Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 12 ore fa S. Damaso I papa

Date rapide

Oggi: 11 dicembre

Ieri: 10 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La SICME Energy e Gas augura a tutti i lettori de Il Vescovado de Il Portico e di Ravello Notizie un Natale all'insegna della luce e del calore. Auguri da SICME!La pasticceria Pansa augura a tutti i nostri lettori felice Natale, visita il portale dedicato allo shopping on lineLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOSMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineI super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizieCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficiale, augura a tutti i lettori un Sereno NataleTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a Minori

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoAvete letto Scurati?

Frai Form Ravello ed il dott. Lanzieri augurano a tutti i lettori de Il Vescovado un sereno NataleLa dolcezza del Natale a portata di Click con i Panettoni e le specialità natalizie di Sal De RisoPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiMielePiù i professionisti del riscaldamento e della climatizzazione, la scelta infinitaParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoPellet a euro 5,00 fino al 30 novembre 2019D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i capolavori di dolcezza e genuinità artigianale del Maestro Pasticciere Sal De Riso

Lettere al Vescovado

Avete letto Scurati?

Scritto da (Redazione), sabato 1 settembre 2012 11:01:14

Ultimo aggiornamento giovedì 20 settembre 2012 15:05:52

di Salvatore Sorrentino - Io, ravellese di origine e di nascita, mi vergogno.
Io, ravellese di crescita e di residenza, mi vergogno.
Io, ravellese di impegno civile e sociale, mi vergogno.

Sì, mi vergogno alla lettura dell'articolo del prof. Antonio Scurati, scrittore di grande fama e di superiore intelligenza.

Egli, sebbene sia vissuto parecchio a Ravello e i genitori, in particolare la madre, vivano buona parte della loro vita nella nostra città, è pur sempre un forestiero.

Possibile, allora mi chiedo, che un forestiero debba amare, più di noi ravellesi, la nostra costiera? Possibile che egli debba sentire più di noi il dolore, lo strazio, per la distruzione del nostro straordinario ambiente, e da parte nostra? Sì, da parte nostra, perché sono nostri conterranei i beceri piromani che, per una stupida gelosia o per un miserevole interesse o, ancor peggio, per uno schifoso "sfizio", distruggono un patrimonio inestimabile, oltretutto danneggiando molto gravemente la nostra stessa economia.
Una frase mi ha molto colpito, nell'articolo di Scurati:
"Quel puzzo di roghi in tempo di pace l'ho avuto nelle narici fin da bambino, estate dopo estate, anno dopo anno, scandito sul calendario della mia esistenza di uomo con la cadenza infallibile del fatalismo sacrilego: prima viene la festa del Santo e poi, immancabilmente, l'incendio dei boschi".

Voglio mantenermi terra terra nel mio ragionare, anche perché non ho le capacità descrittive di Scurati. Voglio chiedere a questi delinquenti, perché tali sono, ma pur sempre uomini, dotati di intelligenza:

Vi rendete conto dei danni che arrecate alla salute dei vostri figli, i quali devono respirare i fumi provocati dai vostri incendi e mangiare la cenere che si deposita sui frutti dei vostri campi?

Vi rendete conto che anche voi vivete del prodotto, non solo diretto, ma soprattutto indiretto, del paesaggio che distruggete? Chi direttamente, chi indirettamente; chi sul posto, chi vicino e chi pure un po' lontano, tutti viviamo dei vantaggi offerti dalla bellezza di questa nostra terra.

Vi rendete conto dei danni che procurate per il mancato introito alle casse delle varie famiglie danneggiate o soprattutto a quelle degli enti pubblici, che spenderebbero quei soldi a favore dell'intera economia del paese e in opere pubbliche?
Vi rendete conto di quanto spende lo Stato e la Regione per lo spegnimento degli incendi da voi provocati? Un mare enorme di danaro. A favore di chi si spenderebbero quei soldi?

Vi rendete conto dei danni alla funzione idraulica del territorio e alle conseguenti frane che mettono a rischio interi paesi (leggete Atrani)? E di quanto si spende per risistemare paesi, e terreni, e montagne?
Vi rendete conto del danno derivato dalla perdita di valore del materiale legnoso, del quale, molto spesso, voi stessi vivete?
Vi rendete conto della perdita di tutti i prodotti non legnosi (erbe per il pascolo, funghi e frutti del bosco)? Non vivete anche di questi?
Vi rendete conto del danno agli animali che vivono e che, quindi, muoiono nei boschi?
Vi rendete conto dell'odio che seminate in noi contro di voi, e delle possibili conseguenze di quest'odio?
Vi rendete conto che potrete rischiare di ricevere pan per focaccia, con tanti altri danni alla collettività?
Infine, vi rendete conto che noi vi conosciamo?

Cara lettrice, caro lettore, mi viene meno la penna, non riesco a dire di più, io non so esprimere il dolore e lo strazio, come il prof. Scurati. Per favore, leggi il suo articolo, per intero, e fallo leggere a parenti, ad amici e conoscenti: qualcosa ci guadagneremo.
Ad Antonio Scurati, un grazie, semplice ma sentito.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l’informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

Se non ci sono disgrazie, la notizia non fa share

Riceviamo e pubblichiamo lettera a nome di Carlo De Riso, presidente dell'organizzazione di produttori in Costa d'Amalfi "Costieragrumi" che affronta l'annoso problema della fragilità del nostro territorio. Segue testo. Da poco più di un anno l'UNESCO ha iscritto "l'arte dei muretti a secco" nella lista...

Fondazione Ravello, interviene Lelio Della Pietra: «Mio memoriale non c'entra con conflitti attuali»

A Ravello sono giorni caldi, determinati dalle note vicende che stanno investendo la Fondazione Ravello con le forti frizioni tra il sindaco Salvatore Di Martino e il Commissario straordinario Mauro Felicori, acuite dalla sospensione di Secondo Amalfitano da Villa Rufolo. Sul delicato momento è intervenuto...

A Ravello si parla soltanto di Fondazione. Ma i veri problemi sono altri

Riceviamo e pubblichiamo un'analisi dell'attuale momento sociale e politico di Ravello a cura di Francesco Zappia, consulente del lavoro oggi residente a Baronissi, già attivista politico che per quattro anni, dal 2007 al 2011, ha vivacizzato il confronto locale col suo blog "Nessuno Escluso". Ne segue...

A Chiunzi è in atto uno scempio ambientale, un attentato alla salute pubblica

Riceviamo e pubblichiamo lettera firmata di un nostro lettore che denuncia l'abbandono di residui di eternit nei valloni del valico di Chiunzi. Un vero e proprio scempio ambientale, un attentato alla salute pubblica. Segue testo. Gentile Direttore, la seguo da anni sul suo giornale online, per restare...

"Una fantastica illuminazione a Villa Rufolo"

Riceviamo lettera a firma dell'avvocato Salvatore Sammarco. E pubblichiamo. Caro Direttore, Sono stato ieri sera a Villa Rufolo con un gruppo di amici. Mancavo da tempo. Lo spettacolo (una fantastica illuminazione) è una meraviglia. Non vi erano Ravellesi! Che delusione! Eppure per noi Ravellesi l'ingresso...