Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Pacifico da S. Severino

Date rapide

Oggi: 24 settembre

Ieri: 23 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoLa toponomastica di Ravello: ordine, dignità e tributo alla storia

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Autenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Lettere al Vescovado

La toponomastica di Ravello: ordine, dignità e tributo alla storia

Scritto da Salvatore Sorrentino (Redazione), giovedì 7 agosto 2014 10:36:14

Ultimo aggiornamento giovedì 7 agosto 2014 10:36:14

di Salvatore Sorrentino - Tutti ci lamentiamo, e giustamente, che oggi ci sono troppi controlli sulle nostre quotidianità, da parte di tanti organi "inutili", diciamo noi, che spesso vorrebbero mummificare il nostro paese, vietando anche di trasformare una finestra in balcone, o di creare un bagno in una vecchia casetta, che ne era priva, e così via. Poi, ci lamentiamo del contrario.

Io sono stato a capo di ben tre amministrazioni, cioè sono stato responsabile primo, di tutto quel che è avvenuto a Ravello in ben quindici anni, e cioè per un periodo in cui ho letteralmente stravolto la topografia del paese, rendendo accessibili zone lontane, lontanissime dal centro, alcune delle quali, a distanza ormai di trent'anni dacché ho smesso di fare il sindaco, ancora non sono raggiungibili da servizi indispensabili, ancora non sono forniti di servizi fondamentali per una società civile.

Vengo al nocciolo della questione che voglio affrontare.

Il carissimo amico Bonaventura Fraulo, a distanza di oltre trent'anni, come dicevo e come lui stesso ha riferito, si lamenta del cambio della toponomastica a Ravello e porta ad esempio il caso di Via Magruni o "Maruni" come dice lui. Ma gli chiedo, solo per un attimo, quanti ravellesi, all'epoca, sapevano dov'erano e perché si chiamavano così Via Bonito, Via Piscina, Via Petrito, Via Zia Marta? ***

Ma questo è niente. Già dagli anni cinquanta, erano nate alcune strade che non avevano un nome, la strada da Gradillo a Piazza Fontana e appunto quella che collegava Ravello a Chiunzi.

Con le mie amministrazioni, erano nate le strade rotabili per Torello, per Sambuco, per Monte Brusara, per Casarossi (completata molto recentemente fino a Traversa), quella che si diparte dalla cosiddetta Curva di Sant'Aniello e, attraversando molti fondi agricoli, raggiunge tante abitazioni, fino a Via Torretta Marmorata.

Tutte queste strade non avevano un nome; ognuno le chiamava a modo suo; altro che "paese delle banane"! Aggiungiamo che esse avevano spezzato in più parti altre vie, tanto che non si capiva dove terminassero e come si chiamasse il tratto successivo, rimasto tronco.

Mi sembra logico che un amministratore, che avesse un minimo di buon senso, provvedesse a mettere un po' di ordine. E ordine fu messo. Certo, non tutte le ciambelle riescono col buco; qualche errore potrebbe essere stato commesso. Scrivemmo via Bartolomeo da Foggia e solo dopo scoprimmo che a realizzare il magnifico pulpito del nostro Duomo fu il figlio Nicola. E poi, come dice il nostro caro Direttore Emiliano, Piazza Vescovado doveva (o poteva) conservare questo glorioso nome.

Cari amici, bisogna sapere che la Democrazia deve portare, in tutti i campi, a dei compromessi. E anche qui ce ne furono. Non vado oltre; chi è curioso di approfondire quest'argomento, me lo chieda verbalmente, sono a disposizione per ogni chiarimento.

Vengo ora alla conclusione. L'amico Bonaventura si lamenta del fatto che deve affrontare una spesa per risolvere un problema che non avrebbe creato lui. Caro Boni, innanzitutto, con quel che rende quel locale, non dico tanto a te, quanto alle Poste Italiane, o Dio, un caffeuccio si può pure offrire a un geometra; pure lui deve campare!

Piuttosto, però, ma chi ha detto, a te e alle Poste, di scrivere, all'epoca, nel contratto, che il locale si trovava in "Via Chiunzi"? Siete andati, tu e le Poste, che oggi reclamano, a vedere nei giusti Uffici come si chiamasse quella via? Bada che aveva parecchi nomi, tutti provvisori, inventati da chi non ne aveva titolo: Via Chiunzi, Via Ravello-Chiunzi, Strada per Chiunzi, Strada Ravello-Chiunzi, Strada rotabile per Chiunzi, e così via dicendo.

Finalmente, "venne l'estro a qualcuno", come tu dici, di attribuire un bel nome a questa via, un nome nobile, che fa pure onore a Ravello, e soprattutto a chi, come te, ci abita: Via Giovanni Boccaccio.

"Qualche turista o extra paesano", oggi, potrà chiedere come mai questo nome, che c'entra Boccaccio con Ravello. Bene, tutti sapremo rispondere. Perciò gli adulti spieghino ai bambini, fin dalla loro più tenera età, che Boccaccio ha inserito nel "Decameron", la sua opera più importante, che da sette secoli è ancora letta e studiata, non solo in Italia, una delle cento novelle più belle, dedicata a un ravellese, a Landolfo Rufolo.

_____________________

***È opportuno che l'Amministrazione Comunale corregga l'errore che i suoi uffici hanno commesso attribuendo, fra l'altro senza alcuna deliberazione degli Organi competenti, questo nome alla strada interpoderale progettata come "Strada interpoderale SS 373 - Marmorata - Zia Marta", perché doveva raggiungere appunto Via Zia Marta, che già esiste e si trova in ben altra zona di Ravello.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

Istituto Comprensivo Amalfi: genitori contestano scelte preside su mensa e lezioni al sabato [LA LETTERA]

Riceviamo e pubblichiamo lettera a firma di un gruppo di genitori dell'Istituto Comprensivo Statale "Gerardo Sasso" di Amalfi e dei relativi plessi di Pogerola, Conca dei Marini e Furore, che contestano alcune scelte attuate dalla dirigente scolastica, professoressa Rosa Viscardi. "Ci rivolgiamo a questa...

Ravello, riecco gli schiamazzi notturni: la lettera di un’operatrice turistica

Riceviamo e pubblichiamo lettera a firma di Giulia Schiavo, operatrice turistica di Ravello con cui denuncia gli schiamazzi della scorsa notte in Piazza Vescovado da parte di un gruppo di turisti stranieri "allegri", reduci da un banchetto nuziale, che fino alle 4 del mattino hanno intonato canzoni di...

Non parlerò a favore di nessuno, ma di tutti. Non parlerò contro nessuno, ma contro tutti

di Salvatore Sorrentino* Siamo ormai alla campagna elettorale. Dopo quella del 2006, non ho più partecipato attivamente alle campagne elettorali, specie a quelle locali. Per motivi vari, che non sto qui a indicare, non ne vale la pena, e sono facilmente intuibili, non ho potuto. Ne ho sofferto molto....

Trasporto pubblico: i disagi dei giovani bagnanti ravellesi

Riceviamo e pubblichiamo lettera dell'ex sindaco di Ravello, Salvatore Sorrentino. Caro Direttore, ho avuto modo di ascoltare alcuni ragazzi, dai 12 ai 16 anni, i quali si lamentavano di una vera e propria disfunzione del servizio di trasporto pubblico di persone della Società che lo gestisce in esclusiva,...

Maiori, screzi condominiali e carenza di sicurezza abitativa

Riceviamo e pubblichiamo lettera a firma di Maria Assunta Carmosino di Maiori che denuncia la condizione del condominio in cui vive il quale necessita di immediati interventi di manutenzione straordinaria a garanzia della pubblica sicurezza. Segue testo. Mi chiedo se sia possibile che due volte al mese...