Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 15 minuti fa S. Margherita da Cortona

Date rapide

Oggi: 22 febbraio

Ieri: 21 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniSalerno e ProvinciaSalerno riapre Museo Archeologico Provinciale: restituito a comunità suo patrimonio culturale

In arrivo piogge e temporali, dalle 16 allerta meteo "gialla" sulla Campania

Amalfi, sabato 24 febbraio giornata dono sangue in Piazza Municipio

"La Democrazia è Donna", a Ravello incontro con le candidate del PD

Il panino della Costa d'Amalfi, Daniele Reponi lo porta a “La Prova del Cuoco" [VIDEO]

Angelo Gallo di Conca dei Marini dottore in Economia da 110 e lode

Nuova destinazione per il convento San Domenico di Maiori: una scuola di alta formazione turistica

Tutta la dolcezza di Sal De Riso per la festa di compleanno della figlia di Antonella Clerici

Primi trent'anni del Lions Club Salerno

Festa della Donna, a Maiori si elegge quella "più dolce"

Amalfi, dal Mibact 800mila euro per restauro campanile del Duomo

A Tramonti un laboratorio sulla pizza fatta in casa

Un corso di Guida Ambientale Escursionista in Costa d’Amalfi

Pontone, 26 febbraio inaugurazione del nuovo centro di aggregazione per giovani e anziani [FOTO]

Ha perso l’occhio il 26enne che si è sparato nel giorno della laurea

Dalla “Breve storia della Canzone napoletana” a “Playlist. Se ci fosse la musica” a “Le Notti del Libro…a Vietri sul Mare”

In Costiera con strumenti da scasso e grimaldelli: fermati e denunciati due pregiudicati napoletani

Adriana, cuore di luce

Maiori piange la prematura scomparsa di Agostino Abate

Disservizi segnale televisivo in Costiera, Ciccatti (Rai): «Necessario potenziare trasmettitore di Policastro»

Piano di Sorrento: dal 23 al 25 febbraio è Festa del Cioccolato

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Cinquanta sfumature di Rosso Auditorium Cinema di Ravello Cinema Ravello A casa tutti bene Cinema Ravello L'ora più buia Cinema Ravello Made in Italy

Salerno e Provincia

Salerno, riapre Museo Archeologico Provinciale: restituito a comunità suo patrimonio culturale

Scritto da (Redazione), martedì 19 febbraio 2013 09:21:37

Ultimo aggiornamento martedì 19 febbraio 2013 09:23:51

Un rinnovato allestimento con un percorso espositivo ampliato, installazioni multimediali con display touch e impianti di ultima generazione, in un immobile di pregio che è stato sottoposto a un articolato intervento di manutenzione e restyling: si presenta così il Museo archeologico provinciale di Salerno, riaperto ieri pomeriggio (18 febbraio) presso il complesso San Benedetto.

«Restituire alla città e all'intera provincia il Museo archeologico provinciale di Salerno è il risultato che con soddisfazione consegniamo alla comunità salernitana - spiega il presidente facente funzioni Antonio Iannone - Investire nella riapertura di questo istituto della cultura ha rappresentato, infatti, una scelta precisa dell'Amministrazione provinciale, fin dalla presidenza dell'onorevole Edmondo Cirielli, nonostante i pesanti tagli al bilancio dell'Ente».

«È un obiettivo che abbiamo considerato doveroso per rispondere alle richieste provenienti sia dal mondo accademico e scientifico che dalle comunità locali - aggiunge l'assessore Matteo Bottone - Un grazie a tutti coloro che hanno reso possibile questa riapertura: ai dirigenti, ai funzionari e al personale del Settore Patrimonio e del Settore Musei e Biblioteche, ai collaboratori e alle imprese. Tutti sono stati, insieme, artefici di questo».

L'intervento di manutenzione e restyling dell'immobile è stato eseguito nel rispetto della filosofia del restauro e del design originario, ideato negli anni Sessanta dall'arch. Ezio De Felice, secondo un programma unitario di rifunzionalizzazione e adeguamento.

Il nuovo allestimento espositivo, inoltre, è contrassegnato da un'esposizione ancora più ampia e potenziata dall'utilizzo di moderne tecnologie e tecniche di comunicazione museale, con tre installazioni multimediali ricostruiscono l'insediamento di Fratte, le antiche rotte del Mediterraneo e ripropongono l'atmosfera del ritrovamento della celebre testa di Apollo nelle acque del golfo di Salerno nel 1930. Nel complesso gli interventi hanno comportato una spesa di 580.000 Euro.

SCHEDA SUI LAVORI E SUL RIALLESTIMENTO DEL MUSEO

La storia del Museo e del complessoIstituito nel 1927 dall'Amministrazione Provinciale di Salerno, fu inaugurato il 28 ottobre 1928 all'interno del Palazzo di Governo, attuale sede della Provincia. Nel 1939 fu spostato nella Casina dell'Orto Agrario, alla fine della guerra ritornò nella sede precedente, mentre nel 1964 fu collocato in via definitiva nel complesso di San Benedetto.

Le importanti scoperte effettuate a Fratte dal 1927 inaugurarono un decennio proficuo di indagini archeologiche condotte dall'Amministrazione Provinciale, i cui ritrovamenti rappresentano ancora oggi, assieme alle coeve donazioni ed acquisizioni, la parte più cospicua dell'esposizione.

Il complesso monastico San Benedetto, che ospita il Museo, è un edificio di straordinario interesse architettonico, il cui impianto originario è di epoca longobarda.

I lavori infrastrutturali

A partire dal 2010 l'immobile è stato oggetto di un articolato intervento di manutenzione e restyling, curato prima dal settore Beni Culturali e poi dall'attuale settore Patrimonio e gestione degli immobili provinciali. La scelta è stata quella di operare nel pieno rispetto della filosofia del restauro e del design dell'autore Ezio De Felice, secondo un unitario programma di rifunzionalizzazione e adeguamento. Nel complesso gli interventi hanno comportato una spesa di 400.000 Euro, con lavori frazionati in lotti funzionali sulla base delle risorse appostate in bilancio.

Il riallestimento

Curato dal settore Musei e biblioteche, il riallestimentoha comportato l'esecuzione di diversi interventi, volti ad attualizzare l'esposizione con l'utilizzo di moderne tecnologie, integrarla con ulteriori supporti espositivi e potenziarla grazie alle nuove metodologie della comunicazione museale (pannelli, installazioni multimediali, front office, etc.). Tra l'altro, è stato installato un impianto illuminotecnico provvisto di luci brevettate che non producono calore e, quindi, non surriscaldano né danneggiano i reperti, garantendo comunque un'elevata resa cromatica.

Nello stesso tempo si è proceduto all'inventariazione dei reperti presenti nei depositi e alla riorganizzazione delle vetrine espositive, in sinergia con la Soprintendenza per i beni archeologici e l'Università degli studi di Salerno.

Un'intera sala è stata destinata all'esposizione della testa di Apollo, come previsto in origine da De Felice, ma l'allestimento è stato reso altamente scenografico dall'utilizzo congiunto di un impianto multimediale e tendaggi che ripropongono il momento del suo ritrovamento in mare.

Nel complesso questi interventi hanno comportato una spesa di 180.000 Euro.

IL NUOVO PERCORSO ARCHEOLOGICO

L'esposizione archeologica è strutturata su due piani, attraverso un percorso sia cronologico che topografico (per centri di provenienza dei reperti). La ricchezza del Museo, che il direttore Venturino Panebianco definì "il maggiore Istituto storico-topografico della Provincia", testimonia il ruolo di crocevia svolto dal territorio della provincia di Salerno fin dall'antichità.

Sul piano terra e nel giardino antistante il Museo è allestito un interessante lapidario con reperti di epoca romana, in particolare statue, rilievi figurati e basi onorarie. Si segnala la statua acefala in marmo, copia romana di un originale ellenistico di II sec. a.C., riproducente la Venere con delfino.La sezione "Provincia archeologica" raccoglie i più importanti reperti che provengono da scavi, ritrovamenti fortuiti e acquisizioni effettuati su tutto il territorio provinciale. Si tratta di un variegato patrimonio, che attesta l'esistenza di fauna preistorica (mandibola di Elephans antiquus, femore di Hippopotamus amphibius Linneo e molare di Equus hydruntinus) e la presenza dell'uomo in epoca remota, dalla Valle del Sarno al Cilento, dalla Costiera Amalfitana alla Piana del Sele e al Vallo di Diano. Il percorso è esemplificativo delle principali correnti culturali che si sono affermate in Campania dalla preistoria all'epoca romana, come il periodo Villanoviano, la Fossakultur, l'Orientalizzante, la cultura sannitica, le civiltà indigene, con focus sugli aspetti del costume maschile e femminile.I reperti più importanti sono quelli provenienti dal corredo della tomba principesca da Monte Pruno di Roscigno (V-IV sec. a.C.), che presenta un'associazione ricca di materiali, tra cui un kantharos d'argento raffigurante Andromaca nel fondo interno e un candelabro di bronzo che presenta sulla cimasa le figure di un guerriero e della sua donna.Nella stessa sezione c'è uno spazio dedicato alla "Salernum romana", con materiali provenienti per lo più dalle necropoli, dislocate sia nel centro storico che nell'area dell'attuale via Roma.

La sezione"Collezioni e donazioni" è dedicata, invece, agli apporti di privati che hanno arricchito il Museo nel corso del tempo. Presenta elementi eterogenei che coprono un ampio arco temporale. Si segnala, in particolare, la collezione donazione donata dall'avv. Giuseppe Boezio di Sala Consilina, divisa fra questo Museo e il Petit Palais di Parigi.

Il primo piano

Nella sezione dedicata a Fratte sono esposti i reperti provenienti dall'omonimo sito etrusco-sannita (VI-III sec. a.C.), importante insediamento anteriore alla Salernum romana e situato alla periferia settentrionale dell'attuale città. Il percorso, che illustra la storia del sito anche alla luce delle recenti indagini archeologiche condotte dall'Università degli studi di Salerno, è strutturato secondo due nuclei tematici, ovvero l'abitato e le necropoli, e un focus sul mito di Eracle.

Di particolare pregio il Deinos attico a figure nere attribuibile al Pittore di Antimenes (fine VI sec. a.C.), la cui iconografia richiama alcuni episodi mitici, come un corteo divino che rievoca il matrimonio di Peleo e Teti e la partenza di Anfiarao, re di Argo, per la guerra contro Tebe.

Una specifica sezione è dedicata, inoltre, alla testa bronzea di Apollo (I sec. a.C. - I sec. d.C.), uno straordinario reperto diventato il simbolo dei Musei della Provincia di Salerno. Si ipotizza che facesse parte di una statua di grandi dimensioni, ma la sua cronologia e provenienza rimangono problematiche. Fu rinvenuto nel 1930 nelle acque del golfo di Salerno da alcuni pescatori. Anche il poeta Giuseppe Ungaretti, nel suo viaggio nel Mezzogiorno, rimase così colpito dalle fattezze del volto, da scrivere: "Tu sei la forza serena e la bellezza".

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Salerno e Provincia

Ha perso l’occhio il 26enne che si è sparato nel giorno della laurea

Ha perso l’uso dell’occhio destro il ventiseienne di Sant’Angelo di Mercato San Severino che lunedì mattina si è sparato un colpo di pistola alla tempia nel giorno in cui avrebbe dovuto discutere la tesi di laurea. Il giovane resta in pericolo di vita e fra un paio di giorni si potrà fare una valutazione...

Scarichi illegali, nel Cilento sequestrate cinque piscine di alberghi e centri sportivi

Si concentra sulla costa cilentana l'attività della magistratura finalizzata ad accertare il rispetto delle vigenti disposizioni di legge in materia di scarichi di acque reflue, in particolare per piscine e strutture turistico-ricettive. Dopo la serie di sequestri, una decina in tutto, operati nel bel...

Choc a Mercato San Severino: tenta suicidio il giorno della sua laurea

Paura, sgomento incredulità per gli abitanti di Mercato San Severino, dove per motivi ancora da accertare un giovane di 26 anni del posto ha cercato di togliersi la vita in mattinata in quello che dovrebbe essere stato il giorno della sua laurea. Secondo una prima ricostruzione riportata dal sito Zerottonove,...

Salerno, ancora prostituzione in Litoranea: fermata 26enne bulgara

Nello scorso fine settimana sono proseguiti i servizi predisposti dal Questore della provincia di Salerno, per garantire un capillare controllo del territorio cittadino, per la prevenzione ed il contrasto ad ogni forma di illegalità. Nell’ambito di detti servizi, assicurati da equipaggi dell’Ufficio...

Salerno: dopo tre aborti ultracinquantenne partorisce tre gemelli

Una donna di oltre cinquant'anni che in precedenza aveva avuto tre aborti spontanei ha partorito tre gemelli, un maschietto e due bambine, nel reparto Gravidanza a rischiò dell'ospedale Ruggi di Salerno diretto da Raffaele Petta. Ora i bimbi stanno a casa con la mamma e godono di ottima salute. "Non...