Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Giovanni da Cap.

Date rapide

Oggi: 23 ottobre

Ieri: 22 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa

Tu sei qui: SezioniRegioneIl potere logora chi non ce l'ha storia di un giorno a Ravello

Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Regione

Il potere logora chi non ce l'ha, storia di un giorno a Ravello

Scritto da (Redazione), sabato 11 maggio 2013 08:30:22

Ultimo aggiornamento sabato 11 maggio 2013 08:30:22

di Secondo Amalfitano* - Non so quanti ricordano il "Premio Ravello: Favole per un Anno"! Un premio nato una sera d'estate al bar San Domingo, allorquando in un dopocena mi ritrovai con Claudio Angelini e Carlo Barrese, un volto e una voce fra i più noti dell'allora RAI, a parlare di premi letterari. Aiutatemi a realizzare un premio letterario, chiesi ai due cari e prestigiosi amici. La loro risposta fu: "in Italia ci sono già troppi, e alcuni molto blasonati, premi letterari; non vale la pena! E poi, in un posto da FAVOLA come Ravello, non si può fare un premio qualsiasi". Quella parola, FAVOLA, fece accendere la famosa lampadina. A notte fonda il premio aveva già una sua struttura e anche un nome.

Prese il via, così, un percorso che ha portato a Ravello oltre cinquanta nomi fra i più prestigiosi dell'Italia di quegli anni, dirette televisive, copiosi articoli e servizi sulle maggiori testate, quattro volumi che hanno visto cimentarsi nella scrittura di favole politici, artisti, sportivi, industriali, chirurghi, fra i più gettonati d'Italia.

Una congiuntura particolare favorì l'arrivo di Andreotti al premio; lo avevamo rincorso per tre anni senza riuscirci, allorquando scoprii che presso l'Hotel Caruso era custodita nel libro degli ospiti una delle ultime vignette del famoso Pino Zac (Giuseppe Zaccaria); realizzai una copia di quella vignetta e ne feci dono al capo della segreteria di Andreotti e fratello di Pino. L'operazione dette i suoi frutti: Andreotti, Presidente del Consiglio in carica, accettò di scrivere una favola e di venire a Ravello.

Arrivò nel primo pomeriggio dell'undici luglio 1991 atterrando in elicottero al campo sportivo di Scala. Ad attenderlo, lungo il tappeto rosso posto sul campo, cerano il Prefetto di Salerno, il Questore di Salerno, i comandanti regionali di Carabinieri, Guardia di Finanza, Capitaneria di Porto, i due sindaci con fascia di Scala e Ravello ed una piccola folla di curiosi. Io, da buon secondo, ero defilato dal lato opposto vicino alla rete di recinzione per non rubare la scena ai primi.

Andreotti scese dall'elicottero, salutò piuttosto frettolosamente i convenuti, abbandonò il tappeto rosso e attraversò parte del campo avvicinandosi a me e, porgendomi il suo ultimo libro come dono di benvenuto, mi abbracciò e salutò calorosamente.

Fu l'inizio della fine! Ma questa è un'altra storia che, forse, racconterò in chiusura (sto scrivendo questi ricordi, che per me hanno un'enorme importanza, e ancora non so se alla fine del racconto vorrò rovinare queste piacevoli sensazioni con ricordi brutti e torbidi di un periodo storico dell'Amministrazione Comunale di Ravello. Lo scopriremo insieme).

Andreotti si concesse un "bagno di Andreottiani" presso il giardino dell'albergo Caruso; il folto esercito, capeggiato dall'allora sottosegretario Paolo del Mese e Assessore Regionale al turismo Raffaele Colucci, vedeva fra gli altri e insieme a me, il caro Lorenzo Ferrigno. Il mitico Giulio si fece salutare praticamente da tutti, non lesinò sorrisi, strette di mano e battute; per molti dei presenti si trattò di un momento unico e irripetibile.

Dopo il Caruso, Andreotti fu condotto nella casa Comunale per il benvenuto ufficiale dell'Amministrazione, quei pochi minuti di ufficialità dovettero avere un brutto effetto sullo stato di salute dell'intera giunta, subito dopo la cerimonia scomparvero tutti, e nessuno di loro presenziò alla manifestazione di consegna del premio e alla cena di gala che seguì. Fortunatamente per Ravello il malore fu passeggero e Sindaco e giunta al completo fecero la loro riapparizione in piazza mentre, presso la piscina dell'Hotel Giordano, volgeva al termine la meravigliosa serata.

La fine della cerimonia fu segnata da uno spettacolo pirotecnico organizzato a Torello dal compianto Mario Palumbo. Lo seguii dal palco già montato di Villa Rufolo con Andreotti e Monsignor Marra (all'epoca Ordinario Militare per l'Italia); il Presidente alla fine dello spettacolo mi disse : "complimenti Assessore (solo per cronaca: ero ancora assessore in ottima salute della "Giunta malaticcia", ma dopo poco non lo sarei stato più - con scaramantica napoletanità preciso che mi riferisco all'assessore, non all'ottima salute)! E' lo spettacolo pirotecnico più bello che ho mai visto, e se lo dico io ci può credere". Replicai: "in che senso Presidente, se lo dice Lei?" , e lui : "Sono Presidente Onorario dell'Associazione Pirotecnici Italiani e di fuochi d'artificio me ne intendo". Sono sempre rimasto con il dubbio che non si riferisse solo ai botti pirotecnici, ma anche a quelli della politica.

La cena di gala mi riservò l'onore di rappresentare l'Amministrazione al tavolo con Andreotti, Maria Gabriella di Savoia, Gore Vidal, Nureiev. Una cena indimenticabile: arte, storia, cultura, politica, economia, raffinatezza, garbo, un master strepitoso condensato in poche ore (pensate che fortuna: fossi stato male pure io, mi sarei perso quella straordinaria e irripetibile occasione).

Alle 0,40 si avvicinò al nostro tavolo il segretario di Andreotti e disse: " Presidente è mezzanotte e quaranta". Andreotti lo gelò: "ho capito! Mancano venti minuti all'una! Decide la Principessa quando ci dobbiamo alzare".

Ricordo che in quella occasione al Giordano su mia indicazione successero due cose : fece la sua comparsa il libro degli ospiti illustri, e il caposala, Angelo, per la prima volta indossò una giacca di colore diverso da quelle dei camerieri per distinguerlo e dare un tono alla "brigata". Mi direte: ma che "ci azzecca" con Andreotti? A parte la considerazione che per un cinquantennio tutto quello che è successo in Italia "ci azzecca" con Andreotti, c'entra anche questo, e come se c'entra! Andreotti si complimentò per la cena e per l'ambiente trovato; non era persona da mentire in tali circostanze, o taceva o si rifugiava nella sua ironia inimitabile.

Accompagnammo Andreotti a Palazzo Confalone - albergo Palumbo all'una e venti, salutò me e il prefetto dandoci appuntamento per le cinque e mezzo del mattino. Il Prefetto ed io ci guardammo interrogandoci : e mò ? Io decisi di andare a casa almeno per rinfrescarmi e cambiarmi; il Prefetto decise di rimanere in albergo appoggiandosi su un divano e mi chiese se al ritorno potevo portargli un pettine. Alle cinque e mezza noi eravamo tramortiti, Andreotti, puntualissimo si presentò fresco e tonico e mi disse: "Mi sono messo a letto e per la mia gioia ho rivisto un film con Anna Magnani che non vedevo da oltre venti anni". I miei quarant'anni vacillarono molto e lì capii fino in fondo il significato del detto : chi dorme non piglia pesci.

Scesi in piazza, andammo in duomo aperto apposta per far celebrare messa a Monsignor Marra assistito da Don Peppino, e al termine, grazie ad Alfonso Calce che aveva anticipato pure lui l'apertura del bar, riuscimmo a fare colazione alle sei e trenta; Andreotti la volle fare rigorosamente al banco senza sedersi ai tavoli, cappuccino, cornetto e pronti via, si torna a Roma, non prima però di stringere la mano e complimentarsi con Mario Palumbo per lo spettacolo pirotecnico.

Poche ore, ma intense. Poche ore che si rivelano poi maestre di vita. Tutte le volte che mi sono ritrovato vicino a grandi uomini ho avvertito il grande magnetismo che essi posseggono e diffondono. L'ho provato anche quella volta e le volte successive che l'ho incontrato. Ho scritto sulla mia bacheca di face book in occasione della sua morte: "magari ce ne fossero ancora tanti di uomini così". Lo ribadisco ancora una volta e sempre più convinto: al nostro Paese (e anche al nostro paese) mancano uomini così, uomini che, pur sbagliando i qualche occasione, portano dentro di se il senso dello Stato e delle Istituzioni; uomini di un'altra statura che sapevano farsi rispettare in Italia e nel mondo; uomini capaci di elaborare e realizzare un progetto politico; uomini che ovunque passano lasciano segni, condivisibili o meno, ma segni chiari e leggibili; uomini che meritano rispetto, quand'anche in un confronto democratico forte e vivace, e non il turpiloquio e il lerciume che sembra abbondare oggi sulla bocca anche di persone altolocate, finanche di premi nobel che dovrebbero vergognarsi e che, quelli si, infangano la nazione.

Arrivato alla fine di quel racconto mi sono concesso una piccola pausa di riflessione e ho deciso di non toccare argomenti e persone che avrebbero il solo risultato di sporcare qualche cosa che per me è estremamente pulito e bello.

All'attualità e alla contingenza paesana ricordo solo uno dei tanti aforismi attribuiti ad Andreotti: quando due si separano la colpa non è mai da una parte sola. Forse ciascuno di noi dovrebbe meditare su questo, dismettere i panni di verginelle o di carmelitani scalzi, prendersi la propria parte di colpa e, se possibile, trarne le debite considerazioni.

Io l'ho fatto e cercherò di continuare a farlo.

*Ex Andreottiano assolutamente non pentito

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Regione

Giornalisti: Ottavio Lucarelli confermato alla presidenza dell'ODG

Sono stati eletti i vertici del Consiglio regionale dell'Ordine dei giornalisti: Ottavio Lucarelli è stato confermato alla presidenza. La novità è la presenza, per la prima volta, di una donna nel direttivo. Si tratta di Titti Improta, che ricoprirà la carica di segretario. Dopo le votazioni del primo...

Elezioni giornalisti Campania, tutti eletti al primo turno

Si sono svolte ieri, domenica 1° ottobre, le elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale e del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti. Tutti eletti al primo turno i professionisti e pubblicisti della lista "Giornalisti per la Campania". Non ci sarà dunque ballottaggio. Per i professionisti...

Pompei: arrestato 61enne, trovato a smontare Punto rubata a Salerno

In un locale interrato adibito ad officina i carabinieri della stazione di Pompei hanno sorpreso Giovanni Settesoldi, un 61enne del luogo già, a smontare una Fiat Punto rubata appena l’altro ieri a Salerno. L’obiettivo era quello di recuperare una pistola ed una doppietta. Il furto dell’auto era stato...

Campania: via libera a legge contro il fumo, ecco i divieti

Diventa legge regionale la lotta al tabagismo. Il Consiglio regionale della Campania ha approvato la legge "Interventi di lotta al tabagismo per la tutela della salute" con all'unanimità con 37 voti. La legge ha l'obiettivo di ridurre il numero di fumatori attivi, degli esposti al fumo e gli effetti...

Napoli, si è ripetuto miracolo sangue di San Gennaro

Si è ripetuto a Napoli il prodigio del miracolo di San Gennaro. L'annuncio della liquefazione del sangue e' stato accolto alle 10.05 in una cattedrale affollata, da un lungo applauso dei fedeli presenti. Il ripetersi del miracolo è letto come un buon auspicio per la città di Napoli e per l'intera regione...