Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 37 minuti fa S. Federico vescovo

Date rapide

Oggi: 18 luglio

Ieri: 17 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e Storie7 luglio 1915: sommergibile austriaco affonda l'incrociatore Amalfi

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Storia e Storie

7 luglio 1915: sommergibile austriaco affonda l'incrociatore Amalfi

Scritto da (Redazione), domenica 5 luglio 2015 17:07:21

Ultimo aggiornamento lunedì 8 luglio 2019 09:17:39

Uno degli eventi cruciali del primo conflitto bellico è certamente la battaglia di Gallipoli dell'estate 1915. Come ci ricorda il Giornale d'Italia diretto da Francesco Storace, in un interessante articolo a firma di Emma Moriconi che riproponiamo ai nostri lettori, esattamente cento anni fa, il 5 luglio, i britannici riportavano la vittoria a Gully Ravine, pur non riuscendo a rompere il fronte ottomano.

La battaglia iniziò il 28 giugno, dieci giorni prima truppe fresche turche erano giunte a sostegno di Mustafa Kemal, erano partite all'attacco ma erano state respinte e annientate. Così il 28 giugno furono i britannici ad attaccare a Capo Helles, non riuscirono a raggiungere il centro abitato di Kritia ma avanzarono. "Un battaglione inglese - scrive Martin Gilbert - entrando nelle trincee turche, trovò una colazione pronta a base di gallette e uova sode. C'era anche una buona scorta di sigari. ' Meno lieta fu la scoperta - annotò lo storico del reggimento [è ancora Gilbert a riferirlo, Ndr] - dei corpi di alcuni componenti del Royal Dublin Fusiliers, uccisi il 27 aprile e rimasti insepolti'".

I turchi contrattaccarono più volte e vennero sempre respinti, salvo in un caso: un reparto riuscì ad aprire un varco e segnalò la resa, ma quando gli inglesi si avvicinarono, i turchi aprirono il fuoco. Vennero presto sopraffatti dalle forze britanniche. Gli inglesi insomma avanzarono e il 5 luglio riportarono la vittoria, ma non fu nulla di definitivo: a Gallipoli la situazione restava stagnante. I britannici persero 3.800 soldati, la metà dei quali erano ragazzi inesperti. Da parte turca le perdite furono immani: 14mila uomini.

Luglio per l'Italia fu un mese difficile: molti gli attacchi e altrettanti i respingimenti. 1500 italiani vennero fatti prigionieri dagli austriaci sulle alture nei pressi di Gorizia. Il 7 luglio nell'Adriatico, nei pressi di Venezia, il sommergibile austriaco U26 colpì e affondò l'incrociatore italiano Amalfi. L'equipaggio fu salvo, ma la nave perduta. Era stata impiegata per la prima volta nella guerra italo-turca, aveva combattuto nei Dardanelli, in Cirenaica, in Tripolitania, nell'Egeo, a Tobruk. Aveva scortato il panfilo reale Trinacria con a bordo il Re Vittorio Emanuele III. E fu perduta in quella notte del 7 luglio di cento anni fa.

Era salpata alle 3 di notte da Venezia, scortata dalle torpediniere Calipso e Procione, per una crociera di ricognizione. Un'ora dopo un sommergibile si avvicinava alla Amalfi, che si accorse del suo periscopio ma non poté fare nulla: il siluro era già partito e un minuto dopo colpì la nave sul lato sinistro, in corrispondenza del locale che ospitava le caldaie. Si fece appena in tempo a fare un tentativo di mettere la barra a dritta per limitare lo sbandamento e di usare le pompe: l'ordine fu di abbandonare la nave. Gli ufficiali lasciarono l'Amalfi per ultimi. In sei minuti l'Amalfi si capovolse completamente, quattro minuti dopo si inabissò. Le eliche erano ancora in movimento e qualche membro dell'equipaggio rimase ferito, ma quasi tutti riuscirono ad avere salva la vita. 72 furono i morti e dispersi, 682 gli uomini messi in salvo. Solo nel 1921 venne individuato il relitto, era capovolto sul fondale, 30 metri sotto. Nel 1924 parte di esso venne demolito. Da quel momento in poi la Regia Marina e la Marina Militare poi non annoverarono mai più una nave col nome della gloriosa Repubblica Marinara.

Ancora in Italia, il 9 luglio un Regio decreto istituisce il Comitato supremo per i rifornimenti di armi e munizioni. Anche nel Bel Paese cresce così l'indotto industriale della guerra.

Intanto nell'Africa sud-occidentale tedesca l'Intesa riporta una vittoria: le truppe coloniali germaniche sono costrette ad arrendersi. Si trattava della seconda colonia tedesca in termini di grandezza, un territorio desertico in cui la Germania aveva istituito la colonia per contrastare gli inglesi nelle loro dominazioni nel territorio. Quando era scoppiata la guerra era stato il primo ministro sudafricano Louis Botha a chiedere alla Gran Bretagna di organizzare una forza di difesa, la South African Defense Force: i sudafricani misero in campo 50mila soldati.

La battaglia era cominciata nel settembre del 1914, quando i sudafricani sbarcarono a Luderitz e la occuparono, dando il via all'invasione. Dopo una pesante sconfitta alla fine di settembre, ad ottobre un generale di Botha proclamò l'indipendenza dall'Inghilterra dello Stato Libero dell'Orange, della Repubblica Sudafricana, della Provincia del Capo e del Natal. Fu sconfitto e i ribelli vennero condannati al carcere e poi amnistiati. I sudafricani ripresero l'offensiva a novembre, il 9 luglio - dopo alterne vicende - le truppe germaniche si arresero: centotredici perdite per i sudafricani, 1.331 per i tedeschi fu il bilancio della battaglia.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

"‘O buono o fai fesso, ma ‘o fesso nun o fai maje capace": la saggezza di un popolo (43)

di Antonio Schiavo Se l'Accademia della Crusca, la più alta e prestigiosa istituzione nazionale a tutela dell'italiano, comprese tutte le sue evoluzioni susseguitesi negli anni, ritiene di dover pubblicare il "Vocabolario del Dialetto Napoletano" di Emanuele Rocco (4 volumi), vuol dire che questo dialetto...

Raffaella La Crociera, la bambina malata che prima di morire aiutò gli alluvionati con le sue poesie

di Patrizia Reso Quando si parla di storia, ci sono infiniti risvolti che non conosciamo; è solo per un caso fortuito a volte o per una ricerca accurata se ne veniamo a conoscenza. Questo vale anche per la storia della nostra città. Tutti sappiamo della disastrosa alluvione che colpì il salernitano nel...

Da Erchie ad Agerola in una notte d’estate, l’ultima transumanza in Costiera Amalfitana [FOTO]

di Emiliano Amato Una pratica ancestrale che ancora resiste all'economia turistica e si ripete in Costiera Amalfitana. Un evento unico sulla strada principale della Divina, con 300 tra capre e pecore che riscendono la collina sopra il villaggio di Erchie per iniziare la loro migrazione verso Agerola....

L'estate amalfitana all'inizio del Novecento

di Sigismondo Nastri La stagione balneare in Costiera amalfitana, all'inizio del Novecento, scorreva tra"chiasso, rumore, flirts", più o meno come avviene oggi. Nonostante ciò, rilevava Cesare Afeltra sul Piccolo del 19 agosto 1921,"Amalfi resta il luogo che accorda tutti i riposi e tutti i conforti"....

Maiori, 27 giugno 1988: l'assurda esplosione che spezzò sei vite innocenti [VIDEO]

Era il 27 giugno 1988 quando un boato terrificante svegliò Maiori. Un palazzo sul corso Reginna era crollato, spaccandosi letteralmente in due, provocando sei vittime. Sono passati esattamente trent'anni da quella tragedia, ma il ricordo è ancora vivo in chi vi assistette. Erano le 3 del mattino circa...