Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Callisto I papa

Date rapide

Oggi: 14 ottobre

Ieri: 13 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Festa della Castagna a Scala in Costiera Amalfitana nei week end del 12 e 13 ottobre e del 19 e 20 ottobre

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieAddio a Ottavio Amato, pioniere dello scautismo ad Amalfi

Pellet a euro 4,50 fino al 31 ottobre 2019Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Storia e Storie

Addio a Ottavio Amato, pioniere dello scautismo ad Amalfi

Scritto da (Redazione), mercoledì 4 luglio 2018 14:58:14

Ultimo aggiornamento mercoledì 4 luglio 2018 14:58:14

di Sigismondo Nastri

Nella tranquillità della sua casa, in una calda giornata di sole, circondato dagli affetti familiari, ha concluso il suo cammino terreno Ottavio Amato. Amico dai tempi lontani dell'infanzia, come lo erano i suoi fratelli, in particolare Angelo, che fece un po' da chioccia a me e agli altri - Gigino de Stefano, Filippo Iovieno - che si avviavano lungo la strada impervia del giornalismo di periferia, in Costiera amalfitana, verso la metà degli anni cinquanta.
Ottavio, che ricordo anche, per un certo periodo (1975/1985, leggo nel Vescovado), assessore comunale di Ravello, aveva percorso tutto il cammino professionale nell'amministrazione delle Poste, fino a diventare direttore provinciale a Caserta, ovunque apprezzato per le qualità professionali ed umane.
Eravamo ragazzi (sul finire degli anni quaranta), lui più grande, e già capo, quando feci la mia breve esperienza di scout. La sede era in locali di proprietà della chiesa, in via Episcopio, attigui al cinema-teatro san Giuseppe, dove l'Azione cattolica svolgeva una intensa, brillante attività teatrale sotto la guida di Mimì Castaldo, il mitico "mezavunnella".

Negli scout rimasi pochi mesi. Poi me ne allontanai, insieme con Aurelio, compagno d'infanzia poi emigrato in Francia, per solidarietà ad Angelo, col quale ho diviso giochi, scuola, interessi, un sentimento fraterno d'amicizia nato quando frequentavamo le elementari, consolidatosi via via nel tempo. Inossidabile, indeformabile, come dev'essere un'amicizia.
Angelo aveva realizzato per la nostra squadriglia uno splendido dipinto che riproduceva un leone. Poi litigò, sbattette la porta, voleva che gli venisse restituito. Gli risposero di no. Io e Aurelio ci schierammo con lui.

Creammo un sodalizio - una specie di società segreta - al quale demmo nome "I tre". Tenevamo le riunioni da Aurelio, nella soffitta della sua casa, a Valle dei Mulini. Con una lettera, nascosta e notificata nel rispetto della simbologia che loro ci avevano insegnato, dichiarammo "guerra" agli scout e cominciammo a prenderli di mira quando, intruppati, raggiungevano il bosco di Pogerola per svolgervi l'abituale raduno in una piazzola antistante a una vecchia carcara (che chiamavano FB: "fortino bianco"). Noi ci appostavamo più in alto e facevamo rotolare per la scarpata - da incoscienti, o irresponsabili, ma avevamo più o meno tredici anni - dei massi, a rischio di dolorose conseguenze. Per fortuna non ci furono incidenti.

A volte capitava che venissimo alle mani e, per evitare guai peggiori, ce la facevamo a gambe. Qualche mazziatone, però, mi capitò di prenderlo.
D'altra parte, tre contro molti, non poteva esserci partita. Salvo in una occasione. Lo scontro avvenne dove è la fontana d' ‘a Capa ‘e ciuccio. Alcune donne del rione Spirito Santo, richiamate dal trambusto, uscirono dai negozi, si affacciarono alle finestre. E, resesi conto della disparità delle forze in campo, o magari solo per compassione nei nostri confronti, armate di bastoni e mazze di scopa, decisero di darci una mano. Gli scout battettero in ritirata.
Ripensando, oggi, a quell'episodio mi torna alla mente la battaglia tra pesci raccontata nella Canzone de lo guarracino:
Venimmoncenne ch'a lo rommore
pariente e amice ascettero fore,
chi co mazze, cortielle e cortelle,
chi co spate, spatune e spatelle,
chiste co barre e chille co spite,
chi co ammennole e chi co antrite,
chi co tenaglie e chi co martielle,
chi co torrone e sosamielle.

Ripristinatasi la calma, a Ottavio che si stava infilando nella "strettola", alla testa dei suoi scout, gridai spavaldamente: "Ottavio, tu ti nascondi?".
Qualche giorno dopo, trovandoci faccia a faccia sullo stradone, ci venne naturalmente da ridere. Finì lì la "guerra"l. A tarallucci e vino, meno male. Rimase, intaccata, l'amicizia.

Ottavio, che pochi anni fa ha rievocato in un libro la storia dello scoutismo ad Amalfi, della quale fu pioniere col fratello Angelo, è rimasto spiritualmente legato a quel movimento tutta la vita, incarnandone i valori più autentici. Fedele ai principi espressi da Baden Powell nel manuale "Scauting for Boys": "un uomo di cui ci si può fidare, un uomo che non mancherà mai al suo dovere, anche se questo comporta rischi e pericoli, un uomo gaio e allegro, nonostante possano sorgere grandi difficoltà".

La sua scomparsa è una grave perdita per l'intera comunità amalfitana.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Il messaggio di impegno e di libertà di Antonio Borgese

Mercoledì scorso si sono stati celebrati, nel Duomo di Ravello, i funerali di Antonio Borgese, una delle figure di spicco della comunità ravellese, titolare, fin dagli anni Cinquanta del secolo scorso, dell'allora ufficio di collocamento in vari centri della Costiera amalfitana, impegnato in campo politico...

La frase giusta

Di Christian De Iuliis* Una piastrella all'ingresso della casa del signor Borgese recita: "Se vuoi costruire una fabbrica di grande altezza, pensa prima alle fondamenta dell'umiltà". E' una frase di Sant'Agostino. La si incontra lungo una via centrale di Ravello, insieme ad altre, che il signor Borgese...

Antonio Borgese e il suo impegno per Ravello

di Salvatore Sorrentino* Caro Direttore, Ti ringrazio per il ricordo che, in maniera esauriente, hai fatto dell'attività amministrativa svolta da Antonio Borgese, nella sua funzione di consigliere e assessore, in due delle mie tre amministrazioni. Mi preme dire, nel ricordo di Antonio (che, per altro,...

Il cinema a Ravello

di Antonio Schiavo Questa è la storia (sembro tanto Maria De Filippi) di... un film di cui i ragazzi ravellesi di tanti anni fa - oggi sulla sessantina - non ricordavano e non ricordano né la trama né il titolo. Ma... procediamo con ordine. Tra le tante benemerenze da ascrivere al compianto Don Giuseppe...

Assisi: sulla tonaca di San Francesco la scoperta delle toppe del mantello di Santa Chiara

Nel numero di ottobre della rivista San Francesco uno speciale dedicato alla tonaca del Santo d'Assisi. Secondo la ricerca della studiosa tedesca di tessuti antichi che ha anche guidato il gruppo di restauro della Sacra Sindone nel 2002, Mechthild Flury-Lemberg, fu santa Chiara a rattoppare la veste...