. Ho lavorato anch'io dentro quella fabbrica. Ci sono tutti i macchinari. Magari facessero tutte abitazioni o garage, che ad Amalfi mancano... C'era l'orfanotrofio; è finito! Quanti ragazzi c'erano! C'era il seminario; è finito. C'erano i mulini e il pastificio... C'erano tanti pescatori e sono finiti. Al porto c'era un piccolo cantiere dove costruivano le barche; è finito. C'erano i commercianti di limoni e sono finiti. C'erano i falegnami che costruivano mobili e altre cose. Il vescovo Mons. Marini aveva messo la scuola di mestieri, come meccanici, falegnami e altri mestieri; è finita. C'erano due cinema e sono finiti. C'era anche la caserma della Finanza; è finito tutto.

Prima c'erano tre tipografie. C'era il monastero delle suore che insegnavano ai ragazzi; le suore non ci sono più.
Prima c'era la clinica che funzionava bene, la clinica Naddeo, e il dottore era bravo. Anch'io sono stata operata in quella clinica. Oggi per ogni cosa si deve andare a Salerno. C'è uno stabile della ASL e non funziona. Si deve uscire fuori perché non funziona niente. Sono i dirigenti che se ne fregano. Non sanno dirigere. Quando non sono all'altezza, è meglio che se ne vanno. Così fanno più bella figura.
C'è il cimitero; si devono fare i lavori e non fanno niente. Pure i morti se ne cadono. Stavano facendo l'ascensore per salire i morti là sopra; sono anni che l'hanno fatto, ma non funziona [l'ascensore è stato attivato da poco]. Prima lavoravano tante persone e adesso non si può vivere più.
Ad Amalfi c'era la pretura, il carcere, il macello dove ammazzavano le mucche. Quella era carne! Si vedeva che animali erano. Oggi non sappiamo che cosa ci fanno mangiare. È finito tutto.

Era una volta Amalfi, quando c'erano quelli che sapevano comandare. Fate cose necessarie; vedete che ci vuole per il paese: strade, garage e case. Non dormite; fate quello che ci vuole e mantenete la pulizia. Chi non è all'altezza di farlo se ne va a buttare le pietre a mare.
Amalfi di una volta è finita. Le bellezze di Amalfi sono finite; anche il mare non è più quello di una volta.
Ho un pezzo di terra che ho dato ai miei figli. Vogliono fare un garage; per metterci la macchina dentro. Neanche in mezzo alla strada c'è posto; è uno schifo. Non lo fanno costruire. Tutti costruiscono, solo io non posso fare un garage. La legge deve essere uguale per tutti. Non mi vergogno di scrivere tutto questo, perché dico la verità. Ad Amalfi non funziona niente buono; pensano solo in piazza e poi è finito tutto. Una volta, Amalfi era Amalfi! C'era la miseria, ma stavamo bene; c'era più serietà. Oggi non c'è serietà.

Si pulisce solo in piazza, dove portano i turisti. Dentro i vicoli c'è uno schifo di cani e cristiani. Quando incomincia il calore, c'è il colera e nessuno fa una lavata. Perché non si mettono le telecamere come hanno fatto dalle altre parti? Così si vede chi è e si fa la contravvenzione? Così il comune fa soldi e c'è la pulizia. Che fate sopra al Comune? Le leggi a modo vostro fate! Fate quello che abbisogna ad Amalfi!
Io parlo perché mi ricordo com'era prima Amalfi. C'erano tante cose e oggi è finito tutto. Vi dovete vergognare per quello che fate! Amalfi è finita! Non c'è più niente. È restata solo la schifezza e ognuno fa il suo comodo.

Io scrivo perché ricordo tante cose. Ho novantatrè anni e mi sento di scrivere tutto il passato. Ho sofferto tanto e soffro ancora. Sono otto anni che sto su una sedia a rotelle. Dopo tanto lavoro, questa è la fine che ho fatto. Che brutta fine che abbiamo fatto! L'Italia è finita. L'Italia se la sono venduta; sono tutti ladri e delinquenti. La mafia sta al governo. Si vendono tutto agli stranieri. Verrà il giorno che ci cacciano fuori delle nostre case. Non siamo più Italiani.
I nostri nonni e genitori hanno lottato per l'Italia. Quante persone sono morte per l'Italia! Assassini! Devono soffrire pure loro come hanno sofferto i vecchi nostri!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

"‘O buono o fai fesso, ma ‘o fesso nun o fai maje capace": la saggezza di un popolo (43)

di Antonio Schiavo Se l'Accademia della Crusca, la più alta e prestigiosa istituzione nazionale a tutela dell'italiano, comprese tutte le sue evoluzioni susseguitesi negli anni, ritiene di dover pubblicare il "Vocabolario del Dialetto Napoletano" di Emanuele Rocco (4 volumi), vuol dire che questo dialetto...

Raffaella La Crociera, la bambina malata che prima di morire aiutò gli alluvionati con le sue poesie

di Patrizia Reso Quando si parla di storia, ci sono infiniti risvolti che non conosciamo; è solo per un caso fortuito a volte o per una ricerca accurata se ne veniamo a conoscenza. Questo vale anche per la storia della nostra città. Tutti sappiamo della disastrosa alluvione che colpì il salernitano nel...

Da Erchie ad Agerola in una notte d’estate, l’ultima transumanza in Costiera Amalfitana [FOTO]

di Emiliano Amato Una pratica ancestrale che ancora resiste all'economia turistica e si ripete in Costiera Amalfitana. Un evento unico sulla strada principale della Divina, con 300 tra capre e pecore che riscendono la collina sopra il villaggio di Erchie per iniziare la loro migrazione verso Agerola....

L'estate amalfitana all'inizio del Novecento

di Sigismondo Nastri La stagione balneare in Costiera amalfitana, all'inizio del Novecento, scorreva tra"chiasso, rumore, flirts", più o meno come avviene oggi. Nonostante ciò, rilevava Cesare Afeltra sul Piccolo del 19 agosto 1921,"Amalfi resta il luogo che accorda tutti i riposi e tutti i conforti"....

Maiori, 27 giugno 1988: l'assurda esplosione che spezzò sei vite innocenti [VIDEO]

Era il 27 giugno 1988 quando un boato terrificante svegliò Maiori. Un palazzo sul corso Reginna era crollato, spaccandosi letteralmente in due, provocando sei vittime. Sono passati esattamente trent'anni da quella tragedia, ma il ricordo è ancora vivo in chi vi assistette. Erano le 3 del mattino circa...