Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 minuti fa S. Felice da Cantalice

Date rapide

Oggi: 18 maggio

Ieri: 17 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia, l'internet provider in fibra della Costiera AmalfitanaPasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storiche

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieAmalfi com'era una volta e com'è adesso

Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto
MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air Bee

Storia e Storie

Amalfi com'era una volta e com'è adesso

Scritto da (redazionelda), sabato 3 febbraio 2018 09:56:17

Ultimo aggiornamento sabato 3 febbraio 2018 09:56:17

di Sigismondo Nastri

Francesca Sarno, morta ad Amalfi l'altro giorno alla bella età di novantacinque anni (che avrebbe compiuto in questo mese di febbraio), passava il suo tempo, sulla sedia a rotelle, a scrivere: ricordi di vita, personali e collettivi, che diventano ora pagine di storia. Rita Di Lieto, che l'ha seguita amorevolmente in questo percorso, ed ha già pubblicato una sua testimonianza su vicende dolorose dell'ultima guerra, ha raccolto anche questo suo "atto di dolore" per come Amalfi si è trasformata nel tempo, perdendo la sua identità. Condivisibile o meno, non spetta a me dirlo perché frequento poco Amalfi. Lo pubblico integralmente, senza note aggiuntive né commenti, come atto di omaggio alla persona defunta. In ogni caso, da leggere.


AMALFI COM'ERA UNA VOLTA E COM'È ADESSO

di Francesca Sarno
Prima ad Amalfi c'erano dodici cartiere e si lavorava. La prima di Ciccio Marino, la seconda di Amorino, la terza di Taglialatela, la quarta di Nicola Milano, la quinta di Angelo Confalone, la sesta di Ferdinando Amatruda, che sta a Valle dei
Mulini e lavora ancora. È la più antica e fa la carta a mano. La settima, di Giovanni Imperato, sta sopra alla Madonna del Rosario; l'ottava di Osvaldo Amatruda; la nona di Fortunato Confalone; la decima di Nicola Alaccio; l'undicesima di Peppe Apachiano e la dodicesima di Filippo Milano: è la più lontana, sta sopra alla Ferriera, vicino alla centrale elettrica. Sono abbandonate e se ne stanno cadendo tutte, perché non c'è una strada per trasportare il materiale per fare la carta. Le persone di una volta che trasportavano i quintali sopra alle spalle non ci sono più. Oggi non hanno la forza di una volta. È finito tutto.
C'è anche la terra che è abbandonata. Verrà un giorno che anche i limoni di Amalfi finiscono.

C'era la fabbrica di sapone e se n'è caduta; c'era la fabbrica di confetti, cioccolato, caramelle e altri dolci; sta a Valle dei Mulini e se ne sta cadendo. E, là, c'è la strada... Sono morti i vecchi proprietari e i figli l'hanno venduta. Ho lavorato anch'io dentro quella fabbrica. Ci sono tutti i macchinari. Magari facessero tutte abitazioni o garage, che ad Amalfi mancano... C'era l'orfanotrofio; è finito! Quanti ragazzi c'erano! C'era il seminario; è finito. C'erano i mulini e il pastificio... C'erano tanti pescatori e sono finiti. Al porto c'era un piccolo cantiere dove costruivano le barche; è finito. C'erano i commercianti di limoni e sono finiti. C'erano i falegnami che costruivano mobili e altre cose. Il vescovo Mons. Marini aveva messo la scuola di mestieri, come meccanici, falegnami e altri mestieri; è finita. C'erano due cinema e sono finiti. C'era anche la caserma della Finanza; è finito tutto.

Prima c'erano tre tipografie. C'era il monastero delle suore che insegnavano ai ragazzi; le suore non ci sono più.
Prima c'era la clinica che funzionava bene, la clinica Naddeo, e il dottore era bravo. Anch'io sono stata operata in quella clinica. Oggi per ogni cosa si deve andare a Salerno. C'è uno stabile della ASL e non funziona. Si deve uscire fuori perché non funziona niente. Sono i dirigenti che se ne fregano. Non sanno dirigere. Quando non sono all'altezza, è meglio che se ne vanno. Così fanno più bella figura.
C'è il cimitero; si devono fare i lavori e non fanno niente. Pure i morti se ne cadono. Stavano facendo l'ascensore per salire i morti là sopra; sono anni che l'hanno fatto, ma non funziona [l'ascensore è stato attivato da poco]. Prima lavoravano tante persone e adesso non si può vivere più.
Ad Amalfi c'era la pretura, il carcere, il macello dove ammazzavano le mucche. Quella era carne! Si vedeva che animali erano. Oggi non sappiamo che cosa ci fanno mangiare. È finito tutto.

Era una volta Amalfi, quando c'erano quelli che sapevano comandare. Fate cose necessarie; vedete che ci vuole per il paese: strade, garage e case. Non dormite; fate quello che ci vuole e mantenete la pulizia. Chi non è all'altezza di farlo se ne va a buttare le pietre a mare.
Amalfi di una volta è finita. Le bellezze di Amalfi sono finite; anche il mare non è più quello di una volta.
Ho un pezzo di terra che ho dato ai miei figli. Vogliono fare un garage; per metterci la macchina dentro. Neanche in mezzo alla strada c'è posto; è uno schifo. Non lo fanno costruire. Tutti costruiscono, solo io non posso fare un garage. La legge deve essere uguale per tutti. Non mi vergogno di scrivere tutto questo, perché dico la verità. Ad Amalfi non funziona niente buono; pensano solo in piazza e poi è finito tutto. Una volta, Amalfi era Amalfi! C'era la miseria, ma stavamo bene; c'era più serietà. Oggi non c'è serietà.

Si pulisce solo in piazza, dove portano i turisti. Dentro i vicoli c'è uno schifo di cani e cristiani. Quando incomincia il calore, c'è il colera e nessuno fa una lavata. Perché non si mettono le telecamere come hanno fatto dalle altre parti? Così si vede chi è e si fa la contravvenzione? Così il comune fa soldi e c'è la pulizia. Che fate sopra al Comune? Le leggi a modo vostro fate! Fate quello che abbisogna ad Amalfi!
Io parlo perché mi ricordo com'era prima Amalfi. C'erano tante cose e oggi è finito tutto. Vi dovete vergognare per quello che fate! Amalfi è finita! Non c'è più niente. È restata solo la schifezza e ognuno fa il suo comodo.

Io scrivo perché ricordo tante cose. Ho novantatrè anni e mi sento di scrivere tutto il passato. Ho sofferto tanto e soffro ancora. Sono otto anni che sto su una sedia a rotelle. Dopo tanto lavoro, questa è la fine che ho fatto. Che brutta fine che abbiamo fatto! L'Italia è finita. L'Italia se la sono venduta; sono tutti ladri e delinquenti. La mafia sta al governo. Si vendono tutto agli stranieri. Verrà il giorno che ci cacciano fuori delle nostre case. Non siamo più Italiani.
I nostri nonni e genitori hanno lottato per l'Italia. Quante persone sono morte per l'Italia! Assassini! Devono soffrire pure loro come hanno sofferto i vecchi nostri!

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 107557102

Storia e Storie

Minori, festa a sorpresa per i futuri sposi Antonio e Claudia: oggi il fatidico "sì" nella Basilica

La notte prima delle nozze non si scorda mai. C'è chi la vive con un po' di ansia e c'è chi la vive con gioia, come nel caso di Antonio Iuliano e Claudia Minerva. Alla coppia è stata organizzata ieri sera una festa a sorpresa a Minori. Ad allietare la serata il cantante Lello Marino con la classica serenata...

Da Corfù alla Costiera Amalfitana: ecco la nave da crociera inaugurata 38 anni fa da Lady Diana

E' arrivata di buon mattino in Costiera Amalfitana, proveniente dalla Corfù, la lussuosa nave Artania, appartenente alla flotta della compagnia Phoenix Reisen. La nave, alle 6, era nella rada di Amalfi, mentre intorno alle 13 si avvicinava a Maiori. La Artania, che naviga attualmente sotto bandiera delle...

Quel terribile 9 maggio 1978. L'assassinio di Aldo Moro

di Sigismondo Nastri Il cadavere di Aldo Moro, assassinato dalle Brigate Rosse, fu fatto trovare il 9 maggio 1978 nel vano bagagli di un'auto - una Renault 4 rossa - parcheggiata a Roma, in via Caetani, nei pressi delle sedi della Dc e del Pci. Aldo Moro - ha scritto la figlia Agnese - "non si stancò...

Ventiquattro anni fa a Sarno la tragica alluvione che causò 137 morti: inaugurata mostra permanente per non dimenticare

A Sarno tra il 5 e il 6 maggiodel 1998 si consumò una delle più grandi tragedie italiane. Un'alluvione che coinvolse altri comuni limitrofi come Bracigliano, Siano e poi comuni di altre province come Quindici e San Felice a Cancello. In tutto ci furono 160 morti, di cui 137 solo a Sarno, con tremila...

A Maiori una scultura in memoria del giovane Carabiniere Francesco Calabretti

Sono passati più di dieci anni ma il ricordo vive ancora nel dramma di un incidente ancora oggi per noi inspiegabile. Si stava recando al lavoro Francesco Calabretti, giovane carabiniere originario di Taranto, in forza al nucleo radiomobile della Compagnia di Amalfi, quando un terribile incidente stradale...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.