Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Giovanni da Cap.

Date rapide

Oggi: 23 ottobre

Ieri: 22 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniPoliticaCamera, il governo ce la fa per tre voti: 314 a 311, due astenuti

La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiCentro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloDivin Baguette Maiori Costiera AmalfitanaHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaPABA Srl pellet al prezzo più basso, offerta pellet per stufe, stufe a pellet euro 4,30 per 15KGRavello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Politica

Camera, il governo ce la fa per tre voti: 314 a 311, due astenuti

Scritto da (Redazione), martedì 14 dicembre 2010 14:35:12

Ultimo aggiornamento giovedì 16 dicembre 2010 08:39:43

La Camera ha confermato la fiducia al governo respingendo con 314 no e 311 sì le due mozioni di sfiducia presentate nei confronti dell'Esecutivo Berlusconi. Gli astenuti sono stati due.

DEPUTATI PDL A FINI, DIMETTITI 'COGLIONAZZO' - Il presidente della Camera Gianfranco Fini esce dall'Aula accompagnato da un cordone di commessi dopo l'esito del voto sulle mozioni di sfiducia al governo. Ai cronisti che tentano di avvicinarlo replica solamente, mentre in Aula sono in corso i festeggiamenti con tanto di bandiere tricolore sui banchi del Pdl, "state buoni almeno voi". Alcuni deputati del Pdl, mentre passa attraverso il Transatlantico gli urlano: "Dimettiti coglionazzo".

Il Senato ha approvato la fiducia con 162 voti a favore, 135 contrari.

Sono risultati assenti 11 senatori. Hanno votato a favore del governo i senatori dell'Union Valdotain, Antonio Fosson, Riccardo Villari del Gruppo Misto, Salvatore Cuffaro dell'Udc, e Sebastiano Burgaretta dell'Mpa.

FINI 'ROMPE DIGIUNO' E DOPO UN ANNO FUMA UNA SIGARETTA - La tensione è troppo alta, così Gianfranco Fini rompe il lungo 'digiuno' dalla nicotina, si allontana per pochi minuti dall'Aula e fuma una sigaretta. Il presidente della Camera lascia l'emiciclo e si dirige in fondo al corridoio dove c'é una piccola saletta, lì si concede una 'boccata di fumo'. Curiosamente, a pochi metri di distanza, c'é Berlusconi. Il Cavaliere , infatti, stava attendendo l'esito del voto di fiducia all'esecutivo nella sala riservata al presidente del Consiglio e all'Esecutivo. Tutti pronti a giurare che i due non si siano incontrati neanche per caso, seppur se ci fosse soltanto una porta a dividerli. Fini aveva smesso di fumare lo scorso anno, poco prima di Natale 2009, sostituendo la passione per le 'bionde' con le gomme da masticare. Una 'resistenza' ferrea rotta solo di tanto in tanto e di sera con un buon sigaro.

LUPI, FINIRA' 314 A 313 PER BERLUSCONI - "Alla Camera finirà 314 a 313" a favore del Governo: questo il pronostico del vicepresidente della Camera Maurizio Lupi rilasciato ai microfoni dello Speciale TgLA7 condotto da Enrico Mentana. "Il Governo avrà la fiducia - dice Lupi - ma ciò non implica che tutto sia risolto. Bisognerà verificare la possibilità di una ricomposizione con l'area moderata con gli amici di Fli e con Casini, anche se le parole di Italo Bocchino pronunciate prima alla Camera non lasciano molte speranze. Sono però convinto che il problema non sia politico ma di personalismi e che i personalismi possano essere messi da parte per il bene del paese. Altrimenti - ha concluso - ha ragione Bossi e l'unica soluzione resta il voto".

BERLUSCONI, VE LO DICEVO CHE FLI SI SPACCAVA - Ve lo dicevo che Fli si spaccava. Lo avrebbe detto il premier Silvio Berlusconi, a quanto si apprende, incontrando alcuni esponenti dell'esecutivo e del Pdl nella sala del governo e commentando con loro le defezioni di Futuro e Libertà.

MOFFA, VOTO SFIDUCIA MA BOCCHINO SI DIMETTA- Silvano Moffa vota la sfiducia al governo ma chiede le dimissioni da capogruppo di Fli di Italo Bocchino. Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sta parlando al centro dell'emiciclo con il finiano Silvano Moffa che non si è presentato alla prima chiama. Il presidente della Camera Gianfranco Fini li guarda senza battere ciglio e invece saluta con affetto Mirko Tremaglia che ha appena votato a favore della mozione di sfiducia al governo.

SILIQUINI VOTA NO A MOZIONE, PDL APPLAUDE - La parlamentare ex Fli Maria Grazia Siliquini ha votato contro la mozione di sfiducia al governo. I deputati del Pdl hanno salutato il suo voto con un applauso. "Sono serena, la mia è stata una scelta coerente. Non ho condiviso la gestione di Fli, ora lascio il gruppo e torno nel Pdl". Tira dritto la deputata finiana Maria Grazia Siliquini che ha votato a favore della fiducia al governo. "Ho deciso in base alla coscienza - afferma Siliquini - e del rapporto con gli elettori che è antico. Mi hanno chiesto la firma sulla mozione di sfiducia in tre minuti, non si fa così. E poi da settembre non è cambiato nulla rispetto al precedente voto di fiducia".

POLIDORI VOTA NO A MOZIONE SFIDUCIA, E' RISSA - La parlamentare finiana Katia Polidori vota contro la mozione di sfiducia al governo. Il Pdl ssi scatena in un applauso. Subito dopo scoppia un tafferuglio in Aula tra FAbio Granata e Giorgio Conte. I commessi stanno bloccando i deputati che cercavano di venire alle mani. Il deputato Antonio Bonfiglio prova ad attaccare Gianni Fava ma è bloccato da Guido Crosetto e dai commessi. Fava grida a Fini: "Tutto grazie a te". La seduta è stata sospesa dopo che Giorgio Conte ed alcuni parlamentari delle Lega sono quasi arrivati alle mani. A spiegare l'accaduto ai giornalisti, proprio uscendo dall'aula di Montecitorio è Nunzia De Girolamo. Conte, spiega la deputata Pdl, "ha detto che la Polidori è una...", di qui la reazione dei deputati del Carroccio e la conseguente rissa. Alcuni deputati si sarebbero anche rivolti all'indirizzo di Fini, secondo quanto riferito da chi era presente in Aula, "questa è la tua gente".

BOSSI, SOLO CASINO IN AULA, UNICA IGIENE E' VOTO - "Per quello che si vede in Aula e per il casino che c'é l'unica igiene è il voto. La gente che vede questa roba in tv si allontana dalla politica, capisce che non si può continuare". Lo afferma il leader della Lega Nord, Umberto Bossi, commentando il dibattito parlamentare a Montecitorio sulla sfiducia al governo. "Passiamo, passiamo. Abbiamo il voto che ci mancava". Lo afferma il leader della Lega Nord, Umberto Bossi, conversando con i cronisti a Montecitorio.

GLI INTERVENTI ALLA CAMERA

GUZZANTI, NON VOTO FIDUCIA AL GOVERNO -"Sono definito come uno degli incerti. In realtà non ho avuto alcuna incertezza ma ho voluto lanciare una sfida per l'abrogazione del 'porcellum' che penalizza la democrazia parlamentare senza migliorare la governabilità. Ringrazio per la citazione del Pli, ma la sua riforma della legge elettorale non mi sta bene, mi è impossibile dare la fiducia a un governo che vuole il sistema maggioritario". Lo ha detto nell'Aula della Camera Paolo Guzzanti.

CICCHITTO A BERSANI,CICLO BERLUSCONI NON FINITO - "Fortuna che esiste Berlusconi e se non esistesse bisognerebbe inventarlo. Quindi voglio dire a Bersani che il ciclo di Berlusconi non è finito". Lo afferma Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera nel corso del suo intervento alla Camera. "A Fini voglio dire che chi rompe oggi il centrodestra commette un errore politico e si mette in contraddizione con il voto popolare e rischia di mettere in gioco la sinistra peggiore in Europa". Lo afferma Fabrizio Cicchitto, capo gruppo del Pdl alla Camera, nel corso del suo intervento in aula.

SCILIPOTI, NOSTRO VOTO TRAUMATICO MA GIUSTO - "Noi del movimento di responsabilità nazionale consegniamo alla storia una scelta dolorosa e traumatica ma rivoluzionaria, giusta e significativa". Lo ha detto nell'Aula della Camera Domenico Scilipoti parlando a titolo personale sulla sfiducia al governo.

BERSANI,CON VOTO IN PIU' MACCHINA VERSO URNE - "Noi siamo tranquillissimi perché comunque vada oggi per voi sarà una sconfitta, sarà una vittoria di Pirro. Lei, presidente non è più in grado di governare e con un voto in più insegue l'instabilità pilotata per guidare la macchina verso le elezioni". E' la convinzione espressa dal segretario Pd Pier Luigi Bersani nel suo intervento in Aula alla Camera.

BERSANI, NOI COMPATTI SFIDUCIA, SIETE IRRESPONSABILI - "Noi oggi votiamo compatti la sfiducia e siamo tranquillissimi perché comunque per voi è una sconfitta. Il giorno dopo, ma proprio il giorno dopo sarebbe daccapo con la testa sott'acqua. Lei sa che non è più in grado di garantire stabilità di governo, fa fare un altro giro così su questa vecchia giostra al paese. E' da irresponsabili". Così il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, nel suo intervento in Aula con voce evidentemente alterata, attacca il premier Silvio Berlusconi.

BOCCHINO, RIBALTONE LO FA PREMIER ESPELLENDO FINI -Nessun ribaltone da parte di Futuro e Libertà. Lo sostiene il presidente dei deputati di Fli, Italo Bocchino, che nel dichiarare il voto del gruppo a favore della sfiducia al governo ha rivolto pesanti accuse nei confronti del premier Silvio Berlusconi. "Il ribaltone, signor presidente del Consiglio, lo ha fatto lei - è uno dei passaggi dell'intervento di Bocchino nell'Aula di Montecitorio - espellendo per lesa maestà il presidente Fini. Questo è il ribaltone della volontà popolare: si serve dei voti dell'opposizione per cacciare coloro che sono stati eletti in maggioranza". Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, "sta tradendo la rivoluzione liberale promessa agli italiani. Si dimetta, noi voteremo compatti la sfiducia". Lo ha detto il capogruppo di Futuro e Libertà, Italo Bocchino, intervenendo nell'Aula di Montecitorio tra le proteste dei deputati del Pdl e della Lega.

BOCCHINO, BERLUSCONI BENEFICIARIO PRIMA REPUBBLICA - "Non esiste in Italia un beneficiario della Prima Repubblica come Berlusconi". E' duro l'intervento del capogruppo di Futuro e Libertà, Italo Bocchino, che nel dichiarare il voto dei futuristi contro il governo attacca il presidente del Consiglio. "Ci faccia lezione su come si diventa ricchi - aggiunge Bocchino - ma mai su come si combattono le degenerazioni politiche. Quando noi scendevamo in piazza contro il comunismo, lei costruiva palazzi - insiste il capogruppo di Fli - mentre eravamo in piazza a picconare la Prima repubblica, lei parlava con i suoi personaggi di terreni edificabili e concessioni tv".

BOSSI, LA FIDUCIA LA PRENDIAMO - "La fiducia la prendiamo". Umberto Bossi mostra ottimismo sulla mozione di sfiducia al governo mentre raggiunge l'Aula a Montecitorio. "Qualcuno deve vincere", aggiunge il senatur. "Sono convinto che le cose devono essere semplici, trovare la via della semplicità ". Così Umberto Bossi risponde ai cronisti a Montecitorio che gli chiedono se la Lega sia disposta ad allargare il governo per garantire stabilità all'esecutivo Berlusconi. "Cominciamo a vincere - aggiunge il Senatur riferendosi al voto di sfiducia nei confronti del governo alla Camera dei deputati - Dopo vediamo".

ALLARGAMENTO? COSE DEVONO ESSERE SEMPLICI - "Sono convinto che le cose devono essere semplici, trovare la via della semplicità ". Così Umberto Bossi risponde ai cronisti a Montecitorio che gli chiedono se la Lega sia disposta ad allargare il governo per garantire stabilità all'esecutivo Berlusconi. "Cominciamo a vincere - aggiunge il Senatur riferendosi al voto di sfiducia nei confronti del governo alla Camera dei deputati - Dopo vediamo".

CASINI, NON PARLO SENZA BERLUSCONI E PREMIER RIENTRA -"Io non parlo, perché non offendo nessuno e vorrei parlare con la presenza del presidente del Consiglio". Lo ha detto il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini chiedendo che il premier rientri in Aula alla Camera dopo che era uscito durante l'intervento di Di Pietro. Il premier è rientrato in Aula e Casini ha iniziato il suo intervento. Berlusconi con quasi tutti i membri del governo e i deputati del Pdl avevano abbandonato l'Aula dopo gli attacchi al presidente del Consiglio da parte di Antonio Di Pietro. Quando è toccato parlare a Casini, il leader dell'Udc ha detto: "Io non ho mai offeso nessuno, tantomeno in quest'Aula. Finché non torna il presidente del Consiglio non parlo". Il presidente della Camera Gianfranco Fini ha invitato "ad avvisare il presidente del Consiglio della richiesta dell'onorevole Casini". E, rivolto ai banchi del centrosinistra da cui si rumoreggiava per l'attesa, Fini ha detto: "Un attimo di pazienza, non è che per due minuti succede qualcosa... La richiesta del presidente Casini è del tutto legittima. Insomma, sta rientrando in aula. Un attimo di pazienza". Qualche attimo dopo, Berlusconi torna e si risiede al banco del governo. Viene accolto dagli applausi dei deputati di maggioranza e dai fischi di quelli di centrosinistra; nessuna reazione dal Fli. Il premier alza il braccio rivolto a Casini, come a dire "eccomi". Casini inizia a parlare e cala il silenzio nell'emiciclo.

DI PIETRO ATTACCA PREMIER IN AULA, BERLUSCONI ESCE - Il leader dell'Idv Antonio Di Pietro dice a Berlusconi, nel suo intervento nell'Aula di Montecitorio, che "l'impero di cartapesta" del premier è giunto al capolinea. Berlusconi per un po' resiste, dopo di che si alza e tra gli applausi del Pdl abbandona i banchi del governo. Ora stanno uscendo dall'emiciclo tutti i deputati del Pdl. Prima di avviarsi verso l'uscita dell'emiciclo, Berlusconi ha fatto segno con la mano come a dire a Di Pietro "ma che dici". Subito dopo Berlusconi, si sono alzati dai loro banchi tutti i deputati del Pdl, ma anche tutti i ministri tranne Gianfranco Rotondi e Giancarlo Galan. Al banco del governo è rimasto, con un altro paio di colleghi, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta.

MPA: VOTEREMO SFIDUCIA GOVERNO, SENATORE BURGARETTA ESPULSO DALL'MPA - Il deputato dell'Mpa Carmelo Lomonte ribadisce nell'Aula di Montecitorio che voterà la sfiducia al governo Berlusconi. Quello che ha fatto l'attuale esecutivo per il Mezzogiorno, secondo Lomonte, è risibile e assolutamente insufficiente. Pertanto il suo movimento non può far altro che votare contro Berlusconi. Il senatore Sebastiano Aparo Burgaretta è stato espulso dal Movimento politico per le Autonomie. E' quanto si è appreso dagli uffici del Gruppo subito dopo la votazione in Aula nella quale Burgaretta, in difformità dal gruppo, ha votato la fiducia all'esecutivo.

APPLAUSI PER LA MOGHERINI IN AULA - La parlamentare del Pd Federica Mogherini entra nell'Aula di Montecitorio e tutti i deputati del Pd scattano in un applauso caloroso. Lei prende posto accanto al responsabile Giustizia del Partito Andrea Orlando ringraziando i colleghi dell'accoglienza.

BONGIORNO IN AULA, SCATTA APPLAUSO OPPOSIZIONE - Il presidente della Commissione Giustizia, Giulia Bongiorno, fa il suo ingresso nell'aula di Montecitorio in sedia a rotelle. Immediato scatta l'applauso dell'opposizione e di Fli. Il primo a rivolgerle però un caloroso benvenuto è il vicepresidente della Camera, Maurizio Lupi (Pdl). Ora la parlamentare ha preso posto, nell'emiciclo, accanto al deputato finiano, anche lui in sedia a rotelle, Gianfranco Paglia.

BERLUSCONI, MIE DIMISSIONI? E' ASSOLUTAMENTE ESCLUSO - E' assolutamente escluso". Risponde così il premier Silvio Berlusconi, lasciando Palazzo Madama, a chi gli chiede se sia da escludere la richiesta avanzata di nuovo oggi da Pasquale Viespoli, capogruppo di Fli in Senato, di incassare la fiducia a Palazzo Madama e poi recarsi al colle per le dimissioni.

GUZZANTI, LASCIO I LIBERALI PER PRESSIONI SU VOTO - "Mi dimetto dal Partito Liberale perché ci sono state pressioni che non mi sono piaciute. Ma questo non ha nulla a che vedere con la mia decisione sul voto di sfiducia: non vuol dire che voterò la sfiducia". Paolo Guzzanti lascia il Partito Liberale a pochi minuti dal voto di sfiducia nei confronti del governo Berlusconi. Ieri la segreteria dei liberali, di cui l'ex deputato del Pdl fino a ieri era vicesegretario, lo aveva invitato a votare la sfiducia: una "pressione" che a Guzzanti non è piaciuta. Nessuna pressione, invece, da Berlusconi: "Non lo vedo da due anni", replica ai giornalisti che gli chiedono se lo abbia visto o sentito in questi giorni. E così, casualmente, poco dopo aver parlato con i giornalisti, il parlamentare del gruppo misto incontra proprio il Cavaliere. Pochi minuti di un colloquio apparentemente cordiale al termine del quale Guzzanti, che è stato a guida della commissione di indagine Mitrokin, si milita a dire: "Abbiamo parlato di Putin".

NUCARA, DAL PRI SI' ALLA FIDUCIA - "La direzione nazionale del Pri ha deciso all'unanimità di dare la fiducia al governo". Lo ha detto nell'Aula della Camera il segretario del Pri Francesco Nucara in dichiarazione di voto sulle mozioni di sfiducia al governo. "Sappiamo bene - ha spiegato - quali sono i problemi del Mezzogiorno, e sulla lotta alla criminalità il governo ha dato prova di efficienza e di determinazione. Abbiamo a cuore le sorti dell'Italia prima ancora di quelle del governo".

MOGHERINI, SARO' ALLA CAMERA ALLE 12 - "Arrivo, sarò li a mezzogiorno". E' quanto ha assicurato la parlamentare del Pd Federica Mogherini che in una telefonata, questa mattina presto, al presidente del suo gruppo alla Camera Dario Franceschini. "A meno che non mi si rompano le acque ora - avrebbe precisato la parlamentare - sarò in Aula puntuale".

ANCHE PUERPERE BONGIORNO E COSENZA OGGI VOTANO -Saranno in aula per votare la mozione di sfiducia al governo Giulia Bongiorno e Giulia Cosenza. le due deputate di Fli, la cui partecipazione al voto è stata fino all'ultimo in forse, a causa di ragioni di salute legale alla loro gravidanza.

CESA, NOI IN MAGGIORANZA? NON CI SONO LE CONDIZIONI - Se Berlusconi avrà la fiducia noi continueremo a fare opposizione. Non abbiamo intenzione di entrare in maggioranza. E' un dibattito basato sul nulla. Non ci sono le condizioni". Lo ha detto il segretario dell'Udc, Lorenzo Cesa, intervenendo ad Agorà.

GLI INTERVENTI AL SENATO

VIESPOLI, AL SENATO FLI SI ASTIENE - Il gruppo di Futuro e Libertà ha deciso di astenersi rispetto al voto di fiducia. Lo ha detto Pasquale Viespoli, capogruppo di FLi al Senato, intervenendo in Aula. Se lei va alla conta alla Camera - prosegue Viespoli nel suo intervento - va incontro a tre sconfitte: quella della sua leadership, rischia il ribaltone e rischia anche di determinare l'istabilità del governo". Il senatore di Fli ricorda come proprio l'alleanza di centrodestra "in cui ognuno aveva parì dignità" ha contribuito a "far sì che si ottenesse il premio di maggioranza". "La pretesa di avere l'autosufficienza - sottolinea ancora Viespoli - ha determinato un errore politico". Per il capogruppo di Fli dunque "o si ricompone il centrodestra oppure non c'é altra alternativa alla crisi. L'aggiunta di eventuali voti provenienti da parlamentari di altre forze politiche - dice riferendosi all'Udc - determinerebbe un ribaltone perché si farebbe ricorso a partiti che sono all'opposizione e darebbe una maggioranza puramente aritmetica". "Noi - conclude Viespoli - non faremo nessun ribaltone, se il governo dovesse cadere ci sarà spazio, sempre nel rispetto delle prerogative del Capo dello Stato, per un altro governo di centrodestra". Se invece Berlusconi dovesse prendere la fiducia per pochi voti "non ci sarebbe spazio che per una scelta di responsabilità".

FONTE: ansa

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Politica

Ravello, gestione Auditorium Niemeyer deludente. Minoranza denuncia presunte inottemperanze

A Ravello, da qualche giorno, è ripresa la programmazione cinematografica all'Auditorium nell'anonimato più totale. Non è un segreto che la gestione della struttura progettata dall'archistar brasiliana Oscar Niemeyer, oggi in capo alla società "Graficamente srl" per poco più di mille euro al mese, si...

Maiori, terminal bus Sita «non è di pubblica utilità»: minoranze chiedono Consiglio Comunale

MAIORI - I gruppi consiliari di minoranza, Civitas 2.0 e Orizzonte Maiori,, rappresentati dai consilgieri Enrico Califano, Valentino Fiorillo, Maria Teresa Laudano e Lucia Mammato, hanno richiesto la convocazione del Consiglio Comunale per chiedere la revoca della delibera di giunta numero 40 del 20...

2019: cinque comuni della Costiera Amalfitana al voto

Sono cinque i comuni della Costiera Amalfitana chiamati, nella primavera 2019, al rinnovo di Sindaco e Consiglio comunale. Si tratta di Atrani, Furore, Minori, Tramonti e Vietri sul Mare, per un totale di circa 15mila elettori aventi diritto (previsti in 11 mila alle urne). Mentre dal Ministero dell'Intero...

Elezioni provinciali, per Centrodestra è Roberto Monaco il candidato presidente

A poche ore dalla scadenza del termine per la presentazione delle candidature, il centrodestra salernitano trova la quadra sul nome del candidato che andrà a sfidare il dem Michele Strianese, sindaco di San Valentino Torio, per la presidenza della Provincia di Salerno. Si tratta di Roberto Monaco, primo...

Elezioni provinciali 31 ottobre: PD candida Michele Strianese a presidenza

Sarà Michele Strianese, sindaco di San Valentino Torio, il candidato alla presidenza della Provincia di Salerno per il Partito Democratico. Ieri sera l'assemblea degli amministratori e dei dirigenti del Partito provinciale, con in testa il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, lo ha indicato...