Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 30 minuti fa S. Vincenzo de' Paoli

Date rapide

Oggi: 27 settembre

Ieri: 26 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoSindaco di Minori ringrazia on. Simone Valiante per impegno in favore dei piccoli comuni

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Autenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Lettere al Vescovado

Sindaco di Minori ringrazia on. Simone Valiante per impegno in favore dei piccoli comuni

Scritto da Andrea Reale (Redazione), martedì 29 luglio 2014 09:30:25

Ultimo aggiornamento martedì 29 luglio 2014 09:30:25

Pubblichiamo lettera a firma del sindaco di Minori Andrea Reale attraverso la quale intende ringraziare, anche a nome dei colleghi della Costiera, l'On. Simone Valiante che con l'iniziativa organizzata ieri sera presso il Comune di Policastro col Sottosegretario Bocci, porta a conoscenza del Governo quelle tematiche che quotidianamente ossessionano le amministrazioni dei piccoli comuni, sollecitando interventi risolutivi in breve tempo. Di seguito il testo integrale.

 

Il sottoscritto Andrea Reale, quale di Sindaco di Minori ma anche a nome degli altri comuni rappresentati dalla Conferenza dei Sindaci della Costa d'Amalfi, tutti enti di dimensione limitata, espone con la presente alcune delle difficoltà che quotidianamente i piccoli comuni sono costretti a fronteggiare a seguito dell'incessante evoluzione normativa, ed in particolare di quella finalizzata al rispetto del patto di stabilità.

La generalizzata tendenza degli ultimi anni, nelle nostre realtà locali, è stata quella di affrontare con la dovuta responsabilità le politiche di risparmio che il Governo centrale ha imposto alle amministrazioni locali, attuando particolarmente modalità di riduzione della spesa e di ricerca delle sacche di evasione.

Sono stati limitati il più possibile gli incrementi al carico tributario e fiscale gravante sui cittadini, in considerazione della difficile situazione economica che il paese sta attraversando.

Nel Comune di Minori, ad esempio, lo scorso anno i tagli previsti dalla spending review art.16, comma 6, del D.L.95/2012 hanno comportato una riduzione dei trasferimenti erariali per € 175.795,89; nel corrente anno la riduzione ammonta a € 194.270,61; per l'anno 2015 ammonterà a circa € 202.000,00. Ulteriori riduzioni sono determinate dalla legge 147/2013 che destina le riduzioni del Fondo di Solidarietà comunale ad interventi in favore dei migranti clandestini e all'incentivazione delle unioni e fusioni tra Comuni.

Pur a fronte di tagli tanto gravosi l'Ente ha posto in atto ogni sforzo per garantire gli equilibri contabili. Diciamo pure che ad oggi esso riuscirebbe a predisporre un bilancio che contempli le riduzioni e i servizi minimi indispensabili da fornire ai cittadini, oltre che le esigenze di un paese a vocazione turistica, salva tuttavia la difficoltà enorme e insormontabile che si presenta di fronte agli equilibri previsti per il rispetto del patto di stabilità.

Per il Comune di Minori è stato determinato per l'anno 2014 ai fini del rispetto del patto di stabilità un obiettivo pari a meno € -469.000,00. Tale quantificazione nasce da una modalità di calcolo che penalizza i Comuni che hanno sostenuto una spesa corrente alta. Il Comune di Minori, negli anni presi a base del calcolo 2009-2010-2011, ha avuto una spesa corrente piuttosto alta, in considerazione di spese inerenti progetti relativi al servizio turismo e alla cultura, rispetto ai quali sono stati utilizzati finanziamenti europei e sponsorizzazioni di privati, e non fondi propri: ma di questo la norma non tiene alcun conto.

Da tale considerazione risulta evidente che la spesa corrente finanziata attualmente da entrate ordinarie, già contratta a causa delle riduzioni sopra citate, non è in grado di subire tagli ulteriori. Si ribadisce che la spesa per i progetti realizzati in quegli anni era finanziata con entrate straordinarie!

A questo punto, per il rispetto della norma è stato programmato che l'obiettivo potesse essere raggiunto attraverso gli equilibri di parte capitale, ed in particolare attraverso le riscossioni e i pagamenti scaturenti da finanziamenti regionali, statali e privati e dalla richiesta degli spazi finanziari previsti per legge. Gli "spazi finanziari" permettono di escludere dal totale dei pagamenti

alcune spese in conto capitale, mentre le eventuali correlate riscossioni trasferite dalla Regione,

dallo Stato o da privati vengono conteggiate. Il risultato è un saldo positivo che aiuta a raggiungere l'obiettivo fissato dal patto.

L'operazione evidenziata risulta valida quando i trasferimenti regionali, statali, etc. si realizzino velocemente nell'anno. Attualmente il Comune di Minori ha riscosso ben poco come entrate in conto capitale, né riesce ad ottenere risposte in merito dagli enti sovraordinati. Talché, per la predisposizione del bilancio di previsione nei termini, non resterebbe che operare tagli drastici a tutte le spese anche per servizi indispensabili, e aumentare contestualmente imposte e tasse in misura esponenziale, anche se gli equilibri finanziari previsti dall'art.162 del D.P.R. 267/2000 sono rispettati e consentirebbero comunque all'ente una gestione sana.

Purtroppo queste decisioni, per quanto gravi, risultano quasi necessitate per poter rispettare i particolari equilibri dettati dal patto di stabilità e non incorrere in sanzioni.

Un'altra problematica di non poca importanza è quella legata alla spesa del personale, per la quale negli ultimi anni si sono succedute continue normative che hanno ristretto sempre di più i margini per le assunzioni, sia a tempo determinato che indeterminato.

A questo riguardo, l'ente che mi onoro di presiedere vive particolare disagio in ordine a funzioni anche strategiche per l'attuazione degli obiettivi contenuti nei documenti programmatici. I vincoli imposti per le assunzioni a tempo determinato (limite massimo del 50% della spesa anno 2009) e a tempo indeterminato (40 % delle cessazioni dell'anno precedente), infatti, ci hanno creato pesanti difficoltà per l'inquadramento di talune figure di Responsabili di Servizio.

In particolare è da evidenziare la disparità di trattamento per gli incarichi ex art.110 del D.Lgs.267/00, in merito alla deroga dell'applicabilità del limite del 50 % della spesa sostenuta nell'anno 2009, tra i Comuni con Dirigenza e i Comuni con Responsabili dei Servizi. Tale vincolo ha sostanzialmente impedito a questo Ente la possibilità di far ricorso all'attivazione di un incarico ex art.110 1° comma del D.Lgs 267/2000 nel settore tecnico, procedura che, utilizzata negli anni precedenti, ha consentito la programmazione ed attuazione di opere pubbliche di notevole importanza e complessità, sia da un punto di vista economico che da un punto di vista geomorfologico del territorio. Il pregiudizio che ne consegue concerne inevitabilmente anche la riscossione di entrate in conto capitale da parte di Enti sovraordinati e da privati, con un aggravio agli equilibri del patto di stabilità.

Alla luce di quanto sopra, si sollecita con forza una ulteriore, più approfondita valutazione in merito a possibili soluzioni alle problematiche rappresentate, comuni a tutti gli Enti Locali di piccole dimensioni, al fine di consentire ai Sindaci di mantenere un livello minimo di erogazione dei servizi ai cittadini.

 

Di Andrea Reale * - Il sottoscritto Andrea Reale, quale di Sindaco di Minori ma anche a nome degli altri comuni rappresentati dalla Conferenza dei Sindaci della Costa d'Amalfi, tutti enti di dimensione limitata, espone con la presente alcune delle difficoltà che quotidianamente i piccoli comuni sono costretti a fronteggiare a seguito dell'incessante evoluzione normativa, ed in particolare di quella finalizzata al rispetto del patto di stabilità.

La generalizzata tendenza degli ultimi anni, nelle nostre realtà locali, è stata quella di affrontare con la dovuta responsabilità le politiche di risparmio che il Governo centrale ha imposto alle amministrazioni locali, attuando particolarmente modalità di riduzione della spesa e di ricerca delle sacche di evasione.

Sono stati limitati il più possibile gli incrementi al carico tributario e fiscale gravante sui cittadini, in considerazione della difficile situazione economica che il paese sta attraversando.

Nel Comune di Minori, ad esempio, lo scorso anno i tagli previsti dalla spending review art.16, comma 6, del D.L.95/2012 hanno comportato una riduzione dei trasferimenti erariali per € 175.795,89; nel corrente anno la riduzione ammonta a € 194.270,61; per l'anno 2015 ammonterà a circa € 202.000,00. Ulteriori riduzioni sono determinate dalla legge 147/2013 che destina le riduzioni del Fondo di Solidarietà comunale ad interventi in favore dei migranti clandestini e all'incentivazione delle unioni e fusioni tra Comuni.

Pur a fronte di tagli tanto gravosi l'Ente ha posto in atto ogni sforzo per garantire gli equilibri contabili. Diciamo pure che ad oggi esso riuscirebbe a predisporre un bilancio che contempli le riduzioni e i servizi minimi indispensabili da fornire ai cittadini, oltre che le esigenze di un paese a vocazione turistica, salva tuttavia la difficoltà enorme e insormontabile che si presenta di fronte agli equilibri previsti per il rispetto del patto di stabilità.

Per il Comune di Minori è stato determinato per l'anno 2014 ai fini del rispetto del patto di stabilità un obiettivo pari a meno € -469.000,00. Tale quantificazione nasce da una modalità di calcolo che penalizza i Comuni che hanno sostenuto una spesa corrente alta. Il Comune di Minori, negli anni presi a base del calcolo 2009-2010-2011, ha avuto una spesa corrente piuttosto alta, in considerazione di spese inerenti progetti relativi al servizio turismo e alla cultura, rispetto ai quali sono stati utilizzati finanziamenti europei e sponsorizzazioni di privati, e non fondi propri: ma di questo la norma non tiene alcun conto.

Da tale considerazione risulta evidente che la spesa corrente finanziata attualmente da entrate ordinarie, già contratta a causa delle riduzioni sopra citate, non è in grado di subire tagli ulteriori. Si ribadisce che la spesa per i progetti realizzati in quegli anni era finanziata con entrate straordinarie!

A questo punto, per il rispetto della norma è stato programmato che l'obiettivo potesse essere raggiunto attraverso gli equilibri di parte capitale, ed in particolare attraverso le riscossioni e i pagamenti scaturenti da finanziamenti regionali, statali e privati e dalla richiesta degli spazi finanziari previsti per legge. Gli "spazi finanziari" permettono di escludere dal totale dei pagamenti

alcune spese in conto capitale, mentre le eventuali correlate riscossioni trasferite dalla Regione,

dallo Stato o da privati vengono conteggiate. Il risultato è un saldo positivo che aiuta a raggiungere l'obiettivo fissato dal patto.

L'operazione evidenziata risulta valida quando i trasferimenti regionali, statali, etc. si realizzino velocemente nell'anno. Attualmente il Comune di Minori ha riscosso ben poco come entrate in conto capitale, né riesce ad ottenere risposte in merito dagli enti sovraordinati. Talché, per la predisposizione del bilancio di previsione nei termini, non resterebbe che operare tagli drastici a tutte le spese anche per servizi indispensabili, e aumentare contestualmente imposte e tasse in misura esponenziale, anche se gli equilibri finanziari previsti dall'art.162 del D.P.R. 267/2000 sono rispettati e consentirebbero comunque all'ente una gestione sana.

Purtroppo queste decisioni, per quanto gravi, risultano quasi necessitate per poter rispettare i particolari equilibri dettati dal patto di stabilità e non incorrere in sanzioni.

Un'altra problematica di non poca importanza è quella legata alla spesa del personale, per la quale negli ultimi anni si sono succedute continue normative che hanno ristretto sempre di più i margini per le assunzioni, sia a tempo determinato che indeterminato.

A questo riguardo, l'ente che mi onoro di presiedere vive particolare disagio in ordine a funzioni anche strategiche per l'attuazione degli obiettivi contenuti nei documenti programmatici. I vincoli imposti per le assunzioni a tempo determinato (limite massimo del 50% della spesa anno 2009) e a tempo indeterminato (40 % delle cessazioni dell'anno precedente), infatti, ci hanno creato pesanti difficoltà per l'inquadramento di talune figure di Responsabili di Servizio.

In particolare è da evidenziare la disparità di trattamento per gli incarichi ex art.110 del D.Lgs.267/00, in merito alla deroga dell'applicabilità del limite del 50 % della spesa sostenuta nell'anno 2009, tra i Comuni con Dirigenza e i Comuni con Responsabili dei Servizi. Tale vincolo ha sostanzialmente impedito a questo Ente la possibilità di far ricorso all'attivazione di un incarico ex art.110 1° comma del D.Lgs 267/2000 nel settore tecnico, procedura che, utilizzata negli anni precedenti, ha consentito la programmazione ed attuazione di opere pubbliche di notevole importanza e complessità, sia da un punto di vista economico che da un punto di vista geomorfologico del territorio. Il pregiudizio che ne consegue concerne inevitabilmente anche la riscossione di entrate in conto capitale da parte di Enti sovraordinati e da privati, con un aggravio agli equilibri del patto di stabilità.

Alla luce di quanto sopra, si sollecita con forza una ulteriore, più approfondita valutazione in merito a possibili soluzioni alle problematiche rappresentate, comuni a tutti gli Enti Locali di piccole dimensioni, al fine di consentire ai Sindaci di mantenere un livello minimo di erogazione dei servizi ai cittadini.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

Istituto Comprensivo Amalfi: genitori contestano scelte preside su mensa e lezioni al sabato [LA LETTERA]

Riceviamo e pubblichiamo lettera a firma di un gruppo di genitori dell'Istituto Comprensivo Statale "Gerardo Sasso" di Amalfi e dei relativi plessi di Pogerola, Conca dei Marini e Furore, che contestano alcune scelte attuate dalla dirigente scolastica, professoressa Rosa Viscardi. "Ci rivolgiamo a questa...

Ravello, riecco gli schiamazzi notturni: la lettera di un’operatrice turistica

Riceviamo e pubblichiamo lettera a firma di Giulia Schiavo, operatrice turistica di Ravello con cui denuncia gli schiamazzi della scorsa notte in Piazza Vescovado da parte di un gruppo di turisti stranieri "allegri", reduci da un banchetto nuziale, che fino alle 4 del mattino hanno intonato canzoni di...

Non parlerò a favore di nessuno, ma di tutti. Non parlerò contro nessuno, ma contro tutti

di Salvatore Sorrentino* Siamo ormai alla campagna elettorale. Dopo quella del 2006, non ho più partecipato attivamente alle campagne elettorali, specie a quelle locali. Per motivi vari, che non sto qui a indicare, non ne vale la pena, e sono facilmente intuibili, non ho potuto. Ne ho sofferto molto....

Trasporto pubblico: i disagi dei giovani bagnanti ravellesi

Riceviamo e pubblichiamo lettera dell'ex sindaco di Ravello, Salvatore Sorrentino. Caro Direttore, ho avuto modo di ascoltare alcuni ragazzi, dai 12 ai 16 anni, i quali si lamentavano di una vera e propria disfunzione del servizio di trasporto pubblico di persone della Società che lo gestisce in esclusiva,...

Maiori, screzi condominiali e carenza di sicurezza abitativa

Riceviamo e pubblichiamo lettera a firma di Maria Assunta Carmosino di Maiori che denuncia la condizione del condominio in cui vive il quale necessita di immediati interventi di manutenzione straordinaria a garanzia della pubblica sicurezza. Segue testo. Mi chiedo se sia possibile che due volte al mese...