Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 24 minuti fa S. Adelaide vergine

Date rapide

Oggi: 16 dicembre

Ieri: 15 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Il Sottocosto di Natale da Euronics a Maiori e Positano alla Bottega di Capone I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniStoria e Storie3 aprile 1955: la classe di Fausto Coppi incantò ad Agerola

«Stemma comunale usato per attacco politico» Vuilleumier ammonisce sindaco Di Martino e difende sua amministrazione

Maiori, beautycenter Bellessere si rifà il look: domenica 17 la riapertura

Da Facchinetti a Fogli, svelati i big di Sanremo 2018

Vento forte: a Pontone colonnina si stacca da campanile della chiesa, paura tra i residenti [FOTO]

Mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

Gli rubarono il Doblò: anche dalla Costiera colletta per restituire il sorriso ad Erasmo Amato

“Il sogno di Walt Disney” al Maiori Music Festival Christmas

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

Premio letterario Ravello Tales 2017 alla scrittrice inglese Lara Phillips

Ritirava e poi rivendeva i biglietti non obliterati, nei guai autista della Sita

Amalfi, Grand Hotel Convento seleziona 13 figure professionali per stagione 2018

Maiori, su bollette acqua Gatto replica a Del Pizzo: «Strutture non avevano nemmeno il contatore, oggi pagano»

Piano di Zona S2: nessun termine di scadenza per domanda Reddito Inclusione 

Sorrento Civica, sabato 16 dicembre riconoscimenti per 12 cittadini benemeriti

Ravello, la politica che fa gli auguri di Natale: già frecciate tra Di Martino e Vuilleumier

La Cina sbarca a Napoli e in Costiera Amalfitana

L'Antica Cartiera Amalfitana e la storia straordinaria di Carlo De Iuliis, un imprenditore lungimirante

Cilento, matrimoni al setaccio della Finanza: sposi giustifichino spese

Scala, ecco il programma degli eventi natalizi

Sorrento, varato calendario cantiere Corso Italia e Ztl natalizia   

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

3 aprile 1955: la classe di Fausto Coppi incantò ad Agerola

Il Campionissimo staccò tutti al Giro di Campania lungo la salita che porta ad Agerola, rendendola celebre: il ricordo di Carmine Castellano, storico direttore del Giro d'Italia

Scritto da (Redazione), venerdì 4 aprile 2014 02:13:13

Ultimo aggiornamento sabato 5 aprile 2014 11:26:43

di Carmine Castellano* - Tra la perle della Costiera Amalfitana - Positano, Ravello, il Fiordo di Furore - va certamente ricordata anche la strada panoramica che da Amalfi si arrampica con una lunga serie di tornanti verso Agerola, affacciandosi a picco sulla piccola insenatura che protegge la preziosa Grotta di Smeraldo. Ma nel mondo degli sportivi, e non solo, forse più che per le sue bellezze naturali l'ascesa di Agerola va ricordata anche per una delle più limpide imprese di Fausto Coppi.

Era il 3 aprile 1955. Coppi era già venuto al Giro di Campania l'anno precedente e dopo la scalata del Chiunzi, era riuscito a prevalere in volata su alcuni compagni di avventura. Gino Palumbo, all'epoca "patron" della corsa organizzata da " Il Mattino " di Napoli, era intenzionato a ripetere il Chiunzi sull'onda dell'entusiasmo che aveva suscitato Coppi, al quale oltretutto era legato da sincera amicizia fin dal 1944, allorché il giovane campione, sbarcato a Napoli al ritorno dalla prigionia, aveva ricevuto un prezioso aiuto per tornare a casa.

Ma l'inverno del 1954-55 fu tremendo per la Costiera Amalfitana. Un' alluvione devastò quelle zone e il Chiunzi si rese impraticabile. Palumbo non volle stravolgere il percorso che l'anno prima si era dimostrato più che valido e optò per l'Agerola, anche se meno impegnativa. La corsa attraversò all'inizio Caserta, Benevento, Avellino, Salerno e si avventurò verso Capo d'Orso ed Amalfi senza particolari sussulti e con una andatura sostenuta, seppur non proibitiva. Ma sui primi tornanti dell'Agerola Coppi cambiò ritmo e diede il via ad un'azione che stupì.

Di quei momenti fui fortunato testimone. Ero sul belvedere di Bomerano e confuso tra i tanti tifosi emozionati guardavo la strada sottostante con i corridori che, lontanissimi puntini irriconoscibili, apparivano e scomparivano, ogni tanto nascosti dalle pieghe della montagna che precipita a picco verso il mare. E man mano che i corridori si avvicinavano si cominciavano a distinguere le sagome e anche i colori, finché da un costone di roccia apparve solitaria una maglia bianco­celeste. non c'erano dubbi e come un'eco crescente si propagò un urlo di gioia: "è isso, è isso" (è lui, è lui). In quel momento ebbi la percezione, la certezza della grandezza di Coppi. Non c'era bisogno di indicarlo, chiamarlo per nome, perchè era "isso", era "lui", era l'unico, era l'inimitabile.

Distaccò subito gli avversari e tra un pubblico che impazziva nel vederlo salire agile e sicuro, imboccò il tunnel al culmine della salita con poco più di un minuto di vantaggio completando il trionfo all'Arenaccia con quasi cinque minuti sull'indomito Fiorenzo Magni. E così l'Agerola, che non ha le pendenze del Mortirolo o del Fedaia, che non ha l'estenuante lunghezza dello Stelvio, che non ha l'altezza del Gavia, che invece è una salita dolce, che con il suo accattivante panorama distrae e addolcisce l'impegno, diventò improvvisamente leggenda per gli scalatori e mito per gli appassionati di ciclismo.

Oggi un cippo posto sulla terrazza di Bomerano, a circa un chilometro dal culmine, sul belvedere dove una enorme folla di tifosi, come da un palco di un teatro, guardò le evoluzioni della corsa sui tornanti sottostanti, ricorda quella giornata di primavera di oltre cinquant'anni or sono.

Giornata irripetibile anche se il Giro d'Italia e soprattutto quello di Campania hanno ripercorso quei tornanti tante volte, anche con imprese apprezzabili come accadde nel 1968 per i tre portacolori della Filotex - Zilioli, Bitossi e Ugo Colombo - che, partiti sull' Agerola, raggiunsero da soli Napoli risolvendo in famiglia quell' ordine d'arrivo. Agerola e Coppi, Coppi ed Agerola, ormai sono diventati inscindibili, e la storia del ciclismo non potrà prescindere da quel 3 aprile del 1955.

VIDEO ARCHIVIO STORICO ISTITUTO LUCE

Fonte: Cicloamatoriale.it

*Carmine Castellano è avvocato e dirigente sportivo italiano, direttore unico del Giro dal 1993 al 2003. Dal Gennaio 2013 è Presidente Onorario del Comitato Regionale Campano FCI. In questo suo intervento racconta l'impresa compiuta dal Campionissimo lungo la salita di Agerola il 3 Aprile 1955 e le varie pagine di storia del ciclismo professionistico italiano scritte lungo i tornanti di questa ascesa, che domenica vedrà impegnati i partecipanti al XII° Giro della Penisola Sorrentina e Costiera Amalfitana.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...

Luce e realismo nella pittura napoletana dell’Ottocento

di Paolo Spirito Ci sono due appunti nel taccuino di Giuseppe De Nittis, pubblicato nel 1894 a Parigi col titolo di "Notes e Souvenirs" e poi in Italia nel 1964 come "Taccuino 1870/1884", che meglio di qualunque altra espressione riassumono, attraverso la viva voce del pittore, la consapevolezza acquisita...

"Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa”, gli antichi detti amalfitani legati alla festa patronale

di Sigismondo Nastri La festa patronale del 30 novembre ad Amalfi apre la porta al cambio di stagione. Infatti, un vecchio proverbio insegna: "Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa". Cioè (come lo interpreto io): "Sant'Andrea, la neve in grembo". Sarà vero? Questa espressione, 'mporéa, è tipicamente amalfitana....