Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 15 minuti fa S. Orsola martire

Date rapide

Oggi: 21 ottobre

Ieri: 20 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

A Scala è tutto pronto per la Festa dedicata alla Castagna, Costiera Amalfitana, Sagre, Gusto GiustoGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniPoliticaRavello nel Cuore vara piano culturale: tra proposte occupazione laureati in Beni Culturali

La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiCentro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloDivin Baguette Maiori Costiera AmalfitanaHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaPABA Srl pellet al prezzo più basso, offerta pellet per stufe, stufe a pellet euro 4,30 per 15KGRavello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Politica

Ravello nel Cuore vara piano culturale: tra proposte occupazione laureati in Beni Culturali

Scritto da (Redazione), mercoledì 16 marzo 2016 09:41:35

Ultimo aggiornamento mercoledì 16 marzo 2016 09:44:37

Continua il lavoro del movimento Ravello nel Cuore in vista della prossima tornata elettorale. Si susseguono settimanalmente gli incontri tra la base del gruppo rappresentato in consiglio comunale da Luigi Mansi e i simpatizzanti della linea portata avanti dal sodalizio. Dopo le proposte programmatiche avanzate per la stesura del PUC, e le destinazioni della Tassa di Soggiorno, l'attenzione si è concentrata sul programma culturale da sottoporre ai cittadini in campagna elettorale. Ravello nel cuore cerca un coinvolgimento più largo possibile, condividendo di volta in volta nuove proposte per essere trasfuse nel più completo programma elettorale. Di seguito testo della proposta culturale di Ravello nel Cuore.

"La cultura è l'unico bene dell'umanità che,

diviso fra tutti,

anziché diminuire diventa più grande"

H.G. Gadamer

Indirizzo culturale Ravello nel Cuore

Lì dove la cultura, la sua promozione, la sua gestione diventi cosa privata, interesse di pochi uomini al comando, lì la comunità si svuota di significato mettendo in pericolo la democrazia stessa. La cultura è di tutti e deve essere condivisa e trasmessa.

Comunità e condivisione, quindi, community e sharing pescando nel dizionario della web economy, oggi più che mai rappresentano lo snodo su cui la politica deve agire per risolvere la crisi. Si tratta, cioè, di favorire il benessere collettivo, anziché privilegiare quello individuale, in termini non solo economici, ma anche culturali e spirituali; si tratta, inoltre, di promuovere una nuova classe intellettuale e dirigente portatrice di nuove idee e di nuovi significati in termini di innovazione, solidarietà, integrazione e occupazione.

Un processo che, per una comunità come Ravello, rappresenta una strada sulla quale può fare da apripista all'intero comprensorio costiero dove, da tempo, l'azione culturale promossa naviga tra il narcisismo di pochi uomini, individualismi spiccioli e il largo disinteresse dei cittadini.

Per questo Ravello nel Cuore ritiene necessario che l'amministrazione comunale torni a sviluppare e dirigere una attività culturale, che sia:

rivolta principalmente ai cittadini;

legata al territorio e al suo patrimonio storico-artistico e paesaggistico;

sostenibile;

largamente accessibile.

A tali fini si vuole indirizzare:

l'istituzione di un assessorato alla cultura, da troppi anni assente dalle strategie politiche di chi ha amministrato finora, capace di lavorare ad una programmazione culturale e formativa sul medio lungo termine;

la strada da tracciare va verso il coinvolgimento diretto dei diversi attori culturali attivi nel Paese. L'assessorato è quindi da immaginarsi come responsabile di un coordinamento che ponga al centro della discussione i programmi delle singole associazioni e degli altri attori culturali. In particolare si intende rilanciare il Forum dei giovani facendone il fulcro di un'azione di coinvolgimento nella partecipazione della comunità alle attività e di una loro ampia diffusione sul territorio.

La delocalizzazione, ossia a un coinvolgimento concreto delle frazioni, delle cosiddette zone periferiche nella crescita culturale del paese;

la progettazione di un piano strategico di marketing territoriale;

la comunicazione è alla base di ogni seria attività sociale, culturale ed economica. In questo senso prevediamo un concreto piano di comunicazione territoriale che renda maggiormente fruibile il nostro patrimonio, sia per i cittadini che gli ospiti che ogni anno accogliamo.

La ridefinizione dei rapporti tra Comune e Fondazione;

la storia della Fondazione Ravello, dei suoi rapporti con il territorio e con le varie amministrazioni comunali che si sono succedute negli anni, restituisce l'idea di una cultura contesa dagli interessi di pochi, di brigate scarsamente interessate al ruolo concreto che deve essere svolto da chi si occupa di cultura, di patrimonio, di formazione. L'ente, del resto, è da sempre luogo di contese politiche più che di un serio e costruttivo dibattito culturale, situazione peggiorata da amministratori che nel tempo hanno abbracciato la filosofia dell'effimero, dell'evento, causando, nell'ultimo decennio un progressivo scollamento tra i cittadini e le attività culturali messe in campo, sempre meno interessate al coinvolgimento del territorio, della sua storia, delle sue tradizioni, nonché di quegli operatori che nonostante tutti continuano a lavorare con passione e abnegazione. L'abolizione degli sconti ai ravellesi per l'accesso agli eventi previsti dal Ravello Festival rappresenta, in questo senso, il momento più basso.

Si evidenzia, inoltre, l'incapacità di Comune e Fondazione, alla quale da più di dieci anni si è praticamente delegata la programmazione culturale del paese, di andare oltre la gestione del Ravello Festival, coinvolgendo e sostenendo in maniera costruttiva le tante realtà culturali, anche di grande spessore, presenti sul territorio. In questo senso sarà necessario ridisegnare i rapporti con la Fondazione mirando al rispetto dello statuto, ossia alla crescita culturale del paese e quindi dei suoi cittadini. Quando si gestiscono milioni di euro pubblici, della collettività, e non si svolgono seri bandi di concorso per le assunzioni, valorizzando soprattutto i giovani di Ravello, oppure non si prevedono bandi di idee, borse di studio, quando non si organizza nulla di gratuito per i cittadini, si restituisce l'immagine di una cultura come fatto d'élite e non come processo di crescita e innovazione.

La formazione, la promozione e il sostegno delle realtà territoriali;

Ravello vanta una schiera di laureati nell'ambito degli studi umanistici e più in particolare nei corsi di laurea di Conservazione dei Beni culturali, Lettere, Economia e gestione dei beni e delle attività culturali, ecc., che nonostante i tanti annunci e le tante promesse non si riesce a impiegare, a coinvolgere nell'azione culturale e nei processi di conoscenza, salvaguardia e promozione del patrimonio. In questo senso Ravello nel Cuore punta ad un maggiore coinvolgimento delle eccellenze che decidono di rimanere e di lavorare nel nostro territorio, promuovendo percorsi formativi finalizzati alla progettazione per le attività culturali e per il terzo settore, mediante la creazione di specifici sportelli per il recepimento dei bandi, soprattutto di quelli europei, e mirate attività di informazione.

Sul piano della formazione, della programmazione culturale e della comunicazione territoriale ancora, il gruppo Ravello nel Cuore, anche grazie ad una più coerente interpretazione della legge in materia di tassa di soggiorno, mira di fatto a non delegare più il ruolo educativo che la politica deve avere in termini di gestione del patrimonio culturale e paesaggistico. Infatti come recita alla lettera h della bozza di regolamento presidenziale (non ancora emanata), in relazione all'utilizzo dell'imposta di soggiorno si prevede da parte delle amministrazioni comunali, tra i vari tipi di interventi da finanziare: "progetti e interventi destinati alla formazione e all'aggiornamento delle figure professionali operanti nel settore turistico, con particolare attenzione allo sviluppo dell'occupazione giovanile;" Il gruppo Ravello nel Cuore ritiene questo intervento di fondamentale importanza, in quanto si ritiene che la formazione in house, operante nel settore turistico e non, può e deve essere il più possibile perseguita. Corsi di formazione per gli addetti dei vari settori al fine dell'impiego degli stessi nei vari comparti turistici, arginando o tentando di limitare la fuga dei nostri giovani da Ravello.

Ancora, attraverso il sostegno ad attività laboratoriali e didattiche necessarie a favorire l'accessibilità a vari ambiti culturali, quali:

1- storico - artistico: Le realtà associative e culturali saranno riconosciute di interesse comunale (Ravello Nostra, Ribalta, Club Unesco Ravello, ecc...) con affidamento alle stesse di progetti di formazione nel campo specifico. Vanno il più possibile incoraggiate tutte le realtà che in questo paese fanno cultura e tutelano la nostra identità. Le tante associazioni sportive e culturali che a vario titolo si spendono per il buon nome di Ravello.

Ravello nel Cuore, considerato che da sempre Ravello è stata tra le mete privilegiate del Gran Tour, si impegnerà, inoltre, per la realizzazione di un museo di arte moderna e contemporanea favorendo l'incontro con opere e artisti, attraverso attività espositive e laboratoriali.

In particolare sarà immaginata una Galleria Civica, presso le sale di Palazzo Tolla, dove valorizzare le collezioni proprietà del comune, ospitare collezioni private presenti sul territorio (contratti di comodato gratuito), ospitare mostre e collezioni, anche straniere, in collaborazione con musei e altre realtà culturali, nazionali e internazionali, inaugurare uno spazio sperimentale, didattico, di ricerca per connettere l'arte con tutti .

2 - teatro, musica, letteratura: attraverso il sostegno ad attività seminariali, laboratoriali e performative capaci di sensibilizzare e incrementare la conoscenza di attività legate al mondo del teatro, della musica, della poesia. In particolare si punterà ad una maggiore conoscenza di Wagner, Boccaccio, Lawrence, Forster, Gide, insomma di quegli ospiti che nel tempo sono stati rapiti dalla nostra città, immaginando la creazione di una sorta di parco culturale diffuso. Non saranno inoltre escluse manifestazioni e attività legate alla musica e alle tradizioni popolari;

3 - conoscenze linguistiche (orientata all'esigenze lavorative e alla conoscenza del territorio);

4 - Sport e ambiente: sostegno alle attività sportive in particolare in relazione alla salvaguardia dell'ambiente e al benessere psico-fisico;

A tali fini, affrontando la cronica assenza di spazi sociali, si cercherà di attrezzare spazi specifici all'aggregazione dove poter, tra l'altro, avviare attività di doposcuola, Università per la terza, informagiovani e spazi per il gioco.

In sintesi la proposta culturale Ravello nel Cuore deve, per questo, prima di tutto diffondere l'immagine di un territorio vissuto in termini di sostenibilità, biodiversità, collettività, favorendo il dialogo, il confronto, la partecipazione e la condivisione.

Il Federalismo municipale ci permetterà, in questo senso, di destinare fondi per la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali creando così indotto e di conseguenza posti di lavoro. In tale ottica, essendo Ravello un bene culturale, ogni sforzo sarà destinato a che si coniughi la valorizzazione del patrimonio culturale con le opportunità occupazionali.

Il binomio cultura uguale occupazione dovrà caratterizzare l'azione amministrativa nei prossimi cinque anni.

In questo senso s'immagina:

  • l'acquisizione di Villa Rufolo e Villa Episcopio al patrimonio del Comune di Ravello;
  • la massima fruibilità del patrimonio monumentale e paesaggistico, favorendo l'occupazione di personale specializzato, l'apertura al pubblico di tutti i monumenti religiosi e non, la fruizione dell'enorme patrimonio librario, la sistemazione dell'archivio storico di Ravello, etc., anche con l'ausilio dell'innovazione tecnologica;
  • d'intesa con gli organismi religiosi (sull'esperienza maturata nell'estate scorsa nei borghi) sarà curata, anche attraverso la pubblicazione di monografie affidate ad organismi associativi, la valorizzazione dei beni ecclesiastici.

Un'amministrazione che si candida a presentare un modello alternativo e rigenerante deve in primo luogo immagine una nuova prospettiva culturale puntando ai concetti, contemporaneissimi, di comunità e condivisione (community e sharing) coordinando l'azione di dialogo e incontro fra i vari attori culturali del Paese.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Politica

Maiori, terminal bus Sita «non è di pubblica utilità»: minoranze chiedono Consiglio Comunale

MAIORI - I gruppi consiliari di minoranza, Civitas 2.0 e Orizzonte Maiori,, rappresentati dai consilgieri Enrico Califano, Valentino Fiorillo, Maria Teresa Laudano e Lucia Mammato, hanno richiesto la convocazione del Consiglio Comunale per chiedere la revoca della delibera di giunta numero 40 del 20...

2019: cinque comuni della Costiera Amalfitana al voto

Sono cinque i comuni della Costiera Amalfitana chiamati, nella primavera 2019, al rinnovo di Sindaco e Consiglio comunale. Si tratta di Atrani, Furore, Minori, Tramonti e Vietri sul Mare, per un totale di circa 15mila elettori aventi diritto (previsti in 11 mila alle urne). Mentre dal Ministero dell'Intero...

Elezioni provinciali, per Centrodestra è Roberto Monaco il candidato presidente

A poche ore dalla scadenza del termine per la presentazione delle candidature, il centrodestra salernitano trova la quadra sul nome del candidato che andrà a sfidare il dem Michele Strianese, sindaco di San Valentino Torio, per la presidenza della Provincia di Salerno. Si tratta di Roberto Monaco, primo...

Elezioni provinciali 31 ottobre: PD candida Michele Strianese a presidenza

Sarà Michele Strianese, sindaco di San Valentino Torio, il candidato alla presidenza della Provincia di Salerno per il Partito Democratico. Ieri sera l'assemblea degli amministratori e dei dirigenti del Partito provinciale, con in testa il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, lo ha indicato...

Edmondo Cirielli nell’assemblea parlamentare Nato: «Guerra a terrorismo impone ammodernamento e rafforzamento apparati militari»

Il deputato salernitano Edmondo Cirielli nella delegazione italiana presso l'assemblea parlamentare della Nato. Il presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico ha nominato Cirielli (già Questore della Camera) in rappresentanza di Fratelli d'Italia. L'assemblea parlamentare della NATO è un'organizzazione...