Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Giovanni della Croce

Date rapide

Oggi: 14 dicembre

Ieri: 13 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Il Sottocosto di Natale da Euronics a Maiori e Positano alla Bottega di Capone I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniPoliticaAl via liberalizzazioni Monti: "Colpiti i poteri forti"

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Politica

Al via liberalizzazioni, Monti: "Colpiti i poteri forti"

Scritto da (Redazione), sabato 21 gennaio 2012 10:00:57

Ultimo aggiornamento lunedì 23 gennaio 2012 14:30:32

Dopo otto lunghe ore chiuso in Cdm, il governo di Mario Monti vara il decreto per la concorrenza e le liberalizzazioni. Una riunione non facile, raccontano diverse fonti, in cui non sono mancate discussioni e anche qualche piccola tensione. E nonostante il presidente del Consiglio neghi ''inciampi'', fonti di governo sostengono che un dibattito c'e' stato. E secondo qualcuno anche un leggero ''annacquamento'' del testo. Il premier, pero', si dice soddisfatto. Rimarca l'importanza delle riforme: cita stime di Ocse e Bankitalia per sottolineare come, con concorrenza e flessibilita' simile a quella degli altri Paesi europei, ci possa essere ''un aumento del 10%'' del Pil. Commentando il varo del pacchetto concorrenza e infrastrutture (quello sulla semplificazione sara' adottato la prossima settimana), nella conferenza stampa seguita al Cdm, Monti parla di "riforme strutturali per la crescita", necessarie per superare i tre grandi vincoli che finora hanno frenato la crescita del Paese: insufficiente concorrenza, inadeguatezza infrastrutturale, complessita' nelle procedure.

Concentra l'attenzione sui vantaggi che ne trarranno i giovani, ma ricorda anche che a giovarne saranno tutti i cittadini che saranno liberati da ''tasse occulte'' e agevolati da una ''moderazione del costo della vita''. Ringrazia i ''colleghi'' ministri ed in particolare Antonio Catricala' ("ogni governo dovrebbe avere almeno una ex autorita' della concorrenza" nei suoi ranghi), ma soprattutto i partiti che oltre ad appoggiare il governo sono stati ''utili'' per capire le ''preoccupazioni'' delle diverse parti sociali. Ricorda che il governo non e' a caccia di consensi perche' non deve affrontare le elezioni. Ma allo stesso tempo ritiene che l'opinione pubblica sia dalla parte delle riforme e contro lo ''status quo''. Nessun timore per le reazioni di Silvio Berlusconi, che parla di ''cura senza frutti'' e prevede di essere ''richiamato'' presto al governo: ''Ci parlo abbastanza spesso e mi dà segnali incoraggianti e anche consiglio'', minimizza il premier. Con il Parlamento, pero', usa il guanto di velluto. Il Parlamento e' ''sovrano'' e il governo si prendera' lo ''spazio'' per ''illustrare e spiegare'' i provvedimenti alle Camere e se si dovesse accorgere che ''manca qualcosa'' ''ci sara' l'occasione per rimediare. Prende a modello ''l'esperienza di conversione del 'Salva-Italia''' (sul quale, pero', mise la la fiducia), giudicandola ''molto incoraggiante''.

Monti appare ottimista. Anche se qualche nuvolone nero sembra comparire all'orizzonte. Come dimostrano le modifiche inserite nel milleproroghe in commissione sul contributo degli autonomi, approvate nonostante il parere contrario del ministro Elsa Fornero. Modifica che, pur non impattando sulla sostanza della riforma delle pensioni, preoccupa Monti che ci vede un antipasto di quello che puo' avvenire in Aula sulle altre riforme. Anche perche' di temi scottanti ce ne sono tanti. La sospensione del cosiddetto beauty contest sulle frequenze non e' piaciuta a Mediaset che ha annunciato possibili ricorsi.

Nonostante qualcuno legga nel fatto che il governo si sia preso tre mesi per deciderne l'assegnazione, una sorta di 'assicurazione sulla vita' per lo stesso esecutivo. Anche dal Pd arrivano segnali poco incoraggianti: Pier Luigi Bersani parla di provvedimento lodevole, ma chiede che 2 o 3 cose siano rafforzate. E forse proprio per frenare gli appetiti dei partiti il premier ricorda gli elogi del capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che parla di intervento ''corposo e incisivo''.

Eppure, nello stesso governo, qualche ministro - rigorosamente a microfoni spenti - non nega un po' di delusione perche' qualcosa in piu' potesse essere fatto. In Cdm, riferisce chi c'era, si e' discusso a lungo di alcune norme. Quelle sulle farmacie, spiega ad esempio una fonte ministeriale, ''sono cambiate due o tre volte''. Secondo altre fonti vi sarebbe stata anche qualche piccola tensione, generata dal fatto che diversi ministri, pur avendo competenza, non hanno ricevuto il testo definitivo del provvedimento fino al Cdm. Per questo si e' proceduto ''articolo per articolo''. E, nonostante cio', una stesura definitiva ancora non c'e'. Come dimostra il fatto che non e' stato diffuso il consueto comunicato stampa finale.

SCATTANO LIBERALIZZAZIONI, OK A PIANO CRESCI-ITALIA
di Francesco Carbone
Il Governo punta il dito contro i 'poteri forti' e, dopo il varo del 'salva-Italia' per mettere a posto i conti, prova a dare una spinta allo sviluppo con il decreto 'cresci-Italia'. E a recuperare risorse per famiglie e imprese allentando i vincoli (le 'tasse occulte', come le definisce il premier, Mario Monti) che da anni tengono 'ingessato' il Paese. Un impatto - spiega lo stesso premier - che potrebbo portare ad una crescita della ricchezza prodotta a due cifre: +10%. Questo l'obiettivo dichiarato del pacchetto liberalizzazioni varato oggi dopo una riunione 'fiume' del Cdm di oltre 8 ore.

'E' strutturale', spiega il premier che ricorda i tre vincoli italiani: 'concorrenza insufficiente, inadeguatezza delle infrastrutture e complicazione delle procedure amministrative'. Ora il pacchetto liberalizzazioni, insieme a quello infrastrutture, viaggia verso il Parlamento e la prossima settimana - annuncia Monti - sarà integrato da un decreto per le semplificazioni. Forse allora si scioglierà il nodo del pagamento dei debiti della pubblica amministrazione verso le imprese.

'Dobbiamo rispettare i vincoli di bilancio - spiega il ministro per lo sviluppo, Corrado Passera - ma dobbiamo fare qualcosa'. Taxi, gas, rc auto, ferrovie, farmacie, notai: questi solo alcuni dei capitoli toccati. Ma dai partiti arrivano mugugni e i primi 'no'. Non sulle singole misure (alcune, più contestate, saltate come quella ribattezzata 'trivella-facile), proprio sull'impianto complessivo. Insomma per alcuni (il Pd) si poteva fare di più mentre per altri (il Pdl) si è fatto troppo. Ma c'é anche chi, tra i partiti, chiede di andare avanti. Così è facile immaginare che il percorso tra Palazzo Madama (dove dovrebbe iniziare l'esame) e Montecitorio riserverà non poche sorprese. Molte intanto le modifiche apportate dallo stesso esecutivo ai primi testi circolati. Segno che lo sforzo per intervenire sulla materia è di non poco conto. Un esempio per tutti è quello della norma sui taxi che dopo le proteste e gli scontri di questi giorni è stata modificata più volte e alla fine è stata riaffidata all'Autorità per le reti che nascerà dal potenziamento dell'Autorità per l'energia. Un percorso che però lascerebbe ancora 6 mesi di tempo per intervenire. Inoltre - spiega il sottosegretario alla Presidenza, Antonio Catricalà - si è andati incontro ad alcune richieste delle auto bianche: non ci saranno più licenze in capo ad un solo soggetto e anche l'extraterritorialità sarà valutata insieme ai Comuni. Altro fronte caldo è quello delle farmacie.

Ma il ministro della Salute, Renato Balduzzi, spiega che i farmaci di fascia C rimarranno. Ci sarà però anche un 'unico grande concorso straordinario per l'apertura di oltre cinque mila farmacié. Insomma qualche concessione e qual che conferma. I benzinai intanto non potranno scioperare per più di tre giorni, ricorda il presidente della Commissione di garanzia sugli scioperi, Roberto Alesse. E si attende di sapere come si muoveranno le molte sigle del settore, tra chi sciopera e chi annuncia il ritiro delle agitazioni. Salta la norma sullo scorporo di Rfi, mentre resta la separazione tra Eni e Snam. Si toglie invece 'qualche granello di sabbia' - dice Catricalà - al meccanismo della class action che dovrebbe essere così più semplice.

E mentre il Cdm si ferma alcuni minuti per uno 'spuntino' arriva la notizia che un'altra categoria sale sulle barricate: gli avvocati che incroceranno le braccia contro le 'liberalizzazioni selvagge' del Governo. Protestano anche i notai: ne arriveranno 500 in più, annuncia il Guardasigilli Paola Severino. E aggiunge: ci sarà anche il Tribunale delle imprese: 'che aiutera' l'economià. A conti fatti Monti spiega la filosofia dell'intervento. L'obiettivo delle liberalizzazioni non è stato quello di introdurre 'un po' di giungla per favorire l'economià ma quello di strutturare 'regole di mercato', ha detto. E ha poi rivendicato. 'Credo che - afferma - nessuno possa dire che ce la siamo presa con i piccoli e con i poteri deboli e che abbiamo lasciato tranquilli i grandi e i poteri forti'. Ma la partita non è chiusa. La parola ora passa al Parlamento. 'Confido - dice comunque Monti - che l'esame possa essere breve, così come per il decreto Salva Italia'.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Politica

Maiori, 18 dicembre Consiglio Comunale straordinario su nuovo impianto di depurazione

Consiglio comunale straordinario a Maiori sulla realizzazione del nuovo impianto di depurazione in località Demanio. L'assise cittadina, richiesta dai gruppi di minoranza "Orizzonte" e "Civitas", è convocata per lunedì 18 dicembre prossimo alle 17 nell'aula consiliare di Palazzo Mezzacapo. All'ordine...

Elezioni politiche 2018, si vota il 4 marzo

La legislatura è ormai agli sgoccioli e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ne annuncerà la fine tra due settimane, proprio a cavallo tra Natale e Capodanno. Con ogni probabilità, riporta il Corriere della Sera in un retroscena, è che il capo dello Stato scioglierà le Camere il 27 dicembre,...

Dimissioni Maffettone San Carlo, no ripercussioni su Fondazione Ravello

Non sarebbe in discussione il rapporto di fiducia tra il governatore della Campania Vincenzo De Luca e il suo consigliere alla cultura Sebastiano Maffettone dopo l'avvicendamento di quest'ultimo nel Consiglio d'Indirizzo del San Carlo di Napoli con Sergio De Felice. Da oggi tocca dunque a Sergio De Felice,...

Maffettone si dimette da CdI San Carlo, si teme per Fondazione Ravello

Sebastiano Maffettone, il filosofo dai toni gentili che il presidente della Regione Vincenzo De Luca aveva chiamato un paio di anni fa a colmare il vuoto che lo stesso presidente aveva voluto (almeno, in giunta) in materia di politiche culturali, si è dimesso dal Consiglio d'Indirizzo del San Carlo....

Fondazione Ravello, domenica 17 CdI su linee guida 2018

È chiamato a discutere le linee programmatiche della Fondazione Ravello, per il 2018, il Consiglio Generale di Indirizzo convocato per domenica 17 dicembre. Alle 11, presso la sede di Viale Richard Wagner, oltre alle comunicazioni del presidente Sebastiano Maffettone e alle varie ed eventuali, l'adunanza...