Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 18 minuti fa S. Mario martire

Date rapide

Oggi: 19 gennaio

Ieri: 18 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaLa pasticceria Pansa augura a tutti i nostri lettori felice Natale, visita il portale dedicato allo shopping on lineLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOSMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a Minori

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoI Promessi Sposi in...napoletano

Cardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoFrai Form Ravello ed il dott. Lanzieri augurano a tutti i lettori de Il Vescovado un sereno NatalePalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Lettere al Vescovado

I Promessi Sposi in...napoletano

Scritto da (Redazione), martedì 4 febbraio 2014 12:56:23

Ultimo aggiornamento martedì 4 febbraio 2014 12:58:18

di Salvatore Sorrentino - Caro Direttore,

Mi accorgo che la mia lettera sulla "Lingua Napoletana" ha suscitato un certo interesse e, ogni giorno, un nuovo numero, consistente, di persone la leggono ed esprimono interesse e giudizi, soprattutto su Facebook.

Io non scrivo più, per motivi miei personalissimi, su Facebook; perciò domando scusa a chi me lo chiede: non posso farlo! Continuerò a scrivere sull'argomento su Il Vescovado, con la speranza che loro vogliano esprimere qui i propri commenti.

Quando parlo della mia lingua madre, sento come un languore nel cuore, mi vien da piangere alla constatazione che la stiamo ammazzando; allora vado nella mia libreria e prendo un libro, che io adoro: è un poema in lingua napoletana, scritto da un poeta napoletano, che ha trasformato quello che, credo non a torto, è ancora considerato il più grande romanzo scritto in lingua italiana, in versi napoletani.

Mi acqueto allora, mi conforto, il cuore si rasserena, ... mi addormento.

Voglio qui riportare i primi versi di quest'opera, con la segreta speranza che i lettori possano migliorare la loro lingua madre. Non solo, ma spero pure di suscitare curiosità per il "fatterello" in sé, sì da portare, soprattutto i giovani a leggere il testo ufficiale de I Promessi Sposi, il che farebbe migliorare anche l'uso della lingua italiana, soprattutto scritta. Così anche le mamme resterebbero più contente!

Buona lettura.

 

I PROMESSI SPOSI

in poesia napoletana

 

'O nonno s'assettaie annanz''o ffuoco,

pigliaie nu libbre 'a coppa a' na scanzia,

guardaie, cuntento e allero, pe' nu poco

a tutta quanta 'a bella cumpagnia,

 

c'attuorno s'era misa cu attenzione,

e accuminciaie a lleggere na storia

doce e crudele, carreca 'e passione,

'e spaseme, 'e supruse, 'e ammore e gloria!

 

...Per una di queste stradicciole, tornava bel bello dalla passeggiata, sulla sera del giorno 7 novembre dell'anno 1628, don Abbondio...

 

Na sera 'autunno (tiempo n'è passato),

se ne turnava a' casa, cuoncio cuoncio,

nu certo don Abbondio, nu curato

'e nu paisiello aggrazzïato e accuoncio.

 

Nun era n'ommmo 'e chille traseticce,

nun se ntricava maie d''e fatte 'e n'ato:

vuleva campà quieto, senza mpicce,

e s'era a Dio pe' cchesto cunsacrato.

 

Tra messe, chiesa, prereche e preghiera,

batteseme, funzione e ssacramente,

passava 'a vita, d''a matina a' sera,

facenno poco e senza accucchià niente.

 

Ma pe' sfurtuna, proprio chella sera,

'a sciorta, overamente nfama e ngrata,

lle cumbinaie na carugnata nera,

mentre turnava, chiano, d''a passiata!

 

E mmo ve conto 'o fatto comme iette.

Se ne turnava a' casa 'o parrucchiano,

liggenno ogni sseie passe doie strufette;

ieva tranquillo e calmo, chianu chiano!

 

Penzava ('o cannaruto) 'a cenulella...

Penzava a 'o lietto pronto, già scarfato...

'O ppane, 'o vino buono, 'a custatella...

A' casa, già truvava appriparato,

 

d''a cammarera soia - na zetella,

'onna Perpetua, vecchia ma capace -

tutto preciso: ll'uva, 'a fittatella,

'a fella 'e carne pronta ncopp''a brace!

 

Ma comme ll'uocchie aizaie d''o libbro santo,

nu malandrino se truvaie 'e faccia:

'o spanteco d''o prevete fuie tanto,

c'addeventaie cchiù brutto 'e na petaccia!

 

Vuleva turnà arreto, e nun puteva...

'o sango dint''e vvene se ggelava!

S'era 'nchiummato! Nu sudore 'e freva,

pe' cuollo lle scenneva comm''a lava!

 

'O bravo, (guappo 'e n'epuca passata)

'o povero 'onn'Abbondio sano sano

se squatraie e ppo', pe' na parlata

c''aveva fa', 'o puntaie cu na mano...

 

Crerenno 'e fa' na morte malamente,

'o prevete arrunzaie doie preghiere,

se dette ll'uoglie santo, 'e sacramente,

e se facette 'a croce int'e penziere.

 

Po' se raccumannaie a Dio Putente,

sentenno 'a voce 'e chillu sacripante:

-Scusate, reverendo, io qui presente,

vi porto na mmasciata assaie mpurtante:

.....................

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

La Fondazione Ravello come il cubo di Rubik

di Nicola Amato* Fondazione Ravello, negli ultimi tre lustri, è paragonabile al cubo di Rubik, un gioco, un vero e proprio rompicapo per tanti, i soliti, che ha interessato tutte le ultime legislature, facendo passare in second'ordine i problemi reali del paese, impegnati come si era a trovare le soluzioni...

«Il movimento ha perso la sua originaria identità», anche Marco Conte lascia Ravello nel Cuore

Riceviamo lettera a firma di Marco Conte, candidato, alle scorse elezioni amministrative, nelle fila di Ravello nel Cuore. Anche Conte, come Luigi Mansi e altri reduci di quella esperienza, hanno manifestato la volontà di lasciare il gruppo capeggiato da Nicola Amato, precisando di non essere confluito...

La Costiera Amalfitana che crolla: quando il vero nemico è la burocrazia

Riceviamo e volentieri pubblichiamo lettera a firma dell’ingegnere amalfitano Bonaventura Fraulo, che risponde all’appello unitario del sociologo Domenico De Masi, dello scrittore Antonio Scurati e di Padre Enzo Fortunato lanciato il 28 dicembre scorso dalle pagine dal Corriere della Sera circa l’impegno...

Se non ci sono disgrazie, la notizia non fa share

Riceviamo e pubblichiamo lettera a nome di Carlo De Riso, presidente dell'organizzazione di produttori in Costa d'Amalfi "Costieragrumi" che affronta l'annoso problema della fragilità del nostro territorio. Segue testo. Da poco più di un anno l'UNESCO ha iscritto "l'arte dei muretti a secco" nella lista...

Fondazione Ravello, interviene Lelio Della Pietra: «Mio memoriale non c'entra con conflitti attuali»

A Ravello sono giorni caldi, determinati dalle note vicende che stanno investendo la Fondazione Ravello con le forti frizioni tra il sindaco Salvatore Di Martino e il Commissario straordinario Mauro Felicori, acuite dalla sospensione di Secondo Amalfitano da Villa Rufolo. Sul delicato momento è intervenuto...