Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 22 minuti fa S. Marco vescovo

Date rapide

Oggi: 22 ottobre

Ieri: 21 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

A Scala è tutto pronto per la Festa dedicata alla Castagna, Costiera Amalfitana, Sagre, Gusto GiustoGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniPoliticaRegionali, il programma di Nicola Amato

La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiCentro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloDivin Baguette Maiori Costiera AmalfitanaHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaPABA Srl pellet al prezzo più basso, offerta pellet per stufe, stufe a pellet euro 4,30 per 15KGRavello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Politica

Regionali, il programma di Nicola Amato

Scritto da Emiliano Amato (redazione), lunedì 15 marzo 2010 14:46:26

Ultimo aggiornamento lunedì 15 marzo 2010 14:46:26

"La mia presenza in questa competizione scaturisce dalla volontà mia e di chi mi ha spinto verso questo impegno di mettere a servizio della collettività la mia esperienza nella società civile e nella pubblica amministrazione". E' questo il motivo che ha indotto Nicola Amato, responsabile dell'Ufficio Tributi del Comune di Ravello, direttore dell'Associazione Intercomunale "Antica Repubblica Amalfitana", nonchè presidente del collegio dei probiviri dell'ANUTEL (Associazione Nazionale Uffici Tributi), a scendere in campo nella imminente competizione elettorale regionale.

"Chi mi conosce sa che i tanti progetti, le tante idee e le tante proposte di cui mi sono fatto promotore, hanno trovato soluzione e sono stati portati a termine.

L'impegno profuso fino ad oggi al servizio del territorio nei tanti organismi di cui ho fatto e faccio parte e dell'esperienza maturata nel settore amministrativo, soprattutto gestionale, mi è di aiuto nell’affrontare il percorso politico nell’interesse della collettività e del territorio. ltre persone, in questa competizione ho ritenuto di dovermi impegnare in prima persona, mettendomi in gioco, ma anche in discussione.

Non sono un politico di professione, non ho rendite politiche da salvaguardare, ma solo tanto entusiasmo per aiutare il territorio e i cittadini attraverso le esperienze positive della mia vita amministrativa al servizio della collettività.

La mia storia è caratterizzata dalla concretezza e dalla determinazione di portare a termine ogni iniziativa assunta.
Quanto fatto di concreto fin qui può rappresentare un biglietto da visita da presentare ai cittadini unitamente al candidato presidente Vincenzo De Luca.
Lo slogan del mio manifesto elettorale è "il mio impegno per una nuova regionalità al servizio del territorio e dei cittadini".
In questo slogan c’è la sintesi del programma politico, che posso così rappresentare:

a) La nuova regionalità attiene ai rapporti dell’ente Regione con i territori. Spesse volte la Regione attua una vera e propria invasione di campo adottando provvedimenti legislativi che, se vanno bene in alcune aree della Regione, rischiano di penalizzare i piccoli comuni. Porto ad esempio la riorganizzazione del servizio sanitario che ha umiliato il nostro presidio ospedaliero nato unicamente per la peculiarità del comprensorio. Ma ancora la realizzazione dell’Auditorium come volano dell’economia turistica non solo di Ravello, ma anche della costiera e dell’intera Regione, non accompagnata da provvedimenti atti a migliorare l’offerta turistica con adeguati servizi: basti pensare che mentre le attività correlate all’utilizzo dell’auditorium dovrebbero incrementare le presenze del 30 - 40% e destagionalizzare il turismo, il PRG approvato dalla Regione contiene l’espresso divieto di realizzo di nuove attività commerciali. Vale a dire che a Ravello e nelle altre realtà non dovranno aprirsi nuovi bar, ristoranti, negozi, opifici etc., e quindi limitare le iniziative di nuove imprese e le opportunità di crescita dell’economia.

b) L’invasione di campo regionale penalizza il territorio. Le risposte al territorio le deve dare il governo del territorio: gli enti territoriali sono gli unici in grado di rappresentare le istanze dei cittadini. Il nostro obiettivo è quello di avviare un processo di decentramento dei poteri regionali verso gli enti locali. La Regione è un ente di indirizzo e programmazione, dovrà dettare le regole del gioco ma anche diversificarle area per area.

c) La nuova regionalità deve tenere conto anche della burocrazia. Non è possibile che per ottenere un permesso di costruire debbano essere coinvolti tantissimi enti di controllo per poi, dopo circa due anni ripartire da capo e questo avviene non solo nel settore privato, ma anche in quello pubblico con limitazioni alla costruzione di depuratori, scuole, etc.. Anche in questo caso si proporrà una semplificazione delle procedure che oggi bloccano la crescita dei territori ma soprattutto delle imprese, realizzando, con il sistema del decentramento delle funzioni, anche a livello comprensoriale, l’obiettivo di rendere i procedimenti della pubblica amministrazione, efficienti, efficaci ed economici, nell’interesse della collettività.

d) Solo pochi esempi per avviare una nuova politica per il territorio. E poi, se è difficile scalfire il sistema regione, allora realizziamo la nostra nuova Regione, quella salernitana: il detto antico: "se Salerno avesse il porto, Napoli sarebbe morta" la dice lunga. Salerno sta cambiando come città e come provincia: il salernitano con le sue coste, con le bellezze naturali e i suoi monumenti, con la sua storia, con il polo agroalimentare, non ha bisogno di Napoli. E’ Napoli che ha bisogno di noi. La Regione salernitana non è una secessione ma una necessità se il baricentro continua ad essere spostato verso Napoli. E lo studio costitutivo è già stato avviato.

e) Il nostro territorio costiero necessita di approdi marittimi più efficienti per sviluppare le vie del mare facendo funzionare i collegamenti marittimi 365 giorni all’anno. Realizzare porti turistici capaci di accogliere il turismo d’elite, che arriva sempre di meno, la diportistica, affidando la gestione dei porti ad un’insieme di cittadini (associazioni, cooperative, etc.) non già a pochi monopolisti, attraverso bandi pubblici, con tariffe pubbliche. Sviluppare inoltre il turismo crocieristico, che già si sta affacciando lungo le nostre coste, che farà crescere l’economia in modo esponenziale (basti pensare a quante persone sbarcano da una nave e a tutto l’indotto che vi gravita intorno).

f) Il trasporto via mare andrebbe a ridurre il carico automobilistico sulle strade costiere, strade che devono essere tutelate per le loro caratteristiche. Non è necessario realizzare delle strade a scorrimento veloce, bastano pochi interventi di miglioramento dei punti più critici. Chi viene in costiera deve adeguarsi ai tempi della costiera e ammirare, ad ogni curva, un paesaggio diverso, le meraviglie della nostra natura che fa del nostro territorio il patrimonio dell’umanità. Da sempre si parla di allargare quei tratti più stretti, quanti politici sono passati, eppure la strada è sempre la stessa. Bisogna rinnovare l’impegno, rispolverare i progetti e srotolare gli enigmi del non fare.

g) La viabilità è il punto dolente della nostra costa. La sosta incontrollata contribuisce a creare disagi. La Regione deve finanziare un piano di parcheggi pubblici, aumentando e potenziando la ricettività dei veicoli. E’ assurdo pensare che i parcheggi li realizzino e li gestiscono i privati. Lo sforzo economico deve essere pubblico, la gestione deve essere pubblica, i proventi devono andare alle amministrazioni pubbliche. La ricaduta è di ordine occupazionale (rilevante), meno auto su strade, meno inquinamento, meno ingorghi, più immagine, più lavoro, più servizi, più presenze turistiche, più economia per tutti.

h) Un altro grave problema riguarda l’assetto idrogeologico del territorio, frane continue, smottamenti, chiusura dell’amalfitana per Praiano e Positano, d’inverno come d’estate. Qualcosa non ha funzionato in questi anni. Senza attribuire colpe a chi ha amministrato fino ad oggi, è necessario che vengano effettuati lavori di consolidamento e di idraulica forestale, capillari. Non solo, è necessario che i costoni rocciosi come pure le macchie mediterranee vengano monitorate continuamente attraverso apposito personale e sistemi tecnologici avanzati, per evitare gli incendi e quindi le frane.

i) Il lavoro e i giovani è l’altro grande problema in un momento congiunturale sfavorevole. Quanto prospettato nei punti precedenti può contribuire a realizzare le tante opportunità per i giovani in materia di lavoro e di impresa. L’obiettivo è quello di evitare la migrazione. Più formazione, più impresa. Investire sui grandi progetti per incentivare le assunzioni e creare nuove occupazioni, favorendo occasioni di incontro tra domanda e offerta di lavoro che siano libere dalle intermediazioni delle segreterie politiche.

j) E poi, una sanità senza politicanti, più serenità per le famiglie in difficoltà, una maggiore attenzione alle politiche sociali, più sicurezza e quindi più vivibilità, no alla privatizzazione dell’acqua, no alle centrali nucleari (sì all’energia alternativa- geotermica di cui è ricca la regione, eolica, etc.), un piano regionale serio per allontanare definitivamente il ripetersi dello spettro dell’emergenza rifiuti, nuove tecnologie al servizio e a tutela del territorio. Insomma, discontinuità e rottura con la politica delle parole.

Tutto questo, e tant’altro ancora, insieme alla libera iniziativa delle categorie produttive, che vanno incentivate, contribuirà a realizzare quel distretto turistico di alta, altissima qualità, cui tutti noi dobbiamo lavorare e impegnarci per realizzarlo e difenderlo.

Questi i punti del mio impegno senza retorica, cose concrete, fattibili, da affrontare con grande entusiasmo e professionalità, per poter dire, come per le cose già ideate e realizzate: GIA’ FATTO.

L’API
L'A.P.I., Alleanza per l'Italia, è un movimento politico giovane, nato l'11 e 12 dicembre 2009 a Parma. Come recita il nostro manifesto per il cambiamento e il buon governo l’API è un’alleanza tra persone, realtà territoriali e associative provenienti da esperienze diverse che organizzano un nuovo progetto politico. Vuole rappresentare – anziché un partito in più – il nucleo promotore di un’ampia e coerente aggregazione: democratica, liberale, popolare, riformatrice. C’è un largo spazio di opinione insoddisfatta e di potenziali consensi per chi sappia rappresentare in modo credibile l’interesse generale e organizzare le nuove opportunità del futuro.

L’Italia, ma soprattutto il nostro meridione, vive una stagione difficile. La crisi è superabile e non è impossibile unire la maggioranza della gente intorno alle decisioni che portino il Paese sulla strada giusta.
Ma la politica non ce la fa. La politica non è tutto: una società aperta, un’economia dinamica, istituzioni sane possono vivere anche quando la politica è in crisi.
All'assemblea costitutiva tenutasi in quella città, cui ho partecipato autonomamente, forse anche per la sola curiosità di capire come nasce un partito, si respirava qualcosa di diverso.
Le persone erano diverse e ragionavano in modo diverso!
Quello che mi ha colpito è stata la partecipazione dei giovani, tanti, tantissimi, tanto da dover allestire un’altra sala per contenerli. Gli oratori che si sono susseguiti nei discorsi non erano politici, ma giovani, giovanissimi, anche al di sotto dei diciotto anni. Hanno lanciato la sfida, hanno presentato proposte, hanno lasciato un segno.

Sta a noi dare risposte concrete e compartecipare con i giovani alla costruzione del loro avvenire e della nuova società in cui loro opereranno.
Il mio impegno è soprattutto per loro, attraverso le esperienze maturate, per tracciare un percorso sui cui si dovranno cimentare tenendo conto delle loro esigenze e non di quelle egoistiche dei pseudopolitici.
La mia candidatura con l’API, in questa competizione, è stata motivata dall’esigenza di rappresentare il nostro territorio, che altrimenti non avrebbe avuto rappresentati. Da membro del coordinamento provinciale ho accettato di buon grado la designazione, qualificandomi come cattolico impegnato in politica.

Questione Auditorium

Lavoro al Comune di Ravello e in quanto tale dovrei astenermi dal rispondere. Ma avendo dichiarato che il mio impegno è di voler contribuire ad avviare la costruzione di un futuro per i giovani è giusto che io renda pubblico il mio modo di pensare e la mia proposta a riguardo, senza sottrarmi al confronto e al dibattito.
E’ ben nota la mia posizione sull’Auditorium: totalmente contrario sulla localizzazione ma non alla sua utilizzazione. Un’opera eccezionale ideata da un’artista famosissimo, ma che non andava posizionata dove sta.

Oramai c’è e, bisogna dirlo, non appartiene più a Ravello e ai ravellesi. Bisogna convincersi che l’Auditorium Oscar Niemeyer è diventato, come la nostra costa, patrimonio di tutti, dell’intera umanità!
Ora sta a tutti noi operare affinchè quella struttura realizzi gli obiettivi che ci si era prefigurati in modo da farci dimenticare gli aspetti negativi. Da manager ribadisco che l’Auditorium può rappresentare per tanti un’opportunità, che si traduce in occupazione, iniziative imprenditoriali, economia (ricchezza) per Ravello e per l’intero comprensorio.

Nel novembre 2008 da cittadino ho presentato all’amministrazione una proposta di gestione dell’auditorium dove rappresentavo come la gestione amministrativa e funzionale della struttura dovesse essere separata dalla gestione degli eventi, soprattutto musicali, individuando costi e ricavi e ipotizzando, già allora, una società in house per la gestione amministrativa.

Ma oggi non ragioniamo su questo, se ne può parlare, con maggiori approfondimenti in seguito.
Nel rispondere alle domande poste, la cui problematica non interessa solo Ravello ma l’intero comprensorio della Costa d’Amalfi e delle zone limitrofi, dobbiamo registrare questo scontro in atto che, formalmente, riguarda le persone del Presidente della Fondazione da una parte e degli amministratori comunali dall’altro, l’un contro l’altri armati….ove ognuno rivendica ruoli e posizioni.
Quando nel 2002 è nata la Fondazione le prospettive erano diverse, il Comune svolgeva il suo ruolo e faceva valere le sue prerogative all’interno del sodalizio, oggi però lo scontro politico in atto nel paese si è trasferito nella Fondazione.

Penso che il problema, prettamente politico, nasca non tanto sulla centralità del comune, bensì sugli aspetti occupazionali.
E’ una giusta battaglia, ma c’è anche il diritto di chi già lavora a conservare il posto di lavoro.
La centralità quindi si sposta sul cittadino, ed è quello che dobbiamo avere sempre a riferimento, con le sue esigenze, con i suoi problemi: questo scontro danneggia solo il cittadino e, indirettamente, il sistema paese.

La gestione dell’Auditorium e della Villa Episcopio darà lavoro a tante altre persone per cui le opportunità occupazionali sono rilevanti e ce ne è per tutti.
Piuttosto rimodulerei l’aspetto giuridico del rapporto di lavoro con una formula che è già stata sperimentata con successo dallo scrivente in altre situazioni occupazionali che tuttora continuano.
L’Auditorium può far ripartire il paese e l’intero comprensorio costiero, ma deve essere messo in funzione, subito, utilizzando i contributi regionali sull’avviamento, che, altrimenti, andrebbero persi.
Se il problema è politico sta alla politica di risolverlo, ma bisogna fare presto, la contingenza non ci permette errori e, senza idee, un paese muore, senza programmazione un paese fallisce e con esso i suoi cittadini.
Senza la capacità della politica di guidare, mediare, unire, non saranno sufficienti l’impegno, gli sforzi, i sacrifici della gente che intraprendono e difendono la dignità del loro lavoro in un momento difficile.
In tal senso auspico un passo indietro e tanto buon senso da parte di tutti, ma bisogna far presto".

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Politica

Maiori, terminal bus Sita «non è di pubblica utilità»: minoranze chiedono Consiglio Comunale

MAIORI - I gruppi consiliari di minoranza, Civitas 2.0 e Orizzonte Maiori,, rappresentati dai consilgieri Enrico Califano, Valentino Fiorillo, Maria Teresa Laudano e Lucia Mammato, hanno richiesto la convocazione del Consiglio Comunale per chiedere la revoca della delibera di giunta numero 40 del 20...

2019: cinque comuni della Costiera Amalfitana al voto

Sono cinque i comuni della Costiera Amalfitana chiamati, nella primavera 2019, al rinnovo di Sindaco e Consiglio comunale. Si tratta di Atrani, Furore, Minori, Tramonti e Vietri sul Mare, per un totale di circa 15mila elettori aventi diritto (previsti in 11 mila alle urne). Mentre dal Ministero dell'Intero...

Elezioni provinciali, per Centrodestra è Roberto Monaco il candidato presidente

A poche ore dalla scadenza del termine per la presentazione delle candidature, il centrodestra salernitano trova la quadra sul nome del candidato che andrà a sfidare il dem Michele Strianese, sindaco di San Valentino Torio, per la presidenza della Provincia di Salerno. Si tratta di Roberto Monaco, primo...

Elezioni provinciali 31 ottobre: PD candida Michele Strianese a presidenza

Sarà Michele Strianese, sindaco di San Valentino Torio, il candidato alla presidenza della Provincia di Salerno per il Partito Democratico. Ieri sera l'assemblea degli amministratori e dei dirigenti del Partito provinciale, con in testa il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, lo ha indicato...

Edmondo Cirielli nell’assemblea parlamentare Nato: «Guerra a terrorismo impone ammodernamento e rafforzamento apparati militari»

Il deputato salernitano Edmondo Cirielli nella delegazione italiana presso l'assemblea parlamentare della Nato. Il presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico ha nominato Cirielli (già Questore della Camera) in rappresentanza di Fratelli d'Italia. L'assemblea parlamentare della NATO è un'organizzazione...