Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 minuti fa SS. Valeriano Massimo e Tiburzio

Date rapide

Oggi: 14 aprile

Ieri: 13 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Gambardella Pasticceria e Liquorificio artigianale, a Minori in Costiera Amalfitana i dolci della tradizioneEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriConnectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureMielePiù la scelta infinita, arredo bagno, Clima, Riscaldamento, azienda leader in Campania per la vendita e distribuzione di soluzioni tecniche per la climatizzazioneVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoSpeculazioni su Ravello e Fondazione: «Ora basta»

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiMielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Lettere al Vescovado

Speculazioni su Ravello e Fondazione: «Ora basta»

Scritto da Secondo Amalfitano (Redazione), venerdì 28 settembre 2012 14:54:41

Ultimo aggiornamento martedì 2 ottobre 2012 09:48:57

di Secondo Amalfitano - Caro Direttore,

non è mia intenzione utilizzare il tuo giornale come "bacheca virtuale", ti prego pertanto di considerare il seguente messaggio come il "comunicato stampa" di un semplice cittadino. Infatti non parlo come Segretario Generale della Fondazione Ravello – in quella veste porterò a conoscenza di tutti, i numeri e i fatti della Fondazione e delle sue attività a breve – ma parlo come Secondo Amalfitano, figlio di questa terra alla quale sono legato, forse, troppo intimamente, tanto da compromettere affetti e bilancio familiare.

Ti ringrazio per lo spazio che riterrai di darmi e ti ringrazio, soprattutto, per aver liberato il tuo giornale dalla piaga atavica che attanaglia il nostro paese : l’ANONIMATO, un male che ha reso possibile, in altri contesti e fra l’altro, il radicarsi di fenomeni quali la mafia, la camorra, e in specie l’ignoranza culturale.

ORA BASTA

Dopo oltre trentacinque anni di vita spesa al servizio della collettività, mi sono stancato di subire attacchi, pressoché quotidiani , da persone anonime e/o ignoranti e cattive. Non capisco l’utilità e il fine di simili attacchi, ma ritengo che non posso e non debbo più tollerare che, con la mia persona, vengano travolte Istituzioni, Enti, Organizzazione e persone che, al contrario, meritano rispetto assoluto e totale.

Quello che i miei quarant’anni di attività hanno prodotto per il territorio e per il mio patrimonio personale, mobiliare ed immobiliare, sono sotto gli occhi di tutti. Non credo che debba qui dilungarmi più di tanto, in ogni caso dico solo che l’elenco delle cose fatte per il territorio sarebbe lunghissimo, quello per il mio patrimonio non sarebbe né corto né cortissimo, ma semplicemente uno zero totale.

Orbene avendo registrato, a fronte di tutto questo, attacchi sistematici, generici, confusi, sgrammaticati e ignobili, da parte di un ignorante giornalista (ignora la lingua italiana) e di vigliacchi anonimi, attraverso una testata on line molto vicina ad una sorta di bacheca virtuale, atteso che anonimi senza controllo possono scrivere a loro piacimento bugie, calunnie e fandonie, mi sono deciso a dare mandato ad un legale affinché proceda con ogni azione utile a difendere la mia dignità, onorabilità e professionalità. Sono tempi questi che vedono, ben altri giornalisti e direttori di giornali, essere alla ribalta delle cronache per omesso controllo delle notizie pubblicate; nel mio caso i termini sono di natura ben diversa, ma la cattiveria che li anima merita ogni più opportuna censura e intervento da parte della Magistratura.

Una domanda, però, mi pongo : cui prodest? A chi giova tutto questo? Sicuramente non al territorio ed alle istituzioni coinvolte che da questo lerciume ricavano solo danno di immagine. Non giova alle tante persone chiamate in causa che, viceversa, dal mio ben operare ricavano proventi e lavoro in un periodo di grave crisi economica. A tal proposito basta vedere, come esempio, le tante persone oggi impegnate nelle sole attività di Villa Rufolo senza considerare il Festival. Basta vedere quello che è successo nella Villa Rufolo negli ultimi quattro anni, una vera e propria "RIFIORITURA" in tutti i sensi. E’ mai possibile che io non sia stato protagonista di alcuna azione positiva in questi anni? A leggere (con molta fatica) una testata-bacheca, sembrerebbe proprio di no.

A breve la Fondazione Ravello pubblicherà tutti i dati della gestione 2012, numeri e cifre che non ammettono interpretazioni negative o illazioni. Vedremo, in quella circostanza, quali saranno i commenti sgrammaticati di qualcuno. Spero solo che il territorio e i cittadini che conoscono bene i fatti e le persone, sappiano punire quanti attentano al loro presente ed al loro futuro. In questo caso la punizione che l’utente può dare è quella di far sentire la propria voce e di condannare quanti sanno fare solo della maldicenza e dell’ingiuria il loro pane quotidiano. Io, mio malgrado, per la prima volta, mi vedo costretto ad adire l’autorità giudiziaria per difendere la mia persona.

Chiudo in positivo con un grazie a quanti quotidianamente mi sostengono con le loro azioni e il loro conforto, a quanti hanno avuto fiducia e ancora ne hanno nella mia persona; con l’augurio che questo territorio continui a crescere e a distinguersi in positivo dal resto dell’Italia e del mondo; con l’impegno a continuare nella mia azione, senza mai farmi frenare o deprimere da attacchi che si auto qualificano.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

Riapriamo il centro vaccinale di Castiglione

di Nicola Amato* Domenica, presso il Presidio Ospedaliero Costa d'Amalfi, si sono concluse le attività di somministrazione del vaccino di richiamo agli ultraottantenni. I ringraziamenti si sono sprecati in questi giorni soprattutto da parte di chi, scevro da ogni preconcetto, ha visto in quelle donne...

Se amiamo la Costiera voliamo alto

Riceviamo e volentieri pubblichiamo lettera a firma di una nostra assidua lettrice, la professoressa Olimpia Gargano, nata a Castiglione di Ravello, ricercatrice in Letteratura Comparata dell'Université Nice Côte d'Azur (Francia), con particolare riguardo alla letteratura di viaggio, e traduttrice letteraria...

E’ bello ‘o presepio

Riceviamo lettera a firma del sindaco emerito di Furore, Raffaele Ferraioli. E pubblichiamo. L'Amministrazione Comunale di Furore, capeggiata dal sottoscritto, ha sempre destinato una buona percentuale degli introiti derivanti dall'applicazione della tassa di soggiorno all'organizzazione di eventi, sia...

Ravello, soppressione Monastero Santa Chiara: "affronto" alla tradizione religiosa e culturale di Ravello

Riceviamo lettera a firma dell'imprenditore ravellese Gino Schiavo in merito alla paventata soppressione del Monastero di Santa Chiara di Ravello. E pubblichiamo. La notizia della possibile soppressione del Monastero di Santa Chiara ha colto amaramente di sorpresa tanti ravellesi. Se è vero che in qualche...

Professò, cosa hai combinato?

di Gabriele Cavaliere Premio Furore Giornalismo. Hostaria di Bacco. Entrambi non mancavamo mai. - Professò (era stato docente di letteratura italiana) tenit'a venì. Stò organizzando na' bella cosa per il mese di giugno. Ho immaginato un programma fantastico, attingendo gli argomenti dai tuoi libri. Quei...