Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 ore fa S. Giuseppe sposo di M.V.

Date rapide

Oggi: 19 marzo

Ieri: 18 marzo

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoAspettiamo che ci scappi un altro morto?

La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Lettere al Vescovado

Aspettiamo che ci scappi un altro morto?

Scritto da (Redazione), domenica 9 settembre 2018 17:55:30

Ultimo aggiornamento domenica 9 settembre 2018 17:56:26

di Salvatore Sorrentino*

Mi riferisco all'incidente occorso a un giovane ciclista ravellese, alcuni giorni fa, riportato su questo giornale.

Gli è andata bene! Al momento in cui scrivo, sembra che tutto proceda bene; almeno dal punto di vista della salute; che è quello che maggiormente interessa a me, e che, ne son sicuro, interessa alla totalità dei lettori.

Tutti si chiedono di chi è la colpa, la responsabilità: del ragazzo, che magari correva troppo? o del guidatore del mezzo, che non sarebbe stato troppo accorto nella manovra?

Non mi cimento affatto nella disputa giuridica: non è di mia competenza; se la vedranno le assicurazioni o chiunque altro.

Io mi voglio soffermare sulle responsabilità che stanno a monte dell'incidente, esaminando un momento la situazione.

Chiunque guidi un qualsiasi mezzo di trasporto, di persone o cose, non importa, in quel punto della rotabile per Castiglione, e non solo in quello, guida con la paura in corpo: speriamo che dietro a quegli ulivi non ci sia nessun pedone, nessun mezzo fermo, nessun animale vagante, nessun ingorgo, e chi più ne ha ne metta.

La vera causa di ogni possibile incidente, sono quegli ulivi. Il ciclista non ha nessuna vera responsabilità, lui ha il diritto di correre sulla sua bici in sicurezza; il conducente del mezzo non ha nessuna vera responsabilità, lui ha il diritto di accedere, in sicurezza, al suo deposito di attrezzi, necessari per il suo lavoro.

I veri e unici responsabili sono quelli che non fanno osservare la legge; sono quelli che dovrebbero eliminare certi interventi eseguiti contro legge; i veri e unici responsabili sono, a mio avviso, l'ANAS, finché la strada è stata statale (SS 373 di Ravello), la Regione, da quando la strada è stata declassata ed è divenuta SR (strada regionale), nel 2001, della Provincia, che ha, in quanto l'ha accettata, la competenza sulla corretta manutenzione della strada.

E chissà se non anche del Comune di Ravello, in quanto la strada insiste totalmente sul suo territorio, e l'ente si dovrebbe preoccupare della sicurezza dei cittadini.

Perché?

Esaminiamo il Codice della Strada.

Art. 16.
Fasce di rispetto in rettilineo ed aree di visibilità nelle intersezioni fuori dei centri abitati.

  1. Ai proprietari o aventi diritto dei fondi confinanti con le proprietà stradali fuori dei centri abitati è vietato:

...

  1. c) impiantare alberi lateralmente alle strade, siepi vive o piantagioni ovvero recinzioni.

Il regolamento (inerente al Codice della Strada, nota dello scrivente), in relazione alla tipologia dei divieti indicati, ... determina le distanze dal confine stradale entro le quali vigono i divieti di cui sopra, ...

...

  1. Chiunque viola le disposizioni del presente articolo e del regolamento è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 422 a euro 1.697.
  2. La violazione delle suddette disposizioni importa la sanzione amministrativa accessoria dell'obbligo per l'autore della violazione stessa del ripristino dei luoghi a proprie spese, secondo le norme del capo I, sezione II, del titolo VI.

E questo è il dettato del codice; vediamo che dice il Regolamento Stradale.

Art. 26.
(
Art. 16 Cod. Str.)
Fasce di rispetto fuori dai centri abitati.

  1. La distanza dal confine stradale, fuori dai centri abitati, da rispettare per impiantare alberi lateralmente alla strada, non può essere inferiore alla massima altezza raggiungibile per ciascun tipo di essenza a completamento del ciclo vegetativo e comunque non inferiore a 6 metri.

Orbene, pur volendo ignorare che un ulivo puo' raggiungere un'altezza ben superiore, almeno la distanza di sei metri dovrebbe essere rispettata, o meglio fatta rispettare.

Purtroppo, là, la distanza è pari a zero, anzi, spesso, i rami degli ulivi invadono il parapetto e, talvolta, pure la cunetta.

Se chi di dovere avesse fatto rispettare la distanza di sicurezza imposta dalla legge, quel ragazzo non avrebbe corso il gravissimo rischio che ha corso. E tutti noi non correremmo il rischio che, quasi ogni giorno, corriamo, percorrendo questa strada.

E badiamo bene, non è il primo caso che si è verificato, per il mancato rispetto del Codice e del Regolamento stradale. E una volta ci è già scappato il morto.

Allora? La Giustizia, non dovrebbe già indagare i dirigenti passati dell'ANAS, che permisero, a suo tempo, che fossero impiantati quegli ulivi? E che non presero alcuna iniziativa perché fossero eliminati?

E la Regione, che è oggi titolare, proprietaria, della strada?

E la Provincia, che ha, oggi, la titolarità della manutenzione e dell'obbligo di far rispettare la legge? E di prendere provvedimenti per far eliminare, o eliminare direttamente, quelle pericolose piante?

Io non so chi ha impiantato quegli ulivi; né so chi ne è proprietario. So che:

  • fossi io proprietario, dopo quest'avvisaglia, li taglierei subito, soprattutto per non portare eventuali scrupoli;
  • i funzionari responsabili del nuovo ente proprietario della strada, la Regione, i quali, va detto a chiare lettere, alcuni annetti dopo che l'ente ne ha ricevuto la proprietà, si affrettarono a chiedere ai concessionari di licenze di accesso da strade di propria competenza, il pagamento dei relativi canoni, con tutti gli arretrati e i relativi interessi, dovrebbero, con la medesima sollecitudine, provvedere a che la legge sia rispettata; cioè far sì che siano sradicati quei pericolosi alberi;
  • i responsabili della Provincia, a partire dal Presidente, poi Assessori e Ufficio Tecnico, i quali già sembra stiano lì senza aver nulla da fare, se non prendere stipendi e indennità, prova ne sia il vergognoso stato delle varie strade provinciali, che sono diventate la vergogna della Provincia, e della Costiera in particolare (sporcizia dappertutto), agli occhi dei turisti, qui provenienti da ogni parte del mondo, dico costoro si muovano e attuino i dettati di loro competenza, sopra illustrati.

Per finire, io credo che la nostra Amministrazione Comunale pure, per la tutela della salute delle persone tutte che si trovano, anche occasionalmente, sul territorio comunale, potrebbe, se non dovrebbe, prendere provvedimenti per il rispetto delle norme innanzi citate, con ordinanze di estirpazione di quegli ulivi e, in caso di inosservanza, con personale all'uopo incaricato, a eseguirle direttamente.

O dobbiamo veramente aspettare che ci scappi un altro morto?

*già sindaco di Ravello

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

Gran Carnevale di Maiori: per l'ingegnere Taiani è «Il risveglio dell'entusiasmo»

Riceviamo e pubblichiamo lettera dell'ingegner Antonio Taiani che ha partecipato in maniera attiva alla buona riuscita della 46esima edizione del Gran Carnevale di Maiori e che, con la sua missiva, intende non solo ringraziare le associazioni e i gruppi di ballo per l'impegno profuso ma anche accendere...

Io, affetta da disturbi alimentari che continuo a combattere senza mollare

Sono tante le lettere che riceviamo dai nostri lettori i quali ci riconoscono come punto di riferimento irrinunciabile per il territorio. In occasione della Festa della Donna vogliamo condividere la testimonianza di una nostra assidua lettrice di cui, chiaramente, non riveliamo l'identità. E' affetta...

Tramonti: ing. Taiani racconta l'impresa del sogno divenuto realtà

Riceviamo e pubblichiamo lettera dell'ingegner Antonio Taiani, che ha collaborato allo studio del progetto del centro sportivo polifunzionale e area ricovero della popolazione in caso di calamità inaugurato sabato scorso a Tramonti. Di seguito il testo integrale. ********* Nel ringraziare il sig. Sindaco...

Da Ravello un messaggio a Felicori: «Sala Frau torni a ospitare attività sociali»

Riceviamo e pubblichiamo le lettera aperta che il professor Salvatore Sorrentino, già sindaco di Ravello, indirizzata al neo commissario straordinario della Fondazione Ravello Mauro Felicori, in cui si chiede principalmente di cedere la sala Frau di Via Wagner, attuale sede istituzionale dell'ente culturale,...

«Il mio nipotino salvato a Castiglione», lettera di ringraziamento ai medici del Costa d’Amalfi

Egregio Direttore, caro Emiliano, ti invio questa lettera, che cortesemente ti chiedo di pubblicare, per rendere una testimonianza che mi tocca molto da vicino e che è l'ennesima prova di quanto il Presidio Ospedaliero di Castiglione sia fondamentale per l'intera comunità della costiera e per i tanti...