Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 17 minuti fa S. Marco vescovo

Date rapide

Oggi: 22 ottobre

Ieri: 21 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Festa della Castagna 2017 a Scala in Costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Tramonti - Ristorante Al Valico di Chiunzi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa

Tu sei qui: SezioniSalerno e ProvinciaSalerno riapre Museo Archeologico Provinciale: restituito a comunità suo patrimonio culturale

Ravello Lab 2017, un laboratorio di sviluppo a base culturale

Costa d'Amalfi, contro il Valdiano arriva la prima sconfitta interna

Cade in giardino, 57enne di Tramonti si rompe la milza. Operato d’urgenza a Salerno

Cetara: 15 dicembre Amnesty International Italia riceve il Premio inpace 2017

Proiezioni mappate a Villa Rufolo, spettacolo di luci prorogato fino al 4 novembre

Scala, ultimo week-end di Festa della Castagna. Stasera c'è Giustiniani di Made in Sud

Distretto Turistico Costa d'Amalfi: al via corsi di formazione per gestori e dipendenti di strutture ricettive

Il ristorante Giardiniello di Minori cerca un commis di cucina

Il dovere di impedire il sopravvento dell'oblio

“Botanica e Terapeutica al Giardino”, 29 ottobre a Salerno un seminario di scienze naturopatiche

Editoria: il bonus pubblicità esteso anche alle testate on line

Ravello, Gianluca Mansi riconfermato segretario del circolo PD

Per Daniela Bottone di Scala laurea in Scienze della comunicazione: nella sua tesi il caso Apple

Arciconfraternita Ss.mo Sacramento di Minori: Mancieri nuovo priore

“Campania in Fiamme: Criticità & Proposte”, se ne discute a Cava de' Tirreni col presidente Legambiente Buonomo

"Top Hotels in Italy", Condè Nast Traveler premia 9 alberghi di lusso tra Capri e Costiera Amalfitana

Guida Ristoranti Espresso 2018: Rossellini's di Ravello conferma i 3 Cappelli. È miglior salernitano

Susan Sarandon al Telegraph: «Caruso di Ravello mio hotel preferito»

Riecco il Corso di lingua spagnola in Costiera: lezioni ad Amalfi e Praiano

SkizzoBike ASD Racing, la nuova realtà del mondo delle due ruote in Costiera Amalfitana

Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Salerno e Provincia

Salerno, riapre Museo Archeologico Provinciale: restituito a comunità suo patrimonio culturale

Scritto da (Redazione), martedì 19 febbraio 2013 09:21:37

Ultimo aggiornamento martedì 19 febbraio 2013 09:23:51

Un rinnovato allestimento con un percorso espositivo ampliato, installazioni multimediali con display touch e impianti di ultima generazione, in un immobile di pregio che è stato sottoposto a un articolato intervento di manutenzione e restyling: si presenta così il Museo archeologico provinciale di Salerno, riaperto ieri pomeriggio (18 febbraio) presso il complesso San Benedetto.

«Restituire alla città e all'intera provincia il Museo archeologico provinciale di Salerno è il risultato che con soddisfazione consegniamo alla comunità salernitana - spiega il presidente facente funzioni Antonio Iannone - Investire nella riapertura di questo istituto della cultura ha rappresentato, infatti, una scelta precisa dell'Amministrazione provinciale, fin dalla presidenza dell'onorevole Edmondo Cirielli, nonostante i pesanti tagli al bilancio dell'Ente».

«È un obiettivo che abbiamo considerato doveroso per rispondere alle richieste provenienti sia dal mondo accademico e scientifico che dalle comunità locali - aggiunge l'assessore Matteo Bottone - Un grazie a tutti coloro che hanno reso possibile questa riapertura: ai dirigenti, ai funzionari e al personale del Settore Patrimonio e del Settore Musei e Biblioteche, ai collaboratori e alle imprese. Tutti sono stati, insieme, artefici di questo».

L'intervento di manutenzione e restyling dell'immobile è stato eseguito nel rispetto della filosofia del restauro e del design originario, ideato negli anni Sessanta dall'arch. Ezio De Felice, secondo un programma unitario di rifunzionalizzazione e adeguamento.

Il nuovo allestimento espositivo, inoltre, è contrassegnato da un'esposizione ancora più ampia e potenziata dall'utilizzo di moderne tecnologie e tecniche di comunicazione museale, con tre installazioni multimediali ricostruiscono l'insediamento di Fratte, le antiche rotte del Mediterraneo e ripropongono l'atmosfera del ritrovamento della celebre testa di Apollo nelle acque del golfo di Salerno nel 1930. Nel complesso gli interventi hanno comportato una spesa di 580.000 Euro.

SCHEDA SUI LAVORI E SUL RIALLESTIMENTO DEL MUSEO

La storia del Museo e del complessoIstituito nel 1927 dall'Amministrazione Provinciale di Salerno, fu inaugurato il 28 ottobre 1928 all'interno del Palazzo di Governo, attuale sede della Provincia. Nel 1939 fu spostato nella Casina dell'Orto Agrario, alla fine della guerra ritornò nella sede precedente, mentre nel 1964 fu collocato in via definitiva nel complesso di San Benedetto.

Le importanti scoperte effettuate a Fratte dal 1927 inaugurarono un decennio proficuo di indagini archeologiche condotte dall'Amministrazione Provinciale, i cui ritrovamenti rappresentano ancora oggi, assieme alle coeve donazioni ed acquisizioni, la parte più cospicua dell'esposizione.

Il complesso monastico San Benedetto, che ospita il Museo, è un edificio di straordinario interesse architettonico, il cui impianto originario è di epoca longobarda.

I lavori infrastrutturali

A partire dal 2010 l'immobile è stato oggetto di un articolato intervento di manutenzione e restyling, curato prima dal settore Beni Culturali e poi dall'attuale settore Patrimonio e gestione degli immobili provinciali. La scelta è stata quella di operare nel pieno rispetto della filosofia del restauro e del design dell'autore Ezio De Felice, secondo un unitario programma di rifunzionalizzazione e adeguamento. Nel complesso gli interventi hanno comportato una spesa di 400.000 Euro, con lavori frazionati in lotti funzionali sulla base delle risorse appostate in bilancio.

Il riallestimento

Curato dal settore Musei e biblioteche, il riallestimentoha comportato l'esecuzione di diversi interventi, volti ad attualizzare l'esposizione con l'utilizzo di moderne tecnologie, integrarla con ulteriori supporti espositivi e potenziarla grazie alle nuove metodologie della comunicazione museale (pannelli, installazioni multimediali, front office, etc.). Tra l'altro, è stato installato un impianto illuminotecnico provvisto di luci brevettate che non producono calore e, quindi, non surriscaldano né danneggiano i reperti, garantendo comunque un'elevata resa cromatica.

Nello stesso tempo si è proceduto all'inventariazione dei reperti presenti nei depositi e alla riorganizzazione delle vetrine espositive, in sinergia con la Soprintendenza per i beni archeologici e l'Università degli studi di Salerno.

Un'intera sala è stata destinata all'esposizione della testa di Apollo, come previsto in origine da De Felice, ma l'allestimento è stato reso altamente scenografico dall'utilizzo congiunto di un impianto multimediale e tendaggi che ripropongono il momento del suo ritrovamento in mare.

Nel complesso questi interventi hanno comportato una spesa di 180.000 Euro.

IL NUOVO PERCORSO ARCHEOLOGICO

L'esposizione archeologica è strutturata su due piani, attraverso un percorso sia cronologico che topografico (per centri di provenienza dei reperti). La ricchezza del Museo, che il direttore Venturino Panebianco definì "il maggiore Istituto storico-topografico della Provincia", testimonia il ruolo di crocevia svolto dal territorio della provincia di Salerno fin dall'antichità.

Sul piano terra e nel giardino antistante il Museo è allestito un interessante lapidario con reperti di epoca romana, in particolare statue, rilievi figurati e basi onorarie. Si segnala la statua acefala in marmo, copia romana di un originale ellenistico di II sec. a.C., riproducente la Venere con delfino.La sezione "Provincia archeologica" raccoglie i più importanti reperti che provengono da scavi, ritrovamenti fortuiti e acquisizioni effettuati su tutto il territorio provinciale. Si tratta di un variegato patrimonio, che attesta l'esistenza di fauna preistorica (mandibola di Elephans antiquus, femore di Hippopotamus amphibius Linneo e molare di Equus hydruntinus) e la presenza dell'uomo in epoca remota, dalla Valle del Sarno al Cilento, dalla Costiera Amalfitana alla Piana del Sele e al Vallo di Diano. Il percorso è esemplificativo delle principali correnti culturali che si sono affermate in Campania dalla preistoria all'epoca romana, come il periodo Villanoviano, la Fossakultur, l'Orientalizzante, la cultura sannitica, le civiltà indigene, con focus sugli aspetti del costume maschile e femminile.I reperti più importanti sono quelli provenienti dal corredo della tomba principesca da Monte Pruno di Roscigno (V-IV sec. a.C.), che presenta un'associazione ricca di materiali, tra cui un kantharos d'argento raffigurante Andromaca nel fondo interno e un candelabro di bronzo che presenta sulla cimasa le figure di un guerriero e della sua donna.Nella stessa sezione c'è uno spazio dedicato alla "Salernum romana", con materiali provenienti per lo più dalle necropoli, dislocate sia nel centro storico che nell'area dell'attuale via Roma.

La sezione"Collezioni e donazioni" è dedicata, invece, agli apporti di privati che hanno arricchito il Museo nel corso del tempo. Presenta elementi eterogenei che coprono un ampio arco temporale. Si segnala, in particolare, la collezione donazione donata dall'avv. Giuseppe Boezio di Sala Consilina, divisa fra questo Museo e il Petit Palais di Parigi.

Il primo piano

Nella sezione dedicata a Fratte sono esposti i reperti provenienti dall'omonimo sito etrusco-sannita (VI-III sec. a.C.), importante insediamento anteriore alla Salernum romana e situato alla periferia settentrionale dell'attuale città. Il percorso, che illustra la storia del sito anche alla luce delle recenti indagini archeologiche condotte dall'Università degli studi di Salerno, è strutturato secondo due nuclei tematici, ovvero l'abitato e le necropoli, e un focus sul mito di Eracle.

Di particolare pregio il Deinos attico a figure nere attribuibile al Pittore di Antimenes (fine VI sec. a.C.), la cui iconografia richiama alcuni episodi mitici, come un corteo divino che rievoca il matrimonio di Peleo e Teti e la partenza di Anfiarao, re di Argo, per la guerra contro Tebe.

Una specifica sezione è dedicata, inoltre, alla testa bronzea di Apollo (I sec. a.C. - I sec. d.C.), uno straordinario reperto diventato il simbolo dei Musei della Provincia di Salerno. Si ipotizza che facesse parte di una statua di grandi dimensioni, ma la sua cronologia e provenienza rimangono problematiche. Fu rinvenuto nel 1930 nelle acque del golfo di Salerno da alcuni pescatori. Anche il poeta Giuseppe Ungaretti, nel suo viaggio nel Mezzogiorno, rimase così colpito dalle fattezze del volto, da scrivere: "Tu sei la forza serena e la bellezza".

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Salerno e Provincia

Scoperto B&B abusivo in pieno centro a Salerno, il blitz dei Vigili Urbani

A seguito di una denuncia da parte di alcuni condomini, personale del Nucleo Antievasione Tributaria della Polizia Municipale di Salerno è intervenuto in una struttura ricettiva B&B esercitata abusivamente in pieno centro. Al momento dell’ispezione, le tre camere dell’appartamento erano tutte occupate...

Aeroporto Costa d'Amalfi, pista più lunga: ok dal Ministero. Obiettivo 500mila passeggeri l’anno

Via libera del ministero dell'Ambiente all'allungamento della pista dell'Aeroporto Salerno Costa d'Amalfi. A riportare la notizia dell'ok dato dal Ministero al documento di valutazione di impatto ambientale il quotidiano Il Mattino oggi in edicola. Un via libera atteso 15 mesi e fondamentale per realizzare...

Luci d'Artista: se saltano Salerno perde giro d'affari da 10 milioni

Lo stop di Luci d'Artista farebbe perdere all'economia salernitana un giro d'affari valutato attorno ai 10 milioni di euro. La semplice ipotesi - al momento - di annullamento dell'evento per via del ricorso al tar della società seconda classificata per il bando ha già provocato le prime disdette in termini...

Si spara nella stalla vicino casa: muore 59enne a Roccadaspide

Un uomo di 59 anni si è tolto la vita questa mattina in una stalla nei pressi della sua abitazione a Roccadaspide sparandosi con un fucile. La tragedia è avvenuta in contrada Oasi delle Camerine. Il 59enne senza destare sospetti nei familiari si sarebbe recato nella stalla e avrebbe sparato il colpo...

Aeroporto Costa d'Amalfi, pronti i bandi: a breve la pista sarà più lunga

Passi in avanti importanti per l'allungamento della pista dell'aeroporto Salerno-Costa d'Amalfi. A determinare l'accelerazione i bandi per la progettazione dell'adeguamento dello scalo che prevede pure un nuovo terminal. A darne notizia il quotidiano La Città oggi in edicola. Con la pubblicazione dei...